Informativa Cookie: questo sito utilizza cookie tecnici propri necessari al suo funzionamento e cookie di profilazione di terze parti per visualizzare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dagli utenti nella navigazione in rete. Si invita a leggere la Cookie Policy in cui sono presenti le informazioni sui cookie utilizzati dal sito, su quali informazioni vengono raccolte e le istruzioni su come negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. La prosecuzione della navigazione mediante accettazione dei cookie, chiusura di questo banner informativo, accesso ad altra area del sito, selezione di un elemento dello stesso sottostante questo banner (ad esempio di una immagine o di un link) o scorrimento della pagina verso il basso comporta l'automatica prestazione del consenso a utilizzare i cookie.

In conformità al provvedimento del Garante della Privacy del 8 maggio 2014, G.U. n. 126 del 3/6/2014, attuazione della Dir. UE sui cookie 2009/136/CE
OKNon accetto i cookie

VieNormali.it
Home | Mappa del sito | Gruppo VN | Shopping | Area Partner   VieNormali su Facebook   Google+ VieNormali   Canale You Tube VieNormali   RSS Feed VieNormali  

Accedi al sito   Registrati al sito   

   
Gruppi Montuosi
Legenda gruppi...

Cerca la cima:
 

Filtri di ricerca >>

Alpi Occidentali:
 
Alpi Centrali:
 
Alpi Orientali:
 
Prealpi:
 
Appennino:
 
Alpi Estere:
 
Quota:
 



Monte Niblè - 3365 m


Relazione della salita - Cima n° 2628


Via Normale Monte Niblè
Cresta finale e cima viste dal Bivacco Blais
Regione: Piemonte (TorinoItaliane

Alpi e Gruppo: Alpi Occidentali - Alpi Cozie - Gruppo Ambin

Provincia: Torino

Punto di partenza: Parcheggio lungo Vallone Galambra (q. 1800 m circa)

Versante di salita: S-NW

Dislivello di salita: 1600 m - Totale: 3200 m

Tempo di salita: 4,30 h - Totale: 8,30 h

Periodo consigliato: giugno - settembre

Valle: Val di Susa - Altre cime della Val di Susa
Punti di appoggio: Bivacco Blais (q. 2921 m)
Tipo di via: Via normale
Tipo di percorso: Sentiero e traccia solo in parte segnalati
Difficoltà:   EEA - A - F (scala difficoltà)
Attrezzatura:
Valutazione:
Libro di vetta: si
Cartografia: FRATERNALI N. 03 - Val Susa, Val Cenischia, Rocciamelone, Val Chisone 1:25000
Autore: Luca Bianchi Profilo di Luca Bianchi - Altre salite dell'autore
Data della salita: 05/10/2014
Data pubblicazione: 20/10/2014
N° di visualizzazioni: 3383

Introduzione:

Importante vetta della Val di Susa, posta sul confine italo-francese. Il versante N (Francia) è caratterizzato dalla presenza del Glacier de Ferrand (Ghiacciaio del Niblè), che la unisce alla vicina Punta Ferrand; quello S (Italia) risulta piuttosto arido, privo di copertura boscosa. Ben riconoscibile dall’ingresso italiano in Val di Susa per la sua forma trapezoidale, si tratta di una cima piuttosto frequentata per il facile di accesso, la bellezza degli ambienti e gli ampi panorami, che spaziano dalla Pianura Padana alla sconfinata distesa alpina italo-francese: dal Rocciamelone alla Vanoise, dall’Assietta allo Chaberton, dal Massif Des Ecrins alle vicine cime del Sommeiller. Una curiosità: il monte Niblè è chiamato Pointe de Ferrand sulle carte francesi, mentre la punta Ferrand è chiamata Pointe Niblè, ed anche le relative quote sono invertite.


Accesso:

Percorrendo la SS 24 verso Bardonecchia, dopo aver superato Exilles, si imbocca la carrozzabile che sale alla frazione di Eclause e prosegue verso il Vallone di Galambra. Poco più a monte della località Grange della Valle (q. 1769 m) si lascia l’auto presso un’area di sosta situata in prossimità del ponte sul Galambra (q. 1800 m circa).


Descrizione della salita:

Dal parcheggio si segue agevolmente l’ampia sterrata che conduce al Rif. Levi-Molinari. Giunti corrispondenza della deviazione per il rifugio (sterrata in discesa sulla sinistra), posta ai piedi di alcun imassi erratici, si imbocca il sentiero a destra (segnali con indicazioni). Si avanza in un rado bosco di larici, tenendosi sulla sinistra orografica del Vallone del Galambra, fino alle praterie del Pian delle Marmotte. Terminato il pianoro, il sentiero inizia a salire con pendenze sostenute ed innumerevoli tornanti, interrotti solo dalla fontana Roc del Colle (q. 2371 m). Raggiunta q. 2700 m circa, si abbandona la traccia principale (che condurrebbe al Colle d’Ambin) per dirigersi all’intaglio del Colle d’Ambin Est. Dopo una serie di lastronate rocciose (corda fissa, ma passaggi privi di difficoltà), il sentiero prosegue sempre con pendenza sostenuta tra le pietraie superiori, quindi risale il canalino detritico che culmina al Colle Est d´Ambin Est (q. 2921 m; 2,30 h), dove si trova il Bivacco Blais. Dal Colle si piega a E, per proseguire la salita sulla cresta W del Niblè, dapprima rocciosa (alcuni passaggi con discreta esposizione) e poi detritica (spallone ricoperto di roccia frantumata). Superata la croce metallica intitolata a Blais, si punta il bastione roccioso nerastro, che si aggira percorrendone le pendici sul lato sinistro (NW, versante francese). Ben presto le rocce rotte lasciano il posto al Ghiacciaio Ferrand (attenzione al ghiaccio vivo a fine stagione) che, a seconda delle condizioni di innevamento, si può percorrere senza via obbligata mantenendosi sul lato destro, oppure aggirato sfruttando i saltini rocciosi attigui. Dopo essersi ricongiunti alla cresta del Niblè, seguendo le tracce su sfasciumi e detriti, si raggiunge la vetta senza ulteriori difficoltà (tre croci poste su due sommità distinte; passaggi lievemente esposti negli ultimi metri).


