Informativa Cookie: questo sito utilizza cookie tecnici propri necessari al suo funzionamento e cookie di profilazione di terze parti per visualizzare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dagli utenti nella navigazione in rete. Si invita a leggere la Cookie Policy in cui sono presenti le informazioni sui cookie utilizzati dal sito, su quali informazioni vengono raccolte e le istruzioni su come negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. La prosecuzione della navigazione mediante accettazione dei cookie, chiusura di questo banner informativo, accesso ad altra area del sito, selezione di un elemento dello stesso sottostante questo banner (ad esempio di una immagine o di un link) o scorrimento della pagina verso il basso comporta l'automatica prestazione del consenso a utilizzare i cookie.

In conformità al provvedimento del Garante della Privacy del 8 maggio 2014, G.U. n. 126 del 3/6/2014, attuazione della Dir. UE sui cookie 2009/136/CE
OKNon accetto i cookie

VieNormali.it
Home | Mappa del sito | Gruppo VN | Shopping | Area Partner   VieNormali su Facebook   Google+ VieNormali   Canale You Tube VieNormali   RSS Feed VieNormali  

Accedi al sito   Registrati al sito   

   
Gruppi Montuosi
Legenda gruppi...

Cerca la cima:
 

Filtri di ricerca >>

Alpi Occidentali:
 
Alpi Centrali:
 
Alpi Orientali:
 
Prealpi:
 
Appennino:
 
Alpi Estere:
 
Quota:
 



Pizzo del Ferro Orientale (traversata Val del Ferro-Qualido) - 3199 m


Relazione della salita - Cima n° 3030


Via Normale Pizzo del Ferro Orientale (traversata Val del Ferro-Qualido)

Il pizzo del Ferro fotografato dal bis. Valsecchi
Regione: Lombardia (SondrioItaliane

Alpi e Gruppo: Alpi Occidentali - Alpi Retiche - Gruppo Masino

Provincia: Sondrio

Punto di partenza: San Martino (q. 923 m)

Versante di salita: S

Dislivello di salita: 2276 m - Totale: 4552 m

Tempo di salita: 7,00 h - Totale: 12,00 h

Periodo consigliato: primavera - autunno

Valle: Val Masino - Altre cime della Val Masino
Punti di appoggio: Biv. Valsecchi (q. 2510 m)
Tipo di via: Via normale
Tipo di percorso: Senza traccia
Difficoltà:   EE - AR - II - F+ (scala difficoltà)
Attrezzatura:
Valutazione:
Libro di vetta: no
Cartografia: KOMPASS, Chiavenna - Val Bregaglia 1:50000
Autore: Foto non presente Luca Vezzoni - Altre salite dell'autore
Data della salita: 05/08/2017
Data pubblicazione: 06/08/2017
N° di visualizzazioni: 354
N° voti: 0

Dai il tuo voto a questa relazione:

1 stella  2 stelle  3 stelle
                                    
4 stelle  5 stelle
                                
Bandierina
1 scalatore è stato su questa cima

E tu l'hai salita?
  

Segnala la cima Segnala questa cima ad un amico...

Introduzione:

Il pizzo del Ferro Orientale è quello più a est dell'omonima costiera che si erge alla testata della val del Ferro per separarla, verso nord, dalla valle d'Albigna. La montagna si erge bifida sullo spartiacque tra le valli del Ferro e Qualido, tributarie della Val di Mello. E' ben visibile dalla strada provinciale della Val Masino così come dal paese di San Martino, luogo di partenza per l'ascesa. La salita non è difficile ma si svolge per gran parte su terreno disagevole e privo di traccia. Con buona visibilità, la via è però intuibile e le difficoltà maggiori si concentrano nei 400 m finali dove occorre districarsi per placche appoggiate e canalini rocciosi. Dalla vetta il panorama è notevole su valle e bacino dell'Albigna, sulle aguzze sagome delle Sciore, nonché sui rilievi che dividono la val di Mello da quella di Predarossa.


Accesso:

Da Ardenno, si lascia la S.S. 38 per imboccare la strada della Val Másino. Oltrepassate la località di Filorera e il Sasso Remenno, si raggiunge San Martino Valmasino, dove si parcheggia.


Descrizione della salita:

Da San Martino, con uno dei vari percorsi disponibili (strada carrozzabile, sentieri a dx o a sin del fiume...), ci si inoltra in val di Mello. Giunti in località Ca' dei Rogni, si abbandona il solco della valle per innalzarsi con sentiero nel bosco. La traccia si snoda sulla destra orografica della valle, sfiora alcune cascate, per poi traversare sul lato opposto lambendo l'ultimo imponente gradino granitico laddove è posta la casera del Ferro (1658 m). Nuovamente ripido, il sentiero ritorna verso il centro della valle, ora più ampia e panoramica fino nei pressi della bella baita del Ferro (1940). La via diventa qui solo una debole traccia; con percorso non obbligato, si prende rapidamente quota fino ad intravedere il poggio dove sorge il bivacco Valsecchi (2510 m). Il pizzo del Ferro orientale è la cima bifida sulla destra. Si prosegue su ganda instabile, intercettando e superando i segnavia del sentiero Roma. Obliquando verso nord-est si procede, su terreno costantemente disagevole, fino a raggiungere la più ampia ed evidente debolezza della montagna. Senza compiere virate, si risale un primo sistema di placche con percorso a piacere, per poi virare per due volte di 90 gradi, ritrovandosi a procedere nuovamente in direzione N-E, puntando all'evidente fenditura della cresta E della montagna, senza però raggiungerla. Lasciatisi a destra la possibilità di discesa in val Qualido, si procede brevemente verso N su terreno meno ripido, per poi svoltare in direzione N-W, risalendo un ben visibile canalino. Giunti sulla pala sommitale della montagna, si volge nuovamente a N-E, guadagnando, in breve, la vetta (ometto).


