Informativa Cookie: questo sito utilizza cookie tecnici propri necessari al suo funzionamento e cookie di profilazione di terze parti per visualizzare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dagli utenti nella navigazione in rete. Si invita a leggere la Cookie Policy in cui sono presenti le informazioni sui cookie utilizzati dal sito, su quali informazioni vengono raccolte e le istruzioni su come negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. La prosecuzione della navigazione mediante accettazione dei cookie, chiusura di questo banner informativo, accesso ad altra area del sito, selezione di un elemento dello stesso sottostante questo banner (ad esempio di una immagine o di un link) o scorrimento della pagina verso il basso comporta l'automatica prestazione del consenso a utilizzare i cookie.

In conformità al provvedimento del Garante della Privacy del 8 maggio 2014, G.U. n. 126 del 3/6/2014, attuazione della Dir. UE sui cookie 2009/136/CE
OKNon accetto i cookie

VieNormali.it
Home | Mappa del sito | Gruppo VN | Shopping | Guide   VieNormali su Facebook   Google+ VieNormali   Canale You Tube VieNormali   RSS Feed VieNormali  

Accedi al sito   Registrati al sito   

   
Gruppi Montuosi
Legenda gruppi...

Cerca la cima:
 

Filtri di ricerca >>

Alpi Occidentali:
 
Alpi Centrali:
 
Alpi Orientali:
 
Prealpi:
 
Appennino:
 
Alpi Estere:
 
Quota:
 



Zucco del Corvo - 1980 m


Relazione della salita - Cima n° 3124


Via Normale Zucco del Corvo

In salita al Zucco del Corvo, in prossimità del Passo del Gandazzo
Regione: Lombardia (LeccoItaliane

Alpi e Gruppo: Alpi Occidentali - Alpi Prealpi Lombarde - Gruppo Alpi Orobie

Provincia: Lecco

Punto di partenza: Intróbio, strada per la Val Biandino, incrocio a (q. 800 m)

Versante di salita: SSW

Dislivello di salita: 1180 m - Totale: 2360 m

Tempo di salita: 3,15 h - Totale: 6,00 h

Periodo consigliato: maggio – ottobre

Punti di appoggio: Rifugio G. Buzzoni (q. 1582 m)
Tipo di via: Via normale
Tipo di percorso: Sentiero segnato
Difficoltà:   E - (scala difficoltà)
Attrezzatura:
Valutazione:
Libro di vetta: no
Cartografia: KOMPASS N. 105 – Lecco Valle Brembana 1:50000, GLOBALMAP – Le Grigne Resegone di Lecco e Legnone 1:35000, CARTA NAZIONALE DELLA SVIZZERA N. 287 – Menaggio 1:50000
Autore: Piero Vardinelli Profilo di Piero Vardinelli - Altre salite dell'autore
Data della salita: 06/05/2018
Data pubblicazione: 10/05/2018
N° di visualizzazioni: 136
N° voti: 1 - Voto medio: Voto 5 stelle

Dai il tuo voto a questa relazione:

1 stella  2 stelle  3 stelle
                                    
4 stelle  5 stelle
                                
Bandierina
1 scalatore è stato su questa cima

E tu l'hai salita?
  

Segnala la cima Segnala questa cima ad un amico...


Guide Alpine e Accompagnatori di Media Montagna disponibili per questa cima:


Vai all'elenco completo delle Guide Alpine/Accompagnatori di Media Montagna


Proposte di trekking e scalate in Lombardia:


Guarda tutte le proposte delle Guide Alpine/Accompagnatori di Media Montagna


Introduzione:

È la prima sommità a N del Passo del Gandazzo. Presenta un versante meridionale facile e in prevalenza erboso, mentre quello settentrionale, alto una trentina di metri e a perpendicolo sopra il Passo del Toro, è ripido e roccioso. Questo valico separa infatti il Zucco del Corvo dall’anticima SE del Monte Foppabona. Sul lato E-NE il cocuzzolo sommitale presenta una caratteristica cengia, dove passa il sentiero che conduce al Passo del Toro e che poi prosegue in traversata verso il Rifugio Grassi. Tale cengia, un poco esposta, se è in buone condizioni non presenta particolari difficoltà, ma se è innevata non è affatto facile da percorrere. In questo caso, se si vuole proseguire la traversata, dalla vetta del Zucco del Corvo, facilmente raggiungibile dai prati del versante SE-E, si scende lungo il sentiero invernale, attrezzato con catene, che conduce a pochi metri dal Passo del Toro.


