Informativa Cookie: questo sito utilizza cookie tecnici propri necessari al suo funzionamento e cookie di profilazione di terze parti per visualizzare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dagli utenti nella navigazione in rete. Si invita a leggere la Cookie Policy in cui sono presenti le informazioni sui cookie utilizzati dal sito, su quali informazioni vengono raccolte e le istruzioni su come negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. La prosecuzione della navigazione mediante accettazione dei cookie, chiusura di questo banner informativo, accesso ad altra area del sito, selezione di un elemento dello stesso sottostante questo banner (ad esempio di una immagine o di un link) o scorrimento della pagina verso il basso comporta l'automatica prestazione del consenso a utilizzare i cookie.

In conformità al provvedimento del Garante della Privacy del 8 maggio 2014, G.U. n. 126 del 3/6/2014, attuazione della Dir. UE sui cookie 2009/136/CE
OKNon accetto i cookie

VieNormali.it
Home | Mappa del sito | Gruppo VN | Shopping | Guide di montagna | Ordini   VieNormali su Facebook   Canale You Tube VieNormali   Instagram VieNormali  

Accedi al sito   Registrati al sito   

   
Gruppi Montuosi
Legenda gruppi...

Cerca la cima:
 

Filtri di ricerca >>

Alpi Occidentali:
 
Alpi Centrali:
 
Alpi Orientali:
 
Prealpi:
 
Appennino:
 
Alpi Estere:
 
Quota:
 


Sampaoli Creazioni

Pizzo Arera - (traversata) - 2512 m


Relazione della salita - Cima n° 3491


Via Normale Pizzo Arera - (traversata)

In salita sull’ampia cresta N del Pizzo Arera
Regione: Lombardia (BergamoItaliane

Alpi e Gruppo: Alpi Occidentali - Alpi Prealpi Lombarde - Gruppo Pizzo Arera

Provincia: Bergamo

Punto di partenza: Strada per il Rifugio Capanna 2000, a (q. 1590 m)

Versante di salita: N-SW

Dislivello di salita: 922 m - Totale: 1844 m

Tempo di salita: 2,30 h - Totale: 4,30 h

Periodo consigliato: da inizio luglio a inizio ottobre

Punti di appoggio: Rifugio Capanna 2000 (q. 1960 m)
Tipo di via: Via normale
Tipo di percorso: Traccia e roccette, passaggi su roccia
Difficoltà:   EE - A - I - F (scala difficoltà)
Attrezzatura:
Valutazione:
Libro di vetta: si
Cartografia: KOMPASS N. 104 – Alpi Orobie Bergamasche 1:50000
Autore: Piero V.  Profilo di Piero V. - Altre salite dell'autore
Data della salita: 09/07/2021
Data pubblicazione: 10/07/2021
N° di visualizzazioni: 619
N° voti: 0

Dai il tuo voto a questa relazione:

1 stella  2 stelle  3 stelle
                                    
4 stelle  5 stelle
                                
Bandierina
1 scalatore è stato su questa cima

E tu l'hai salita?
  

Segnala la cima Segnala questa cima ad un amico...


Guide Alpine e Accompagnatori di Media Montagna disponibili per questa cima:


Vai all'elenco completo delle Guide Alpine/Accompagnatori di Media Montagna

Guarda tutte le proposte delle Guide Alpine/Accompagnatori di Media Montagna


Introduzione:

È una cima molto nota della bergamasca che non ha certo bisogno di presentazione. Dalla strada che sale da Oltre il Colle alle frazioni di Zambla è perfettamente individuabile in direzione NNE, per via della sua massiccia mole di rocce calcaree chiare. Grazie alla facilità di accesso che offre la via normale e il dislivello contenuto, è frequentatissima. Molto meno frequentato è invece l’itinerario di salita proposto qui di seguito, per il cosiddetto “Canalino Nord”. In effetti il canalino non si trova sulla parete nord, bensì nord-est e non si riesce ad individuarlo fino a quando si arriva alla sua base. È un itinerario alla portata di ogni escursionista esperto (F), ma la prima metà del canalino, peraltro facile (I°) e il traverso che lo precede, richiedono attenzione, dato che sono un po’ esposti, ad ogni modo in assenza di neve, non particolarmente esposti. La discesa avviene invece dalla facile (EE) via normale che si svolge per il fianco meridionale della cresta SW.
Sia l’itinerario di salita dal canalino N sia quello di discesa dalla cresta SW sono ben segnalati.
Il punto di partenza e di arrivo della traversata è ovviamente il medesimo, il parcheggio lungo la strada per la Capanna 2000 a quota 1590 m.
Se si ha la fortuna di trovare una giornata limpida, il panorama è straordinario. All’orizzonte vicino sfilano tutte le maggiori vette delle Orobie, mentre a quello lontano sono individuabili il Monte Rosa, i 4000 dell’Oberland Bernese, le maggiori vette delle Alpi Retiche, compreso l’Adamello e il Caré Alto, le Prealpi Bergamasche e verso S il Gruppo dell’Alben, la Pianura Padana e all’orizzonte gli Appennini.


