Informativa Cookie: questo sito utilizza cookie tecnici propri necessari al suo funzionamento e cookie di profilazione di terze parti per visualizzare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dagli utenti nella navigazione in rete. Si invita a leggere la Cookie Policy in cui sono presenti le informazioni sui cookie utilizzati dal sito, su quali informazioni vengono raccolte e le istruzioni su come negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. La prosecuzione della navigazione mediante accettazione dei cookie, chiusura di questo banner informativo, accesso ad altra area del sito, selezione di un elemento dello stesso sottostante questo banner (ad esempio di una immagine o di un link) o scorrimento della pagina verso il basso comporta l'automatica prestazione del consenso a utilizzare i cookie.

In conformità al provvedimento del Garante della Privacy del 8 maggio 2014, G.U. n. 126 del 3/6/2014, attuazione della Dir. UE sui cookie 2009/136/CE
OKNon accetto i cookie

VieNormali.it
Home | Mappa del sito | Gruppo VN | Shopping | Guide di montagna | Ordini   VieNormali su Facebook   Canale You Tube VieNormali   Instagram VieNormali  

Accedi al sito   Registrati al sito   

   
Gruppi Montuosi
Legenda gruppi...

Cerca la cima:
 

Filtri di ricerca >>

Alpi Occidentali:
 
Alpi Centrali:
 
Alpi Orientali:
 
Prealpi:
 
Appennino:
 
Alpi Estere:
 
Quota:
 



Pizzo Costisc - 2244 m


Relazione della salita - Cima n° 3332


Via Normale Pizzo Costisc

Il Pizzo Costisc visto dalla Cima Basa e la sua articolata cresta
Regione: Estero (EsteroSvizzere

Alpi e Gruppo: Alpi Occidentali - Alpi Lepontine - Gruppo Verzasca

Provincia: Estero

Punto di partenza: Brione Verzasca (q. 756 m)

Versante di salita: N-NE

Dislivello di salita: 1600 m - Totale: 3200 m

Tempo di salita: 4,15 h - Totale: 7,30 h

Periodo consigliato: fine primavera - inizio autunno

Valle: Val Verzasca - Altre cime della Val Verzasca
Punti di appoggio:
Tipo di via: Via normale
Tipo di percorso: Traccia e roccette, passaggi su roccia
Difficoltà:   EE - II+ - F (scala difficoltà)
Attrezzatura:
Valutazione:
Libro di vetta: si
Cartografia: CNS N 1272-1292 Campo Tencia e Valle Maggia
Autore: Irene G.  Profilo di Irene G. - Altre salite dell'autore
Data della salita: 05/10/2019
Data pubblicazione: 08/10/2019
N° di visualizzazioni: 122
N° voti: 0

Dai il tuo voto a questa relazione:

1 stella  2 stelle  3 stelle
                                    
4 stelle  5 stelle
                                
Bandierina
1 scalatore è stato su questa cima

E tu l'hai salita?
  

Segnala la cima Segnala questa cima ad un amico...


Guide Alpine e Accompagnatori di Media Montagna disponibili per questa cima:


Vai all'elenco completo delle Guide Alpine/Accompagnatori di Media Montagna

Guarda tutte le proposte delle Guide Alpine/Accompagnatori di Media Montagna


Introduzione:

Il Pizzo Costisc, con i suoi 2244 m, è un´elevazione rocciosa posta lungo la cresta che separa la Val Verzasca dalla Valle Maggia, la stessa cresta lungo la quale si snoda la bella e non banale Alta Via della Val Verzasca. Questa vetta può essere raggiunta sia dal versante della Valle Maggia, sia da quello della Val Verzasca: in entrambi casi, tuttavia, bisogna fare i conti con un dislivello considerevole.
La cresta che collega la Cima basa al Pizzo Costisc è molto articolata e priva di qualunque segnaletica (idem la discesa lungo la cresta opposta a quella di salita). Nonostante ciò le difficoltà di arrampicata non superano mai il II+ UIAA: corda utile solo per i meno esperti.


Accesso:

Da Como per A9 uscire a Bellinzona sud, dove si imbocca la cantonale per Locarno. Alla rotonda della Piana di Magadino, tenere per Gordola, quindi imboccare la Val Verzasca fino al paese di Brione Verzasca, ove si lascia la macchina nei pressi del cimitero.


