Informativa Cookie: questo sito utilizza cookie tecnici propri necessari al suo funzionamento e cookie di profilazione di terze parti per visualizzare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dagli utenti nella navigazione in rete. Si invita a leggere la Cookie Policy in cui sono presenti le informazioni sui cookie utilizzati dal sito, su quali informazioni vengono raccolte e le istruzioni su come negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. La prosecuzione della navigazione mediante accettazione dei cookie, chiusura di questo banner informativo, accesso ad altra area del sito, selezione di un elemento dello stesso sottostante questo banner (ad esempio di una immagine o di un link) o scorrimento della pagina verso il basso comporta l'automatica prestazione del consenso a utilizzare i cookie.

In conformità al provvedimento del Garante della Privacy del 8 maggio 2014, G.U. n. 126 del 3/6/2014, attuazione della Dir. UE sui cookie 2009/136/CE
OKNon accetto i cookie

VieNormali.it
Home | Mappa del sito | Gruppo VN | Shopping | Guide di montagna | Ordini   VieNormali su Facebook   Canale You Tube VieNormali   Instagram VieNormali  

Accedi al sito   Registrati al sito   

   
Gruppi Montuosi
Legenda gruppi...

Cerca la cima:
 

Filtri di ricerca >>

Alpi Occidentali:
 
Alpi Centrali:
 
Alpi Orientali:
 
Prealpi:
 
Appennino:
 
Alpi Estere:
 
Quota:
 



Pizzo di Gino – sperone S - 2245 m


Relazione della salita - Cima n° 2838


Via Normale Pizzo di Gino – sperone S
L’itinerario dello sperone S, dall’Alpe Piazza Vacchera
Regione: Lombardia (ComoItaliane

Alpi e Gruppo: Prealpi - Prealpi Lombarde - Gruppo Camoghè

Provincia: Como

Punto di partenza: S. Nazzaro Val Cavargna, località Tecchio (q. 1300 m)

Versante di salita: S

Dislivello di salita: 950 m - Totale: 1900 m

Tempo di salita: 2,30 h - Totale: 4,30 h

Periodo consigliato: estate - inizio autunno

Punti di appoggio: Rif. Croce di Campo (q. 1739 m)
Tipo di via: Via normale
Tipo di percorso: Senza traccia
Difficoltà:   EE - A - II - PD (scala difficoltà)
Attrezzatura:
Valutazione:
Libro di vetta: no
Cartografia: CARTA NAZIONALE DELLA SVIZZERA N. 1334 – Porlezza 1:25000
Autore: Piero V.  Profilo di Piero V. - Altre salite dell'autore
Data della salita: 13/12/2015
Data pubblicazione: 17/12/2015
N° di visualizzazioni: 1899
N° voti: 0

Dai il tuo voto a questa relazione:

1 stella  2 stelle  3 stelle
                                    
4 stelle  5 stelle
                                
Bandierina
1 scalatore è stato su questa cima

E tu l'hai salita?
  

Segnala la cima Segnala questa cima ad un amico...


Guide Alpine e Accompagnatori di Media Montagna disponibili per questa cima:


Vai all'elenco completo delle Guide Alpine/Accompagnatori di Media Montagna

Guarda tutte le proposte delle Guide Alpine/Accompagnatori di Media Montagna


Introduzione:

Il settore centrale del versante S del Pizzo di Gino è formato da uno sperone di rocce ed erba alto circa 250 metri, che si percorre lungo il filo di cresta ma in buona parte appoggiando un poco sulla sinistra (W). Le rocce sono abbastanza ripide e poco solide, in particolare nella parte inferiore, ma le difficoltà tecniche, con i dovuti aggiramenti, non superano il II° grado. Tali aggiramenti avvengono comunque sfruttando cenge e canaletti erbosi assai scoscesi. Alcuni passaggi richiedono particolare attenzione e prudenza, soprattutto in presenza di erba secca scivolosa. In questo caso i ramponi potrebbero giocare un ruolo fondamentale. Nel complesso è una bella ascesa, mai monotona, probabilmente la più interessante di questa panoramicissima montagna, ma è ovviamente riservata ad escursionisti esperti di questi tipi di percorsi.


Accesso:

Da Menaggio sul Lago di Como si segue la strada per Porlezza e Lugano. Poco prima di giungere a Piano Porlezza (frazione di Carlazzo) si prende la deviazione per la Val Cavargna e si sale fino a San Nazzaro Val Cavargna. Al margine NW del paese, in località S. Antonio (questa località non è riportata sulla CNS ma si trova tra le scritte di Bubegno e Posia), si segue la strada asfaltata (segnalazioni per Rifugio di Campo) che al termine della pineta giunge ai bungalow di Tecchio, dove si parcheggia. La strada prosegue ancora asfaltata per poche centinaia di metri ma è preferibile parcheggiare negli spiazzi in prossimità dei bungalow.


