Informativa Cookie: questo sito utilizza cookie tecnici propri necessari al suo funzionamento e cookie di profilazione di terze parti per visualizzare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dagli utenti nella navigazione in rete. Si invita a leggere la Cookie Policy in cui sono presenti le informazioni sui cookie utilizzati dal sito, su quali informazioni vengono raccolte e le istruzioni su come negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. La prosecuzione della navigazione mediante accettazione dei cookie, chiusura di questo banner informativo, accesso ad altra area del sito, selezione di un elemento dello stesso sottostante questo banner (ad esempio di una immagine o di un link) o scorrimento della pagina verso il basso comporta l'automatica prestazione del consenso a utilizzare i cookie.

In conformità al provvedimento del Garante della Privacy del 8 maggio 2014, G.U. n. 126 del 3/6/2014, attuazione della Dir. UE sui cookie 2009/136/CE
OKNon accetto i cookie

VieNormali.it
Home | Mappa del sito | Gruppo VN | Shopping | Guide di montagna | Ordini   VieNormali su Facebook   Canale You Tube VieNormali   Instagram VieNormali  

Accedi al sito   Registrati al sito   

   
Gruppi Montuosi
Legenda gruppi...

Cerca la cima:
 

Filtri di ricerca >>

Alpi Occidentali:
 
Alpi Centrali:
 
Alpi Orientali:
 
Prealpi:
 
Appennino:
 
Alpi Estere:
 
Quota:
 



Monte di Tremezzo - da sud - 1700 m


Relazione della salita - Cima n° 3251


Via Normale Monte di Tremezzo - da sud

Immagine ripresa da sud, in rosso la salita e la traversata, in giallo la discesa
Regione: Lombardia (ComoItaliane

Alpi e Gruppo: Prealpi - Prealpi Lombarde - Gruppo Generoso

Provincia: Como

Punto di partenza: Lenno, Abbazia dell’Acquafredda (q. 325 m)

Versante di salita: S+vari

Dislivello di salita: 1650 m - Totale: 3300 m

Tempo di salita: 5,15 h - Totale: 7,30 h

Periodo consigliato: aprile - novembre

Punti di appoggio: Rif. Venini (q. 1576 m) e Rif. Boffalora (q. 1252 m)
Tipo di via: Via normale
Tipo di percorso: Sentiero e traccia solo in parte segnalati
Difficoltà:   E (scala difficoltà)
Attrezzatura:
Valutazione:
Libro di vetta: no
Cartografia: KOMPASS N. 91 – Lago di Como Lago di Lugano 1:50000
Autore: Piero V.  Profilo di Piero V. - Altre salite dell'autore
Data della salita: 31/03/2019
Data pubblicazione: 04/04/2019
N° di visualizzazioni: 814
N° voti: 1 - Voto medio: Voto 4 stelle

Dai il tuo voto a questa relazione:

1 stella  2 stelle  3 stelle
                                    
4 stelle  5 stelle
                                
Bandierina
2 scalatori sono stati su questa cima

E tu l'hai salita?
  

Segnala la cima Segnala questa cima ad un amico...


Guide Alpine e Accompagnatori di Media Montagna disponibili per questa cima:


Vai all'elenco completo delle Guide Alpine/Accompagnatori di Media Montagna

Guarda tutte le proposte delle Guide Alpine/Accompagnatori di Media Montagna


Introduzione:

Il Monte di Tremezzo con la sua spalla NE, il Monte Crocione, rappresenta il pilastro orientale del Gruppo del Generoso ed è la montagna più elevata di questo settore. Presenta le stesse caratteristiche delle cime vicine: ripidi versanti boschivi rivolti a S e a N, larga sommità erbosa e facilità di accesso da più versanti. Ma la peculiarità più evidente di questa montagna e della sua spalla NE è la faglia obliqua, alta più di cento metri, che taglia a mezzacosta il versante orientale, da S a N.
L’itinerario proposto prevede non solo l’ascesa al Monte di Tremezzo, ma il concatenamento di tutte queste cime contigue, che si svolge lungo le ampie dorsali erbose di collegamento, mai esposte. È un bellissimo, elementare e panoramico percorso ad anello, ma che comunque richiede un adeguato allenamento, dato il considerevole dislivello in salita, prossimo ai 1650 metri e lo sviluppo complessivo di circa 20 km.