Accesso:

Da Bergamo e dintorni si seguono le indicazioni per la Valle Brembana. Poco oltre il paese di Zogno si abbandona la SS 470 e si prende a destra la SP 27 della Valle Serina. Si sale fino a Zambla Alta, frazione di Oltre il Colle. All’entrata di questa località si svolta a sinistra, seguendo le indicazioni di un cartello che riporta semplicemente “ARERA”. La strada per un buon tratto è in leggera discesa, poi inizia a salire. Poche centinaia di metri più avanti sulla destra c’è la colonnina, segnalata anche sull’asfalto, dove acquistare il tagliando (€ 4.00) da esporre sul cruscotto della macchina. Si sale fino al termine della strada asfaltata, all’inizio di un ampio parcheggio sterrato, a circa (q. 1590 m), dove c’era la partenza dei vecchi impianti da sci dell’Alpe Arera.
Da segnalare che 2 tornanti prima del parcheggio c’è il Rifugio Cà d’Arera (q. 1560 m).


Descrizione della salita:

Al termine del lungo parcheggio si imbocca a piedi la stradina agro-silvo-pastorale, in buona parte con il fondo cementato, poi sterrato, che in circa 45 minuti conduce al Rifugio Capanna 2000. Conoscendo i luoghi è anche possibile seguire dei sentieri che in alcuni tratti permettono di accorciare il percorso sulla stradina. Ad ogni modo, 50 metri sopra il rifugio c’è un pianoro che conduce alla base dell’impennata della cresta SW dell’Arera. Qui si abbandona la via normale della cresta SW e, seguendo le indicazioni per “periplo” e il segnavia 244 si traversa l’intero fianco SW, poi W della nostra montagna, fino a raggiungere una sella dalla quale si domina la parete settentrionale dell’Arera.
Seguendo sempre i segnavia ci si abbassa leggermente, poi si traversa su detriti sotto la parete, oltrepassando l’imbocco dell’ampio catino del Mandrone. Giunti ad un primo bivio, si tralascia a sinistra il segnavia 218 e si prosegue a destra con il segnavia 244 (indicazioni per periplo dell’Arera). Poco più avanti, circa 200 metri prima di arrivare al Passo di Corna Piana, si abbandona il sentiero principale e, seguendo dei bolli rossi e successivamente gialli e rossi, si inizia a salire a destra l’ampia cresta N. I segnavia nel prosieguo diventano più numerosi e al termine dei prati conducono ad un risalto roccioso della cresta.
Per elementari cenge e canaletti si prende quota fino ad arrivare alla base dell’impennata della cresta (vedi 2° immagine di dettaglio). Da qui bisogna traversare in piano a sinistra, su ghiaie instabili, per accedere all’imbocco del canalino. Si risale detto canalino seguendo i segnavia e aiutandosi, se si vuole, con dei fittoni metallici. Dopo una quindicina di metri bisogna superare un risalto ostico di 3 o 4 metri, ma lo si può aggirare a sinistra, per mezzo di una breve cengia un po’ esposta. In entrambi i casi si arriva su di uno stretto terrazzino che permette di uscire, verso sinistra, dal canalino.
Un gradino metallico permette di superare facilmente un masso e si percorre in piano una cengia, un po’ stretta ed esposta, ma con buoni appigli. Quindi si riprende a salire in un canalino attiguo al primo, che poi diventa sempre più ampio, fino a diventare un larghissimo pendio di detriti e facili saltelli rocciosi. In breve si raggiunge l’alta croce della vetta (h 1.45 dal rifugio).


