Informativa Cookie: questo sito utilizza cookie tecnici propri necessari al suo funzionamento e cookie di profilazione di terze parti per visualizzare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dagli utenti nella navigazione in rete. Si invita a leggere la Cookie Policy in cui sono presenti le informazioni sui cookie utilizzati dal sito, su quali informazioni vengono raccolte e le istruzioni su come negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. La prosecuzione della navigazione mediante accettazione dei cookie, chiusura di questo banner informativo, accesso ad altra area del sito, selezione di un elemento dello stesso sottostante questo banner (ad esempio di una immagine o di un link) o scorrimento della pagina verso il basso comporta l'automatica prestazione del consenso a utilizzare i cookie.

In conformità al provvedimento del Garante della Privacy del 8 maggio 2014, G.U. n. 126 del 3/6/2014, attuazione della Dir. UE sui cookie 2009/136/CE
OKNon accetto i cookie

VieNormali.it
Home | Mappa del sito | Gruppo VN | Shopping | Guide di montagna | Ordini   VieNormali su Facebook   Canale You Tube VieNormali   Instagram VieNormali  

Accedi al sito   Registrati al sito   

   
Gruppi Montuosi
Legenda gruppi...

Cerca la cima:
 

Filtri di ricerca >>

Alpi Occidentali:
 
Alpi Centrali:
 
Alpi Orientali:
 
Prealpi:
 
Appennino:
 
Alpi Estere:
 
Quota:
 



Pizzo Coca - dalla Valmorta - 3050 m


Relazione della salita - Cima n° 3432


Foto via normale Pizzo Coca - dalla Valmorta non disponibile Regione: Lombardia (BergamoItaliane

Alpi e Gruppo: Prealpi - Prealpi Lombarde - Gruppo Alpi Orobie

Provincia: Bergamo

Punto di partenza: Valbondione (BG) (q. 900 m)

Versante di salita: E-SE

Dislivello di salita: 2250 m - Totale: 4500 m

Tempo di salita: 6,30 h - Totale: 11,00 h

Periodo consigliato: luglio-settembre

Punti di appoggio: Rif. Curò (q. 1895 m) e Rif. Consoli (q. 1890 m)
Tipo di via: Via normale
Tipo di percorso: Sentiero segnato
Difficoltà:   EE - A - I+ - F (scala difficoltà)
Attrezzatura:
Valutazione:
Libro di vetta: si
Cartografia: KOMPASS N. 104 – Alpi Orobie Bergamasche 1:50000
Autore: Piero V.  Profilo di Piero V. - Altre salite dell'autore
Data della salita: 27/08/2020
Data pubblicazione: 29/08/2020
N° di visualizzazioni: 391
N° voti: 0

Dai il tuo voto a questa relazione:

1 stella  2 stelle  3 stelle
                                    
4 stelle  5 stelle
                                
Bandierina
1 scalatore è stato su questa cima

E tu l'hai salita?
  

Segnala la cima Segnala questa cima ad un amico...


Guide Alpine e Accompagnatori di Media Montagna disponibili per questa cima:


Vai all'elenco completo delle Guide Alpine/Accompagnatori di Media Montagna

Guarda tutte le proposte delle Guide Alpine/Accompagnatori di Media Montagna


Introduzione:

Vetta molto rinomata e frequentata, la più alta delle Orobie, non ha certo bisogno di presentazione. L’itinerario proposto dal Rifugio Curò e per la desolata ma bellissima Valmorta, infine per la cresta SE, è una variante dell’altrettanto classico itinerario che sale dal Rifugio Merelli al Coca. Entrambe le vie convergono alla Bocchetta del Camoscio all’inizio della cresta SE, la parte finale lungo tale cresta è quindi la medesima.
Ecco alcune precisazioni per chi intende raggiungere il Pizzo Coca dalla Valmorta:
- L’itinerario di salita, dalla partenza alla vetta, è interamente segnalato con cartelli, con le solite bandierine di colore rosso-bianco-rosso e con bolli bianchi o rossi. Dalla Bocchetta del Camoscio alla vetta, principalmente con bolli rossi. Anche la consigliabile discesa dal Rifugio Merelli al Coca è ovviamente interamente segnalata.
- Il percorso classico di salita al Rifugio Curò sulla stradina sterrata che poi diventa una mulattiera, è monotono, ma allietato dalla spettacolare visione delle Cascate del Serio, le più alte in Italia e le seconde in Europa. Dal Piano del Barbellino si sviluppano con 3 salti successivi per un’altezza totale di 315 m, precipitando in uno splendido anfiteatro di rocce scure, erba e rade macchie di faggi. Con la costruzione delle dighe le cascate vennero interrotte. Attualmente vengono riaperte in concomitanza con la stagione turistica. Lo spettacolo, uno tra i più belli d’Italia, richiama ogni anno migliaia di turisti.
- L’accesso alla Bocchetta del Camoscio è decisamente più semplice dal versante W, mentre dalla Valmorta è un pò più complicato, sia per la presenza nella parte superiore di una paretina rocciosa di I°, sia per i traversi franosi, un pò ripidi, che precedono il valico. Tuttavia, la salita di questo tratto la si affronta senza particolari patemi, mentre la discesa richiede sicuramente maggiore prudenza. Alcuni passaggi sotto la bocchetta stanno comunque per essere attrezzati con catene.
- La cresta SE presenta 2 tratti di I°+ che richiedono un pò di attenzione. Il primo è il canaletto, alto una trentina di metri, che si trova poco sopra la Bocchetta del Camoscio. Il secondo è un risalto verticale di una quindicina di metri che si trova più avanti. Entrambi dispongono comunque di buoni appigli ed in effetti non presentano particolari difficoltà nemmeno in discesa.
- La corda per un escursionista esperto non dovrebbe essere necessaria. In vetta ci siamo ritrovati in una ventina di persone ma nessuno l’ha utilizzata né in salita né in discesa. Tra l’altro, personalmente non l’avevo nemmeno al seguito. Comunque è sempre una valutazione soggettiva quella di portarla o meno. Sicuramente utile il casco, a causa anche delle numerose comitive che potrebbero smuovere le pietre.
- La discesa dal Rifugio Merelli al Coca, come già accennato, è da consigliare, sia per diversificare l´itinerario, sia perché il sentiero è più semplice e diretto, sebbene costantemente ripido.
- Il notevole dislivello consiglia, se non fisicamente ben preparati, di suddividere l´ascesa in 2 giorni.


Accesso:

Da Bergamo e dintorni si prende la SP ex SS 671 della Valle Seriana, fino al bivio per Clusone, poi la SP 49 fino a Valbondione, località Bondione. Al bivio che c’è all’entrata di questo paese si prende a destra, si attraversa subito sopra un ponte il Fiume Serio e poco più avanti si curva a sinistra della chiesa. Dopo circa un centinaio di metri in salita, sulla sinistra c’è un grande parcheggio dove lasciare l’auto e il palazzetto dello sport all’interno del quale c’è l’ufficio turistico, dove si può acquistare il Pass parcheggio, valevole su tutto il territorio del comune di Valbondione. Il prezzo per un giorno è di € 5.00, per 2 o 3 giorni € 10.00. All’esterno dell’ufficio turistico, eventualmente, c’è anche una cassa automatica per l’acquisto del Pass.


Descrizione della salita:

