Informativa Cookie: questo sito utilizza cookie tecnici propri necessari al suo funzionamento e cookie di profilazione di terze parti per visualizzare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dagli utenti nella navigazione in rete. Si invita a leggere la Cookie Policy in cui sono presenti le informazioni sui cookie utilizzati dal sito, su quali informazioni vengono raccolte e le istruzioni su come negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. La prosecuzione della navigazione mediante accettazione dei cookie, chiusura di questo banner informativo, accesso ad altra area del sito, selezione di un elemento dello stesso sottostante questo banner (ad esempio di una immagine o di un link) o scorrimento della pagina verso il basso comporta l'automatica prestazione del consenso a utilizzare i cookie.

In conformità al provvedimento del Garante della Privacy del 8 maggio 2014, G.U. n. 126 del 3/6/2014, attuazione della Dir. UE sui cookie 2009/136/CE
OKNon accetto i cookie

VieNormali.it
Home | Mappa del sito | Gruppo VN | Shopping | Guide di montagna | Ordini   VieNormali su Facebook   Canale You Tube VieNormali   Instagram VieNormali  

Accedi al sito   Registrati al sito   

   
Gruppi Montuosi
Legenda gruppi...

Cerca la cima:
 

Filtri di ricerca >>

Alpi Occidentali:
 
Alpi Centrali:
 
Alpi Orientali:
 
Prealpi:
 
Appennino:
 
Alpi Estere:
 
Quota:
 



Corona di Redorta - 2804 m


Relazione della salita - Cima n° 3412


Via Normale Corona di Redorta

In giallo il canale, dal “pianoro per pacifiche meditazioni”
Regione: Estero (EsteroSvizzere

Alpi e Gruppo: Alpi Occidentali - Alpi Lepontine - Gruppo Verzasca

Provincia: Estero

Punto di partenza: Sonogno (q. 918 m)

Versante di salita: SE-SSW

Dislivello di salita: 1900 m - Totale: 3800 m

Tempo di salita: 6,15 h - Totale: 12,00 h

Periodo consigliato: dai primi di luglio a metà ottobre

Punti di appoggio: Nessuno
Tipo di via: Via normale
Tipo di percorso: Traccia e roccette, passaggi su roccia
Difficoltà:   EE - A - II - F+ (scala difficoltà)
Attrezzatura:
Valutazione:
Libro di vetta: si
Cartografia: CARTA NAZIONALE DELLA SVIZZERA N. 1272 – Pizzo Campo Tencia 1:25000
Autore: Piero V.  Profilo di Piero V. - Altre salite dell'autore
Data della salita: 12/07/2020
Data pubblicazione: 17/07/2020
N° di visualizzazioni: 146
N° voti: 0

Dai il tuo voto a questa relazione:

1 stella  2 stelle  3 stelle
                                    
4 stelle  5 stelle
                                
Bandierina
1 scalatore è stato su questa cima

E tu l'hai salita?
  

Segnala la cima Segnala questa cima ad un amico...


Guide Alpine e Accompagnatori di Media Montagna disponibili per questa cima:


Vai all'elenco completo delle Guide Alpine/Accompagnatori di Media Montagna

Guarda tutte le proposte delle Guide Alpine/Accompagnatori di Media Montagna


Introduzione:

Bellissima vetta da ovunque la si osservi, la seconda per altezza della Val Verzasca, dopo il Pizzo Barone. Possiede un fascino particolare che cattura fin dal primo sguardo e allora il desiderio di salirla fino al suo vertice è irrinunciabile. La Corona di Redòrta esula dal contesto delle maggiori vette della Val Verzasca, contrariamente a queste: non ha un itinerario segnalato fino in cima, non ha nemmeno un sentiero di avvicinamento, ma solo una labile traccia, non ha punti di appoggio, inoltre per raggiungerla occorre una lunga e faticosa salita dal fondovalle con un notevole dislivello da superare. Ma tutto è ampiamente ricompensato dalla soddisfazione di aver raggiunto una vetta ambita, discretamente impegnativa e dallo straordinario panorama. Se si ha la fortuna di trovare una giornata tersa, ci si potrebbe passare un’intera mattinata sulla cima ad ammirare le vette, specie quelle all’orizzonte vicino e le vallate sottostanti, ma la discesa è lunga e non concede troppe divagazioni.
Le difficoltà tecniche della salita, seppure relative (un breve tratto di II° poi I°), sono concentrate nella parte media-superiore del canale, alto poco più di 100 metri, che permette di accedere dapprima alla corona (cengia) che fascia in versante SE e poi alla cresta SSW. Quest’ultima è facile (I°), le maggiori asperità si possono aggirare senza particolare esposizione.
La corda e il casco potrebbero essere utili nel canale.
L’itinerario è ben segnalato fino all’Alpe della Redòrta (q. 1714 m), poi traccia fino al “pianoro per pacifiche meditazioni”, così definito da Giuseppe Brenna il ripiano che si trova poco a N della (q. 2269 m). Alcuni sbiaditi bolli rossi nel canale ci rassicurano di essere sulla via esatta e qualche ometto di pietre ci guida lungo la cresta SSW.


