Informativa Cookie: questo sito utilizza cookie tecnici propri necessari al suo funzionamento e cookie di profilazione di terze parti per visualizzare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dagli utenti nella navigazione in rete. Si invita a leggere la Cookie Policy in cui sono presenti le informazioni sui cookie utilizzati dal sito, su quali informazioni vengono raccolte e le istruzioni su come negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. La prosecuzione della navigazione mediante accettazione dei cookie, chiusura di questo banner informativo, accesso ad altra area del sito, selezione di un elemento dello stesso sottostante questo banner (ad esempio di una immagine o di un link) o scorrimento della pagina verso il basso comporta l'automatica prestazione del consenso a utilizzare i cookie.

In conformità al provvedimento del Garante della Privacy del 8 maggio 2014, G.U. n. 126 del 3/6/2014, attuazione della Dir. UE sui cookie 2009/136/CE
OKNon accetto i cookie

VieNormali.it
Home | Mappa del sito | Gruppo VN | Shopping | Area Partner   VieNormali su Facebook   Google+ VieNormali   Canale You Tube VieNormali   RSS Feed VieNormali  

Accedi al sito   Registrati al sito   

   
Gruppi Montuosi
Legenda gruppi...

Cerca la cima:
 

Filtri di ricerca >>

Alpi Occidentali:
 
Alpi Centrali:
 
Alpi Orientali:
 
Prealpi:
 
Appennino:
 
Alpi Estere:
 
Quota:
 



Cima Bacchetta - 2549 m


Relazione della salita - Cima n° 674


Via Normale Cima Bacchetta
La cima e percorso di salita vista da Cima Mengol
Regione: Lombardia (BresciaItaliane

Alpi e Gruppo: Alpi Occidentali - Alpi Prealpi Lombarde - Gruppo Concarena

Provincia: Brescia

Punto di partenza: Località Sommaprada (q. 1045 m) - Lozio

Versante di salita: S-W

Dislivello di salita: 1540 m - Totale: 3080 m

Tempo di salita: 4,30 h - Totale: 7,00 h

Periodo consigliato: tutto l'anno

Punti di appoggio: Biv. Val Baione (q. 1950 m)
Tipo di via: Via normale
Tipo di percorso: Sentiero e traccia segnata
Difficoltà:   EEA - AG - F+ (scala difficoltà)
Attrezzatura:
Valutazione:
Libro di vetta: si
Cartografia: Ed. Multigrafic N. 293 - Prealpi Lombarde - Val Camonica, Presolana, Val di Scalve, Passo del Vivione, Passo do Crocedomini 1:25.000
Autore: Foto non presente Roberto Tabbia - Altre salite dell'autore
Data della salita: 05/04/2008
Data pubblicazione: 05/04/2008
N° di visualizzazioni: 19362

Introduzione:

Panoramicissima cima rocciosa dominante la Val Camonica e la Valle di Lozio, centro del gruppo della Concarena. La roccia calcarea crea un ambiente simil dolomitico con torri e guglie di roccia e molti canali che in inverno si prestano alla salita. La cima è separata dalla antistante Cima Mengol e Cimon della Bagozza dalla bella Val Baione, in cui si trova un attrezzatissimo bivacco (Biv. Val Baione) con cucina a gas, pentole, corrente elettrica e coperte.


Accesso:

Dalla strada della Val Camonica seguire le indicazioni per Borno e Lozio e quindi per la località Sommaprada, ampio parcheggio sterrato sotto al paese. Dal parcheggio seguire la stradina sterrata soprastante (sent. 81) che in circa 15 minuti porta all'eremo di S. Cristina.


Descrizione della salita:

Presso la chiesetta sono presenti dei cartelli che indicano il percorso: il sentiero, sempre ben segnalato, risale il ripido vallone iniziale della Val Baione, inizialmente sul lato sinistro (dx orogr.), spostandosi poi a destra per traccia su ghiaie e nella parte alta, sotto i salti rocciosi ed un canale, traversa di nuovo a sinistra. L'evidente e comoda traccia risale le ripide balze erbose sul lato sinistro della valle con vari tornanti ed un breve traverso in un punto più ripido e stretto, raggiungendo i ripiani soprastanti. Il sentiero prosegue per ghiaioni e prati sulla sinistra passando presso le Plagne del Sale e prosegue poi al centro del vallone e poi verso destra fino ad un bivio con cartelli. Proseguendo a sinistra si giunge al Biv. Val Baione, posto al centro del vallone. Prendendo a destra ci si porta all'attacco della salita a quota 1900 m circa.

Si risale un ghiaione o conoide di neve fino a inizio estate fino ad un ripido canalino roccioso di circa 6 metri che in estate in assenza di neve è detritico e molto franoso ed attrezzato con catena, corda ed ancoraggi, mentre a fine inverno o nei primi giorni di primavera risulta completamente innevato con neve durissima e pressata dalle slavine. La salita segue fino a metà parete il canale centrale con pendenze sui 35°-40° e tratti di roccette scoperte ed erba o neve, fino a raggiungere la parte superiore presso un lungo sperone roccioso. In estate si esce dal canalone sulla sinistra dello sperone per ripide e un po' franose roccette, mentre in inverno o comunque con neve conviene salire a destra dello sperone, costeggiandolo. Il pendio diviene ora più ripido (40°-45°) ma senza difficoltà e raggiunge la cresta soprastante (attenzione alle cornici di neve sulla destra). Usciti sulla cresta si prosegue verso sinistra risalendo un ripido e largo pendio piuttosto faticoso (attenzione all'esposizione a sud e alla stabilità del manto nevoso in inverno) che raggiunge l'antecima. Si prosegue con una traversata sotto cresta in leggera discesa che raggiunge una forcella (attenzione alle grandi cornici di neve sul lato W) e da qui risale con un ulteriore traverso sotto cresta fino alla base del pendio detritico finale che porta alla cima. Risalire il ripido pendio con quaclhe svolta fino alla croce di vetta.