Dal parcheggio nei pressi del palazzetto dello sport ci s’incammina in salita lungo la strada asfaltata e s’imbocca la via on.le T. Pacati. Un centinaio di metri più avanti si compie un tornante destrorso e si prosegue ancora per un altro centinaio di metri, fino ad un bivio, dove si prende, a sinistra, la via Curò che all’inizio riporta diversi cartelli indicatori per i Rifugi Curò, Consoli e Barbellino; ci troviamo in località Beltrame. Si segue la strada che sale con pendenza costante, inizialmente ancora asfaltata, poi sterrata e che si addentra in un fresco bosco (segnavia 305). Si segue a lungo la sterrata, dentro e fuori da numerosi valloncelli ma sempre in direzione NE.
Oltrepassata la Valle Veggiolo la stradina si trasforma in una larga mulattiera e si compie il primo tornante che è destrorso. Poco più avanti c’è un bivio, la mulattiera prosegue comodamente a destra. Se invece si vuole abbreviare un pò il percorso, si prende, a sinistra, la variante con segnavia 305 A. Questo sentiero, non riportato sulla carta della Kompass, sale ripidamente e in alcuni tratti è attrezzato con catene, ma in condizioni normali è elementare. Ad ogni modo, dopo circa h 2.30/2.40 di cammino si arriva, prima all’Ostello Curò e 30 metri dopo al Rifugio Curò (q. 1895 m) che si trova alto sopra la sponda meridionale del Lago artificiale di Barbellino.
Si segue ora il sentiero pianeggiante con i segnavia 303 / 323 che aggira il rifugio da S a N in senso antiorario e si prosegue con percorso un pò altalenante, alti sopra la riva meridionale del lago artificiale. Il sentiero in questo tratto è un poco impervio e attrezzato in alcuni punti con catene ma è sempre abbastanza largo. Al suo termine si arriva alla casa dei guardiani, in prossimità della corona del muraglione della diga. Per entrare in Valmorta sarebbe sufficiente attraversare la comoda corona della diga e poi prendere il sentiero, inizialmente pianeggiante, che si stacca verso sinistra, all’altezza della corona, ma l’accesso non è consentito ed è sbarrato da cancelli.
Bisogna quindi scendere l’evidente sentiero che conduce a metà strada, tra il laghetto della diga di Valmorta a sinistra e la base dell’alto muraglione della diga del Barbellino a destra, perdendo circa un centinaio di metri di dislivello. Si risale poi senza percorso obbligato il pendio di erba e detriti, a sinistra dell’alto muraglione, fino ad imboccare la traccia, ora ben segnalata che si stacca a pari altezza della corona della diga. In effetti il pendio di erba e detriti di fianco al muraglione è l’unico tratto dove i segnavia sono quasi del tutto assenti, ma il percorso è facile ed evidente. Si prosegue poi lungo lo stretto sentiero (segnavia 323) che inizialmente traversa pianeggiante verso W e poi sale in direzione NW.
Si superano alcuni facili passaggi rocciosi attrezzati con catene e si entra a mezzacosta nella desolata ma bellissima Valmorta. Più avanti ci si abbassa brevemente nella conca al centro della valle, dove si trova il piccolo Lago di Valmorta (q. 2148 m). Poi, dopo aver aggirato il laghetto a destra, si seguono i numerosi segnavia e si inizia a rimontare un lunghissimo pendio di detriti e ghiaie, in direzione SW. Dopo circa 300 metri di dislivello dal laghetto, si approda in una vasta conca detritica a (q. 2443 m). Da qui è ben evidente il nostro prossimo obiettivo, la Bocchetta del Camoscio (q. 2719 m).
Dopo un’iniziale risalita su detriti al centro del vallone, i segnavia conducono alla base di una paretina rocciosa che si trova a destra del canalone principale che scende dalla bocchetta. Si arrampica facilmente (I°) questa paretina, senza troppa esposizione e seguendo ovviamente i segnavia. Si prosegue poi sulla destra, si attraversano alcuni tratti franosi ed infine si arriva alla Bocchetta del Camoscio, dove converge anche la via, molto più frequentata, che sale dal Rifugio Merelli al Coca. Inizia ora la divertente scalata della cresta SE. Appena sopra il valico precitato (vedi 1a immagine di dettaglio) c’è un ripido canaletto che è il tratto più impegnativo dell’intera salita, ma che in effetti non pone particolari difficoltà (I°+).
Poco più avanti c’è un bivio segnalato sui sassi, con la scritta “difficile” a destra e “facile” a sinistra. La variante di destra presenta difficoltà di II°, quella di sinistra di I°, poi le due vie convergono. Si prosegue per canaletti detritici e poco sopra si affronta un risalto roccioso assai ripido e un pò esposto di I°/I°+ ma ben gradinato e con buoni appigli. Si segue poi senza problemi un tratto di cresta quasi pianeggiante (vedi 2a immagine di dettaglio) e si continua seguendo sempre i segnavia, per canaletti e brevi saltelli, senza più particolari difficoltà, fino a raggiungere la croce di vetta.


Discesa:

Si offrono 2 possibilità:
1) Come per la salita.
2) Dal Rifugio Merelli al Coca. In questo caso si ridiscende fino alla Bocchetta del Camoscio, poi si seguono i segnavia in direzione WSW, inizialmente su pietraie, poi traversando a destra un pendio erboso, quindi si scende lungamente un ripido costone. Poco prima di raggiungere il lago di Coca (q. 2108 m) si affronta un canaletto roccioso di I°, poco più in basso si guada il torrente emissario del lago e si prosegue sul versante destro orografico, fino al pianoro erboso sottostante al cui termine, sopra una rupe, si trova il Rifugio Merelli al Coca (q. 1892 m). Si continua la discesa su sentiero ben marcato e sempre con sostenuta pendenza. Si affronta un tratto roccioso e umido attrezzato con catene, comunque elementare in condizioni normali e poco sotto si entra in un bosco di faggi che si scende a lungo con numerosissime svolte. Nella parte inferiore il bosco si dirada, fino ad arrivare sulla sponda destra orografica del Fiume Serio. Si segue poi, verso destra, il sentiero pianeggiante che costeggia costantemente la riva destra del fiume, per circa 1 km o poco più e si arriva al paese di Valbondione, esattamente al ponte che precede di un centinaio di metri la chiesa e da qui in breve si raggiunge il parcheggio.


