Informativa Cookie: questo sito utilizza cookie tecnici propri necessari al suo funzionamento e cookie di profilazione di terze parti per visualizzare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dagli utenti nella navigazione in rete. Si invita a leggere la Cookie Policy in cui sono presenti le informazioni sui cookie utilizzati dal sito, su quali informazioni vengono raccolte e le istruzioni su come negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. La prosecuzione della navigazione mediante accettazione dei cookie, chiusura di questo banner informativo, accesso ad altra area del sito, selezione di un elemento dello stesso sottostante questo banner (ad esempio di una immagine o di un link) o scorrimento della pagina verso il basso comporta l'automatica prestazione del consenso a utilizzare i cookie.

In conformità al provvedimento del Garante della Privacy del 8 maggio 2014, G.U. n. 126 del 3/6/2014, attuazione della Dir. UE sui cookie 2009/136/CE
OKNon accetto i cookie

VieNormali.it
Home | Mappa del sito | Gruppo VN | Shopping | Guide di montagna | Ordini   VieNormali su Facebook   Canale You Tube VieNormali   Instagram VieNormali  

Accedi al sito   Registrati al sito   

   
Gruppi Montuosi
Legenda gruppi...

Cerca la cima:
 

Filtri di ricerca >>

Alpi Occidentali:
 
Alpi Centrali:
 
Alpi Orientali:
 
Prealpi:
 
Appennino:
 
Alpi Estere:
 
Quota:
 



Pizzo di Emet (o Piz Timun) - da Nord - 3210 m


Relazione della salita - Cima n° 3276


Via Normale Pizzo di Emet (o Piz Timun) - da Nord

L’itinerario, ripreso da W
Regione: Lombardia (SondrioItaliane

Alpi e Gruppo: Alpi Occidentali - Alpi Retiche - Gruppo Avers

Provincia: Sondrio

Punto di partenza: Lago di Monte Spluga, località Suretta (q. 1906 m)

Versante di salita: NW-N-E

Dislivello di salita: 1303 m - Totale: 2606 m

Tempo di salita: 4,45 h - Totale: 8,45 h

Periodo consigliato: prime settimane di giugno

Punti di appoggio: Rifugio Bertacchi (q. 2172 m)
Tipo di via: Via normale
Tipo di percorso: Senza traccia
Difficoltà:   EE - A - I+ - PD- (scala difficoltà)
Attrezzatura:
Valutazione:
Libro di vetta: no
Cartografia: CARTA NAZIONALE DELLA SVIZZERA N. 1255 Splügenpass 1:25000
Autore: Piero V.  Profilo di Piero V. - Altre salite dell'autore
Data della salita: 23/06/2019
Data pubblicazione: 25/06/2019
N° di visualizzazioni: 974
N° voti: 0

Dai il tuo voto a questa relazione:

1 stella  2 stelle  3 stelle
                                    
4 stelle  5 stelle
                                
Bandierina
1 scalatore è stato su questa cima

E tu l'hai salita?
  

Segnala la cima Segnala questa cima ad un amico...


Guide Alpine e Accompagnatori di Media Montagna disponibili per questa cima:


Vai all'elenco completo delle Guide Alpine/Accompagnatori di Media Montagna

Guarda tutte le proposte delle Guide Alpine/Accompagnatori di Media Montagna


Introduzione:

Il Pizzo di Émet, o Piz Timun sulla CNS, se osservato da W o da E, si presenta con una larga e massiccia piramide detritico rocciosa, mentre da N e da S assume forme assai più slanciate. Dopo il Pizzo Tambò è la cima più elevata della regione dello Spluga, offre quindi un panorama di prim’ordine, interessantissimo in tutte le direzioni. Di norma viene salito per la via normale del versante NW e per la cresta SW. L’itinerario proposto, che è anche la sede di quello scialpinistico, si svolge invece da N, dal Glatscher da Niemet, a cui fa seguito il ripido canale compreso tra la cresta N e le Guglie d’Altare ed infine per la cresta E. Ad inizio stagione quando nel canale N, abbastanza ripido nella parte superiore (45°), è ancora presente una discreta copertura nevosa, l’itinerario è facile, ma richiede pur sempre prudenza. A stagione inoltrata e in ogni caso in assenza di neve, il discorso è ovviamente diverso, sia per le maggiori difficoltà che si possono incontrare, sia per il pericolo serio di scariche. Il ghiacciaio ha infatti abbandonato da diverso tempo le pendici del canale, rifugiandosi nella conca sottostante e lasciando allo scoperto rocce e detriti instabili. Ma le scariche possono verificarsi anche ad inizio stagione, dalla cresta N dell’Émet e dal versante occidentale delle Guglie d’Altare. Il Ghiacciaio, ridotto ormai ai minimi termini, se ben innevato non pone alcun problema. Anche la nevosa crestina finale, orientata ad E, è abbastanza facile.
La Guida del CAS: Bündner Alpen 3 Avers, valuta l’itinerario dal Glatscher da Niemet di difficoltà PD, mentre la Guida del CAI: Mesolcina – Spluga, lo valuta F+, si è optato per una via di mezzo, PD-


