Informativa Cookie: questo sito utilizza cookie tecnici propri necessari al suo funzionamento e cookie di profilazione di terze parti per visualizzare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dagli utenti nella navigazione in rete. Si invita a leggere la Cookie Policy in cui sono presenti le informazioni sui cookie utilizzati dal sito, su quali informazioni vengono raccolte e le istruzioni su come negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. La prosecuzione della navigazione mediante accettazione dei cookie, chiusura di questo banner informativo, accesso ad altra area del sito, selezione di un elemento dello stesso sottostante questo banner (ad esempio di una immagine o di un link) o scorrimento della pagina verso il basso comporta l'automatica prestazione del consenso a utilizzare i cookie.

In conformità al provvedimento del Garante della Privacy del 8 maggio 2014, G.U. n. 126 del 3/6/2014, attuazione della Dir. UE sui cookie 2009/136/CE
OKNon accetto i cookie

VieNormali.it
Home | Mappa del sito | Gruppo VN | Shopping | Guide di montagna | Ordini   VieNormali su Facebook   Canale You Tube VieNormali   Instagram VieNormali  

Accedi al sito   Registrati al sito   

   
Gruppi Montuosi
Legenda gruppi...

Cerca la cima:
 

Filtri di ricerca >>

Alpi Occidentali:
 
Alpi Centrali:
 
Alpi Orientali:
 
Prealpi:
 
Appennino:
 
Alpi Estere:
 
Quota:
 


Sampaoli Creazioni

Cima di Bri - 2520 m


Relazione della salita - Cima n° 3389


Via Normale Cima di Bri

La Cima di Bri, ripresa dalla Capanna Fümegna
Regione: Estero (EsteroSvizzere

Alpi e Gruppo: Alpi Occidentali - Alpi Lepontine - Gruppo Verzasca

Provincia: Estero

Punto di partenza: Lavertezzo, località Pian Vaccaresc (q. 650 m)

Versante di salita: SE

Dislivello di salita: 1900 m - Totale: 3800 m

Tempo di salita: 6,00 h - Totale: 12,00 h

Periodo consigliato: da metà maggio a metà ottobre

Punti di appoggio: Capanna Fümegna (q. 1810 m)
Tipo di via: Via normale
Tipo di percorso: Senza traccia
Difficoltà:   EE - A - II- - F+ (scala difficoltà)
Attrezzatura:
Valutazione:
Libro di vetta: si
Cartografia: CARTA NAZIONALE DELLA SVIZZERA N. 1293 – Osogna 1:25000
Autore: Piero V.  Profilo di Piero V. - Altre salite dell'autore
Data della salita: 21/05/2020
Data pubblicazione: 24/05/2020
N° di visualizzazioni: 710
N° voti: 0

Dai il tuo voto a questa relazione:

1 stella  2 stelle  3 stelle
                                    
4 stelle  5 stelle
                                
Bandierina
1 scalatore è stato su questa cima

E tu l'hai salita?
  

Segnala la cima Segnala questa cima ad un amico...


Guide Alpine e Accompagnatori di Media Montagna disponibili per questa cima:


Vai all'elenco completo delle Guide Alpine/Accompagnatori di Media Montagna

Guarda tutte le proposte delle Guide Alpine/Accompagnatori di Media Montagna


Introduzione:

Fa parte della triade, assieme alla Cima Lunga e al maestoso Poncione Rosso, che corona a N la selvaggia e impervia Val Pincascia, laterale della Valle Verzasca. Da SE, dall’Alpe Fümegna, si presenta come un largo trapezio di ripide rocce ed erba, mentre da settentrione, in particolare da NW, precipita con una considerevole parete. La Cima di Bri fa parte di quelle montagne che non si lasciano raggiungere tanto facilmente, non che il versante SE dove si svolge la via normale sia molto impegnativo, ma la parte sommitale si presta a diverse interpretazioni di salita, comunque mai banali. A tale riguardo va precisato che la Guida delle Alpi Ticinesi 2 del CAS, valuta l’itinerario da SE di difficoltà EI, escursione particolarmente impegnativa. Con questa sigla - cita testualmente la guida del CAS - si intende la scalata di versanti erbosi molto ripidi ed esposti, con presenza di roccette di I e II grado. Le prese per le mani e gli appoggi per i piedi sono costituiti generalmente da ciuffi d’erba e da rocce che potrebbero essere instabili. La difficoltà globale dell’itinerario può essere paragonata a quella degli itinerari alpinistici del tipo da F a PD. L’itinerario EI si caratterizza comunque nettamente per il particolare terreno.
Inoltre bisogna tener presente che l’ascesa, se effettuata in giornata, è lunga e con un dislivello di tutto rispetto, va quindi affrontata con un adeguato allenamento. L’itinerario è segnalato fino alla baita di (q. 1978 m) nella conca sotto Fornaa, ma poi il percorso di avvicinamento è abbastanza intuitivo.
Da segnalare che il suggestivo percorso tra la località Cognera e l’Alpe Fümegna, è caratterizzato dalla presenza di numerose cascate che, assieme al tumultuoso torrente principale, creano un fragore incessante, in particolare se nei giorni precedenti ci sono state abbondanti precipitazioni. Bisogna inoltre affrontare diversi guadi, ma l’unico che potrebbe creare qualche problema è quello sul torrente principale a circa (q. 1450 m), sotto l’Alpe Fümegna. Essendo la vetta più elevata di questo settore, offre uno straordinario panorama, sulle tre valli di cui si trova al vertice, sulle montagne della regione, ma principalmente è unico sul Poncione Rosso con la sua stupenda parete W a forma di ventaglio.