Note:

NOTA 1
Il Rifugio Curò è aperto tutti i giorni da inizio giugno a fine settembre, solo nei fine settimana a maggio e da fine settembre ad inizio novembre. Tel: 0346 44 076
Il Rifugio Consoli (nell’estate 2020 chiuso per ristrutturazione) è aperto tutti i giorni i mesi di luglio e agosto e solo nei fine settimana in giugno, settembre e ottobre. Tel: 328 96 65 944
NOTA 2
Ulteriori informazioni o immagini di questa o di altre ascensioni da me effettuate e presenti su vienormali.it, possono essermi richieste all’indirizzo email: vardinellipiero@gmail.com


© VieNormali.it

Foto non disponibile Foto non disponibile Foto non disponibile
A centro immagine il canaletto di I+, dalla Bocchetta del Camoscio Un tratto quasi pianeggiante nella parte mediana della cresta SE Panorama di vetta, verso NW


Revisione: relazione rivista e corretta il 29/08/2020 dalla redazione di VieNormali.it

  


Carte escursionistiche sulle Prealpi:



Libri suggeriti sulle Prealpi:


Prealpi Lombarde Centrali  Prealpi Lombarde Occidentali  Prealpi Bresciane  Ferrate in Lombardia e Svizzera   Nel giardino di pietra  Corni di Canzo e Moregallo  Scialpinismo tra Lombardia e Grigioni  Ghiaccio delle Orobie
Ultime 10 scalate Ultime 20 scalate...
Elenco scalate Elenco delle scalate...

Guide escursionistiche Guide escursionistiche consigliate:
           >> Ghiaccio Orobico - Michele Cisana
           >> Arrampicate sportive e moderne fra Lecco e Como - Eugenio Pesci
           >> Alpi Orobie Over 2000 - Vol. 1 - Alessio Pezzotta
           >> Alpi Orobie Over 2000 - Vol. 2
           >> Alpi Orobie Over 2000 - Vol. 3
           >> Prealpi Lombarde Centrali
   Condividi su:




SCOPRI LE NOVITA' EDITORIALI SULLA MONTAGNA DI:

Newsletter

Per ricevere la newsletter periodica del sito inserisci qui il tuo indirizzo e-mail:



Precedenti newsletter >>
Scopri i prodotti alla spirulina Bio Salera

Proposta per Guide Alpine e Accompagnatori di Media Montagna


Primo Piano

Solo granito - Vol. 1

Solo granito - Vol. 1

Solo granito - Vol. 2

Solo granito - Vol. 2

Monte Baldo Rock

Monte Baldo Rock

Arrampicare - Dolomiti Nord Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Nord Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Sud-Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Sud-Occidentali

Wild Dolomiti

Wild Dolomiti

Ferrate dell'Alto Garda

Ferrate dell'Alto Garda

Prealpi Lombarde Centrali

Prealpi Lombarde Centrali

Il grande libro dei 4000

Il grande libro dei 4000

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 1

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 1

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 2

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 2

Alta Valsesia

Alta Valsesia

Dolomiti

Dolomiti

Parco d'Abruzzo

Parco d'Abruzzo

Il Terminillo e i Monti Reatini

Il Terminillo e i Monti Reatini

I 2000 dell Appennino

I 2000 dell Appennino


VieNormali consiglia

APP Idea Montagna:
Download Apple Store
Download Google Play Store
Scarica singoli itinerari di montagna
o libri interi sul tuo cellulare o tablet!

Libri di montagna Idea Montagna Editoria e Alpinismo

Libri di montagna Versante Sud

Libri di montagna Iter Edizioni

Libri di montagna ViviDolomiti

Carte escursionistiche e libri Geo4Map

Dolomiti.it - Portale sulle Dolomiti



Save the Children Italia Onlus Climb for life T-shirt Climbers against cancer