Informativa Cookie: questo sito utilizza cookie tecnici propri necessari al suo funzionamento e cookie di profilazione di terze parti per visualizzare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dagli utenti nella navigazione in rete. Si invita a leggere la Cookie Policy in cui sono presenti le informazioni sui cookie utilizzati dal sito, su quali informazioni vengono raccolte e le istruzioni su come negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. La prosecuzione della navigazione mediante accettazione dei cookie, chiusura di questo banner informativo, accesso ad altra area del sito, selezione di un elemento dello stesso sottostante questo banner (ad esempio di una immagine o di un link) o scorrimento della pagina verso il basso comporta l'automatica prestazione del consenso a utilizzare i cookie.

In conformità al provvedimento del Garante della Privacy del 8 maggio 2014, G.U. n. 126 del 3/6/2014, attuazione della Dir. UE sui cookie 2009/136/CE
OKNon accetto i cookie

VieNormali.it
Home | Mappa del sito | Gruppo VN | Shopping | Guide di montagna | Ordini   VieNormali su Facebook   Canale You Tube VieNormali   Instagram VieNormali  

Accedi al sito   Registrati al sito   

   
Gruppi Montuosi
Legenda gruppi...

Cerca la cima:
 

Filtri di ricerca >>

Alpi Occidentali:
 
Alpi Centrali:
 
Alpi Orientali:
 
Prealpi:
 
Appennino:
 
Alpi Estere:
 
Quota:
 



Sass Pordoi (Spigolo Piaz + Via Maria) - 2950 m


Relazione della salita - Cima n° 3311


Foto via normale Sass Pordoi (Spigolo Piaz + Via Maria) non disponibile Regione: Trentino Alto Adige (TrentoItaliane

Alpi e Gruppo: Dolomiti - Alpi Dolomitiche - Gruppo Sella

Provincia: Trento

Punto di partenza: P.so Pordoi (q. 2230 m)

Versante di salita: S

Dislivello di salita: 810 m - Totale: 1620 m

Tempo di salita: 7,30 h - Totale: 9,15 h

Periodo consigliato: estate

Valle: Val di Fassa - Altre cime della Val di Fassa
Punti di appoggio: P.so Pordoi (q. 2230 m), Rif. Forcella Pordoi (q. 2840 m)
Tipo di via: Via di roccia
Tipo di percorso: Via di roccia
Difficoltà:   EE - AR - VI - TD (scala difficoltà)
Attrezzatura:
Valutazione:
Libro di vetta: no
Cartografia: TABACCO N. 06 - Dolomiti della Val di Fassa 1:25000
Autore: Irene G.  Profilo di Irene G. - Altre salite dell'autore
Data della salita: 27/08/2019
Data pubblicazione: 05/09/2019
N° di visualizzazioni: 80
N° voti: 0

Dai il tuo voto a questa relazione:

1 stella  2 stelle  3 stelle
                                    
4 stelle  5 stelle
                                
Bandierina
1 scalatore è stato su questa cima

E tu l'hai salita?
  

Segnala la cima Segnala questa cima ad un amico...


Guide Alpine e Accompagnatori di Media Montagna disponibili per questa cima:


Vai all'elenco completo delle Guide Alpine/Accompagnatori di Media Montagna

Guarda tutte le proposte delle Guide Alpine/Accompagnatori di Media Montagna


Introduzione:

Aperta nel 1933 dal mitico Tita Piaz e dal compagno Sandro del Torso, la Via Piaz si snoda lungo lo spigolo del pilastro sud del Sass Pordoi, raggiunto il quale si prosegue per la Via Maria (sempre aperta da Piaz l´anno precedente) per guadagnare la vetta del Sass Pordoi.
Si tratta di un itinerario che rispecchia benissimo il soprannome che venne dato a Piaz, "Il Diavolo delle Dolomiti", in quanto verticalità ed esposizione sono sempre molto forti, la chiodatura è ridotta al minimo e la roccia non sempre è delle migliori (fortunatamente, le numerose ripetizioni hanno, nel tempo, ripulito molto la via).


Accesso:

Da Canazei seguire le indicazioni per il Passo Pordoi. Ampio posteggio in corrispondenza del valico.