Discesa:

Come per la salita, facendo attenzione nella discesa dalla cresta al canale data la pendenza.


Note:

Itinerario da effettuare con neve sicura, dato che il canale di salita (e tutti i canali adiacenti) scarica valanghe nella Val Baione che raccoglie le valanghe da tutti i canali e pareti in cui è incassata. La difficoltà dipende dalle condizioni della neve, ma può essere considerata F+ fino a PD+ al massimo in caso di presenza di ghiaccio. Attenzione alle indicazioni errate dei sentieri riportate nella carta topografica, il canale da seguire è quello sopra al bivio con cartelli e con il salto iniziale attrezzato con catena. Con neve stabile sopra al salto si può deviare verso destra e seguire un altro canale parallelo ma più ripido (PD/PD+) che esce sulla cresta alcune decine di metri prima dell'uscita del canale della via normale. Dato il considerevole dislivello dal punto di partenza, la lunghezza del percorso e la necessità di salire molto presto il canale quando innevato, conviene pernottare al confortevole Biv. Val Baione, in cui lasciare una donazione per l'uso del gas. Il bivacco dispone di corrente elettrica con alimentazione mediante un pannello fotovoltaico. Attenzione in caso di innevamento molto abbondante in quanto la porta di entrata rimane completamente sepolta, si può entrare comunque da una finestra che si apre dall'esterno, se non è sepolta anche quella! (Relazione aggiornata e corretta da Roberto Ciri - 25/04/2010)


© VieNormali.it

Via Normale Cima Bacchetta - Salita lungo il canale Via Normale Cima Bacchetta - Lungo la cresta verso la cima Via Normale Cima Bacchetta - Ultimo tratto di cresta prima della cima
Salita lungo il canale Lungo la cresta verso la cima Ultimo tratto di cresta prima della cima

N° voti: 7 - Voto medio: Voto 5 stelle

Dai il tuo voto a questa relazione:

1 stella  2 stelle  3 stelle
                                    
4 stelle  5 stelle
                                
Bandierina
26 scalatori sono stati su questa cima

E tu l'hai salita?
  

Segnala la cima Segnala questa cima ad un amico...

Mappa su Google:




Libri suggeriti sulle Alpi Occidentali:


Prealpi Lombarde Centrali  Prealpi Lombarde Occidentali  Prealpi Bresciane  Ferrate in Lombardia e Svizzera   Nel giardino di pietra  Corni di Canzo e Moregallo  Scialpinismo tra Lombardia e Grigioni  Ghiaccio delle Orobie
Panoramica Guarda la panoramica dalla cima:
Scalata fotografica Guarda la fotoscalata di Cima Bacchetta
Ultime 10 scalate Ultime 20 scalate...
Elenco scalate Elenco delle scalate...

Guide escursionistiche Guide escursionistiche consigliate:
           >> Ghiaccio Orobico - Michele Cisana
           >> Arrampicate sportive e moderne fra Lecco e Como - Eugenio Pesci
           >> Alpi Orobie Over 2000 - Vol. 1 - Alessio Pezzotta
           >> Alpi Orobie Over 2000 - Vol. 2
           >> Alpi Orobie Over 2000 - Vol. 3
           >> Prealpi Lombarde Centrali


  


Condividi su:  Share    




OFFERTE ATTREZZATURA E ACCESSORI OUTDOOR

Libri di montagna

Newsletter

Per ricevere la newsletter periodica del sito inserisci qui il tuo indirizzo e-mail:



Precedenti newsletter >>
Primo Piano

Solo granito - Vol. 1

Solo granito - Vol. 1

Solo granito - Vol. 2

Solo granito - Vol. 2

Monte Baldo Rock

Monte Baldo Rock

Arrampicare - Dolomiti Nord Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Nord Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Sud-Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Sud-Occidentali

Wild Dolomiti

Wild Dolomiti

Ferrate dell'Alto Garda

Ferrate dell'Alto Garda

Prealpi Lombarde Centrali

Prealpi Lombarde Centrali

Il grande libro dei 4000

Il grande libro dei 4000

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 1

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 1

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 2

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 2

Alta Valsesia

Alta Valsesia

Dolomiti

Dolomiti

Parco d'Abruzzo

Parco d'Abruzzo

Il Terminillo e i Monti Reatini

Il Terminillo e i Monti Reatini

I 2000 dell Appennino

I 2000 dell Appennino


VieNormali consiglia

Dolomiti.it - Portale sulle Dolomiti

Libri di montagna Idea Montagna Editoria e Alpinismo

Libri di montagna Versante Sud

Libri di montagna Iter Edizioni



Save the Children Italia Onlus Climb for life T-shirt Climbers against cancer