Informativa Cookie: questo sito utilizza cookie tecnici propri necessari al suo funzionamento e cookie di profilazione di terze parti per visualizzare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dagli utenti nella navigazione in rete. Si invita a leggere la Cookie Policy in cui sono presenti le informazioni sui cookie utilizzati dal sito, su quali informazioni vengono raccolte e le istruzioni su come negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. La prosecuzione della navigazione mediante accettazione dei cookie, chiusura di questo banner informativo, accesso ad altra area del sito, selezione di un elemento dello stesso sottostante questo banner (ad esempio di una immagine o di un link) o scorrimento della pagina verso il basso comporta l'automatica prestazione del consenso a utilizzare i cookie.

In conformità al provvedimento del Garante della Privacy del 8 maggio 2014, G.U. n. 126 del 3/6/2014, attuazione della Dir. UE sui cookie 2009/136/CE
OKNon accetto i cookie

VieNormali.it
Home | Mappa del sito | Gruppo VN | Shopping | Area Partner   VieNormali su Facebook   Google+ VieNormali   Canale You Tube VieNormali   RSS Feed VieNormali  

Accedi al sito   Registrati al sito   

   
Gruppi Montuosi
Legenda gruppi...

Cerca la cima:
 

Filtri di ricerca >>

Alpi Occidentali:
 
Alpi Centrali:
 
Alpi Orientali:
 
Prealpi:
 
Appennino:
 
Alpi Estere:
 
Quota:
 



Zucco di Pesciola - Cresta Ongania - 2092 m


Relazione della salita - Cima n° 796


Via Normale Zucco di Pesciola - Cresta Ongania
La Cresta Ongania
Regione: Lombardia (LeccoItaliane

Alpi e Gruppo: Alpi Occidentali - Alpi Prealpi Lombarde - Gruppo Campelli

Provincia: Lecco

Punto di partenza: Piani di Bobbio (q. 1662 m)

Versante di salita: W

Dislivello di salita: 440 m - Totale: 870 m

Tempo di salita: 3,30 h - Totale: 4,30 h

Periodo consigliato: estate - autunno

Valle: Val Sassina - Altre cime della Val Sassina
Punti di appoggio: Rif. Lecco (q. 1779 m)
Tipo di via: Via di roccia
Tipo di percorso: Via di roccia
Difficoltà:   EEA - AR - IV- - AD (scala difficoltà)
Attrezzatura:
Valutazione:
Libro di vetta: si
Cartografia: KOMPASS - Lecco - Val Brembana 1:50000
Autore: Guido Caironi Profilo di Guido Caironi - Altre salite dell'autore
Data della salita: 22/08/2008
Data pubblicazione: 22/08/2008
N° di visualizzazioni: 13752

Introduzione:

Non è propriamente una via normale; ma è una via storicissima e famosissima.
La Cresta Ongania, frastagliata cresta tesa tra la Bocchetta di Pesciola ad ovest e la vetta dello Zucco di Pesciola ad est, è un interessante via alpinistica che si svolge nell’anfiteatro dolomitico del gruppo dello Zuccone Campelli. Scoperta o, per meglio dire, aperta nel lontano inverno del 1909/1910 in una solitaria del noto alpinista Eugenio Fasana, è stata infinitamente volte ripetuta, tanto da giustamente trasformarsi in una classicissima degli alpinisti locali. Le sue difficoltà mediamente contenute (comunque da non sottovalutare) e la sicurezza guadagnata nella recente opera di risistemazione a resinati offrono la possibilità di una divertente e ripagante ascesa; offerta che si rivolge pure a coloro che, con rispetto ed attenzione, si stanno avvicinando al mondo dell’arrampicata. Numerose e più tecniche sono le possibili varianti (tutte attrezzate), mentre la via classica si colloca su difficoltà, in media, del III grado U.I.A.A.


Accesso:

Percorrere la Superstrada Milano-Lecco, oltrepassando la galleria del Monte Barro e seguendo le indicazioni per “Ospedale”, “Valsassina”. All’uscita delle gallerie, in prossimità della rotonda di Ballabio Inferiore, si prosegue diritti verso la Valsassina. Poco dopo si volta a destra in direzione di Barzio (appena oltre la sede della Croce Rossa Italiana) e si seguono le numerose indicazioni per la funivia dei Piani di Bobbio. Ampie possibilità di parcheggio alla stazione della cabinovia, a pagamento (verificare eventuali orari di apertura dell’impianto), oppure poco prima delle sbarre di accesso al parcheggio, lungo la strada.