Accesso:

Percorrendo la superstrada Lecco-Colico, o viceversa, si esce allo svincolo di Bellàno e si prende la strada per la Valsassina. Si oltrepassano gli abitati di Taceno, Cortenova e Primaluna. Si giunge così al cartello di inizio paese di Intróbio, esattamente cinquanta metri dopo il cartello, sulla sinistra della strada c’è lo stabilimento di formaggi Ciresa. Di fianco allo stabilimento si imbocca la via alla Cascata che riporta anche un cartello per Valbiandino. Dopo cento metri da questo primo incrocio, si svolta a destra, entrando nella via ai Forni. Anche qui si percorrono un centinaio di metri e poi si svolta a sinistra, per la via alle Ville e Valbiandino (tutti i cartelli sono in loco). Si prosegue per alcune centinaia di metri, fino ad un cartello che indica il divieto di transito, ma di norma è concesso salire con l’auto fino al Ponte dei Ladri (q. 1080 m), ma noi ci fermiamo molto prima. Proseguiamo quindi lungo questa stradina che alterna tratti con il fondo cementato con altri strerrati. Ad ogni modo bisogna prestare attenzione, in quanto il fondo è abbastanza sconnesso. Dopo circa 8/9 minuti dal cartello di divieto di transito, si giunge ad un bivio. Qui si tralascia la stradina principale che prosegue diritta e si parcheggia negli spiazzi ai lati della strada. Poi si imbocca a piedi la pista inizialmente con il fondo cementato che al bivio precitato compie uno stretto tornante destrorso. I cartelli indicano: La Piazza h 0.10, Alpe Daggio h 1.10, Alpe Foppabona h 2.50 e Rifugio G. Buzzoni, segnavia 19 – 25. Va precisato che si potrebbe anche partire a piedi direttamente dall’abitato di Intróbio, ma sfruttando la stradina si risparmiano circa 200 metri di dislivello.


Descrizione della salita:

Si prosegue quindi lungo questa stradina che dopo una cinquantina di metri raggiunge le case di La Piazza e diventa sterrata. La si segue fedelmente lungo il suo percorso che aggira a S, a mezzacosta, il Zucco dell’Orso (q. 1141 m). Quando la strada compie il suo primo tornante sinistrorso (dopo circa 25 minuti di cammino), la si abbandona e si prende il sentiero che si stacca sulla destra del tornante, seguendo le indicazioni di un cartello del CAI che indica Rifugio G. Buzzoni (segnavia 25). Vi è inoltre una freccia sopra un sasso e una bandierina di colore rosso-bianco-rosso con il segnavia 25. Imboccato questo sentiero, si sale subito e per un buon tratto nel bosco, su terreno un po’ roccioso. Si passa poi sotto una conduttura dell’acqua e poco più avanti ci si immette di nuovo sulla sterrata abbandonata in precedenza. Si passa in prossimità di una lapide che riporta testualmente “Cost de San Martin e Pozz d’ol Diaol. In questo luogo la tradizione popolare ricorda la mitica sfida di salto svoltasi tra il santo e il diavolo”.
Poco più avanti, ad un bivio, si tralascia la stradina sulla sinistra che sale ripida e, seguendo i segnali, si prosegue diritti. La pista si approssima così ad un guado, giungendo in prossimità delle Baite Serra (q. 1024 m). Il torrente viene attraversato su di una passerella, alcuni metri a sinistra della carrareccia. Poco più avanti si riattraversa di nuovo lo stesso torrente, ora da destra verso sinistra, sfruttando sempre una passerella e poi la pista termina, lasciando il posto ad un sentiero. Si prosegue ora lungo lo stesso, sempre ben visibile e segnalato e più avanti si supera un ruscello sopra un ponticello in legno. Ci si addentra quindi in un bosco di faggi e si compie un percorso a semicerchio fino a raggiungere un largo dosso alla cui sommità si trova la radura con i ruderi dell’Alpe Te (o Tee, q. 1386 m). Il sentiero, che ora riporta i segnavia 19–25, s’inoltra nel bosco, a sinistra di questo dosso che si è risalito e compie anche qualche breve discesa. Si attraversa poi un ruscello da destra a sinistra e si sale nel bosco con numerose svolte, fino a raggiungere la spianata su cui sorge il Rifugio G. Buzzoni (q. 1582 m, h 2.15 dal parcheggio).
A monte del rifugio si seguono le indicazioni di un cartello del CAI, per Rif. A. Grassi, con i segnavia 25 e 101. Il sentiero in 20 minuti conduce al soprastante Passo del Gandazzo (q. 1660 m), sul crinale di confine tra le province di Lecco e Bergamo. Da questo valico si volge verso NNE, seguendo sempre le indicazioni dei cartelli e le bandierine sui sassi. Il sentiero sale abbastanza ripido lungo il fianco meridionale della montagna. Si supera anche un facile tratto roccioso, poi la traccia aggira ad E il cocuzzolo sommitale dello Zucco del Corvo a 20 metri dalla cima, che si raggiunge in breve lungo i prati.


