Informativa Cookie: questo sito utilizza cookie tecnici propri necessari al suo funzionamento e cookie di profilazione di terze parti per visualizzare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dagli utenti nella navigazione in rete. Si invita a leggere la Cookie Policy in cui sono presenti le informazioni sui cookie utilizzati dal sito, su quali informazioni vengono raccolte e le istruzioni su come negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. La prosecuzione della navigazione mediante accettazione dei cookie, chiusura di questo banner informativo, accesso ad altra area del sito, selezione di un elemento dello stesso sottostante questo banner (ad esempio di una immagine o di un link) o scorrimento della pagina verso il basso comporta l'automatica prestazione del consenso a utilizzare i cookie.

In conformità al provvedimento del Garante della Privacy del 8 maggio 2014, G.U. n. 126 del 3/6/2014, attuazione della Dir. UE sui cookie 2009/136/CE
OKNon accetto i cookie

VieNormali.it
Home | Mappa del sito | Gruppo VN | Shopping | Guide di montagna | Ordini   VieNormali su Facebook   Canale You Tube VieNormali   Instagram VieNormali  

Accedi al sito   Registrati al sito   

   
Gruppi Montuosi
Legenda gruppi...

Cerca la cima:
 

Filtri di ricerca >>

Alpi Occidentali:
 
Alpi Centrali:
 
Alpi Orientali:
 
Prealpi:
 
Appennino:
 
Alpi Estere:
 
Quota:
 


Sampaoli Creazioni

Vetta di Rhon (o Ron) da San Bernardo - 3137 m


Relazione della salita - Cima n° 3544


Foto via normale Vetta di Rhon (o Ron) da San Bernardo non disponibile Regione: Lombardia (SondrioItaliane

Alpi e Gruppo: Alpi Occidentali - Alpi Retiche - Gruppo Bernina

Provincia: Sondrio

Punto di partenza: San Bernardo, Agriturismo al Tiglio (q.1280)

Versante di salita: S

Dislivello di salita: 1860 m - Totale: 3720 m

Tempo di salita: 5,3 h - Totale: 10,3 h

Periodo consigliato: Estate

Valle: Valle di Rhon - Altre cime della Valle di Rhon
Punti di appoggio: Rifugio Capanna Rhon (q.2172)
Tipo di via: Via normale
Tipo di percorso: Sentiero segnato
Difficoltà:   EE - A - II - F (scala difficoltà)
Attrezzatura:
Valutazione:
Libro di vetta: si
Autore: Manuela B.  Profilo di Manuela B. - Altre salite dell'autore
Data della salita: 21/08/2022
Data pubblicazione: 28/08/2022
N° di visualizzazioni: 314
N° voti: 0

Dai il tuo voto a questa relazione:

1 stella  2 stelle  3 stelle
                                    
4 stelle  5 stelle
                                
Bandierina
1 scalatore è stato su questa cima

E tu l'hai salita?
  

Segnala la cima Segnala questa cima ad un amico...


Guide Alpine e Accompagnatori di Media Montagna disponibili per questa cima:


Vai all'elenco completo delle Guide Alpine/Accompagnatori di Media Montagna

Guarda tutte le proposte delle Guide Alpine/Accompagnatori di Media Montagna


Introduzione:

La vetta di Rhon è la maggiore elevazione della valle omonima, che si apre, sul versante retico, a monte di Ponte in Valtellina. La vetta si affaccia, poi, sulla Val Painale, la Val Vicima, e la Val Fontana.


Accesso:

Il punto di partenza è il piccolo abitato di San Bernardo (SO), raggiungibile da Tresivio, seguendo le indicazioni per San Bernardo e la Val Fontana. Ad un bivio andiamo a sinistra, ignorando la Val Fontana, e saliamo con diversi tornanti sempre asfaltati e piacevolmente percorribili fino a San Bernardo, parcheggiando al termine della strada, sulla sx (abbondanti parcheggi), prima dell´Agriturismo al Tiglio (m. 1280). Qui vedremo una colonnina del parcometro, ma è solo per chi volesse proseguire in auto sino a Massarescia (non so dire le condizioni della strada ma penso convenga lasciare l´auto in questo parcheggio).


Descrizione della salita:

Dall´Agriturismo imbocchiamo, ora, la pista di sinistra (indicazione per l’alpe Campo, Vetta di Rhon, Rifugio Capanna Rhon) che conduce alle baite di Strefodes (m. 1384). Seguiamola per un breve tratto, fino a trovare, sulla sinistra, un cartello con la partenza di un sentiero, che sale deciso nel bosco, e conduce direttamente ai 1704 metri della baita Massarescia (volendo ci si potrebbe arrivare anche proseguendo lungo la carrozzabile, ma il sentiero nel bosco consente un buon risparmio di tempo). Imbocchiamo quindi questo sentiero, che sale molto ripido, fino ad uscire dall’ombra del bosco in località Massarescia, nei pressi di un casello dell´acqua (dove ritroviamo, a dx, anche la carrozzabile). Proseguiamo dritti e seguiamo sempre i cartelli che ci indicano la nostra meta, percorrendo ora una bella e ripida mulattiera, recentemente, in parte, cementata, che giunge in località il Guado (m. 1959), dove attraversiamo il torrente della Val di Rhon. Poi la mulattiera rientra nel bosco, per uscirne di nuovo e definitivamente, dopo alcuni tornanti, sul limite inferiore dell’alpe di Rhon, e terminare nei pressi di alcune baite. Alla nostra sinistra si colloca il lungo baitone dell’alpe (m. 2164) e più avanti alla nostra destra la sede del Rifugio Capanna Vetta di Rhon (Rifugio inattivo). Dal Rifugio proseguiamo inizialmente alle sue spalle, seguendo bolli e paletti segnaletici, per poi piegare leggermente a dx ed affrontare un bel traverso su balze erbose che conduce a dei cartelli segnavia, ove il sentiero si divide: a dx si prosegue per il Passo Vicima, noi invece piegheremo leggermente a sx in direzione della nostra meta. Seguendo sempre bolli e ometti, raggiungiamo un modesto ripiano, prima del lungo canalone che conduce alla base della vetta. Nella prima parte della salita procediamo ancora su un terreno occupato da pascoli, e prendiamo come punto di riferimento il limite di una grande ganda, occupata da sfasciumi di dimensioni medio-piccole. Inizia la parte più faticosa della salita, perché sassi mobili e ghiaietta, in diversi punti, mettono a dura prova. Se ci portiamo leggermente sulla destra, vicino al fianco roccioso che scende dalla vetta, troveremo qualche roccia più stabile e meno sfasciumi, il che aiuta un pochino la progressione (anche i bolli portano in quella direzione). In ogni caso, dobbiamo puntare alle prime roccette che si trovano appena a destra della verticale di una marcata spaccatura sul versante meridionale della cima, seguendo sempre i bolli. Dopo un breve tratto a destra, effettuiamo, guidati dai bolli, una curva che ci fa prendere la direzione di sinistra (nord-ovest). Dobbiamo, ora tagliare in traverso l’intero versante, salendo in diagonale e sfruttando una linea di cengia abbastanza larga, lunga e continua da consentire una traversata relativamente tranquilla, sebbene a tratti molto ripida e scivolosa per la tipologia di sfasciume. Continuiamo a seguire i bolli, alternando cenge, canalini, roccette, sino alle ultime rocce che conducono in vetta (queste ultime più stabili e ben arrampicabili). Nell´ultimo tratto ci muoviamo su terreno più ripido e fra grandi blocchi, con qualche elementare passo di arrampicata su roccette, si arriva in vetta a quota 3137.


Discesa:

Come per la salita.


Note:

Escursione piuttosto impegnativa, sia in termini di dislivello sia in termini tecnici, per la continua attenzione richiesta lungo l´ultimo tratto, costituito da terreno abbastanza instabile, che rende faticosa la salita e scivolosa la discesa. Occorre quindi sempre la massima attenzione. Detto questo non ci sono altre particolari difficoltà da segnalare. Il percorso è molto bello, l´ambiente severo e affascinante, oltre che poco frequentato.


© VieNormali.it

Foto non disponibile Foto non disponibile Foto non disponibile


Revisione: relazione rivista e corretta il 28/08/2022 dalla redazione di VieNormali.it

  


Carte escursionistiche sulle Alpi Occidentali:



Libri suggeriti sulle Alpi Occidentali:


Ultime 10 scalate Ultime 20 scalate...
Elenco scalate Elenco delle scalate...

Guide escursionistiche Guide escursionistiche consigliate:
           >> Arrampicare sportive e moderne in Valtellina, Valchiavenna, Engadina - Guido Lisignoli, Eraldo Meraldi, Andrea Pavan
           >> Solo granito - Mario Sertori e Guido Lisignoli


Condividi su:




SCOPRI LE NOVITA' EDITORIALI SULLA MONTAGNA DI:

Dolomiti di Brenta Dolomiti di Brenta

Libri di montagna

Newsletter

Per ricevere la newsletter periodica del sito inserisci qui il tuo indirizzo e-mail:



Precedenti newsletter >>
Lixada - Giacca da uomo antivento

Giacca antivento idrorepellente, con morbido e caldo rivestimento interno, per attività invernali all'aperto. Polsini stretti con chiusura a nastro regolabile; collare e cappuccio regolabile e staccabile che garantiscono una doppia protezione contro il vento; 2 tasche zip, 1 tasca nastrata zip esterna, 1 tasca interna per portafoglio, cellulare e altri oggetti di valore.


Proposta per Guide Alpine e Accompagnatori di Media Montagna


Primo Piano

Solo granito - Vol. 1

Solo granito - Vol. 1

Solo granito - Vol. 2

Solo granito - Vol. 2

Monte Baldo Rock

Monte Baldo Rock

Arrampicare - Dolomiti Nord Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Nord Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Sud-Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Sud-Occidentali

Wild Dolomiti

Wild Dolomiti

Ferrate dell'Alto Garda

Ferrate dell'Alto Garda

Prealpi Lombarde Centrali

Prealpi Lombarde Centrali

Il grande libro dei 4000

Il grande libro dei 4000

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 1

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 1

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 2

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 2

Alta Valsesia

Alta Valsesia

Dolomiti

Dolomiti

Parco d'Abruzzo

Parco d'Abruzzo

Il Terminillo e i Monti Reatini

Il Terminillo e i Monti Reatini

I 2000 dell Appennino

I 2000 dell Appennino


VieNormali consiglia

Sampaoli Creazioni

APP Idea Montagna:
Download Apple Store
Download Google Play Store
Scarica singoli itinerari di montagna
o libri interi sul tuo cellulare o tablet!

Libri di montagna Idea Montagna Editoria e Alpinismo

Libri di montagna Versante Sud

Libri di montagna Iter Edizioni

Libri di montagna ViviDolomiti

Carte escursionistiche e libri Geo4Map



Save the Children Italia Onlus Climb for life T-shirt Climbers against cancer