Informativa Cookie: questo sito utilizza cookie tecnici propri necessari al suo funzionamento e cookie di profilazione di terze parti per visualizzare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dagli utenti nella navigazione in rete. Si invita a leggere la Cookie Policy in cui sono presenti le informazioni sui cookie utilizzati dal sito, su quali informazioni vengono raccolte e le istruzioni su come negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. La prosecuzione della navigazione mediante accettazione dei cookie, chiusura di questo banner informativo, accesso ad altra area del sito, selezione di un elemento dello stesso sottostante questo banner (ad esempio di una immagine o di un link) o scorrimento della pagina verso il basso comporta l'automatica prestazione del consenso a utilizzare i cookie.

In conformità al provvedimento del Garante della Privacy del 8 maggio 2014, G.U. n. 126 del 3/6/2014, attuazione della Dir. UE sui cookie 2009/136/CE
OKNon accetto i cookie

VieNormali.it
Home | Mappa del sito | Gruppo VN | Shopping | Guide di montagna | Ordini   VieNormali su Facebook   Canale You Tube VieNormali   Instagram VieNormali  

Accedi al sito   Registrati al sito   

   
Gruppi Montuosi
Legenda gruppi...

Cerca la cima:
 

Filtri di ricerca >>

Alpi Occidentali:
 
Alpi Centrali:
 
Alpi Orientali:
 
Prealpi:
 
Appennino:
 
Alpi Estere:
 
Quota:
 


Sampaoli Creazioni

Pizzo Tambò – Cresta Nord - 3279 m


Relazione della salita - Cima n° 3506


Foto via normale Pizzo Tambò – Cresta Nord non disponibile Regione: Lombardia (SondrioItaliane

Alpi e Gruppo: Alpi Occidentali - Alpi Lepontine - Gruppo Catena Mesolcina

Provincia: Sondrio

Punto di partenza: Passo dello Spluga (q. 2115 m)

Versante di salita: N

Dislivello di salita: 1439 m - Totale: 2878 m

Tempo di salita: 5,30 h - Totale: 7,30 h

Periodo consigliato: da metà luglio a fine settembre

Punti di appoggio: Nessuno
Tipo di via: Via di roccia
Tipo di percorso: Via di roccia
Difficoltà:   EE - AR - III - PD (scala difficoltà)
Attrezzatura:
Valutazione:
Libro di vetta: si
Cartografia: CARTA NAZIONALE DELLA SVIZZERA N. 1255 - Splügenpass 1:25000, N. 1254 - Hinterrhein 1:25000
Autore: Piero V.  Profilo di Piero V. - Altre salite dell'autore
Data della salita: 21/08/2021
Data pubblicazione: 23/08/2021
N° di visualizzazioni: 212
N° voti: 0

Dai il tuo voto a questa relazione:

1 stella  2 stelle  3 stelle
                                    
4 stelle  5 stelle
                                
Bandierina
1 scalatore è stato su questa cima

E tu l'hai salita?
  

Segnala la cima Segnala questa cima ad un amico...


Guide Alpine e Accompagnatori di Media Montagna disponibili per questa cima:


Vai all'elenco completo delle Guide Alpine/Accompagnatori di Media Montagna

Guarda tutte le proposte delle Guide Alpine/Accompagnatori di Media Montagna


Introduzione:

Il Pizzo Tambò è un’elegante piramide rocciosa formata da quattro creste, la più elevata della regione. Non ha rivali in altezza a N e a S, a W fino all’Adula, a E fino al Piz Platta, il panorama che si gode dalla vetta è quindi estesissimo e giustamente celebrato. Molto frequentato dalla via normale della cresta E, meno dalle altre creste che comportano difficoltà alpinistiche di un certo rilievo. L’itinerario proposto della Cresta N è presentato da Giuseppe Brenna, l’autore della Guida delle Alpi mesolcinesi 4, con queste testuali parole “Itinerario alpinisticamente poco difficile ma comunque di gran pregio: si svolge su quella cresta che incanta chi si trova all’Areuapass poiché è bella, s’innalza lineare verso il cielo ed è sostenuta alla base da un bastione ardito con cascate di quarzo”.
Aggiungerei che, l’itinerario è riservato ad alpinisti preparati e allenati, il dislivello in salita non è comunque eccessivo, 1439 metri, compreso i vari saliscendi e lo sviluppo totale, compreso la discesa dalla Via Normale della Cresta E, è di 15 km.
Ecco alcune precisazioni per chi intende raggiungere il Pizzo Tambò dalla Cresta N:
- La partenza la si può effettuare sia dalla dogana italiana al Passo dello Spulga, sia dalla sottostante dogana svizzera (Berghus). Noi abbiamo preferito parcheggiare al passo e scendere a piedi la strada asfaltata al mattino fino alla dogana svizzera. Tra la dogana italiana (q. 2115 m) e quella svizzera (q. 2022 m) la strada è lunga 750 metri.
- La Cresta N ha un profilo rettilineo ma come tutte le ascensioni in ambiente in alcuni tratti non obbligati è soggetta a diverse interpretazioni.
Le maggiori difficoltà possono essere aggirate. In particolare le Guide Alpinistiche del CAI e del CAS indicano: i 2 bizzarri gendarmi che si trovano poco oltre la (q. 2620 m) possono essere aggirati a sinistra, compresa la successiva torre. Un gendarme a (q. 2760 m) può essere aggirato ad W. Noi, dopo aver aggirato i due gendarmi all’inizio, abbiamo cercato di rimanere il più possibile sulla cresta che presenta divertenti passaggi. Il gendarme a (q. 2760 m) lo abbiamo arrampicato per una parete fessurata di III°.
- Riguardo al materiale da portare al seguito: il caschetto è raccomandabile. Imbrago e corda sono consigliabili ma non indispensabili, questa è una scelta soggettiva. Noi l’abbiamo utilizzata per affrontare in sicurezza i passaggi di II+ e il muretto (evitabile) di III°. Utili alcuni friend piccolo/medi, un paio di rinvii, moschettoni e cordini. Ramponi e piccozza non sono necessari, ma lo potrebbero essere in discesa dalla Cresta E, se c’è neve dura sul nevaio che bisogna traversare prima della Spianata.
- Dalla dogana svizzera fino all’Areuapass il sentiero è ben segnalato da bandierine di colore bianco-rosso-bianco e da precisi cartelli svizzeri.


Accesso:

Da Chiavenna (SO) si prosegue sulla strada per il Passo dello Spluga fino a raggiungere questo valico. Nei pressi della dogana italiana sono presenti diversi parcheggi dove lasciare l’auto.


Descrizione della salita:

Dalla dogana italiana al Passo dello Spluga si segue a piedi la strada asfaltata che in poco più di 10 minuti conduce alla dogana svizzera (Berghus). Qui si abbandona la strada e, seguendo le indicazioni dei cartelli per Tamboalp 1h e i segnavia, si imbocca il sentiero che inizialmente risale una valletta in direzione SW poi compie un lungo traverso a destra per aggirare a N l’Alpetlistoch (q. 2394 m).
Raggiunti i bellissimi pianori erbosi di Bi den Trög (q. 2132 m), si scende nella vastissima conca prativa del Tamboalp (q. 2032 m). Da qui, seguendo le indicazioni per Areuapass, si prende l’evidente pista sterrata (Stotxhalia) che sale in direzione SW e che poi si trasforma in sentiero. Si seguono i ben evidenti segnavia che su pascolo risalgono, sempre in direzione SW, la Hintertälli, fino a raggiungere l’ampia sella dell’Areuapass (q. 2509 m, h 2.30 dalla partenza).
Senza aggirare a W la cima (q. 2620 m) che comporterebbe l’attraversamento di ripidissimi pendii erbosi, si segue l’elementare cresta che in breve conduce in cima alla precitata (q. 2620 m). Da questa cima si scende su vaste pietraie perdendo non più di 10 metri di dislivello e si arriva all’inizio della vera e propria cresta N del Tambò.
Si tiene il filo della cresta a blocchi, poi si aggirano a sinistra i 2 bizzarri gendarmi. La torre successiva la si aggira ancora a sinistra su facili rocce e cenge. Poi si riprende la cresta e la si arrampica con brevi ed evidenti aggiramenti. Si prosegue cercando di tenere il filo roccioso, sempre con brevi spostamenti a destra e sinistra (fin qui massimo II°+).
Giunti alla base del gendarme a (q. 2760 m), lo si può aggirare a destra, ma è più bello risalirlo (5/6 metri) per un’evidente fessura di III° e poi si prosegue con passaggi al massimo di II°. Nella parte superiore la cresta diventa più facile (I°/I°+) ma un poco più aerea e si arrampica quasi sempre leggermente a destra del filo. Gli ultimi 80 metri sono elementari (h. 2,30/3,00 dall’Areuapass).