Discesa:

Per l´itinerario di salita (3,00 h). In alternativa, si può compiere un giro ad anello passando per il Rifugio Vaccarone (5,00 h): si discende il ghiacciaio mantenendosi sul lato destro e puntando ad uno sperone roccioso che scende dalla Punta Ferrand; oltrepassatolo, si punta al Colle Sud dell’Agnello (q. 3090 m) risalendo un canalone detritico, e quindi si scende per tracce di sentiero al Rifugio Vaccarone (q. 2741 m); da qui si prosegue a S su un comodo sentiero pressoché pianeggiante, che costeggiando la base del versante E della Punta Ferrand e del Monte Niblè conduce al passo Clopaca (q. 2750 m); infine, seguendo i tornanti che tagliano i ripidi pendii ed introducono nel bosco sottostante, si rientra sulla sterrata in prossimità del Rifugio Levi-Molinari.


Note:

È possibile concatenare la cima del Niblè e quella della vicina Punta Ferrand (q. 3348 m) scendendo al colletto che separa le due cime (q. 3295 m) sia per cresta (F+, canalino di rientro al ghiacciaio), sia ripercorrendo la via di salita fino al ghiacciaio e quindi risalendo al colletto (F, pendii 45°, percorso più facile ma più lungo). Dal colletto si aggirano due torrioni rocciosi isolati, quindi si risale interamente la cresta SW della Punta Ferrand (0,45 h).


© VieNormali.it

Via Normale Monte Niblè - Bivacco Blais al Colle d´Ambin Est Via Normale Monte Niblè - Parte bassa del ghiacciaio Via Normale Monte Niblè - Veduta a E dalla cima
Bivacco Blais al Colle d´Ambin Est Parte bassa del ghiacciaio Veduta a E dalla cima

N° voti: 1 - Voto medio: Voto 5 stelle

Dai il tuo voto a questa relazione:

1 stella  2 stelle  3 stelle
                                    
4 stelle  5 stelle
                                
Bandierina
9 scalatori sono stati su questa cima

E tu l'hai salita?
  

Segnala la cima Segnala questa cima ad un amico...

Mappa su Google:




Libri suggeriti sulle Alpi Occidentali:


A piedi in Alta Val Chisone  A piedi in Alta Valle Susa  Cento salite in Alta Val Susa e Val Sangone  Montagne di Valsusa  Sentieri in Ossola e Valsesia  Trekking sulle Alpi di Torino  A piedi in Piemonte - Vol. 1  A piedi in Piemonte - Vol. 2
Alta Valsesia  Val Bognanco  Val Divedro  Val Formazza  Val Formazza  Valle Antrona  Valle Anzasca Est  Valle Anzasca Ovest
Valsesia Nord Est  Valsesia Nord Ovest  Valsesia Sud Est  Valsesia Sud Ovest  Alpe Devero  Monte Rosa  Val Formazza  Valsesia 
Ultime 10 scalate Ultime 20 scalate...
Elenco scalate Elenco delle scalate...

Guide escursionistiche Guide escursionistiche consigliate:
           >> A piedi in Alta Val Chisone
           >> A piedi in Alta Valle Susa
           >> Cento salite in Alta Val Susa e Val Sangone
           >> Un passo verso il cielo
           >> Passaggio a Nord-Ovest - Maurizio Oviglia, Fiorenzo Michelin


  


Condividi su:  Share    




OFFERTE ATTREZZATURA E ACCESSORI OUTDOOR

Libri di montagna

Newsletter

Per ricevere la newsletter periodica del sito inserisci qui il tuo indirizzo e-mail:



Precedenti newsletter >>
Primo Piano

Solo granito - Vol. 1

Solo granito - Vol. 1

Solo granito - Vol. 2

Solo granito - Vol. 2

Monte Baldo Rock

Monte Baldo Rock

Arrampicare - Dolomiti Nord Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Nord Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Sud-Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Sud-Occidentali

Wild Dolomiti

Wild Dolomiti

Ferrate dell'Alto Garda

Ferrate dell'Alto Garda

Prealpi Lombarde Centrali

Prealpi Lombarde Centrali

Il grande libro dei 4000

Il grande libro dei 4000

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 1

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 1

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 2

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 2

Alta Valsesia

Alta Valsesia

Dolomiti

Dolomiti

Parco d'Abruzzo

Parco d'Abruzzo

Il Terminillo e i Monti Reatini

Il Terminillo e i Monti Reatini

I 2000 dell Appennino

I 2000 dell Appennino


VieNormali consiglia

Dolomiti.it - Portale sulle Dolomiti

Libri di montagna Idea Montagna Editoria e Alpinismo

Libri di montagna Versante Sud

Libri di montagna Iter Edizioni



Save the Children Italia Onlus Climb for life T-shirt Climbers against cancer