Accesso:

Percorrendo la strada per il Passo dello Spluga, dopo aver superato la località Stuetta, si passa di fianco al muraglione orientale della diga del Lago di Monte Spluga e si prosegue in piano per circa 500 metri, fino ad incontrare alcune case ed una stradina sterrata che si stacca sulla destra. In loco sono presenti dei cartelli che indicano Lago di Émet e Rifugio Bertacchi. Si imbocca quindi questa sterrata e si parcheggia dopo 30 metri, in uno spiazzo.


Descrizione della salita:

Dal parcheggio si sale a piedi lungo la comoda pista sterrata, in direzione E, e dopo aver superato diversi tornanti si perviene sulla sommità del promontorio degli Andossi. Lasciata la sterrata che sale ad una cava di sassi e seguendo le indicazioni, si imbocca il sentiero che traversa con un percorso a semicerchio il concavo versante meridionale del Pizzo Spadolazzo. In alcuni punti di questa traversata il sentiero è un po’ esposto ma sufficientemente largo e protetto con catene. Al termine di questo percorso un po’ altalenante si arriva sul dosso dove sorge il Rifugio Bertacchi (q. 2172 m, circa h 1.30 dalla partenza).
Senza scendere al sottostante Lago di Émet (q. 2144 m), si seguono le indicazioni per il Passo di Émet e si traversa in piano la conca sopra il lago, prima in direzione NE, poi E. Seguendo il sentiero segnalato in circa 20/25 minuti dal rifugio si arriva al valico precitato (q. 2294 m), che sulla carta della CNS è nominato Pass da Niemet. Se si osserva ora in direzione E, si potranno notare dei salti rocciosi separati da un largo e ripido pendio di erba e detriti, che si stacca proprio dal valico. Questo pendio è percorso da una traccia segnalata che poi esula dal nostro itinerario in quanto sale in direzione SE al Passo di Sterla.
Si possono seguire i segnali per un centinaio di metri, poi li si abbandonano e si traversa a sinistra. In breve si arriva ai pendii superiori, dove c’è una nuova fascia rocciosa da aggirare facilmente a vista, per canaletti e pendii erbosi. Si sale sempre in direzione E con percorso evidente, ora su terreno morenico ma abbondantemente ricoperto da neve ad inizio stagione. Si punta al piede della cresta N dell’ Émet che viene aggirato a sinistra, entrando nell’avvallamento del Glatscher da Niemet. Meglio calzare subito i ramponi anche se la neve è molle perché i pendii superiori sono abbastanza ripidi. Volgendo poi in direzione S, si inizia a salire al centro del largo canale.
Si tralascia a sinistra il pendio che conduce al Colletto d’Altare (q. 3115 m), in quanto c’è poi da superare un tratto di cresta rocciosa che dal basso non sembra tanto semplice, e si sale quindi in direzione della cresta nevosa subito a destra di questo tratto roccioso (vedi 2a immagine di dettaglio). Lungo il canale si aggirano alcuni risalti rocciosi e poi si supera il pendio finale prestando un po’ di attenzione per via della ripidezza. Si arriva così sulla nevosa cresta E che si segue senza particolari difficoltà appoggiando sempre a destra. Nell’ultimo tratto la cresta diventa rocciosa ma sufficientemente larga e facile e in breve si arriva alla croce di vetta.