Descrizione della salita:

Dal Passo Pordoi (q. 2230 m), imboccare il sentiero n° 627 che si stacca di fianco alla partenza della funivia che sale al Rifugio Maria, posto in cima al Sass Pordoi.
Seguire il comodo sentiero fino alla base del ripido pendio ghiaioso che sale alla Forcella Pordoi: qui abbandonare la traccia segnata e traversare verso sinistra (faccia a monte) per tracce in direzione dell´evidente pilastro staccato della parete sud del Pordoi ove corre la Via Piaz.
Doppiare lo spigolo, quindi reperire una clessidra con cordino alla base di un´evidente fessura verticale che segna l´attacco della Via Piaz (q. 2680 m circa).

L1: risalire la bella fessura verticale stando inizialmente sulle rocce di sinistra (un friend incastrato). Al suo termine uscire a sinistra aggirando un piccolo strapiombino e, ignorando l´invitante sosta sulla destra (visibile anche dal basso), proseguire per rocce più semplici verso la base di un bel diedro dalla roccia bianca maculata di rosso (sosta su chiodo + nut incastrato) - 25m IV-, II

L2: risalire il diedro sopra la sosta formato dal piccolo pilastro che poggia sulla parete soprastante. Senza raggiungere l´invitante clessidra con cordoni, appena possibile traversare facilmente verso destra (chiodo). Alzarsi di poco sopra il chiodo, quindi iniziare a traversare verso destra fino a raggiungere lo spigolo. Da qui, per rocce via via più semplici, raggiungere la comoda sosta sull´aereo spiazzo in cima al pilastro appoggiato (lungo questo tiro non bisogna lasciarsi ingannare dalla clessidra cordonata e dalla sosta più in alto...: appena possibile traversare a destra!!) - V, III+

L3: tiro chiave: dalla sosta uscire a destra dello spigolo (esposto), quindi con passi delicati portarsi sotto 3 chiodi molto ravvicinati: superare la paretina verticale/leggermente strapiombante (possibilità di A0 su vecchi chiodi dall´aria non molto rassicurante... del resto, han tenuto fino ad oggi... perchè dovrebbero smettere di tenere proprio al nostro passaggio?), oppure sfruttando delle microprese sulla sinistra. Al termine del muretto sostare su due chiodi alla base di un diedro su comoda e larga cengia - VI / V e A0 10m

L4: risalire le facili rocce rotte a destra della sosta, quindi per percorso non obbligato ma abbastanza impegnativo portarsi nuovamente a sinistra verso lo spigolo (non raggiungerlo!) fino a raggiungere la base di un bellissimo diedro. Risalire completamente il diedro (3 chiodi), quando gli appigli terminano cominciare a traversare verso sinistra sfruttando una serie di buone maniglie e appoggi fino ad un chiodo. Sosta sullo spigolo (anche se il tiro chiave, in termini di difficoltà, era il precedente, a causa della chiodatura distanziata e della continua verticalità anche questa lunghezza risulta essere decisamente impegnativa!) - IV+, V+, IV+ 30m

L5: proseguire lungo il filo dello spigolo (facile ma roccia a tratti delicata) fino a raggiungere la base di un grande tetto giallo. A questo punto traversare a sinistra di pochi metri fino ad incontrare una netta fessura verticale. Risalirla e raggiungere la sosta - IV- 35m

L6: traversare verso destra fino ad un chiodo, quindi rimontare la paretina verticale (numerosi appigli ma da controllare sempre tre volte!). Per rocce via via più semplici, tenendosi sempre appena sotto lo spigolo, raggiungere la sommità del pilastro dove si sosta e dove termine anche la Via Piaz - IV, IV- 40m

L7: seguire la facile cresta in direzione della successiva parete. Sostare su clessidra con cordone alla base della parete gialla in corrispondenza dell´intaglio: qui inizia la Via Maria - II 50m

L8: alzarsi qualche metro in spaccata sopra l´intaglio, quindi spaccare verso destra raggiungendo un comodo terrazzo. Continuare la traversata per semplice cengia verso destra portandosi sotto la verticale di un colatoio nero, rimontarlo e proseguire a traversare verso destra in direzione di una nicchia. Con passo atletico si raggiunge la comoda sosta - IV 35m

