Informativa Cookie: questo sito utilizza cookie tecnici propri necessari al suo funzionamento e cookie di profilazione di terze parti per visualizzare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dagli utenti nella navigazione in rete. Si invita a leggere la Cookie Policy in cui sono presenti le informazioni sui cookie utilizzati dal sito, su quali informazioni vengono raccolte e le istruzioni su come negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. La prosecuzione della navigazione mediante accettazione dei cookie, chiusura di questo banner informativo, accesso ad altra area del sito, selezione di un elemento dello stesso sottostante questo banner (ad esempio di una immagine o di un link) o scorrimento della pagina verso il basso comporta l'automatica prestazione del consenso a utilizzare i cookie.

In conformità al provvedimento del Garante della Privacy del 8 maggio 2014, G.U. n. 126 del 3/6/2014, attuazione della Dir. UE sui cookie 2009/136/CE
OKNon accetto i cookie

VieNormali.it
Home | Mappa del sito | Gruppo VN | Shopping | Guide di montagna | Ordini   VieNormali su Facebook   Canale You Tube VieNormali   Instagram VieNormali  

Accedi al sito   Registrati al sito   

   
Gruppi Montuosi
Legenda gruppi...

Cerca la cima:
 

Filtri di ricerca >>

Alpi Occidentali:
 
Alpi Centrali:
 
Alpi Orientali:
 
Prealpi:
 
Appennino:
 
Alpi Estere:
 
Quota:
 



Monte Pelmo - 3168 m


Relazione della salita - Cima n° 91


Via Normale Monte Pelmo
Il Pelmo visto dal Monte Rite
Regione: Veneto (BellunoItaliane

Alpi e Gruppo: Dolomiti - Alpi Dolomitiche - Gruppo Dolomiti di Zoldo

Provincia: Belluno

Punto di partenza: P.so Staulanza (q. 1766 m) o Zoppé in Val di Zoldo (q. 1545 m)

Versante di salita: E-S

Dislivello di salita: 1400 m - Totale: 2800 m

Tempo di salita: 7,00 h - Totale: 11,00 h

Periodo consigliato: luglio - settembre

Valle: Val Zoldana - Altre cime della Val Zoldana
Punti di appoggio: Rif. Venezia (q. 1946 m)
Tipo di via: Via normale
Tipo di percorso: Traccia con ometti
Difficoltà:   EEA - A - II- - PD- (scala difficoltà)
Attrezzatura:
Valutazione:
Libro di vetta: si
Cartografia: TABACCO N. 025 - Dolomiti di Zoldo, Cadorine e Agordine 1:25000
Autore: Foto non presente Mirella B. - Altre salite dell'autore
Data della salita: 25/07/2004
Data pubblicazione: 15/02/2005
N° di visualizzazioni: 162875
N° voti: 25 - Voto medio: Voto 4 stelle

Dai il tuo voto a questa relazione:

1 stella  2 stelle  3 stelle
                                    
4 stelle  5 stelle
                                
Bandierina
153 scalatori sono stati su questa cima

E tu l'hai salita?
  

Segnala la cima Segnala questa cima ad un amico...


Introduzione:

Il Monte Pelmo è una delle ciclopiche vette oltre i 3000 m delle Dolomiti, ufficialmente salita per la prima volta da John Ball il 19 settembre 1857 per la vertiginosa cengia rocciosa che porta il suo nome. Cima lunga ed impegnativa da salire, che richiede allenamento, passo sicuro ed assenza di vertigini, assolutamente da non sottovalutare sia per la lunghezza che per l´esposizione dei passaggi in roccia.


Accesso:

Dal passo seguire il sentiero n. 472 che aggira a sud Pelmetto e Pelmo, attraverso boschi e ghiaioni. A metà percorso, in corrispondenza del canalone fra Pelmetto e Pelmo, indicazione per tracce di dinosauro sotto il Pelmetto. Il sentiero conduce fino al Rif. Venezia (2-2,30 h). Da Zoppé al Rif. Venezia per stradina sterrata in ca. 1,45 h, 200 m di dislivello in più.


