Informativa Cookie: questo sito utilizza cookie tecnici propri necessari al suo funzionamento e cookie di profilazione di terze parti per visualizzare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dagli utenti nella navigazione in rete. Si invita a leggere la Cookie Policy in cui sono presenti le informazioni sui cookie utilizzati dal sito, su quali informazioni vengono raccolte e le istruzioni su come negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. La prosecuzione della navigazione mediante accettazione dei cookie, chiusura di questo banner informativo, accesso ad altra area del sito, selezione di un elemento dello stesso sottostante questo banner (ad esempio di una immagine o di un link) o scorrimento della pagina verso il basso comporta l'automatica prestazione del consenso a utilizzare i cookie.

In conformità al provvedimento del Garante della Privacy del 8 maggio 2014, G.U. n. 126 del 3/6/2014, attuazione della Dir. UE sui cookie 2009/136/CE
OKNon accetto i cookie

VieNormali.it
Home | Mappa del sito | Gruppo VN | Shopping | Guide di montagna | Ordini   VieNormali su Facebook   Canale You Tube VieNormali   Instagram VieNormali  

Accedi al sito   Registrati al sito   

   
Gruppi Montuosi
Legenda gruppi...

Cerca la cima:
 

Filtri di ricerca >>

Alpi Occidentali:
 
Alpi Centrali:
 
Alpi Orientali:
 
Prealpi:
 
Appennino:
 
Alpi Estere:
 
Quota:
 



Corno D´Aquilio - 1545 m


Relazione della salita - Cima n° 2861


Via Normale Corno D´Aquilio
La vetta del Corno D´Aquillio
Regione: Veneto (VeronaItaliane

Alpi e Gruppo: Prealpi - Prealpi Venete - Gruppo Monti Lessini

Provincia: Verona

Punto di partenza: Loc. Tommasi (q 1129 m)

Versante di salita: S, E, SE

Dislivello di salita: 416 m - Totale: 832 m

Tempo di salita: 2,00 h - Totale: 4,00 h

Periodo consigliato: tutto l'anno

Valle: Lessinia - Altre cime della Lessinia
Punti di appoggio: nessuno
Tipo di via: Via normale
Tipo di percorso: Sentiero segnato
Difficoltà:   E (scala difficoltà)
Attrezzatura:
Valutazione:
Libro di vetta: si
Cartografia: Comitato Gruppi Alpinistici Veronesi - Lessinia-Carega 1:20000
Autore: Foto non presente Riccardo M. - Altre salite dell'autore
Data della salita: 04/01/2016
Data pubblicazione: 01/03/2016
N° di visualizzazioni: 10321
N° voti: 6 - Voto medio: Voto 4 stelle

Dai il tuo voto a questa relazione:

1 stella  2 stelle  3 stelle
                                    
4 stelle  5 stelle
                                
Bandierina
20 scalatori sono stati su questa cima

E tu l'hai salita?
  

Segnala la cima Segnala questa cima ad un amico...


Guide Alpine e Accompagnatori di Media Montagna disponibili per questa cima:


Vai all'elenco completo delle Guide Alpine/Accompagnatori di Media Montagna


Introduzione:

Particolare cima che si staglia come uno sperone roccioso sui pascoli sottostanti. La sua caratteristica forma fa si che venga riconosciuto da tutta la pianura veronese ed è anche per questo una delle montagne più frequentate della provincia di Verona. I versanti sud e ovest precipitano, con ripide pareti rocciose rispettivamente sull’ abitato di Tommasi e sulla Val d’Adige, mentre i versanti nord, nord-ovest digradano dolcemente verso i pascoli della Lessinia. Il Corno D’Aquilio è noto anche per i numerosi fenomeni carsici che si sono sviluppati sul suo altipiano. Nelle vicinanze si trova infatti la Spluga della Preta, uno degli abissi carsici più famosi al mondo; esso ha una profondità dichiarata di -877 m ciononostante vi sono ancora molti cunicoli da esplorare. Lungo il percorso si trova anche la Grotta del Ciabattino, cavità carsica facilmente esplorabile, al contrario della Spluga che è accessibile soltanto a speleologi esperti.


Accesso:

Da Fosse, raggiungibile da Negrar – Fane – Sant’Anna d’Alfaedo, si prende la strada che dal centro del paese prosegue dritto seguendo le indicazioni per contrada Tommasi e Sega di Ala. Si prosegue sempre dritto tralasciando deviazioni laterali fino a raggiungere località Tommasi dove si lascia l’auto in un ampio parcheggio sulla sinistra.


Descrizione della salita:

Da Tommasi vi sono tre percorsi alternativi per raggiungere la cima:

1 - Si prosegue sulla strada fino a giungere ad un bivio dove si prende la strada che prosegue a sinistra, mentre si tralascia quella che prosegue dritta. Si raggiunge in breve tempo la contrada Coste, dove il sentiero 250 prosegue con continui saliscendi sul versante ovest del Corno affacciato sulla Val d’Adige. Il sentiero prosegue verso il Passo di Rocca Pia dove sono visibili gallerie e trincee della Grande Guerra. Si prosegue oltre in leggera discesa per proseguire poi lunga una lunga serie di ripide serpentine che si inerpicano nel bosco fino a sbucare nei pascoli di Malga Fanta dove il sentiero piega decisamente verso sud fino a raggiungere la malga. Con una breve deviazione a sinistra è possibile osservare la voragine della Spluga della Preta, la quale è recintata con lastre di pietra. Dalla malga o dalla Spluga si prosegue ancora verso sud in direzione della cima, la quale dopo una breve ma ripida salita e un lungo traverso, viene raggiunta.
Tempo salita: 3,00 h - Tempo totale: 5,30 h