Descrizione della salita:

Prima parte: all’attacco della via
Partenza: 1662 m., Piani di Bobbio, arrivo cabinovia
Arrivo: 1950 m. circa, attacco della via
Profilo Altimetrico: 290 m. circa
Tempo effettivo: 1 ora
Difficoltà: E
Segnaletica: seguire le carrarecce e le indicazioni per il Rifugio Lecco, poi per traccia

Dalla stazione di arrivo della cabinovia (è ovviamente possibile anche risalire a piedi dalla stazione a valle della cabinovia, per carrareccia, in 2 ore circa) ci si porta verso destra seguendo le indicazioni per il Rifugio Lecco, lungo evidente sterrata. Poco oltre si piega ancora a destra su mulattiera, sino ad incontrare le piste da sci. Il rifugio (1779 m.) è visibile poco più in alto e, percorrendo l’evidente tracciato, lo si raggiunge in circa 20 minuti di turistico percorso. Piegando a sinistra si entra nel Vallone dei Camosci; di fronte a noi si articola invece il percorso di cresta che dovremo seguire. Dovremo puntare alla selletta (direzione sud) che separa il primo torrione da un evidente spuntone sulla sua destra (ovest). Per tracce si discende per pochi metri nel vallone, risalendo con fatica il versante opposto, dapprima erboso, poi per ganda. Poco al disotto del citato spuntoncino secondario è preferibile seguire la traccia verso destra, aggirando lo spuntone sul suo lato meridionale, portandosi in breve al cospetto del torrione di inizio della cresta vera e propria.

Seconda Parte: Cresta Ongania
Partenza: 1950 m. circa, primo torrione
Arrivo: Zucco di Pesciola, 2092 m.
Dislivello: 150 m. circa
Tempo medio di percorrenza: 2 ore e 30’
Tipo ambiente: percorso di cresta, sentieri di collegamento tra i vari torrioni
Protezioni: fix resinati, soste a doppio fix, qualche chiodo
Materiale: corda, 6 – 7 rinvii, eventualmente 2 – 3 nuts di misura medio piccola, cordini o fettucce
Difficoltà: AD

La via classica attacca sulla sinistra dello zoccolo roccioso, sul suo versante settentrionale. Si aggira a sinistra lo spigolo più occidentale del torrione, transitando alla base di canalini, sino ad un marcato diedro – camino sulla destra; qui si trova l’anello di sicurezza.

L1. Si salgono su buona roccia alcuni muretti e gradoni verticali (il tratto più complesso del tiro è proprio nei primi metri – chiodo rosso – III), protetti da fix, spostandosi gradualmente verso destra, in direzione di un diedro e risalendo più facilmente fino ad un terrazzino ed alla coppia di resinati della sosta (20 m.).

L2. Ci si sposta a sinistra, scalando un diedro abbattuto (III e II+, alcuni fix), su roccia discreta, verso il filo di cresta sovrastante. Si esce sulla destra e si volta di nuovo a sinistra per superare alcuni gradoni rocciosi più facili (II). Poco oltre, su terreno un poco instabile, si trova la sosta a fix (20 m.).

Si segue in conserva un sentierino, oltrepassando una sella e sostando poco oltre alla base di una paretina (doppio fix).

L3. Ci si volta a sinistra risalendo un diedro (III, fix) sino ad una stretta cengia (fix). Voltando a destra ed aggirando un masso un poco aggettante è possibile, incastrandosi in uno stretto intaglio, risalire una placca appoggiata (IV+, fix, passaggio impegnativo); oppure, voltando a sinistra, si percorre per un paio di metri la cengetta, risalendo a destra su facile placchetta di ottima roccia (II+, da eventualmente attrezzare). Poco sopra si trova la sosta a fix (25 m.).

Si prosegue su sentierino, sul filo di cresta, portandosi alla base di una paretina (sosta a due fix).

L4. E’ possibile scegliere due varianti: una più impegnativa consiste nel risalire la placca a destra, percorrendo dapprima verso destra un tratto di sentiero (IV+; 5 – 6 metri, protetta a fix); la seconda, decisamente più facile, consiste nello scalare la paretina sovrastante (II), giungendo poco oltre in cima ad un tozzo torrione (fix, 15 m.).

L5. Percorrendo un tratto di sentiero si giunge nei pressi di un dente (sosta), oltre il quale si risale un breve torrione (II+), eventualmente aggirandolo sulla destra in conserva; si ridiscende dalla parte opposta e si affronta un esposto intaglio molto inciso nella cresta (attenzione, fix di sicurezza), oltre il quale si risalgono le facili roccette successive (60 m. circa).

Si prosegue ancora su traccia di sentiero, piegando verso destra. Una settantina di metri più avanti (verso destra) è visibile il diedro ove passa la via ferrata. Sulla parete di sinistra, al di sopra di uno zoccolo sfasciumoso, è invece visibile un primo camino (strapiombante) e, poco oltre, il diedro camino che invece dovremo risalire.