Accesso:

Dall’autostrada Como - Chiasso – San Gottardo si esce allo svincolo di Bellinzona Sud, dove si imbocca la strada cantonale per Locarno. Si prosegue per un lungo tratto seguendo sempre le indicazioni per Locarno e si arriva alla grande rotonda presente nei pressi dell’aeroporto di Magadino. Qui si prende la prima uscita per Gordola e Valle Verzasca e giunti a Gordola si prende la deviazione che sale nella valle. Superato il paese di Vogorno in breve si arriva a Lavertezzo, dove c’è il famoso e ben visibile Ponte dei Salti. Cento metri prima di questo ponte si svolta a destra e, seguendo sempre le indicazioni dei cartelli per Verzolo (Verzöö sulla CNS), si prosegue sulla strada asfaltata, tranne gli ultimi 200 metri, che termina a (q. 650 m) esattamente sotto la località Cognera. Parcheggi limitati.


Descrizione della salita:

Il cartello presente al termine della strada, dove si parcheggia, riporta Pian Vaccaresc (q. 650 m), ma qui di pianeggiante c’è ben poco, la valle è una gola incassata. Ad ogni modo, seguendo le indicazioni dei cartelli che tra l’altro riportano le indicazioni per Cognera e Alpe Fümegna, si risalgono le belle gradinate che con diverse svolte conducono alle baite di Cognera (q. 758 m). Si prosegue poi sul sentiero semipianeggiante che taglia il ripido costone della montagna in direzione NNE e, dopo aver oltrepassato Cognera di dentro (q. 790 m), più avanti si arriva alla località Forno (q. 824 m). Si attraversa poi sopra un ponte l’impetuoso torrente che scende dalla Val d’Agro e si entra in Val Pincascia.
Con salita regolare, dentro e fuori da numerose vallette, si passa dalla baita di (q. 1155 m) di fronte alla località Pincascia. Ai bivi che si incontrano si seguono sempre le indicazioni per Alpe o Capanna Fümegna. Nel prosieguo il sentiero inizia a prendere quota, rimanendo però ancora sul fondovalle. Più avanti si attraversa il torrente principale, con il rischio di bagnarsi i piedi se c’è molta acqua. Con ascesa ora più ripida si arriva finalmente all’Alpe Fümegna inferiore (q. 1627 m), dove si esce definitivamente dal bosco. Seguendo sempre il sentiero segnalato, si attraversa un piccolo torrente e si risale un ripido pendio erboso, sbarrato in alto da una fascia rocciosa che si aggira a sinistra, con un traverso un po’ impervio.
Si prosegue poi nella salita fino a raggiungere l’Alpe Fümegna superiore, dove c’è la capanna omonima (q. 1810 m, h. 3.30 dalla partenza). Tralasciando ora le segnalazioni dei vari cartelli, si segue la traccia con segnavia bianchi-azzurri-bianchi, che sale alle spalle dell’alpe. Si traversa poi a sinistra guadando due rami del torrente e si prosegue per aperto pascolo, in direzione N, fino alla baita di (q. 1978 m), nella conca sotto Fornaa. Qui si imbocca una traccia, non segnalata ma evidente, che traversa pianeggiante in direzione WSW, aggirando in questo modo la fascia di rocce della Cima Lunga che precipita su Fornaa.
Si prosegue nella traversata, fino poco prima della (q. 2006 m) del Cantone di Cuneggio, poi si risalgono pendii erbosi con fastidiosi cespugli di rododendri e ginepri, aggirando le rocce, in direzione della vetta (l’itinerario da me seguito in discesa). È anche possibile prendere quota ben prima della citata (q. 2006 m), risalendo un largo ed evidente conoide erboso che termina contro delle rocce e poi traversare a lungo verso sinistra (l’itinerario da me seguito in salita, che è meno faticoso del precedente perché non presenta cespugli, sebbene il breve aggiramento a sinistra delle rocce citate sia un po’ ripido).
Ad ogni modo, bisogna poi raggiungere il pendio erboso che si trova sopra la verticale di una vasta colata di detriti, ben visibile anche nell’immagine principale. Qui giunti, si aggira a sinistra un caratteristico scoglio roccioso e su balze erbose sempre più ripide, ma facili, si sale per un buon tratto in linea quasi retta giungendo sotto le rocce della cresta SW. Con percorso evidente si prosegue sulla destra fino ad individuare una rampa trasversale di placche gradinate che nel finale presentano però un passaggio di II+
Quindi, prima che queste placche gradinate inizino, si sale al disopra di esse, da sinistra verso destra, su cenge oblique in parte erbose e in parte rocciose, in alcuni tratti un po’ esposte. Quando la cengia diventa troppo stretta, scompare o la logica lo richiede, si risale qualche breve saltello e si guadagna la cengia superiore. Nel caso il saltello risultasse impegnativo, si retrocede alcuni metri e si individua quello più facile (massimo II-), fino ad arrivare sotto le rocce verticali dell’ultimo tratto della cresta SW. Si prosegue poi ancora nella traversata obliqua su cengia, fino a sbucare direttamente in vetta (h. 6.00 dalla partenza).


