Informativa Cookie: questo sito utilizza cookie tecnici propri necessari al suo funzionamento e cookie di profilazione di terze parti per visualizzare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dagli utenti nella navigazione in rete. Si invita a leggere la Cookie Policy in cui sono presenti le informazioni sui cookie utilizzati dal sito, su quali informazioni vengono raccolte e le istruzioni su come negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. La prosecuzione della navigazione mediante accettazione dei cookie, chiusura di questo banner informativo, accesso ad altra area del sito, selezione di un elemento dello stesso sottostante questo banner (ad esempio di una immagine o di un link) o scorrimento della pagina verso il basso comporta l'automatica prestazione del consenso a utilizzare i cookie.

In conformità al provvedimento del Garante della Privacy del 8 maggio 2014, G.U. n. 126 del 3/6/2014, attuazione della Dir. UE sui cookie 2009/136/CE
OKNon accetto i cookie

VieNormali.it
Home | Mappa del sito | Gruppo VN | Shopping | Guide di montagna | Ordini   VieNormali su Facebook   Canale You Tube VieNormali   Instagram VieNormali  

Accedi al sito   Registrati al sito   

   
Gruppi Montuosi
Legenda gruppi...

Cerca la cima:
 

Filtri di ricerca >>

Alpi Occidentali:
 
Alpi Centrali:
 
Alpi Orientali:
 
Prealpi:
 
Appennino:
 
Alpi Estere:
 
Quota:
 



Monte Venerocolo - (traversata) - 3323 m


Relazione della salita - Cima n° 3607


Via Normale Monte Venerocolo - (traversata)

L’itinerario di salita al Monte Venerocolo
Regione: Lombardia (BresciaItaliane

Alpi e Gruppo: Alpi Occidentali - Alpi Retiche - Gruppo Adamello

Provincia: Brescia

Punto di partenza: Malga Caldea (q. 1584 m)

Versante di salita: Vari

Dislivello di salita: 1740 m - Totale: 3480 m

Tempo di salita: 5,15 h - Totale: 10,30 h

Periodo consigliato: estate

Punti di appoggio: Rifugio Garibaldi al Venerocolo (q. 2548 m)
Tipo di via: Via normale
Tipo di percorso: Sentiero e traccia solo in parte segnalati
Difficoltà:   EE - A - - F (scala difficoltà)
Attrezzatura:
Valutazione:
Libro di vetta: no
Cartografia: TABACCO N. 052 – Adamello Presanella 1:25000
Autore: Piero V.  Profilo di Piero V. - Altre salite dell'autore
Data della salita: 19/08/2023
Data pubblicazione: 25/08/2023
N° di visualizzazioni: 1421
N° voti: 0

Dai il tuo voto a questa relazione:

1 stella  2 stelle  3 stelle
                                    
4 stelle  5 stelle
                                
Bandierina
1 scalatore è stato su questa cima

E tu l'hai salita?
  

Segnala la cima Segnala questa cima ad un amico...


Guide Alpine e Accompagnatori di Media Montagna disponibili per questa cima:


Vai all'elenco completo delle Guide Alpine/Accompagnatori di Media Montagna


Introduzione:

Il Monte Venerocolo è tra le cime più elevate del Gruppo dell’Adamello ed è molto frequentato, grazie alla facilità d‘accesso. Si trova all’apice delle catene montuose che separano il Ghiacciaio Pisgana Ovest dal Ghiacciaio dell’Adamello ed è quindi un importante nodo orografico. A nord del Passo Brizio non ha rivali in altezza, dalla vetta è veramente grandiosa la visione sulla parete N dell’Adamello e sui vasti e sofferenti ghiacciai.
L‘ascesa dal Rifugio Garibaldi si svolge lungo il vallone che conduce al Passo del Venerocolo e poi per la cresta NW, larga, composta da sfasciumi, senza percorso obbligato (EE). Ad inizio stagione e in presenza di neve, il tratto intermedio della cresta diventa un poco affilato, ma senza creare problemi particolari ad un escursionista esperto. Mentre la discesa avviene dal versante S (EE) e il ritorno dal Passo Brizio (F). Ovviamente la traversata può essere affrontata al contrario, le difficoltà si equivalgono, in questo caso il tratto attrezzato con catene e pioli del Passo Brizio, lo si affronta in salita e per i meno esperti non è di poco conto.


Accesso:

Da Edolo si prosegue sulla strada per il Passo del Tonale fino a Temù e dal centro di questo paese si svolta a destra, seguendo le indicazioni per Rifugio Garibaldi. Inizialmente la strada è asfaltata, poi sterrata fino a Malga Caldea, dove si parcheggia nelle piazzole e negli slarghi lungo la strada. Attualmente l’accesso è gratis.


