Informativa Cookie: questo sito utilizza cookie tecnici propri necessari al suo funzionamento e cookie di profilazione di terze parti per visualizzare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dagli utenti nella navigazione in rete. Si invita a leggere la Cookie Policy in cui sono presenti le informazioni sui cookie utilizzati dal sito, su quali informazioni vengono raccolte e le istruzioni su come negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. La prosecuzione della navigazione mediante accettazione dei cookie, chiusura di questo banner informativo, accesso ad altra area del sito, selezione di un elemento dello stesso sottostante questo banner (ad esempio di una immagine o di un link) o scorrimento della pagina verso il basso comporta l'automatica prestazione del consenso a utilizzare i cookie.

In conformità al provvedimento del Garante della Privacy del 8 maggio 2014, G.U. n. 126 del 3/6/2014, attuazione della Dir. UE sui cookie 2009/136/CE
OKNon accetto i cookie

VieNormali.it
Home | Mappa del sito | Gruppo VN | Shopping | Area Partner   VieNormali su Facebook   Google+ VieNormali   Canale You Tube VieNormali   RSS Feed VieNormali  

Accedi al sito   Registrati al sito   

   
Gruppi Montuosi
Legenda gruppi...

Cerca la cima:
 

Filtri di ricerca >>

Alpi Occidentali:
 
Alpi Centrali:
 
Alpi Orientali:
 
Prealpi:
 
Appennino:
 
Alpi Estere:
 
Quota:
 



Cima del Duca - 2968 m


Relazione della salita - Cima n° 3032


Foto via normale Cima del Duca non disponibile Regione: Lombardia (SondrioItaliane

Alpi e Gruppo: Alpi Occidentali - Alpi Retiche - Gruppo Masino

Provincia: Sondrio

Punto di partenza: Chiareggio (q. 1612 m)

Versante di salita: NE

Dislivello di salita: 1356 m - Totale: 2712 m

Tempo di salita: 5,00 h - Totale: 9,30 h

Periodo consigliato: da metà luglio a metà settembre

Punti di appoggio: Rif. Gerli-Porro (q. 1965 m) e Rif. Ventina (q. 1975 m)
Tipo di via: Via normale
Tipo di percorso: Traccia e roccette, passaggi su roccia
Difficoltà:   EE - A - III+ - PD+ (scala difficoltà)
Attrezzatura:
Valutazione:
Libro di vetta: no
Cartografia: KOMPASS N. 93 – Bernina-Sondrio 1: 50000
Autore: Piero Vardinelli Profilo di Piero Vardinelli - Altre salite dell'autore
Data della salita: 03/08/2017
Data pubblicazione: 07/08/2017
N° di visualizzazioni: 106

Introduzione:

Vetta rocciosa e imponente, dalle linee attraenti, posizionata sulla catena che dal Pizzo Cassandra si protende verso NE. Il versante rivolto ad occidente, verso la Val Ventina, è formato da una vasta parete, ma di scarso interesse alpinistico data la scadente qualità delle rocce. L’ascesa proposta lungo la cresta NE, considerata la via normale, offre invece un’interessante arrampicata, riservata però ad alpinisti esperti, in grado di superare passaggi fino al III+. Da tener presente che in loco non esiste alcun tipo di protezione per il superamento dei passaggi più impegnativi ed è pertanto consigliato portare al seguito chiodi da roccia e tutto il materiale necessario per la progressione in sicurezza.
Il Ghiacciaio della Cima del Duca, riportato ancora su diverse carte, che si annidava sotto il versante N della montagna, è ormai del tutto estinto. Permane solamente una piccola placca ghiacciata sul fondo di una larga conca morenica, sotto la Bocchetta di Lagazzolo, ma non interferisce con l’itinerario di salita al valico. In estate, piccozza e ramponi non sono quindi necessari.
Notevole il panorama offerto dalla vetta, in particolare sui gruppi del Disgrazia e del Bernina.


Accesso:

A Sondrio si prende la strada per la Valmalenco, raggiunto Chiesa si prosegue fino a Chiareggio, dove si parcheggia.


Descrizione della salita:

A Chiareggio si attraversa il torrente Mallero sopra un ponte e si imbocca, verso destra, la pista sterrata che conduce ai rifugi. Dopo un primo tratto quasi pianeggiante la pista entra in Val Ventina. Ignorando nel prosieguo le deviazioni a sinistra e a destra, si supera il gradone della valle con un lieve strappo e si arriva al Rifugio Gerli-Porro (q. 1965 m) e poco più avanti al Rifugio Ventina (q. 1975 m, h 1,00 da Chiareggio). È un posto davvero idilliaco e molto frequentato la piana valliva dell’Alpe Ventina, con le larghe anse del torrente, il ghiacciaio con le sue alte morene laterali e le numerose vette che coronano la valle.
Un centinaio di metri dopo il rifugio Porro sono presenti numerosi cartelli indicatori. Si prende a sinistra, per Torrione Porro, Via Ferrata al Torrione Porro e Sentiero del Larice Millenario. Il sentiero, sempre ben segnalato, sale con numerose svolte poco a destra della colata di ganda che scende dalla parete W del Torrione Porro, tra cespugli e pini mughi. Si sale per un buon tratto, fino ad un pianoro ingombro di ganda. Tralasciando le indicazioni per la ferrata, si prosegue per qualche centinaia di metri lungo il sentiero principale, fin dove si trova il larice millenario (cartello indicatore).
Qui (vedi prima immagine di dettaglio), si abbandona il sentiero e si sale verso destra (SE), in direzione di un evidente e largo pendio di sfasciumi e ganda, inizialmente tra cespugli, rocce e qualche rado larice. Nel prosieguo sulle rocce appaiono dei segnali bianchi rettangolari che ci aiutano a risalire questo lungo pendio, monotono e un poco faticoso. Giunti alla sua sommità, ci troviamo sull’orlo di una vasta conca morenica, nel cui mezzo si trovano i resti del ghiacciaietto della Cima del Duca. Si contorna a destra questa conca e si punta all’evidente intaglio alla base la cresta NE della nostra montagna, la Bocchetta di Lagazzolo (q. 2778 m). Il canaletto che bisogna risalire per raggiungerla è ripido e molto franoso, ma non pone particolari difficoltà.
Raggiunto il valico, si inizia ad arrampicare, diversi ometti di pietre presenti fin quasi in vetta ci indicano la via migliore da seguire. Inizialmente si aggirano a sinistra le prime rocce, superando anche una placchetta esposta di II. Ritornati sul filo, si aggirano con percorso evidente i diversi ostacoli e ben presto ci troviamo di fronte ad un’impennata della cresta. La si può superare direttamente con passaggi di II+/III, oppure aggirare a sinistra, per un canaletto esposto e franoso (alla sommità di questo passaggio c’è un cordino per la discesa in doppia del salto).
Poi si prosegue in prevalenza lungo il filo della cresta, oppure un poco a destra dello stesso, con passaggi anche esposti, fino a raggiungere un risalto verticale di una ventina di metri (quello indicato nella seconda immagine di dettaglio), il tratto più impegnativo dell’intera ascensione. Lo si supera inizialmente risalendo un canaletto, per poi traversare brevemente a sinistra e quindi arrampicando lungo il muro quasi verticale, con passaggi di III/III+.
Giunti alla sua sommità (chiodo per la calata in doppia), c’è un breve tratto orizzontale della cresta, a cui fanno seguito pochi metri di discesa, poi si evita una nuova impennata con un largo aggiramento a sinistra, su terreno franoso e a tratti esposto. Noi abbiamo scelto questa alternativa di aggiramento anche se alcuni ometti di pietra indicano di proseguire lungo il filo, che ci è però apparso molto esposto e affatto facile. Ritornati in cresta, si arrampica anche qui appoggiando a destra, per poi rientrare al centro, fino a raggiungere le gobbe della cresta sommitale che diviene sempre più larga e quasi pianeggiante, fino in vetta.


Discesa:

Come per la salita.


Note:

Dettagli della salita nella foto scalata.


© VieNormali.it

Foto non disponibile Foto non disponibile Foto non disponibile
In salita In rosso il tratto più impegnativo, 20 metri di III/III+ Panorama di vetta verso SW

N° voti: 0

Dai il tuo voto a questa relazione:

1 stella  2 stelle  3 stelle
                                    
4 stelle  5 stelle
                                
Bandierina
scalatori sono stati su questa cima

E tu l'hai salita?
  

Segnala la cima Segnala questa cima ad un amico...

Libri suggeriti sulle Alpi Occidentali:


Ultime 10 scalate Ultime 20 scalate...
Elenco scalate Elenco delle scalate...

Guide escursionistiche Guide escursionistiche consigliate:
           >> Arrampicare sportive e moderne in Valtellina, Valchiavenna, Engadina - Guido Lisignoli, Eraldo Meraldi, Andrea Pavan
           >> Solo granito - Mario Sertori e Guido Lisignoli

Revisione: relazione rivista e corretta il 07/08/2017 dalla redazione di VieNormali.it

  


Condividi su:  Share    




OFFERTE ATTREZZATURA E ACCESSORI OUTDOOR

Libri di montagna

Newsletter

Per ricevere la newsletter periodica del sito inserisci qui il tuo indirizzo e-mail:



Precedenti newsletter >>
Primo Piano

Solo granito - Vol. 1

Solo granito - Vol. 1

Solo granito - Vol. 2

Solo granito - Vol. 2

Monte Baldo Rock

Monte Baldo Rock

Arrampicare - Dolomiti Nord Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Nord Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Sud-Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Sud-Occidentali

Wild Dolomiti

Wild Dolomiti

Ferrate dell'Alto Garda

Ferrate dell'Alto Garda

Prealpi Lombarde Centrali

Prealpi Lombarde Centrali

Il grande libro dei 4000

Il grande libro dei 4000

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 1

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 1

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 2

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 2

Alta Valsesia

Alta Valsesia

Dolomiti

Dolomiti

Parco d'Abruzzo

Parco d'Abruzzo

Il Terminillo e i Monti Reatini

Il Terminillo e i Monti Reatini

I 2000 dell Appennino

I 2000 dell Appennino


VieNormali consiglia

Dolomiti.it - Portale sulle Dolomiti

Libri di montagna Idea Montagna Editoria e Alpinismo

Libri di montagna Versante Sud

Libri di montagna Iter Edizioni



Save the Children Italia Onlus Climb for life T-shirt Climbers against cancer