Discesa:

Si offrono due possibilità.
1°) Come per la salita. È la soluzione consigliabile in particolare se non si conosce l’itinerario seguente.
2°) Dalla via normale della cresta SW (vedi relazione: Emet, di Franco Rossi). Questa cresta, che di norma a giugno dovrebbe essere sgombra di neve, presenta un unico punto veramente un po’ impegnativo. Poco sotto la vetta c’è un esposto e stretto intaglio che in discesa si supera preferibilmente sedendosi sulla crestina rocciosa e con le gambe a penzoloni si salta su di uno stretto terrazzino della cresta sottostante. Il salto è alto poco più di 1.5 metri. La cresta rimane per un breve tratto ancora aerea poi diventa più facile.


Note:

La corda potrebbe non essere necessaria, noi non l’abbiamo usata, ma è meglio averla al seguito.


© VieNormali.it

Via Normale Pizzo di Emet (o Piz Timun) - da Nord - L’itinerario, ripreso dal Rifugio Bertacchi
Via Normale Pizzo di Emet (o Piz Timun) - da Nord - In salita, nel canale N
Via Normale Pizzo di Emet (o Piz Timun) - da Nord - In discesa lungo la cresta E, da poco sotto la vetta
L’itinerario, ripreso dal Rifugio Bertacchi In salita, nel canale N In discesa lungo la cresta E, da poco sotto la vetta

Zoom immagini: passare col mouse sopra le immagini per vedere un ingrandimento (attendere il completo caricamento della pagina).

Revisione: relazione rivista e corretta il 28/06/2019 dalla redazione di VieNormali.it

  

Carte escursionistiche sulle Alpi Occidentali:



Libri suggeriti sulle Alpi Occidentali:


Ultime 10 scalate Ultime 20 scalate...
Elenco scalate Elenco delle scalate...

Guide escursionistiche Guide escursionistiche consigliate:
           >> Arrampicare sportive e moderne in Valtellina, Valchiavenna, Engadina - Guido Lisignoli, Eraldo Meraldi, Andrea Pavan
           >> Solo granito - Mario Sertori e Guido Lisignoli
   Condividi su:




SCOPRI LE NOVITA' EDITORIALI SULLA MONTAGNA DI:

Newsletter

Per ricevere la newsletter periodica del sito inserisci qui il tuo indirizzo e-mail:



Precedenti newsletter >>
Proposta per Guide Alpine e Accompagnatori di Media Montagna

Climbing Technology - Rampone Nuptse Evo

Ramponi a 12 punte per alpinismo e vie di misto. Struttura in acciaio temprato e verniciato, punte anteriori nervate per una migliore tenuta sul ghiaccio. Innovativo sistema di macro-regolazione ultra rapido per spostarsi facilmente tra i due intervalli di misura scarpa 36-43 / 42-47. Nuovo sistema di regolazione taglia a doppia leva, facilmente utilizzabile anche con una sola mano. Antibotts intercambiabili fissati ad incastro e dotati di soffietto che impedisce la formazione dello zoccolo.


Primo Piano

Solo granito - Vol. 1

Solo granito - Vol. 1

Solo granito - Vol. 2

Solo granito - Vol. 2

Monte Baldo Rock

Monte Baldo Rock

Arrampicare - Dolomiti Nord Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Nord Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Sud-Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Sud-Occidentali

Wild Dolomiti

Wild Dolomiti

Ferrate dell'Alto Garda

Ferrate dell'Alto Garda

Prealpi Lombarde Centrali

Prealpi Lombarde Centrali

Il grande libro dei 4000

Il grande libro dei 4000

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 1

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 1

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 2

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 2

Alta Valsesia

Alta Valsesia

Dolomiti

Dolomiti

Parco d'Abruzzo

Parco d'Abruzzo

Il Terminillo e i Monti Reatini

Il Terminillo e i Monti Reatini

I 2000 dell Appennino

I 2000 dell Appennino


VieNormali consiglia

APP Idea Montagna:
Download Apple Store
Download Google Play Store
Scarica singoli itinerari di montagna
o libri interi sul tuo cellulare o tablet!

Libri di montagna Idea Montagna Editoria e Alpinismo

Libri di montagna Versante Sud

Libri di montagna Iter Edizioni

Libri di montagna ViviDolomiti

Carte escursionistiche e libri Geo4Map

Dolomiti.it - Portale sulle Dolomiti



Save the Children Italia Onlus Climb for life T-shirt Climbers against cancer