Accesso:

Provenendo da Menaggio, si oltrepassa il battistero di Lenno, che rimane a sinistra sotto la strada e si prosegue ancora per una cinquantina di metri. In corrispondenza di una semicurva a sinistra, si svolta a destra, assecondando una piccola rotonda e s’ imbocca la Via Silvio Pellico. I cartelli presenti riportano tra l’altro l’indicazione per Abbazia dell’Acquafredda. Si sale quindi verso la parte alta del paese, proseguendo poi sul Viale degli Alpini, fino a giungere al piazzale di entrata dell’Abbazia, dove si parcheggia.


Descrizione della salita:

In prossimità dell’entrata dell’abbazia dipartono 2 ripide e strette stradine, a sinistra la Via S. Benedetto che si percorrerà al ritorno, al termine del lungo percorso ad anello, e a destra (cartello per Daiee e Narro) la Strada dell’Alpe. Si imbocca quest’ultima, assai ripida, con il manto in parte acciottolato e in parte asfaltato, che sale a monte dell’abbazia. Dopo tre tornanti la stradina prosegue con un lungo traverso ascendente in direzione W, poi riprende a salire con diverse svolte, passa dalla località Daiè (q. 725 m), dove il manto stradale è cementato e più avanti si arriva a Narro (q. 988 m).
Questa località è suddivisa su diversi nuclei di case, poste a diverse quote. Inizialmente s’incontrano alcune baite sparse, poi un gruppo più consistente e più in alto si raggiunge un bivio. Qui si prende a destra (indicazioni per Ossino h 0.50 e Grandola ed Uniti h 3.20) ed in breve si arriva all’ultimo gruppo di case. Si prosegue ancora lungo la strada che in breve ritorna ad essere ripida e con il fondo cementato. Giunti all’ultima baita, che si trova isolata sulla sinistra, si prosegue ancora sulla strada per una cinquantina di metri, fino ad una semicurva verso destra.
In questo punto si potrà notare che sulla sinistra si stacca un sentiero, segnalato da un cartello in legno che riporta la scritta: croce, e da un secondo cartello con la scritta: divieto di caccia. Si imbocca quindi questo sentiero che sale ripido nel bosco, la traccia non è segnalata ma è ben evidente e più avanti si arriva in una radura dov’è posta un’alta croce in metallo (q. 1215 m). La traccia prosegue lungo il prato soprastante e poi si addentra di nuovo nel bosco e diventa poco marcata, ma pur sempre visibile. In breve si ritorna definitivamente all’aperto, sbucando sull’ampia dorsale prativa S del Monte di Tremezzo.
Si risale questa dorsale per un lungo tratto, su labile traccia, ma si può benissimo salire a vista, fino a raggiungere l’Alpe di Mezzegra (q. 1620 m). Da qui si può guadagnare la vetta del Monte di Tremezzo in meno di dieci minuti, risalendo l’ampia dorsale sulla quale ci si trova. Ma se si vuole effettuare il percorso ad anello, dal precitato alpe si imbocca un ben evidente sentiero che traversa in direzione E, verso un ripetitore. Si prosegue poi nella traversata pianeggiate e dopo aver raggiunto i ruderi dell’Alpe di Tremezzo, si affronta l’ultimo strappo di una trentina di metri che porta in vetta al Monte Crocione (q. 1641 m, h 3.15 dalla partenza).
Da questa prima vetta si percorre la dorsale di collegamento e in breve si sale al Monte di Tremezzo (q. 1700 m, h 3.40). Si scende ora lungo l’altalenante cresta NW e si arriva al Colle di Tremezzo, dove si possono visitare alcuni appostamenti blindati per mortai risalenti alla Grande Guerra. Qui è ubicato il Rifugio Venini (q. 1576 m), raggiunto anche da una stradina asfaltata che sale dal Rifugio Boffalora e che traversa a mezzacosta l’intero versante orientale del Monte di Lenno e il versante S del Monte Calbiga. Dal Venini, risalendo una traccia lungo i prati, si approda sulla cima del Monte Calbiga (q. 1698 m, h 4.30).
Si scende poi alla sottostante sella dove si trova l’Alpe di Lenno (q. 1495 m), infine si rimonta l’ultima costa, con rocce affioranti, che porta in cima al Monte di Lenno (q. 1589 m, h 5.15 dalla partenza).