Discesa:

Abbiamo due possibilità.
1°) Come per la salita.
2°) Effettuando la traversata di cresta Zucco del Corvo - Monte Foppabona – Zuc di Cam – Zuc di Valbona e ritornando al parcheggio passando dal Rifugio Bocca di Biandino, in questo caso vedi anche le immagini e le relative relazioni di salita a queste montagne.
In breve:
Difficoltà della traversata: EE
Dislivello totale in salita: 1640 m (altrettanti in discesa)
Ore per l’intera traversata (partenza e arrivo al parcheggio): 8,00
Attrezzatura: scarponi
Itinerario:
Dallo Zucco del Corvo si scende 20 metri lungo i prati del versante E, poi si imbocca il sentiero della cengia che conduce al Passo del Toro. In alternativa, dalla vetta dello Zucco del Corvo si scende direttamente al Passo del Toro utilizzando il sentiero invernale attrezzato con catene. Si sale poi all’anticima SE del Monte Foppabona (q. 2062 m), quindi ci si abbassa alla sottostante sella (q. 2038 m) e si risale al Monte Foppabona (q. 2087 m). Si scende ora alla Bocchetta di Foppabona (q. 1986 m) e si sale la facile cresta E dello Zuc di Cam (q. 2195 m). La sua cresta N da percorrere in discesa è un po’ più ripida e attrezzata in un punto con catene. Si giunge così alla Bocchetta di Valbona (q. 2041 m). Ci attende ora l’ultima salita, la ripida ma facile cresta S dello Zuc di Valbona (q. 2131 m). Da qui si scende lungo la larghissima dorsale NNE e si arriva al Passo di Camisolo (q. 2019 m). Si divalla ora su sentiero segnalato al Rifugio Pio X° e al sottostante Rifugio Bocca di Biandino (q. 1496 m). Si percorre poi a piedi la stradina, in parte con il fondo cementato, in parte sterrato, che ci riporta al parcheggio dove si è lasciata l’auto.
Va segnalato che 100 metri ad E del Passo di Camisolo c’è il pianoro sul quale sorge il Rifugio Grassi (q. 2000 m), ben visibile da tutta la traversata.


© VieNormali.it

Via Normale Zucco del Corvo - Il Rifugio Buzzoni e all’orizzonte le Grigne
Via Normale Zucco del Corvo - Sul sentiero che aggira ad E il cocuzzolo sommitale, a 20 metri dalla cima
Via Normale Zucco del Corvo - In discesa, sul sentiero attrezzato del versante N. A destra la cengia innevata
Il Rifugio Buzzoni e all’orizzonte le Grigne Sul sentiero che aggira ad E il cocuzzolo sommitale, a 20 metri dalla cima In discesa, sul sentiero attrezzato del versante N. A destra la cengia innevata

Zoom immagini: passare col mouse sopra le immagini per vedere un ingrandimento (attendere il completo caricamento della pagina).

Revisione: relazione rivista e corretta il 10/05/2018 dalla redazione di VieNormali.it

  

Carte escursionistiche sulle Alpi Occidentali:



Libri suggeriti sulle Alpi Occidentali:


Prealpi Lombarde Centrali  Prealpi Lombarde Occidentali  Prealpi Bresciane  Ferrate in Lombardia e Svizzera   Nel giardino di pietra  Corni di Canzo e Moregallo  Scialpinismo tra Lombardia e Grigioni  Ghiaccio delle Orobie
Ultime 10 scalate Ultime 20 scalate...
Elenco scalate Elenco delle scalate...

Guide escursionistiche Guide escursionistiche consigliate:
           >> Ghiaccio Orobico - Michele Cisana
           >> Arrampicate sportive e moderne fra Lecco e Como - Eugenio Pesci
           >> Alpi Orobie Over 2000 - Vol. 1 - Alessio Pezzotta
           >> Alpi Orobie Over 2000 - Vol. 2
           >> Alpi Orobie Over 2000 - Vol. 3
           >> Prealpi Lombarde Centrali

   Condividi su:




SCOPRI LE NOVITA' EDITORIALI SULLA MONTAGNA DI:

Newsletter

Per ricevere la newsletter periodica del sito inserisci qui il tuo indirizzo e-mail:



Precedenti newsletter >>
Proposta per Guide Alpine e Accompagnatori di Media Montagna
Proposte di montagna

Primo Piano

Solo granito - Vol. 1

Solo granito - Vol. 1

Solo granito - Vol. 2

Solo granito - Vol. 2

Monte Baldo Rock

Monte Baldo Rock

Arrampicare - Dolomiti Nord Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Nord Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Sud-Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Sud-Occidentali

Wild Dolomiti

Wild Dolomiti

Ferrate dell'Alto Garda

Ferrate dell'Alto Garda

Prealpi Lombarde Centrali

Prealpi Lombarde Centrali

Il grande libro dei 4000

Il grande libro dei 4000

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 1

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 1

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 2

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 2

Alta Valsesia

Alta Valsesia

Dolomiti

Dolomiti

Parco d'Abruzzo

Parco d'Abruzzo

Il Terminillo e i Monti Reatini

Il Terminillo e i Monti Reatini

I 2000 dell Appennino

I 2000 dell Appennino


VieNormali consiglia

APP Idea Montagna:
Download Apple Store
Download Google Play Store
Scarica singoli itinerari di montagna
o libri interi sul tuo cellulare o tablet!

Libri di montagna Idea Montagna Editoria e Alpinismo

Libri di montagna Versante Sud

Libri di montagna Iter Edizioni

Libri di montagna ViviDolomiti

Carte escursionistiche e libri Geo4Map

Dolomiti.it - Portale sulle Dolomiti



Save the Children Italia Onlus Climb for life T-shirt Climbers against cancer