Descrizione della salita:

Da Brione (q. 756 m), superare il centro del paese e imboccare la strada asfaltata che si addentra nella lunga Val d´Osura. Seguire la strada per circa 500 metri, fino ad incontrare, sulla sinistra, il bivio segnalato per la località Scimarmota. Scendere per una ventina di metri fino al ponte sul Torrente Osura, al di là del quale si trova la località Sgerbi (q. 769 m).
Seguendo sempre il sentiero ben segnalato, proseguire in direzione di Scimarmota, entrando in un bellissimo bosco di faggi. Oltrepassato il piccolo nucleo di alpeggi della località Sparvè (q. 1016 m), la traccia inizia a salire decisa nel bel bosco, tenendosi sulla sinistra della cascata (faccia a monte).
Mano a mano che si sale nella vallata, il bosco si dirada, lasciando spazio ad ampi pascoli puntellati da larici.
Raggiunta la località Scimarmota (q. 1839 m), ignorare la deviazione per il Lago de Starlaresc de Scimarmota, quindi proseguire verso destra su sentiero un po´ disconnesso.
Si perviene dunque ad una successiva baita isolata, Corte di Cima (q. 2064 m), ove si intercettano i segnavia bianco-blu dell´Alta Via della Val Verzasca.
Ignorare sulla sinistra la deviazione per il Passo Deva, quindi proseguire verso destra seguendo i segnavia bianco-blu.
Aggirato l´imponente contrafforte roccioso posto alla base della cresta NE della Cima Basa, abbandonare il tracciato dell´Alta Via, quindi svoltare decisamente a sinistra e, seguendo una lieve traccia che si snoda tra le rocce e qualche ometto, puntare al facile filo di cresta. Stando sempre sul filo di cresta o appena sotto e seguendo la traccia di sentiero ora più evidente, senza difficoltà alcuna, si è all´ometto di vetta della Cima Basa (q. 2182 m).

Dalla vetta della Cima Basa, perdere una ventina di metri scendendo lungo il ripido versante ovest della montagna (quello che si affaccia sulla selvaggia Valle della Sponda). Senza abbassarsi troppo, reperire l´evidente cengia (vedi foto dettaglio 1) che, aggirando i salti rocciosi posti appena sotto la Cima Basa, per erba e roccette riporta al filo di cresta che collega la Cima Basa al Pizzo Costisc.
Seguire fedelmente il filo di cresta, esposto ma semplice, fino ad una sensibile impennata. Ignorare la traccia di bestie sulla sinistra, quindi salire direttamente il contrafforte roccioso con divertente arrampicata su roccia per lo più solida (II/II+ UIAA). Proseguire sempre sul filo di cresta cercando il passaggio migliore tra i grandi blocchi di gneiss, ora sul versante della Val Verzasca, ora su quello della Valle Maggia.
Ad un certo punto, si raggiunge la base di una grande scaglia rossastra strapiombante: qui occorre aggirare la difficoltà scendendo per una ventina di metri sul versante della Val Verzasca per roccette poco stabili e rododendri, per poi ritornare subito sul filo di cresta non appena possibile.
A questo punto lo slanciato ometto di vetta del Pizzo Costisc è ben evidente. La cresta prosegue per lo più pianeggiante e leggermente esposta fino ad un breve muretto (II+), oltre il quale si guadagna, finalmente, il Pizzo Costisc (q. 2244 m).


Discesa:

Come per la salita, oppure dalla vetta del Pizzo Costisc, scendere lungo la prativa cresta SW (non scendere direttamente dalla cresta che lo collega alla Cima del Masnee: ci sono alti salti di roccia nascosti!), fino ad incontrare una breve placca appoggiata (II+) che si supera in disarrampicata sfruttando la spaccatura sulla destra (faccia a valle). Superato questo ostacolo, senza un percorso obbligato, abbandonare la cresta SW svoltando decisamente a sinistra. Scendere lungo un ripido ma evidente canale di erba e rocce bianche rotte, quindi al suo termine scendere brevemente in direzione della Val Pioee, che racchiude i due bellissimi bacini lacustri del Laghetto di Masnee e il Laghetto di Pianca. Aggirato un piccolo promontorio roccioso, abbandonare quasi subito la discesa in Val Pioee per puntare ad una vasta pietraia posta appena sotto il filo di cresta.
Senza un percorso obbligato, farsi strada tra i grandi massi salendo in obliquo verso la cresta, che la si raggiunge nei pressi della q. 2130 m, ovvero in corrispondenza del punto in cui gli appuntiti torrioni rocciosi che la contraddistinguono cessano.
Stando appena sotto il filo di cresta, per roccette e scomodi rododendri, si raggiunge l´ultimo salto roccioso prima dell´intaglio ove sbuca anche il sentiero segnalato. Qui occorre portarsi sul filo di cresta e, per facile e breve canalino ben gradinato posto sulla sinistra del filo di cresta (versante Val Verzasca), si rientra sul sentiero segnalato (bandierine bianco-rosse) proveniente dalla località Corte di Cima e diretto al Passo Deva.A questo punto non resta che seguire il sentiero che, con un lungo traverso prima e una breve risalita poi, riporta alla località Corte di Cima (q. 2064 m).
Da qui come per la salita.