Descrizione della salita:

Dal Rif. Venezia seguire il sentiero n. 480 a destra (NW) fra i mughi e poi la traccia per ghiaione verso sinistra (all´attacco 20´). Per cengia a gradoni, che man mano si restringe, fino a delle placche chiare da risalire a destra (30 m, 1 chiodo), raggiungendo così la cengia di Ball. Seguire la cengia verso sinistra in traversata pianeggiante per ca. 900 m, sopra alte pareti sul versante S, aggirando alcune sporgenze ed i rientramenti di tre canali successivi, con percorso molto esposto e qualche gradino (I). Il secondo rientramento è il P.so dello Stemma, il terzo è il famoso P.so del Gatto (cengia a tetto), da superare strisciando carponi o stando all´esterno su roccia lisciata e oltremodo esposta (II, 1 chiodo). Si raggiunge così il canalone al limite inferiore del ghiaione centrale che scende nel grande vallone detritico, lo si rimonta interamente per tornanti (ometti) fino ai piedi di una parete, poi a sinistra per roccette e detriti fino ad entrare nella conca del nevaio superiore; passare in alto a destra su gradoni rocciosi e strati inclinati fino al nevaio. Risalire tutto il nevaio in obliquo verso sinistra (W), tenendosi a sinistra fino a raggiungere la cresta W nel punto in cui è più bassa (ometti e tracce di passaggio, percorso non sempre obbligato). Da qui seguire la cresta finale SW, un po´ affilata ed aerea (un ultimo passaggio è reso più semplice dalla presenza di uno spezzone di corda), fino alla cima.


Discesa:

Come per la salita, in 2,30 - 3 h al Rif. Venezia. Possibilità di tornare al P.so Staulanza per la Forc. Val d´Arcia o la Forc. Rossa, ma richiede una ulteriore faticosa salita su ghiaioni.


Note:

Salita lunga e fisicamente impegnativa, richiesta attenzione lungo la cengia di Ball, molto stretta ed esposta nei tre tratti interrotti e con appigli lisciati dall´uso. Lungo la cengia sono presenti una decina di chiodi in alcuni punti esposti (negli attraversamenti dei tre canali), ma non in tutti i punti non facili (obiettivamente improteggibili). Utili anche un paio di cordini lunghi per le numerose clessidre (spesso evidenziate da macchie a vernice) che possono essere usate lungo la cengia. Nel Passo del Gatto è presente una corda fissa abbastanza vecchia. Presente anche un chiodo (giallo) nella cresta terminale. Utile la piccozza ad inizio stagione.


© VieNormali.it

Via Normale Monte Pelmo - Vista dal Bosconero Via Normale Monte Pelmo - Lungo la cengia di Ball Via Normale Monte Pelmo - Uscita dalla cengia di Ball
Vista dal Bosconero Lungo la cengia di Ball Uscita dalla cengia di Ball


Revisione: relazione rivista e corretta il 22/06/2013 dalla redazione di VieNormali.it

  



Trekking del Sassolungo



Mappa su Google:





Scalata fotografica Guarda la fotoscalata di Monte Pelmo
Ultime 10 scalate Ultime 20 scalate...
Elenco scalate Elenco delle scalate...


Condividi su:




SCOPRI LE NOVITA' EDITORIALI SULLA MONTAGNA DI:

Dolomiti di Brenta Dolomiti di Brenta

Libri di montagna

Link sponsorizzati, in qualità di Affiliato Amazon vienormali.it riceve un guadagno dagli acquisti idonei.

EDELRID Shield II
EDELRID Casco da Arrampicata Shield II
Deuter Guide 30
Deuter Guide 30


Proposta per Guide Alpine e Accompagnatori di Media Montagna


Primo Piano

Solo granito - Vol. 1

Solo granito - Vol. 1

Solo granito - Vol. 2

Solo granito - Vol. 2

Monte Baldo Rock

Monte Baldo Rock

Arrampicare - Dolomiti Nord Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Nord Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Sud-Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Sud-Occidentali

Wild Dolomiti

Wild Dolomiti

Ferrate dell'Alto Garda

Ferrate dell'Alto Garda

Prealpi Lombarde Centrali

Prealpi Lombarde Centrali

Il grande libro dei 4000

Il grande libro dei 4000

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 1

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 1

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 2

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 2

Alta Valsesia

Alta Valsesia

Dolomiti

Dolomiti

Parco d'Abruzzo

Parco d'Abruzzo

Il Terminillo e i Monti Reatini

Il Terminillo e i Monti Reatini

I 2000 dell Appennino

I 2000 dell Appennino


VieNormali consiglia

Sampaoli Creazioni

Libri di montagna Idea Montagna Editoria e Alpinismo

Libri di montagna Versante Sud

Libri di montagna Iter Edizioni

Libri di montagna ViviDolomiti

Carte escursionistiche e libri Geo4Map



Save the Children Italia Onlus Climb for life T-shirt Climbers against cancer