Descrizione della salita:

Da Malga Caldea si raggiunge a piedi la sbarra che chiude ai veicoli l’accesso alla stradina asfaltata di servizio ai bacini artificiali. Si segue questa stradina impervia, monotona e con numerosi tornanti che supera il ripido fianco W della valle e conduce ai pianori superiori dove continua, ora sterrata, ad W del primo invaso, il Laghetto dell’Avio (q. 1869 m). La strada prosegue pianeggiante sulla sponda W del successivo Lago d’Avio e verso la fine di questo la si abbandona e si imbocca la mulattiera segnalata che costeggia il terzo bacino, il Lago Benedetto.
Al termine di quest’ultimo lago il sentiero (ovviamente segnalato fino al Rifugio Garibaldi) supera un ripido gradino roccioso in prossimità di una cascata e ci conduce alla distesa prativa di Malga Lavedole (q. 2044 m). In prossimità di un traliccio dell’alta tensione si attraversa il torrente sopra un ponticello e s’imbocca la mulattiera che sale inizialmente verso NE, passando vicino a secolari esemplari di larici e cembri.
Segue un tratto quasi pianeggiante in direzione SE, al termine del quale bisogna affrontare il famoso “calvario”, battezzato con questo nome dagli Alpini durante la Grande Guerra. Si tratta del ripido fianco N della Valle di Venerocolo che la mulattiera supera con numerose svolte, fino a raggiungere la diga del Lago Venerocolo e il vicino Rifugio Garibaldi (q. 2548 m, circa h 2,45 da Malga Caldea).
Dal rifugio si retrocede poche decine di metri e si seguono le indicazioni per Passo del Venerocolo. L’intero percorso è segnalato e si svolge su pietraie e ganda. Giunti al passo, i segnavia terminano, ma ora si seguono gli ometti di pietre e si risale il larghissimo crestone NW di sfasciumi che conduce in vetta senza difficoltà (circa h 2.30 dal rifugio).


Discesa:

Dalla vetta si scende a piacimento il vasto pendio S, formato da pietre e blocchi accatastati, spesso instabili, che richiedono attenzione ma senza alcuna difficoltà. Si possono visitare: resti delle postazioni militari, basamenti di baracche e i legni sparsi per mezzo pendio, rotoli di filo spinato, scatolette della carne a centinaia, pale, picconi e grosse ossa bianche, presumo di bovini, per l’alimentazione degli alpini durante la Grande Guerra.
La seconda parte del pendio la si affronta sulla destra, fino a raggiungere il Ghiacciaio dell’Adamello. Il percorso sulla vedretta che qui è pianeggiante, è breve, circa 100 m. Individuato il Passo Brizio con il Bivacco Zanon Morelli ben visibile sulla destra, si risale il ripido canale di ghiaie e detriti, alto un centinaio di metri e si raggiunge prima il bivacco e dopo pochi metri il valico. In salita sono assenti i segnavia ma il percorso è evidente e bisogna fare attenzione alla caduta pietre. Mentre, dal vertice del passo al rifugio e ritorno, i segnavia sono sempre presenti.
Il primo pendio che si scende dal passo è di sfasciumi e blocchi, il secondo invece è lo zoccolo roccioso del passo ed è attrezzato con catene e pioli metallici. Di seguito si divalla principalmente su ganda e a lungo. Dopo aver percorso la corona della diga si arriva al Rifugio Garibaldi e poi si scende a Malga Caldea.


Note:

Come già accennato, il percorso sul ghiacciaio è breve e pianeggiante. I ramponi, quelli leggeri in alluminio, li avevo al seguito ma non li ho utilizzati.


© VieNormali.it

Via Normale Monte Venerocolo - (traversata) - Panorama di vetta e l’itinerario di discesa
Via Normale Monte Venerocolo - (traversata) - Il versante S del Monte Venerocolo
Via Normale Monte Venerocolo - (traversata) - Il Rifugio Garibaldi e l’itinerario della traversata
Panorama di vetta e l’itinerario di discesa Il versante S del Monte Venerocolo Il Rifugio Garibaldi e l’itinerario della traversata

Zoom immagini: passare col mouse sopra le immagini per vedere un ingrandimento (attendere il completo caricamento della pagina).

Revisione: relazione rivista e corretta il 31/08/2023 dalla redazione di VieNormali.it

  



Trekking del Sassolungo



Carte escursionistiche sulle Alpi Occidentali:



Ultime 10 scalate Ultime 20 scalate...
Elenco scalate Elenco delle scalate...


Condividi su:




SCOPRI LE NOVITA' EDITORIALI SULLA MONTAGNA DI:

Dolomiti di Brenta Dolomiti di Brenta

Libri di montagna


Canyoning Chalamy Classico

Canyoning Chalamy Classico
Divertente torrente per tutti
Regione: Val Aosta - Parco Naturale Monte Avic
Data: da concordare   Durata: 3 h   Difficoltà: T


Proposta per Guide Alpine e Accompagnatori di Media Montagna


Primo Piano

Solo granito - Vol. 1

Solo granito - Vol. 1

Solo granito - Vol. 2

Solo granito - Vol. 2

Monte Baldo Rock

Monte Baldo Rock

Arrampicare - Dolomiti Nord Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Nord Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Sud-Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Sud-Occidentali

Wild Dolomiti

Wild Dolomiti

Ferrate dell'Alto Garda

Ferrate dell'Alto Garda

Prealpi Lombarde Centrali

Prealpi Lombarde Centrali

Il grande libro dei 4000

Il grande libro dei 4000

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 1

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 1

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 2

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 2

Alta Valsesia

Alta Valsesia

Dolomiti

Dolomiti

Parco d'Abruzzo

Parco d'Abruzzo

Il Terminillo e i Monti Reatini

Il Terminillo e i Monti Reatini

I 2000 dell Appennino

I 2000 dell Appennino


VieNormali consiglia

Sampaoli Creazioni

Libri di montagna Idea Montagna Editoria e Alpinismo

Libri di montagna Versante Sud

Libri di montagna Iter Edizioni

Libri di montagna ViviDolomiti

Carte escursionistiche e libri Geo4Map



Save the Children Italia Onlus Climb for life T-shirt Climbers against cancer