Discesa:

Dal sentiero segnalato del fianco meridionale della cresta SW.
Inizialmente il sentiero si stacca in direzione dell’anticima E, ma quasi subito traversa sotto la vetta e prosegue verso SW. Si scende per facili saltelli rocciosi e traversi, mai esposti, fino ad un canaletto di una decina di metri, attrezzato con corde e gradini metallici. Nulla di impegnativo. Poi si prosegue per l’ampia dorsale che in basso diventa erbosa e nei pressi del Rifugio Capanna 2000 ci si ricollega con l’itinerario di salita e si ritorna al parcheggio.


Note:

NOTA 1
Il Rifugio Capanna 2000 è sempre aperto da metà giugno a metà settembre. Tel. 0345 95 096 – 339 69 86 367
NOTA 2
Ad inizio stagione, accertarsi dell´assenza di neve nel canalino N, eventualmente telefonare al gestore del rifugio.
NOTA 3
Ulteriori informazioni o immagini di questa o di altre ascensioni da me effettuate e presenti su vienormali.it, possono essermi richieste all’indirizzo email: vardinellipiero@gmail.com


© VieNormali.it

Via Normale Pizzo Arera - (traversata) - La parte superiore della cresta N, in rosso il canalino nord
Via Normale Pizzo Arera - (traversata) - Il traverso un po’ esposto che immette nel canalino nord
Via Normale Pizzo Arera - (traversata) - Panorama di vetta, verso NE
La parte superiore della cresta N, in rosso il canalino nord Il traverso un po’ esposto che immette nel canalino nord Panorama di vetta, verso NE

Zoom immagini: passare col mouse sopra le immagini per vedere un ingrandimento (attendere il completo caricamento della pagina).

Revisione: relazione rivista e corretta il 13/07/2021 dalla redazione di VieNormali.it

  


Carte escursionistiche sulle Alpi Occidentali:



Libri suggeriti sulle Alpi Occidentali:


Prealpi Lombarde Centrali  Prealpi Lombarde Occidentali  Prealpi Bresciane  Ferrate in Lombardia e Svizzera   Nel giardino di pietra  Corni di Canzo e Moregallo  Scialpinismo tra Lombardia e Grigioni  Ghiaccio delle Orobie
Ultime 10 scalate Ultime 20 scalate...
Elenco scalate Elenco delle scalate...

Guide escursionistiche Guide escursionistiche consigliate:
           >> Ghiaccio Orobico - Michele Cisana
           >> Arrampicate sportive e moderne fra Lecco e Como - Eugenio Pesci
           >> Alpi Orobie Over 2000 - Vol. 1 - Alessio Pezzotta
           >> Alpi Orobie Over 2000 - Vol. 2
           >> Alpi Orobie Over 2000 - Vol. 3
           >> Prealpi Lombarde Centrali


Condividi su:




SCOPRI LE NOVITA' EDITORIALI SULLA MONTAGNA DI:

Dolomiti di Brenta Dolomiti di Brenta

Libri di montagna

Newsletter

Per ricevere la newsletter periodica del sito inserisci qui il tuo indirizzo e-mail:



Precedenti newsletter >>
Scopri i prodotti alla spirulina Bio Salera

Proposta per Guide Alpine e Accompagnatori di Media Montagna


Primo Piano

Solo granito - Vol. 1

Solo granito - Vol. 1

Solo granito - Vol. 2

Solo granito - Vol. 2

Monte Baldo Rock

Monte Baldo Rock

Arrampicare - Dolomiti Nord Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Nord Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Sud-Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Sud-Occidentali

Wild Dolomiti

Wild Dolomiti

Ferrate dell'Alto Garda

Ferrate dell'Alto Garda

Prealpi Lombarde Centrali

Prealpi Lombarde Centrali

Il grande libro dei 4000

Il grande libro dei 4000

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 1

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 1

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 2

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 2

Alta Valsesia

Alta Valsesia

Dolomiti

Dolomiti

Parco d'Abruzzo

Parco d'Abruzzo

Il Terminillo e i Monti Reatini

Il Terminillo e i Monti Reatini

I 2000 dell Appennino

I 2000 dell Appennino


VieNormali consiglia

Sampaoli Creazioni

APP Idea Montagna:
Download Apple Store
Download Google Play Store
Scarica singoli itinerari di montagna
o libri interi sul tuo cellulare o tablet!

Libri di montagna Idea Montagna Editoria e Alpinismo

Libri di montagna Versante Sud

Libri di montagna Iter Edizioni

Libri di montagna ViviDolomiti

Carte escursionistiche e libri Geo4Map



Save the Children Italia Onlus Climb for life T-shirt Climbers against cancer