Discesa:

La discesa può avvenire lungo il percorso di salita o, in alternativa, sul versante sud-orientale verso la val Qualido. In quest'ultimo caso, ci si riabbassa un centinaio di metri fino al pianoro raggiunto in salita; deviando a sinistra (nevaio fino a stagione inoltrata) prima lievemente, poi in maniera più decisa, senza farsi ingolosire dalla discesa più diretta che si fermerebbe dinnanzi a un baratro insuperabile. Con direzione S-W ci si abbassa per massi e pietroni verso il catino della val Qualido. Si incrocia nuovamente il sentiero Roma, percorrendolo per breve tratto in direzione del passo dell'Averta. Lo si abbandona per calarsi in verticale con l'aiuto di segnavia, talvolta sbiaditi. Giunti nei pressi della baita Qualido (2030 m), si svolta decisi a occidente per infilarsi nel solco più stretto della valle, quello sulla destra orografica, proprio sotto le vertiginose pareti del Qualido. Il sentiero è ora più visibile, sebbene sempre ripido e poco calcato. Lo si segue fedelmente per sbucare sul fondovalle in località Ca' di Carna.


Note:

Il percorso richiede un notevole impegno fisico e una buona dose di esperienza nel muoversi su terreni disagevoli, spesso privi di traccia o segnavia. Gli ultimi 400 metri di ascesa si svolgono per placche mai difficili ma neppure banali. Qualche metro di corda può risultare utile in caso di neve o bagnato. I ramponi sono inutili in stagione avanzata. Consigliato il casco in considerazione dell'alta probabilità di smuovere sassi. L'ascesa è fattibile anche in primavera, essendo percorso adatto a uno scialpinismo impegnativo e di ricerca.


© VieNormali.it

Via Normale Pizzo del Ferro Orientale (traversata Val del Ferro-Qualido) - Una terza fascia di placche a quasi 3000 m
Via Normale Pizzo del Ferro Orientale (traversata Val del Ferro-Qualido) - Sulla pala sommitale, con lo sfondo della val del Ferro
Via Normale Pizzo del Ferro Orientale (traversata Val del Ferro-Qualido) - Panorama sulla valle dell'Albigna e le Sciore
Una terza fascia di placche a quasi 3000 m Sulla pala sommitale, con lo sfondo della val del Ferro Panorama sulla valle dell'Albigna e le Sciore

Zoom immagini: passare col mouse sopra le immagini per vedere un ingrandimento (attendere il completo caricamento della pagina).

Libri suggeriti sulle Alpi Occidentali:


Ultime 10 scalate Ultime 20 scalate...
Elenco scalate Elenco delle scalate...

Guide escursionistiche Guide escursionistiche consigliate:
           >> Arrampicare sportive e moderne in Valtellina, Valchiavenna, Engadina - Guido Lisignoli, Eraldo Meraldi, Andrea Pavan
           >> Solo granito - Mario Sertori e Guido Lisignoli

Revisione: relazione rivista e corretta il 25/08/2017 dalla redazione di VieNormali.it

  


Condividi su:  Share    




OFFERTE ATTREZZATURA E ACCESSORI OUTDOOR

Libri di montagna

Newsletter

Per ricevere la newsletter periodica del sito inserisci qui il tuo indirizzo e-mail:



Precedenti newsletter >>
Proposta per Guide Alpine e Accompagnatori di Media Montagna
Patagonia con Kailas

Primo Piano

Solo granito - Vol. 1

Solo granito - Vol. 1

Solo granito - Vol. 2

Solo granito - Vol. 2

Monte Baldo Rock

Monte Baldo Rock

Arrampicare - Dolomiti Nord Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Nord Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Sud-Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Sud-Occidentali

Wild Dolomiti

Wild Dolomiti

Ferrate dell'Alto Garda

Ferrate dell'Alto Garda

Prealpi Lombarde Centrali

Prealpi Lombarde Centrali

Il grande libro dei 4000

Il grande libro dei 4000

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 1

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 1

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 2

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 2

Alta Valsesia

Alta Valsesia

Dolomiti

Dolomiti

Parco d'Abruzzo

Parco d'Abruzzo

Il Terminillo e i Monti Reatini

Il Terminillo e i Monti Reatini

I 2000 dell Appennino

I 2000 dell Appennino


VieNormali consiglia

APP Idea Montagna:
Download Apple Store
Download Google Play Store
Scarica singoli itinerari di montagna
o libri interi sul tuo cellulare o tablet!

Libri di montagna Idea Montagna Editoria e Alpinismo

Libri di montagna Versante Sud

Libri di montagna Iter Edizioni

Libri di montagna ViviDolomiti

Carte escursionistiche e libri Geo4Map

Dolomiti.it - Portale sulle Dolomiti



Save the Children Italia Onlus Climb for life T-shirt Climbers against cancer