Accesso:

Dall’autostrada Como - Chiasso – San Gottardo si esce allo svincolo di Bellinzona Sud, dove si imbocca la strada cantonale per Locarno. Si prosegue per un lungo tratto seguendo sempre le indicazioni per Locarno e si arriva alla grande rotonda presente nei pressi dell’aeroporto di Magadino. Qui si prende la prima uscita per Gordola e Valle Verzasca e giunti a Gordola si prende la deviazione che sale nella valle. Si oltrepassa Vogorno, Lavertezzo, Brione Verzasca, Gerra Verzasca, Frasco ed infine si arriva all’ultimo paese della valle, Sonogno. All’entrata dell’abitato c’è un cartello di divieto di transito e sulla destra, un grande parcheggio a pagamento, (10 frs per un giorno più 4 frs per ogni giorno successivo, portare i frs in moneta perché non vengono accettate le banconote. È anche possibile acquistare presso qualche chiosco o esercizio pubblico della valle la parking card agli stessi prezzi). L’accesso con auto sulla strada dapprima asfaltata e poi sterrata della Val Redorta che termina a Corte, non è consentito. Se si pernotta al Ristorante Alpino di Sonogno (costo frs 45.00) è possibile lasciare gratuitamente l’auto nel parcheggio privato del ristorante.


Descrizione della salita:

A Sonogno si imbocca a piedi la Strada de Redorta che passa davanti alla bella chiesa, poi svolta a destra ed inizia a risalire la Val Redòrta. Ad un primo bivio con una strada che ricondurrebbe in paese, si prosegue a sinistra. Si oltrepassano le località di Püscìd, Froda, Faièd, Fracèd ed infine Corte, dove termina la strada. Si segue ora il sentiero con segnavia bianchi-rossi-bianchi che dopo un paio di svolte supera in rapida successione due torrenti sopra altrettanti ponticelli. Si prosegue in parte nel rado bosco e in parte all’aperto, sempre in direzione W, fino al nucleo consistente di baite di Püscen Negro (q. 1343 m).
Il sentiero volge in direzione NW, si attraversa il torrente sopra un ponte e si sale per aperto pascolo, poi lungo un dosso delimitato da due torrenti. Più avanti si svolta a destra e si arriva all’Alpe della Redòrta (q. 1714 m), sovrastato da un’alta parete rocciosa. Qui si abbandonano i segnavia che condurrebbero alla Forcarella di Redòrta e si sale, inizialmente senza traccia, sul dosso erboso a destra dell’alpe. La traccia non segnalata ma sempre abbastanza evidente che ci guiderà in direzione NNE poi NW fino al pianoro per pacifiche meditazioni, non è subito individuabile. Bisogna salire per un centinaio di metri, fino all’estrema destra della parete rocciosa che sovrasta l’alpe.
Esattamente dove termina la parete appare ben evidente la traccia. Bisogna fare un po’ di attenzione per riuscire ad individuarla e poi a non perderla, altrimenti la risalita di questi alti pendii erbosi e cespugliosi risulterà assai poco agevole. Ad ogni modo, dopo averla raggiunta, la traccia traversa quasi subito a sinistra, sopra la parete rocciosa, poi volge a destra e sale per ripidi prati, supera una bassa fascia rocciosa e prosegue al disopra ancora per pendii erbosi e cespugliosi. Quindi sale in obliquo a destra, attraversa il torrente e risale con diverse svolte l’evidente pendio erboso che conduce ad W della (q. 2238 m), dove ci si ricollega alla traccia che proviene da Cortesell e Starlarisc.
Si prosegue ora in direzione NW e si approda al pianoro sopra citato (vedi immagine principale) situato poco a N della (q. 2269 m). Dopo aver individuato il canale che permette di accedere alla corona e poi alla cresta SSW e che si trova esattamente sotto la verticale della massima depressione tra la spalla SSW e la vetta, si risale un pendio detritico e si entra nel canale, umido e che diventa sempre più ripido e stretto. Un bollo rosso sbiadito sulle rocce di destra all’inizio del canale ci rassicura di trovarci in quello giusto. Si inizia a risalirlo prestando le dovute attenzioni alle rocce instabili e senza particolari difficoltà.
Poi, nel tratto medio-superiore il canale si biforca, se si prosegue a sinistra, una ventina di metri sopra bisogna superare un gradino roccioso di 3 o 4 metri che presenta un impegnativo passaggio di III°. Si può allora retrocedere e appena possibile obliquare sulla diramazione di destra. Questo traverso obliquo, l’entrata nella diramazione di destra e il successivo breve risalto roccioso, rappresentano il tratto più esposto ed impegnativo (II°) dell’intera ascesa. Poi si prosegue sempre su terreno ripido ma più facile e si sbuca sul pianoro superiore (la corona da cui prende il nome la vetta). Con percorso evidente si sale alla massima depressione tra la spalla e la vetta.
Poi si segue la cresta SSW che da qui in avanti è facile, si aggirano alcuni risalti a destra o sinistra e si prosegue senza particolari difficoltà fino a raggiungere la vetta.