Discesa:

Dalla via normale della Cresta E (difficoltà: F)
Venti metri ad W della croce di vetta si scende per circa 30 metri, verso S, su facili rocce gradinate. Poi, seguendo gli ometti si traversa brevemente a sinistra e si accede al versante E della montagna. Qui la cresta si trasforma in un vasto pendio detritico che si percorre sulle tracce di un sentierino. Al suo termine si scende a destra del filo di cresta che si impenna e poco più in basso si attraversa orizzontalmente un nevaio. Si arriva in questo modo su vaste pietraie quasi pianeggianti che richiedono brevi risalite, fino a pochi anni fa questa era la sede della Vedretta della Spianata, ormai del tutto estinta. Seguendo poi i numerosi ometti si scende per canaletti in parte rocciosi e in parte nevosi, fino a portarci sotto il Tamborello. Si prosegue su pietraie, sotto il versante S di questa montagna, per un lungo tratto. Infine, per prati e su sentiero ben tracciato si scende più ripidamente al Passo dello Spluga. (h 2,00 dalla vetta).


Note:

Ulteriori informazioni o immagini di questa o di altre ascensioni da me effettuate e presenti su vienormali.it, possono essermi richieste all’indirizzo email: vardinellipiero@gmail.com


© VieNormali.it

Foto non disponibile Foto non disponibile Foto non disponibile
La cresta N del Pizzo Tambò, dalla (q. 2620 m) Io, sulla cresta N del Tambò La parte superiore della cresta N del Tambò


Revisione: relazione rivista e corretta il 04/09/2021 dalla redazione di VieNormali.it

  


Carte escursionistiche sulle Alpi Occidentali:



Libri suggeriti sulle Alpi Occidentali:


Ultime 10 scalate Ultime 20 scalate...
Elenco scalate Elenco delle scalate...


Condividi su:




SCOPRI LE NOVITA' EDITORIALI SULLA MONTAGNA DI:

Dolomiti di Brenta Dolomiti di Brenta

Libri di montagna

Newsletter

Per ricevere la newsletter periodica del sito inserisci qui il tuo indirizzo e-mail:



Precedenti newsletter >>


Proposta per Guide Alpine e Accompagnatori di Media Montagna


Primo Piano

Solo granito - Vol. 1

Solo granito - Vol. 1

Solo granito - Vol. 2

Solo granito - Vol. 2

Monte Baldo Rock

Monte Baldo Rock

Arrampicare - Dolomiti Nord Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Nord Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Sud-Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Sud-Occidentali

Wild Dolomiti

Wild Dolomiti

Ferrate dell'Alto Garda

Ferrate dell'Alto Garda

Prealpi Lombarde Centrali

Prealpi Lombarde Centrali

Il grande libro dei 4000

Il grande libro dei 4000

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 1

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 1

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 2

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 2

Alta Valsesia

Alta Valsesia

Dolomiti

Dolomiti

Parco d'Abruzzo

Parco d'Abruzzo

Il Terminillo e i Monti Reatini

Il Terminillo e i Monti Reatini

I 2000 dell Appennino

I 2000 dell Appennino


VieNormali consiglia

Sampaoli Creazioni

APP Idea Montagna:
Download Apple Store
Download Google Play Store
Scarica singoli itinerari di montagna
o libri interi sul tuo cellulare o tablet!

Libri di montagna Idea Montagna Editoria e Alpinismo

Libri di montagna Versante Sud

Libri di montagna Iter Edizioni

Libri di montagna ViviDolomiti

Carte escursionistiche e libri Geo4Map



Save the Children Italia Onlus Climb for life T-shirt Climbers against cancer