Informativa Cookie: questo sito utilizza cookie tecnici propri necessari al suo funzionamento e cookie di profilazione di terze parti per visualizzare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dagli utenti nella navigazione in rete. Si invita a leggere la Cookie Policy in cui sono presenti le informazioni sui cookie utilizzati dal sito, su quali informazioni vengono raccolte e le istruzioni su come negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. La prosecuzione della navigazione mediante accettazione dei cookie, chiusura di questo banner informativo, accesso ad altra area del sito, selezione di un elemento dello stesso sottostante questo banner (ad esempio di una immagine o di un link) o scorrimento della pagina verso il basso comporta l'automatica prestazione del consenso a utilizzare i cookie.

In conformità al provvedimento del Garante della Privacy del 8 maggio 2014, G.U. n. 126 del 3/6/2014, attuazione della Dir. UE sui cookie 2009/136/CE
OKNon accetto i cookie

VieNormali.it
Home | Mappa del sito | Gruppo VN | Shopping | Guide   VieNormali su Facebook   Google+ VieNormali   Canale You Tube VieNormali   RSS Feed VieNormali  

Accedi al sito   Registrati al sito   

   
Gruppi Montuosi
Legenda gruppi...

Cerca la cima:
 

Filtri di ricerca >>

Alpi Occidentali:
 
Alpi Centrali:
 
Alpi Orientali:
 
Prealpi:
 
Appennino:
 
Alpi Estere:
 
Quota:
 



Monte Tartano - Cresta SE - 2292 m


Relazione della salita - Cima n° 3170


Via Normale Monte Tartano - Cresta SE

Il Monte Tartano da E, dalla sella alla base della cresta S del Pizzo del Vento
Regione: Lombardia (SondrioItaliane

Alpi e Gruppo: Prealpi - Prealpi Lombarde - Gruppo Alpi Orobie

Provincia: Sondrio

Punto di partenza: Barbera (q. 1282 m)

Versante di salita: SE

Dislivello di salita: 1010 m - Totale: 2020 m

Tempo di salita: 4,30 h - Totale: 8,00 h

Periodo consigliato: da luglio a metà ottobre

Valle: Val Tartano - Altre cime della Val Tartano
Punti di appoggio: nessuno
Tipo di via: Via normale
Tipo di percorso: Sentiero e traccia solo in parte segnalati
Difficoltà:   EE - (scala difficoltà)
Attrezzatura:
Valutazione:
Libro di vetta: no
Cartografia: KOMPASS N. 105 – Lecco Valle Brembana 1:50000
Autore: Piero V.  Profilo di Piero V. - Altre salite dell'autore
Data della salita: 29/08/2018
Data pubblicazione: 05/09/2018
N° di visualizzazioni: 218
N° voti: 0

Dai il tuo voto a questa relazione:

1 stella  2 stelle  3 stelle
                                    
4 stelle  5 stelle
                                
Bandierina
1 scalatore è stato su questa cima

E tu l'hai salita?
  

Segnala la cima Segnala questa cima ad un amico...


Guide Alpine e Accompagnatori di Media Montagna disponibili per questa cima:


Vai all'elenco completo delle Guide Alpine/Accompagnatori di Media Montagna


Proposte di trekking e scalate in Lombardia:


Guarda tutte le proposte delle Guide Alpine/Accompagnatori di Media Montagna


Introduzione:

Bella cima, in particolare se vista dalla Val Budria, da N, da dove si presenta con una larga parete rocciosa. Da questo versante, con il Pizzo del Vento ad E e il Monte Azzarini ad W, forma un bel quadro d’alta montagna. La cresta SE, dove si svolge la via normale proposta, è ripida e un po’ esposta, comunque alla portata di ogni escursionista esperto.
Va precisato che le carte attuali riportano delle inesattezze e anche delle omissioni riguardo l’ubicazione delle cime e dei passi alle testate della Valle di Lemma e della Val Budria. La bella guida alpinistica Alpi Orobie Over 2000 ha definitivamente posto termine alle imprecisioni, nominando Monte Azzaredo (q. 2254 m) la cima posizionata sulla catena principale spartiacque, che sulle carte attuali è invece nominata Monte Tartano (q. 2290 m). Alla base della sua cresta N, che sale poi a formare il Foppone (q. 2303 m), si trova il Passo dei Laghi (q. 2202 m), valico non nominato sulle carte, che mette in comunicazione l’alta Valle di Lemma con l’alta Val Budria. Il vero Monte Tartano si trova sempre sulla catena principale spartiacque, ma circa 300 metri a SW del Pizzo del Vento, esattamente a metà strada tra il Monte Azzaredo ad E e il Monte Azzarini ad W. Il Pizzo del Vento è invece posizionato correttamente, un poco a N della catena spartiacque.
Quello proposto è un bellissimo itinerario ad anello che permette, volendo, di concatenare il Monte Azzaredo per la sua cresta N (di difficoltà EE-), il Pizzo del Vento per la cresta S (difficoltà: EE) ed infine il Monte Tartano per la sua cresta SE (difficoltà: EE+). Punto di partenza e di arrivo è la località Barbera, l’ascesa avviene dalla Valle di Lemma e la discesa dalla Val Budria, ma il percorso può benissimo essere affrontato al contrario (dislivello complessivo in salita 1100 m, ore per l'intera traversata 9,30).
Le relazioni e le immagini di: Monte Azzaredo e Pizzo del Vento – dalla Val Tartano, possono fornire utili indicazioni.


Accesso:

Provenendo da Morbegno, si lascia sulla destra la località di Talamona e prima di attraversare il ponte sull’Adda, seguendo le indicazioni per la Val Tartano, si abbandona la statale 38 e si svolta a destra. La strada, abbastanza stretta, risale la valle con numerosi tornanti, raggiunge Campo e poi il paese di Tartano. Cento metri dopo la chiesa del paese, al termine delle ultime case, c’è un bivio non segnalato. Si prende la strada sulla destra che scende con alcuni tornanti in Val Corta. Essa si addentra poi sterrata lungo la valle per circa 1.5 km. Giunti in località Barbera, sulla sinistra si potrà notare un ponte sul torrente e vari cartelli indicatori, si prosegue per una trentina di metri, fino ad uno spiazzo dove si può parcheggiare.


Descrizione della salita:

Dal parcheggio si retrocede sulla sterrata e si attraversa il ponte, il cartello indica Val di Lemma, Giardino Botanico Orobie, Cima di Lemma e Passo di Lemma. Si risale quindi la Valle di Lemma a sinistra (salendo) del torrente, su di una bella mulattiera (segnavia 116). Il percorso si mantiene inizialmente in prossimità della riva, poi sale sulla sinistra ed infine si avvicina di nuovo al torrente. Quest’ultimo tratto è particolarmente suggestivo e si svolge sul margine di una forra scavata dal torrente impetuoso che forma diverse cascatelle. Poco dopo la mulattiera si immette in una stradina sterrata e si prosegue su di essa, lungo la valle, sempre a sinistra del torrente.
Successivamente si tralascia a destra il cartello che indica il giardino botanico (meritevole comunque di essere visitato) e si segue la sterrata. Si raggiungono poi le due baite della Casera Sona Bassa (q. 1532 m), dove termina la stradina. Percorrendo ora il sentiero con segnavia GVO (Gran Via delle Orobie), lungo il pascolo si arriva alla Casera Lemma Bassa (q. 1694 m). Nel prosieguo, sempre a sinistra del torrente, si oltrepassa una baita isolata e si continua lungo il sentiero che si approssima alla testata della valle. Poi inizia un traverso a destra, oltre le varie ramificazioni del torrente e si raggiunge all’Alpe Lemma Alta (q. 1973 m). Da qui, in direzione W, si seguono le indicazioni dei cartelli per Passo di Pedena e Casera Sona di Sopra.
Il sentiero, sempre segnalato da bandierine, aggira a N il Pizzo del Vallone e giunge nel punto in cui è stata ripresa l’immagine principale della relazione: Monte Azzaredo. Da qui il percorso diventa ben evidente. Si tralascia la Casera di Sona di Sopra (q. 1904 m) che si trova più in basso sulla destra e, seguendo i segnali nel pascolo sassoso, si prosegue verso il Passo dei Laghi (q. 2202 m), alla base della cresta N del Monte Azzaredo. Raggiunto senza difficoltà questo valico, è quasi d’obbligo salire alla vetta precitata, si aggira quindi ad W il primo tratto di cresta roccioso e poi si segue l’elementare dorsale di erba e rocce affioranti, fino in vetta.
Si ridiscende poi sempre la cresta N ma, ben prima di raggiungere il Passo dei Laghi (se si scendesse a questo valico si perderebbe inutilmente dislivello), si traversa a sinistra e in piano, l’intero versante detritico NW del Monte Azzaredo. Qui non ci sono segnali ma il percorso è elementare ed evidente. Poi, per aperto pascolo si punta alla sella alla base della cresta S del Pizzo del Vento. Poco prima di raggiungerla, si incontrano dei segnali, a destra si scende in Val Budria, mentre a sinistra in pochi minuti si arriva alla precitata sella. Anche da qui è d’obbligo raggiungere questa seconda vetta. Si risale quindi la breve cresta S (circa 40 metri di dislivello) lungo il filo che diventa subito un po’ stretto, roccioso nella prima parte, erboso nella seconda, comunque facile, fino a raggiungere la vetta del Pizzo del Vento.
Ridiscesi alla base della cresta S, con percorso evidente, si traversa in piano e a mezzacosta il fianco N della cresta principale spartiacque, su detriti e senza difficoltà, ovviamente in direzione W. Poi, su ripido pendio cespuglioso, si sale fino a raggiungere una sella erbosa sulla cresta precitata. Ci si trova ora alla base dell’impennata finale della cresta SE del Monte Tartano, che diventa subito ripida e un po’ esposta. Seguendo sempre il filo in prevalenza erboso si arriva sulla stretta vetta.


Discesa:

Per la discesa si segue lo stesso itinerario fino alla sella alla base della cresta S del Pizzo del Vento. Da qui, si seguono i segnali che in discesa contornano alla base il versante E del Pizzo del Vento, per un centinaio di metri, fino ad un pianoro acquitrinoso. Qui bisogna prestare attenzione ai segnali, si tralasciano quelli che scendono sulla destra e si seguono, a sinistra, quelli che, con una breve salita iniziale, aggirano il versante N del Pizzo del Vento. La traccia diventa poi un bel sentiero che traversa, in discesa, l’intero versante sotto la parete N del Monte Tartano. Giunti in prossimità dell’Alpe Saroden (q. 1976 m), la traccia si perde nel pascolo, ma ci sono i segnali ad indicare il percorso. Senza raggiungere le baite di questo alpeggio, si prosegue la discesa un po’ sulla destra (rari segnali), fino ad imboccare la larga mulattiera che, con diverse svolte, scende in Val Budria.
Raggiunto il fondovalle, si prosegue lungo il sentiero che si mantiene a sinistra del torrente e più avanti si raggiunge una baita isolata e poi la Casera Val Budria (q. 1492 m). Poco dopo si arriva all’Alpe Pala che, contrariamente a quanto indicato sulle carte, si trova sempre a sinistra del torrente. A quest’ultimo alpeggio vi giunge una stradina sterrata, si attraversa quindi il torrente sopra un ponte e si segue la sterrata in discesa, ora a destra del torrente, fino a raggiungere le poche case di Barbera. Qui si riattraversa di nuovo il torrente sopra un ponte e dopo un centinaio di metri si arriva proprio al parcheggio dove si è lasciata l’auto.