Discesa:

Come per la salita.


Note:

NOTA 1
Tutte le informazioni riguardanti la Capanna Fümegna sono reperibili sul sito: www.capanneti.ch
NOTA 2
Sul sito hikr.org sono presenti 2 relazioni con interessanti foto che riguardano l’ascesa dal versante SE della Cima di Bri. In una delle relazioni i partecipanti sono saliti dalla ripida rampa trasversale (ben individuabile durante l´ascesa) di placche gradinate che nel finale presentano un passaggio di II+, che hanno poi disceso in corda doppia. Nell’altra relazione l’autore, presumo in solitaria come il sottoscritto, dal versante SE ha raggiunto (ma non sono riuscito ad individuare il passaggio) l’ultimo tratto della cresta SW per la quale è salito in vetta, probabilmente senza corda, ma l’utilizzo o meno della stessa è ovviamente sempre una scelta soggettiva.
La via da me utilizzata e proposta nella descrizione della salita, si sviluppa sulle cengette erbose e rocciose, un po’ esposte, che si trovano a metà strada tra le due relazioni citate. Ecco perché nell’introduzione ho riportato che la parte sommitale si presta a diverse interpretazioni di salita.
Pur avendo al seguito la corda, non mi è stato necessario utilizzarla nè in salita nè in discesa, anche perché i passaggi su roccia non superano il I+/II-
Nella parte sommitale è meglio erigere dei piccoli ometti di pietre, nei punti i cui si affrontano i saltelli tra una cengia e l’altra, molto utili in discesa.
NOTA 3
Le immagini della relazione: Cima Lunga, possono fornire utili indicazioni.
NOTA 4
Ulteriori informazioni o immagini di questa o di altre ascensioni da me effettuate e presenti su vienormali.it, possono essermi richieste all´indirizzo email: vardinellipiero@gmail.com


© VieNormali.it

Via Normale Cima di Bri - In salita, sopra la rampa trasversale di placche gradinate
Via Normale Cima di Bri - In salita, sulla cengia in parte erbosa e in parte rocciosa del tratto sommitale
Via Normale Cima di Bri - Lo stupendo panorama di vetta sul Poncione Rosso
In salita, sopra la rampa trasversale di placche gradinate In salita, sulla cengia in parte erbosa e in parte rocciosa del tratto sommitale Lo stupendo panorama di vetta sul Poncione Rosso

Zoom immagini: passare col mouse sopra le immagini per vedere un ingrandimento (attendere il completo caricamento della pagina).

Revisione: relazione rivista e corretta il 03/08/2020 dalla redazione di VieNormali.it

  


Carte escursionistiche sulle Alpi Occidentali:



Libri suggeriti sulle Alpi Occidentali:


Ultime 10 scalate Ultime 20 scalate...
Elenco scalate Elenco delle scalate...


Condividi su:




SCOPRI LE NOVITA' EDITORIALI SULLA MONTAGNA DI:

Newsletter

Per ricevere la newsletter periodica del sito inserisci qui il tuo indirizzo e-mail:



Precedenti newsletter >>
Scopri i prodotti alla spirulina Bio Salera

Proposta per Guide Alpine e Accompagnatori di Media Montagna


Primo Piano

Solo granito - Vol. 1

Solo granito - Vol. 1

Solo granito - Vol. 2

Solo granito - Vol. 2

Monte Baldo Rock

Monte Baldo Rock

Arrampicare - Dolomiti Nord Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Nord Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Sud-Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Sud-Occidentali

Wild Dolomiti

Wild Dolomiti

Ferrate dell'Alto Garda

Ferrate dell'Alto Garda

Prealpi Lombarde Centrali

Prealpi Lombarde Centrali

Il grande libro dei 4000

Il grande libro dei 4000

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 1

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 1

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 2

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 2

Alta Valsesia

Alta Valsesia

Dolomiti

Dolomiti

Parco d'Abruzzo

Parco d'Abruzzo

Il Terminillo e i Monti Reatini

Il Terminillo e i Monti Reatini

I 2000 dell Appennino

I 2000 dell Appennino


VieNormali consiglia

Sampaoli Creazioni

APP Idea Montagna:
Download Apple Store
Download Google Play Store
Scarica singoli itinerari di montagna
o libri interi sul tuo cellulare o tablet!

Libri di montagna Idea Montagna Editoria e Alpinismo

Libri di montagna Versante Sud

Libri di montagna Iter Edizioni

Libri di montagna ViviDolomiti

Carte escursionistiche e libri Geo4Map



Save the Children Italia Onlus Climb for life T-shirt Climbers against cancer