L9: salire a destra della sosta portandosi alla base di una paretina verticale, quasi strapiombante. Dopo averla vinta proseguire per rocce più semplici sino ad uscire su di una cengia. Qui proseguire ancora per parete verticale. Raggiunta la grande terrazza si trova facilmente la sosta - IV 45m

L10: aggirare la torre gialla sopra la sosta sulla sinistra, quindi proseguire per facili risalti detritici (tenersi sul bordo sinistro dell´imbuto) fino alla sosta costituita da un vecchio cordone in un clessidra (lungo il tiro, in realtà, se ne trovano due: sostare sulla seconda clessidra) - I, II 50m

L11: portarsi alla base dell´ultimo e compatto muro verticale a destra del colatoio, vincerlo e proseguire per terreno più semplice sino alla sosta con anellone (si tratta di soste del soccorso alpino) - IV 40m

L12: proseguire senza percorso obbligato lungo l´ampio imbuto fino a raggiungere la ringhiera del Rifugio Maria ove si sosta - II 60m

Dal Rifugio Maria (q. 2950 m), in breve si è alla croce di vetta del Sass Pordoi.


Discesa:

Dalla cima, seguire i numerosi ometti e segnavia che scendono verso la Forcella Pordoi, ove sorge anche l´omonimo Rifugio (q. 2848 m), quindi scendere a destra nel ripido canalone detritico che riporta al sentiero percorso all´andata.


Note:

Portare numerosi cordini per rinviare clessidre e per attrezzare le soste (tutte le soste della Piaz sono su vecchi chiodi da collegare, mentre le soste della Via Maria sono su anelloni cementati) e qualche friend medio-grande.


© VieNormali.it

Foto non disponibile Foto non disponibile Foto non disponibile
In uscita dal tiro chiave di VI Al termine dello Spigolo Piaz uno sguardo sulla parete successiva L´ampio imbuto detritico finale


Revisione: relazione rivista e corretta il 05/09/2019 dalla redazione di VieNormali.it

  


Libri suggeriti sulle Dolomiti:

Libro Escursioni in Val Badia


Camminare  Scialpinismo e ciaspole Pale San Martino  Vie Normali Dolomiti - I 3000 delle Dolomiti  Marmolada e San Pellegrino  Dolomiti di Fiemme e Fassa  Vie Normali 111 Cime Dolomiti attorno a Cortina  Ferrate nelle Dolomiti Centrali  Ferrate nelle Pale di San Martino
Escursionismo consapevole in Dolomiti  Escursioni a Cortina e Misurina  Ferrate nelle Dolomiti Bellunesi  Escursioni ad Anello nelle Dolomiti Occidentali  Escursioni a Madonna di Campiglio  Via delle Bocchette e Ferrate del Brenta  Vie ferrate dell'Alto Garda  Dolomiti Oltre Piave
Vie ferrate Cortina Ampezzo  IV grado Dolomiti Occidentali Vol. 1  IV grado Dolomiti Occidentali Vol. 2  IV Grado - Dolomiti Orientali 1  IV Grado - Dolomiti Orientali 2  Dolomiti di Brenta - Val d'Ambiez  Dolomiti di Brenta Vol. 2  Dolomiti di Brenta Vol. 3
Arrampicare - Dolomiti Nord Occidentali  Arrampicare - Dolomiti Sud-Occidentali  Dolomiti Photo  Dolomiti UNESCO a tavola  DoloMITICHE Opere d'arte a cielo aperto  Freeride e Scialpinismo in Sella e Sassolungo  Sci Ripido e Scialpinismo - I 3000 delle Dolomiti  Scialpinismo e ciaspole nelle Dolomiti di Brenta
Scialpinismo e Freeride nel Gruppo della Marmolada  Scialpinismo Freeride e Ciaspole nelle Pale di San Martino  Wild Dolomiti  Scialpinismo in Comelico - Sappada  Dolomiti - Sentieri dedicati  Dolomiti  Dolomiti di Sesto (vol. 1)  Dolomiti di Sesto (vol. 2)
Ultime 10 scalate Ultime 20 scalate...
Elenco scalate Elenco delle scalate...