Note:

Per evitare problemi nell’individuare l’inizio della mulattiera sul ciglio della Val Budria, dato che i segnali nel pascolo sotto l’Alpe Saroden sono scarsi, dalla vetta del Pizzo del Vento e del Monte Tartano è utile memorizzare bene questo tratto di itinerario, che da queste due cime è ben visibile (vedi anche 2° immagine di dettaglio di questa relazione).


© VieNormali.it

Via Normale Monte Tartano - Cresta SE - Panorama di vetta, verso NE
Via Normale Monte Tartano - Cresta SE - Panorama di vetta, verso NW
Via Normale Monte Tartano - Cresta SE - Immagine ripresa dall’itinerario di discesa, dalla Casera Val Budria
Panorama di vetta, verso NE Panorama di vetta, verso NW Immagine ripresa dall’itinerario di discesa, dalla Casera Val Budria

Zoom immagini: passare col mouse sopra le immagini per vedere un ingrandimento (attendere il completo caricamento della pagina).

Revisione: relazione rivista e corretta il 06/09/2018 dalla redazione di VieNormali.it

  

Carte escursionistiche sulle Prealpi:



Libri suggeriti sulle Prealpi:


Prealpi Lombarde Centrali  Prealpi Lombarde Occidentali  Prealpi Bresciane  Ferrate in Lombardia e Svizzera   Nel giardino di pietra  Corni di Canzo e Moregallo  Scialpinismo tra Lombardia e Grigioni  Ghiaccio delle Orobie
Ultime 10 scalate Ultime 20 scalate...
Elenco scalate Elenco delle scalate...

Guide escursionistiche Guide escursionistiche consigliate:
           >> Ghiaccio Orobico - Michele Cisana
           >> Arrampicate sportive e moderne fra Lecco e Como - Eugenio Pesci
           >> Alpi Orobie Over 2000 - Vol. 1 - Alessio Pezzotta
           >> Alpi Orobie Over 2000 - Vol. 2
           >> Alpi Orobie Over 2000 - Vol. 3
           >> Prealpi Lombarde Centrali

   Condividi su:




SCOPRI LE NOVITA' EDITORIALI SULLA MONTAGNA DI:

Newsletter

Per ricevere la newsletter periodica del sito inserisci qui il tuo indirizzo e-mail:



Precedenti newsletter >>
Proposta per Guide Alpine e Accompagnatori di Media Montagna

Izas Baltic - Pantaloni da montagna da uomo

- Tessuto mount-stretch, idrorepellente, traspirante, rapida asciugatura
- Tessuto elastico
- Ginocchia preformate
- Tasche posteriori e laterali con zip
- Vestibilità medium fit

Primo Piano

Solo granito - Vol. 1

Solo granito - Vol. 1

Solo granito - Vol. 2

Solo granito - Vol. 2

Monte Baldo Rock

Monte Baldo Rock

Arrampicare - Dolomiti Nord Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Nord Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Sud-Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Sud-Occidentali

Wild Dolomiti

Wild Dolomiti

Ferrate dell'Alto Garda

Ferrate dell'Alto Garda

Prealpi Lombarde Centrali

Prealpi Lombarde Centrali

Il grande libro dei 4000

Il grande libro dei 4000

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 1

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 1

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 2

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 2

Alta Valsesia

Alta Valsesia

Dolomiti

Dolomiti

Parco d'Abruzzo

Parco d'Abruzzo

Il Terminillo e i Monti Reatini

Il Terminillo e i Monti Reatini

I 2000 dell Appennino

I 2000 dell Appennino


VieNormali consiglia

APP Idea Montagna:
Download Apple Store
Download Google Play Store
Scarica singoli itinerari di montagna
o libri interi sul tuo cellulare o tablet!

Libri di montagna Idea Montagna Editoria e Alpinismo

Libri di montagna Versante Sud

Libri di montagna Iter Edizioni

Libri di montagna ViviDolomiti

Carte escursionistiche e libri Geo4Map

Dolomiti.it - Portale sulle Dolomiti



Save the Children Italia Onlus Climb for life T-shirt Climbers against cancer