Note:

La discesa dal Pizzo Costisc lungo la cresta opposta a quella di salita è abbastanza laboriosa, a causa dell´assenza di qualsiasi traccia o segnale; tuttavia è consigliata sia per compiere un anello, sia per evitare di percorrere in discesa le difficoltà su roccia che presenta la cresta di salita.
Per ulteriori informazioni, vedi anche foto della relazione "Cima Basa".


© VieNormali.it

Via Normale Pizzo Costisc - Lungo la cengia che aggira il salto roccioso sotto la Cima Basa
Via Normale Pizzo Costisc - Divertenti passaggi in cresta
Via Normale Pizzo Costisc - Il percorso di discesa visto dall´intaglio prima del canalino che riporta al sentiero segnato
Lungo la cengia che aggira il salto roccioso sotto la Cima Basa Divertenti passaggi in cresta Il percorso di discesa visto dall´intaglio prima del canalino che riporta al sentiero segnato

Zoom immagini: passare col mouse sopra le immagini per vedere un ingrandimento (attendere il completo caricamento della pagina).

Revisione: relazione rivista e corretta il 08/10/2019 dalla redazione di VieNormali.it

  

Carte escursionistiche sulle Alpi Occidentali:



Libri suggeriti sulle Alpi Occidentali:


Ultime 10 scalate Ultime 20 scalate...
Elenco scalate Elenco delle scalate...
   Condividi su:




SCOPRI LE NOVITA' EDITORIALI SULLA MONTAGNA DI:

Newsletter

Per ricevere la newsletter periodica del sito inserisci qui il tuo indirizzo e-mail:



Precedenti newsletter >>
Proposta per Guide Alpine e Accompagnatori di Media Montagna

Climbing Technology - Rampone Nuptse Evo

Ramponi a 12 punte per alpinismo e vie di misto. Struttura in acciaio temprato e verniciato, punte anteriori nervate per una migliore tenuta sul ghiaccio. Innovativo sistema di macro-regolazione ultra rapido per spostarsi facilmente tra i due intervalli di misura scarpa 36-43 / 42-47. Nuovo sistema di regolazione taglia a doppia leva, facilmente utilizzabile anche con una sola mano. Antibotts intercambiabili fissati ad incastro e dotati di soffietto che impedisce la formazione dello zoccolo.


Primo Piano

Solo granito - Vol. 1

Solo granito - Vol. 1

Solo granito - Vol. 2

Solo granito - Vol. 2

Monte Baldo Rock

Monte Baldo Rock

Arrampicare - Dolomiti Nord Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Nord Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Sud-Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Sud-Occidentali

Wild Dolomiti

Wild Dolomiti

Ferrate dell'Alto Garda

Ferrate dell'Alto Garda

Prealpi Lombarde Centrali

Prealpi Lombarde Centrali

Il grande libro dei 4000

Il grande libro dei 4000

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 1

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 1

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 2

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 2

Alta Valsesia

Alta Valsesia

Dolomiti

Dolomiti

Parco d'Abruzzo

Parco d'Abruzzo

Il Terminillo e i Monti Reatini

Il Terminillo e i Monti Reatini

I 2000 dell Appennino

I 2000 dell Appennino


VieNormali consiglia

APP Idea Montagna:
Download Apple Store
Download Google Play Store
Scarica singoli itinerari di montagna
o libri interi sul tuo cellulare o tablet!

Libri di montagna Idea Montagna Editoria e Alpinismo

Libri di montagna Versante Sud

Libri di montagna Iter Edizioni

Libri di montagna ViviDolomiti

Carte escursionistiche e libri Geo4Map

Dolomiti.it - Portale sulle Dolomiti



Save the Children Italia Onlus Climb for life T-shirt Climbers against cancer