2 - Dalla biforcazione della strada a Tommasi si prosegue dritti, dove la strada si addentra all’interno della Valle Liana. Poco prima che la strada compia un tornante si stacca sulla sinistra il sentiero n°250 che sale ripido all’interno di una faggeta. Il sentiero prosegue con una serie di tornanti che permettono una rapida ascensione. Più avanti il bosco diventa un’abetaia e in breve si sbuca sui pascoli in vista del recinto della Spluga sulla destra. Anche qui è possibile compiere una deviazione per ammirare l’abisso, altrimenti il sentiero prosegue sulla sinistra dove si prosegue qualche metro in discesa, più avanti sulla destra vi è l’entrata della Grotta del Ciabattino che è possibile visitare. Ritornati sul sentiero si oltrepassa un recinto e si sale in direzione sud verso la cima che si raggiunge in 20/30 minuti.
Tempo salita: 2,00 h - Tempo totale: 4,00 h

3 - Dal bivio della strada di Tommasi si prosegue dritti come il percorso 2, però si tralascia la deviazione a sinistra con il sentiero 250 e si prosegue lungo la strada che è a tratti asfaltata e a tratti sterrata. La strada è aperta anche al traffico motorizzato. Si segue sempre la strada prima per boschi e poi per pascoli fino a giungere a Col della Pealda, dove si lascia la strada asfaltata e si prosegue su una mulattiera. La mulattiera compie ora un grande giro passando prima per Casara Preta di sopra e raggiungendo poi Malga Fanta, da dove si prosegue verso sud in direzione della cima.
Tempo salita: 2,30 h - Tempo totale: 5,00 h


Discesa:

In discesa è possibile percorrere i medesimi percorsi di salita oppure è possibile collegare i vari percorsi descritti e compiere una bella escursione ad anello. Bisogna considerare però che il percorso 1 è sconsigliabile percorrerlo in discesa, in quanto presenta l’ultima parte molto ripida.


Note:

Come visto in precedenza è possibile effettuare diversi percorsi per arrivare in vetta, in particolare i percorsi 1 e 2 sono i più consigliati. Il percorso 3 invece è sconsigliabile, nonostante il luogo meriti comunque una visita, poichè si percorre una strada aperta al traffico motorizzato. Il percorso 1 richiede una buona preparazione fisica e il tempo di percorrenza è maggiore degli altri percorsi. Il percorso 2 invece è la via più rapida per raggiungere la cima.


© VieNormali.it

Via Normale Corno D´Aquilio - Ingresso della Grotta del Ciabattino Via Normale Corno D´Aquilio - Il panorama verso la Lessinia e il Carega
Ingresso della Grotta del Ciabattino Il panorama verso la Lessinia e il Carega


Revisione: relazione rivista e corretta il 05/03/2016 dalla redazione di VieNormali.it

  


Mappa su Google:



Carte escursionistiche sulle Prealpi:



Libri suggeriti sulle Prealpi:


Ultime 10 scalate Ultime 20 scalate...
Elenco scalate Elenco delle scalate...

Guide escursionistiche Guide escursionistiche consigliate:
           >> Escursionismo invernale - Vol. 1 - Francesco Carrer, Luciano Dalla Mora
           >> Scialpinismo in Col Nudo - Cavallo
   Condividi su:




SCOPRI LE NOVITA' EDITORIALI SULLA MONTAGNA DI:

Dolomiti di Brenta Dolomiti di Brenta

Libri di montagna

Newsletter

Per ricevere la newsletter periodica del sito inserisci qui il tuo indirizzo e-mail:



Precedenti newsletter >>
Stubai - Piccozza da piolet-traction

Piccozza per canali di neve e pareti nord e creste di misto.

Ottima per salite su ghiaccio e misto classiche, pareti nord, canali ripidi.

Un prezzo del genere per una piccozza da piolet-traction non si trova!


Proposta per Guide Alpine e Accompagnatori di Media Montagna


Primo Piano

Solo granito - Vol. 1

Solo granito - Vol. 1

Solo granito - Vol. 2

Solo granito - Vol. 2

Monte Baldo Rock

Monte Baldo Rock

Arrampicare - Dolomiti Nord Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Nord Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Sud-Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Sud-Occidentali

Wild Dolomiti

Wild Dolomiti

Ferrate dell'Alto Garda

Ferrate dell'Alto Garda

Prealpi Lombarde Centrali

Prealpi Lombarde Centrali

Il grande libro dei 4000

Il grande libro dei 4000

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 1

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 1

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 2

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 2

Alta Valsesia

Alta Valsesia

Dolomiti

Dolomiti

Parco d'Abruzzo

Parco d'Abruzzo

Il Terminillo e i Monti Reatini

Il Terminillo e i Monti Reatini

I 2000 dell Appennino

I 2000 dell Appennino


VieNormali consiglia

APP Idea Montagna:
Download Apple Store
Download Google Play Store
Scarica singoli itinerari di montagna
o libri interi sul tuo cellulare o tablet!

Libri di montagna Idea Montagna Editoria e Alpinismo

Libri di montagna Versante Sud

Libri di montagna Iter Edizioni

Libri di montagna ViviDolomiti

Carte escursionistiche e libri Geo4Map

Dolomiti.it - Portale sulle Dolomiti



Save the Children Italia Onlus Climb for life T-shirt Climbers against cancer