L6. Si sosta su doppio fix alla base. Con attenzione lo si risale (roccia spesso bagnata e non sempre buona), protetti dai resinati (III+, IV- a seconda delle condizioni), sino a guadagnare una marcata cengia e la sosta ad anello di calata.
E’ necessario prestare molta attenzione alla eventuale presenza di alpinisti sopra di noi in quanto il camino è sotto il tiro diretto dei detriti della cengia sovrastante (25 m.).

L7. Dall’anello di sosta si individua il diedro soprastante, un poco a destra. Lo si risale dapprima con fatica (a sinistra è leggermente aggettante), proteggendosi grazie ai resinati già in loco (III); poi ci si sposta verso il lato sinistro, guadagnando una bella paretina appoggiata di ottima roccia (IV, III+).
Si esce dal canale percorrendo una decina di metri su pietrisco (attenzione a chi c’è sotto) sino alla sosta ad anello, poco sotto un masso sporgente (30 m.). La via è terminata!

Da qui, per ripido pendio erboso, si guadagna in pochi metri la vetta dello Zucco di Pesciola (statuetta della Madonna).


Discesa:

Dalla vetta si segue verso est il sentiero, scendendo per cresta sino ad una bocchetta; da qui si ridiscende lo sdrucciolevole ed erto canalone a sinistra (attenzione alle pietre) sino al Vallone dei Camosci. Puntando al Rifugio Lecco e, volendo senza neppure raggiungerlo, piegando a destra verso le piste da sci, si guadagna in circa un’ora l’arrivo a monte della cabinovia.


© VieNormali.it

Via Normale Zucco di Pesciola - Cresta Ongania - Passaggi di scalata Via Normale Zucco di Pesciola - Cresta Ongania - L´intrico delle corde Via Normale Zucco di Pesciola - Cresta Ongania - Fine!
Passaggi di scalata L´intrico delle corde Fine!

N° voti: 0

Dai il tuo voto a questa relazione:

1 stella  2 stelle  3 stelle
                                    
4 stelle  5 stelle
                                
Bandierina
11 scalatori sono stati su questa cima

E tu l'hai salita?
  

Segnala la cima Segnala questa cima ad un amico...

Mappa su Google:




Libri suggeriti sulle Alpi Occidentali:


Prealpi Lombarde Centrali  Prealpi Lombarde Occidentali  Prealpi Bresciane  Ferrate in Lombardia e Svizzera   Nel giardino di pietra  Corni di Canzo e Moregallo  Scialpinismo tra Lombardia e Grigioni  Ghiaccio delle Orobie
Via ferrata Relazione e foto della via ferrata Pesciola su VieFerrate.it (in collab. con VN)
Ultime 10 scalate Ultime 20 scalate...
Elenco scalate Elenco delle scalate...

Guide escursionistiche Guide escursionistiche consigliate:
           >> Ghiaccio Orobico - Michele Cisana
           >> Arrampicate sportive e moderne fra Lecco e Como - Eugenio Pesci
           >> Alpi Orobie Over 2000 - Vol. 1 - Alessio Pezzotta
           >> Alpi Orobie Over 2000 - Vol. 2
           >> Alpi Orobie Over 2000 - Vol. 3
           >> Prealpi Lombarde Centrali


  


Condividi su:  Share    




OFFERTE ATTREZZATURA E ACCESSORI OUTDOOR

Libri di montagna

Newsletter

Per ricevere la newsletter periodica del sito inserisci qui il tuo indirizzo e-mail:



Precedenti newsletter >>
Ladakh con Kailas

Primo Piano

Solo granito - Vol. 1

Solo granito - Vol. 1

Solo granito - Vol. 2

Solo granito - Vol. 2

Monte Baldo Rock

Monte Baldo Rock

Arrampicare - Dolomiti Nord Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Nord Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Sud-Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Sud-Occidentali

Wild Dolomiti

Wild Dolomiti

Ferrate dell'Alto Garda

Ferrate dell'Alto Garda

Prealpi Lombarde Centrali

Prealpi Lombarde Centrali

Il grande libro dei 4000

Il grande libro dei 4000

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 1

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 1

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 2

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 2

Alta Valsesia

Alta Valsesia

Dolomiti

Dolomiti

Parco d'Abruzzo

Parco d'Abruzzo

Il Terminillo e i Monti Reatini

Il Terminillo e i Monti Reatini

I 2000 dell Appennino

I 2000 dell Appennino


VieNormali consiglia

APP Idea Montagna:
Download Apple Store
Download Google Play Store
Scarica singoli itinerari di montagna
o libri interi sul tuo cellulare o tablet!

Libri di montagna Idea Montagna Editoria e Alpinismo

Libri di montagna Versante Sud

Libri di montagna Iter Edizioni

Libri di montagna ViviDolomiti

Carte escursionistiche e libri Geo4Map

Dolomiti.it - Portale sulle Dolomiti



Save the Children Italia Onlus Climb for life T-shirt Climbers against cancer