Guide escursionistiche Guide escursionistiche consigliate:
           >> Mountain Bike in Val di Fassa - Francesco Cappellari
           >> Roccia d'Autore - Emozioni Dolomitiche - Stefano Michelazzi
           >> IV grado - Dolomiti Occidentali Vol. 1 - Emiliano Zorzi
           >> IV grado - Dolomiti Occidentali Vol. 2 - Emiliano Zorzi
           >> Bruno Detassis e le sue vie - Omar Oprandi
           >> IV grado - Quarto grado e più Friuli Occidentale - Emiliano Zorzi
           >> IV grado - Quarto grado e più Friuli Orientale - Emiliano Zorzi
           >> Ferrate a Cortina
           >> Moiazza - Roccia tra luce e mistero
           >> Croda Rossa d'Ampezzo
           >> Dolomiti di Sesto (vol. 1)
           >> Dolomiti di Sesto (vol. 2)
           >> Dolomiti Monte Cristallo
           >> Preti - Duranno
           >> Sorapís e Marmarole Occidentali
           >> VieNormali delle Dolomiti - Marmolada - R. Ciri
           >> Vie e vicende in Dolomiti - Ivo Rabanser, Orietta Bonaldo
           >> Dolomiti - Giorni Verticali - Stefano Ardito
           >> Pale di San Martino - Samuele Scalet, con Sebastiano Zagonel, Tullio Simoni, Mariano Lott, Duilio Boninsegna
           >> Scialpinismo in Tirolo - Roberto Iacopelli
           >> Marmolada - Parete Sud - Maurizio Giordani
           >> Tre Cime - Erik Svab, Giovanni Renzi
           >> Sulle tracce di pionieri e camosci - Vittorino Mason
           >> Camminare - Samuele Scalet
           >> 111 Cime attorno a Cortina
           >> 3000 delle Dolomiti
           >> Dalle ciaspole al telemark
   Condividi su:




SCOPRI LE NOVITA' EDITORIALI SULLA MONTAGNA DI:

Iter Edizioni - Itinerari più belli

Libri di montagna

Newsletter

Per ricevere la newsletter periodica del sito inserisci qui il tuo indirizzo e-mail:



Precedenti newsletter >>
Proposta per Guide Alpine e Accompagnatori di Media Montagna


Il giro dei Laghi di Malghera

Il giro dei Laghi di Malghera
Alla scoperta di uno degli angoli più belli della Val Grosina Occidentale
Regione: Lombardia - Val Grosina
Data: da concordare   Durata: 4 h   Difficoltà: E


Primo Piano

Solo granito - Vol. 1

Solo granito - Vol. 1

Solo granito - Vol. 2

Solo granito - Vol. 2

Monte Baldo Rock

Monte Baldo Rock

Arrampicare - Dolomiti Nord Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Nord Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Sud-Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Sud-Occidentali

Wild Dolomiti

Wild Dolomiti

Ferrate dell'Alto Garda

Ferrate dell'Alto Garda

Prealpi Lombarde Centrali

Prealpi Lombarde Centrali

Il grande libro dei 4000

Il grande libro dei 4000

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 1

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 1

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 2

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 2

Alta Valsesia

Alta Valsesia

Dolomiti

Dolomiti

Parco d'Abruzzo

Parco d'Abruzzo

Il Terminillo e i Monti Reatini

Il Terminillo e i Monti Reatini

I 2000 dell Appennino

I 2000 dell Appennino


VieNormali consiglia

APP Idea Montagna:
Download Apple Store
Download Google Play Store
Scarica singoli itinerari di montagna
o libri interi sul tuo cellulare o tablet!

Libri di montagna Idea Montagna Editoria e Alpinismo

Libri di montagna Versante Sud

Libri di montagna Iter Edizioni

Libri di montagna ViviDolomiti

Carte escursionistiche e libri Geo4Map

Dolomiti.it - Portale sulle Dolomiti



Save the Children Italia Onlus Climb for life T-shirt Climbers against cancer