Discesa:

Come per la salita.


Note:

Ulteriori informazioni o immagini di questa o di altre ascensioni da me effettuate e presenti su vie normali.it, possono essermi richieste all’indirizzo email: vardinellipiero@gmail.com


© VieNormali.it

Via Normale Corona di Redorta - Sulla facile (I°) cresta SSW
Via Normale Corona di Redorta - Panorama di vetta, verso N
Via Normale Corona di Redorta - In discesa, nel tratto più impegnativo ed esposto del canale
Sulla facile (I°) cresta SSW Panorama di vetta, verso N In discesa, nel tratto più impegnativo ed esposto del canale

Zoom immagini: passare col mouse sopra le immagini per vedere un ingrandimento (attendere il completo caricamento della pagina).

Revisione: relazione rivista e corretta il 03/08/2020 dalla redazione di VieNormali.it

  


Carte escursionistiche sulle Alpi Occidentali:



Libri suggeriti sulle Alpi Occidentali:


Ultime 10 scalate Ultime 20 scalate...
Elenco scalate Elenco delle scalate...
   Condividi su:




SCOPRI LE NOVITA' EDITORIALI SULLA MONTAGNA DI:

Iter Edizioni - Itinerari più belli

Libri di montagna

Newsletter

Per ricevere la newsletter periodica del sito inserisci qui il tuo indirizzo e-mail:



Precedenti newsletter >>
Climbing Technology - Piccozza Dron Plus

Piccozza per canali di neve, pareti nord e creste di misto. Possibilità di aggiungere il sostegno BUMPER al puntale per trazione su tratti di neve dura e passaggi su ghiaccio. Testa in acciaio forgiato a caldo; manico rastremato in lega leggera, dritto alla base per una migliore penetrazione nella neve; impugnatura ergonomica sovrastampata; testa e puntale con fori per moschettone o fettuccia; dragonne classica DRAG-TOUR.


Proposta per Guide Alpine e Accompagnatori di Media Montagna


Primo Piano

Solo granito - Vol. 1

Solo granito - Vol. 1

Solo granito - Vol. 2

Solo granito - Vol. 2

Monte Baldo Rock

Monte Baldo Rock

Arrampicare - Dolomiti Nord Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Nord Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Sud-Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Sud-Occidentali

Wild Dolomiti

Wild Dolomiti

Ferrate dell'Alto Garda

Ferrate dell'Alto Garda

Prealpi Lombarde Centrali

Prealpi Lombarde Centrali

Il grande libro dei 4000

Il grande libro dei 4000

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 1

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 1

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 2

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 2

Alta Valsesia

Alta Valsesia

Dolomiti

Dolomiti

Parco d'Abruzzo

Parco d'Abruzzo

Il Terminillo e i Monti Reatini

Il Terminillo e i Monti Reatini

I 2000 dell Appennino

I 2000 dell Appennino


VieNormali consiglia

APP Idea Montagna:
Download Apple Store
Download Google Play Store
Scarica singoli itinerari di montagna
o libri interi sul tuo cellulare o tablet!

Libri di montagna Idea Montagna Editoria e Alpinismo

Libri di montagna Versante Sud

Libri di montagna Iter Edizioni

Libri di montagna ViviDolomiti

Carte escursionistiche e libri Geo4Map

Dolomiti.it - Portale sulle Dolomiti



Save the Children Italia Onlus Climb for life T-shirt Climbers against cancer