Discesa:

Si offrono 2 possibilità:
1°) Come per la salita.
Difficoltà: E
Ore di discesa: 2.30
Dal Monte di Lenno si ridiscende la dorsale NE utilizzata per la salita, fino all’Alpe di Lenno. Qui si imbocca la stradina asfaltata che taglia l’intero versante orientale del Monte di Lenno e il versante S del Monte Calbiga, si oltrepassa il Rifugio Venini e poi su pista sterrata si traversa all’Alpe di Mezzegra, sulla dorsale S del Monte di Tremezzo. Da qui si segue ritroso l’itinerario di salita e si ritorna all’Abbazia dell’Acquafredda.
2°) Da San Benedetto in Val Perlana.
Difficoltà: E/EE
Ore di discesa: 2.15
È l’itinerario più interessante, ma per chi soffre di vertigini è utile segnalare che presenta un tratto un po’ esposto.
Dal Monte di Lenno si scende a vista lungo l’erbosa dorsale S, fino ad incrociare la strada asfaltata che congiunge il Rifugio Boffalora al Rifugio Venini. Si attraversa la strada e si scende ancora per un centinaio di metri lungo i prati, fino al ben visibile Alpe d’Ossuccio (q. 1306 m). Qui si riprende la strada asfaltata e si scende ancora per un breve tratto. Quando la carrozzabile inizia a salire verso il Rifugio Boffalora, distante circa 100 metri, la si abbandona e, seguendo le indicazioni di un cartello per San Benedetto, si svolta a sinistra. Si potrà notare che a questo bivio c’è anche una bella cappella con altare.
Si imbocca quindi questa pista sterrata che dopo una decina di metri presenta un primo bivio, dove si prende a sinistra e pochi metri più avanti, ad un secondo bivio, si prende a destra. La pista si trasforma ora in un sentiero che scende in mezzo alle case e poi, più stretto, entra nel bosco e taglia a mezzacosta le pendici SE del Monte di Lenno. In un tratto il sentiero, sempre abbastanza stretto, diventa esposto, si scende con un po’ di attenzione un gradino roccioso e poi si prosegue nella traversata in discesa. Lungo il tragitto non sono mai presenti segnavia, solo qualche sporadico cartello in legno, ma la traccia è sempre ben evidente.
Nel prosieguo il sentiero diventa più agevole, si passa in prossimità di alcune belle baite in pietra e si continua nella discesa fino a giungere alla bellissima Abbazia di San Benedetto (q. 900 m), che si trova in mezzo ad una vasta radura. Il sentiero aggira a sinistra la chiesa con un’iniziale tratto pianeggiante, poi si trasforma in una bella mulattiera. Dopo aver attraversato un ponticello in legno si affronta un breve tratto altalenante e quindi si riprende a scendere, sempre nel bosco. La mulattiera diventa poi una larga pista lastricata che scende a lungo con pendenza sempre sostenuta e riconduce all’Abbazia dell’Acquafredda.