Descrizione della salita:

Dai bungalow si segue la strada inizialmente asfaltata che costeggia ad E Il Sasso (q. 1437 m) e prosegue poi sterrata e con alcuni tornanti fino al Rifugio Croce di Campo (q. 1739 m). Il percorso fra i tornanti può essere accorciato seguendo una traccia che sale in linea retta il costone pascolivo. Poche decine di metri prima di giungere al rifugio, ad un bivio, una stradina pianeggiante prosegue verso N e conduce all’Alpe Piazza Vacchera (q. 1774 m), sotto la parete S del Pizzo di Gino. Questo è il luogo migliore per poter individuare il percorso da seguire sulla montagna.
Poco oltre l’alpeggio si attraversa il piccolo torrente della valle, senza percorso obbligato e si inizia a salire fino ad incrociare l’evidente sentiero, qui pianeggiante, che attraversa tutto il versante S del Pizzo di Gino. Dopo aver oltrepassato il sentiero si sale in direzione delle prime rocce, ben individuabili, dello sperone S. Inizialmente si arrampica tra le rocce e i canaletti erbosi del filo dello sperone. Poi si aggira un risalto verticale per un canaletto erboso, assai ripido, posizionato sulla sinistra.
Quindi, di nuovo tra rocce e canaletti erbosi, si guadagna un tratto di placche poco ripide che precedono il risalto visibile nella 3° immagine di dettaglio, ad un centinaio di metri dalla vetta. L’itinerario diventa ora ben evidente. Per ripido pendio erboso si raggiunge un piccolo terrazzino soprastante. Nel prosieguo lo sperone diventa più semplice e si sale fino a raggiungere la croce della vetta.


Discesa:

La discesa avviene per la via normale della facile (EE) cresta SW (vedi anche relazione: Pizzo di Gino). Dopo la breve cresta SW, che in parte è rocciosa, si scende l’ampio pendio erboso senza percorso obbligato, fino a raggiungere il sentiero che traversa tutto il versante S della montagna. Seguendolo si raggiunge l’Alpe Piazza Vacchera e per l’itinerario di salita si ritorna al parcheggio.


Note:

Corda ed imbrago potrebbero non essere indispensabili, come nel mio caso, dato che ho affrontato l’ascesa in solitaria, ma in compagnia è meglio portarli. Data la ripidezza di alcuni canaletti erbosi, probabilmente tra i più ripidi che ho affrontato nella mia carriera escursionistica, è meglio avere al seguito, sempre, anche i ramponi.


© VieNormali.it

Via Normale Pizzo di Gino – sperone S - La parte medio/inferiore dello sperone S, appena superata Via Normale Pizzo di Gino – sperone S - Nella parte mediana dell’itinerario Via Normale Pizzo di Gino – sperone S - Gli ultimi 80/100 metri
La parte medio/inferiore dello sperone S, appena superata Nella parte mediana dell’itinerario Gli ultimi 80/100 metri


Revisione: relazione rivista e corretta il 22/12/2015 dalla redazione di VieNormali.it

  


Mappa su Google:



Carte escursionistiche sulle Prealpi:



Libri suggeriti sulle Prealpi:


Prealpi Lombarde Centrali  Prealpi Lombarde Occidentali  Prealpi Bresciane  Ferrate in Lombardia e Svizzera   Nel giardino di pietra  Corni di Canzo e Moregallo  Scialpinismo tra Lombardia e Grigioni  Ghiaccio delle Orobie
Ultime 10 scalate Ultime 20 scalate...
Elenco scalate Elenco delle scalate...

Guide escursionistiche Guide escursionistiche consigliate:
           >> Ghiaccio Orobico - Michele Cisana
           >> Arrampicate sportive e moderne fra Lecco e Como - Eugenio Pesci
           >> Alpi Orobie Over 2000 - Vol. 1 - Alessio Pezzotta
           >> Alpi Orobie Over 2000 - Vol. 2
           >> Alpi Orobie Over 2000 - Vol. 3
           >> Prealpi Lombarde Centrali
   Condividi su:




SCOPRI LE NOVITA' EDITORIALI SULLA MONTAGNA DI:

Newsletter

Per ricevere la newsletter periodica del sito inserisci qui il tuo indirizzo e-mail:



Precedenti newsletter >>
Proposta per Guide Alpine e Accompagnatori di Media Montagna



Primo Piano

Solo granito - Vol. 1

Solo granito - Vol. 1

Solo granito - Vol. 2

Solo granito - Vol. 2

Monte Baldo Rock

Monte Baldo Rock

Arrampicare - Dolomiti Nord Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Nord Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Sud-Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Sud-Occidentali

Wild Dolomiti

Wild Dolomiti

Ferrate dell'Alto Garda

Ferrate dell'Alto Garda

Prealpi Lombarde Centrali

Prealpi Lombarde Centrali

Il grande libro dei 4000

Il grande libro dei 4000

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 1

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 1

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 2

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 2

Alta Valsesia

Alta Valsesia

Dolomiti

Dolomiti

Parco d'Abruzzo

Parco d'Abruzzo

Il Terminillo e i Monti Reatini

Il Terminillo e i Monti Reatini

I 2000 dell Appennino

I 2000 dell Appennino


VieNormali consiglia

APP Idea Montagna:
Download Apple Store
Download Google Play Store
Scarica singoli itinerari di montagna
o libri interi sul tuo cellulare o tablet!

Libri di montagna Idea Montagna Editoria e Alpinismo

Libri di montagna Versante Sud

Libri di montagna Iter Edizioni

Libri di montagna ViviDolomiti

Carte escursionistiche e libri Geo4Map

Dolomiti.it - Portale sulle Dolomiti



Save the Children Italia Onlus Climb for life T-shirt Climbers against cancer