Note:

Particolarmente ammirevole ed interessante è l’Abbazia di San Benedetto, un cartello ivi posto riporta testualmente: documentata a partire dal 1083 e probabilmente fondata pochi anni prima, l’abbazia benedettina alle falde del Monte Oltirone venne abbandonata dai monaci nel 1298 e definitivamente soppressa nel 1785. La chiesa presenta le forme consuete del romanico comasco, in una variante rustica di particolare imponenza; l’attiguo convento, trasformato in casa colonica, conserva ampi resti delle costruzioni medioevali. Dal 1990 il complesso degli edifici già conventuali è stato sottoposto a restauro, con l’intento di restituirgli funzionalità.


© VieNormali.it

Via Normale Monte di Tremezzo - da sud - Sulla dorsale S del M. di Tremezzo. In rosso la traversata, in giallo la discesa
Via Normale Monte di Tremezzo - da sud - L’itinerario della traversata, dal M. Crocione
Via Normale Monte di Tremezzo - da sud - L’itinerario della traversata, dal M. di Lenno
Sulla dorsale S del M. di Tremezzo. In rosso la traversata, in giallo la discesa L’itinerario della traversata, dal M. Crocione L’itinerario della traversata, dal M. di Lenno

Zoom immagini: passare col mouse sopra le immagini per vedere un ingrandimento (attendere il completo caricamento della pagina).

Revisione: relazione rivista e corretta il 05/04/2019 dalla redazione di VieNormali.it

  


Mappa su Google:



Carte escursionistiche sulle Prealpi:



Libri suggeriti sulle Prealpi:


Prealpi Lombarde Centrali  Prealpi Lombarde Occidentali  Prealpi Bresciane  Ferrate in Lombardia e Svizzera   Nel giardino di pietra  Corni di Canzo e Moregallo  Scialpinismo tra Lombardia e Grigioni  Ghiaccio delle Orobie
Ultime 10 scalate Ultime 20 scalate...
Elenco scalate Elenco delle scalate...

Guide escursionistiche Guide escursionistiche consigliate:
           >> Ghiaccio Orobico - Michele Cisana
           >> Arrampicate sportive e moderne fra Lecco e Como - Eugenio Pesci
           >> Alpi Orobie Over 2000 - Vol. 1 - Alessio Pezzotta
           >> Alpi Orobie Over 2000 - Vol. 2
           >> Alpi Orobie Over 2000 - Vol. 3
           >> Prealpi Lombarde Centrali
   Condividi su:




SCOPRI LE NOVITA' EDITORIALI SULLA MONTAGNA DI:

Newsletter

Per ricevere la newsletter periodica del sito inserisci qui il tuo indirizzo e-mail:



Precedenti newsletter >>
Scopri i prodotti alla spirulina Bio Salera

Proposta per Guide Alpine e Accompagnatori di Media Montagna


Primo Piano

Solo granito - Vol. 1

Solo granito - Vol. 1

Solo granito - Vol. 2

Solo granito - Vol. 2

Monte Baldo Rock

Monte Baldo Rock

Arrampicare - Dolomiti Nord Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Nord Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Sud-Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Sud-Occidentali

Wild Dolomiti

Wild Dolomiti

Ferrate dell'Alto Garda

Ferrate dell'Alto Garda

Prealpi Lombarde Centrali

Prealpi Lombarde Centrali

Il grande libro dei 4000

Il grande libro dei 4000

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 1

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 1

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 2

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 2

Alta Valsesia

Alta Valsesia

Dolomiti

Dolomiti

Parco d'Abruzzo

Parco d'Abruzzo

Il Terminillo e i Monti Reatini

Il Terminillo e i Monti Reatini

I 2000 dell Appennino

I 2000 dell Appennino


VieNormali consiglia

APP Idea Montagna:
Download Apple Store
Download Google Play Store
Scarica singoli itinerari di montagna
o libri interi sul tuo cellulare o tablet!

Libri di montagna Idea Montagna Editoria e Alpinismo

Libri di montagna Versante Sud

Libri di montagna Iter Edizioni

Libri di montagna ViviDolomiti

Carte escursionistiche e libri Geo4Map

Dolomiti.it - Portale sulle Dolomiti



Save the Children Italia Onlus Climb for life T-shirt Climbers against cancer