Informativa Cookie: questo sito utilizza cookie tecnici propri necessari al suo funzionamento e cookie di profilazione di terze parti per visualizzare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dagli utenti nella navigazione in rete. Si invita a leggere la Cookie Policy in cui sono presenti le informazioni sui cookie utilizzati dal sito, su quali informazioni vengono raccolte e le istruzioni su come negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. La prosecuzione della navigazione mediante accettazione dei cookie, chiusura di questo banner informativo, accesso ad altra area del sito, selezione di un elemento dello stesso sottostante questo banner (ad esempio di una immagine o di un link) o scorrimento della pagina verso il basso comporta l'automatica prestazione del consenso a utilizzare i cookie.

In conformità al provvedimento del Garante della Privacy del 8 maggio 2014, G.U. n. 126 del 3/6/2014, attuazione della Dir. UE sui cookie 2009/136/CE
OKNon accetto i cookie

VieNormali.it
Home | Mappa del sito | Gruppo VN | Shopping | Area Partner   VieNormali su Facebook   Google+ VieNormali   Canale You Tube VieNormali   RSS Feed VieNormali  

Accedi al sito   Registrati al sito   

   
Gruppi Montuosi
Legenda gruppi...

Cerca la cima:
 

Filtri di ricerca >>

Alpi Occidentali:
 
Alpi Centrali:
 
Alpi Orientali:
 
Prealpi:
 
Appennino:
 
Alpi Estere:
 
Quota:
 



Cime di Caronella - 2871 m


Relazione della salita - Cima n° 2592


Via Normale Cime di Caronella
Immagine ripresa dalla Cima Centrale
Regione: Lombardia (SondrioItaliane

Alpi e Gruppo: Prealpi - Prealpi Lombarde - Gruppo Alpi Orobie

Provincia: Sondrio

Punto di partenza: Prà di Gianni (q. 1343 m)

Versante di salita: W

Dislivello di salita: 1700 m - Totale: 3400 m

Tempo di salita: 4,30 h - Totale: 8,30 h

Periodo consigliato: estate

Punti di appoggio: Rif. Alpe Caronella (q. 1860 m) e Biv. AEM (q. 2600 m)
Tipo di via: Via normale
Tipo di percorso: Traccia e roccette, passaggi su roccia
Difficoltà:   EE - A - I+ - F+ (scala difficoltà)
Attrezzatura:
Valutazione:
Libro di vetta: no
Cartografia: KOMPASS N. 93 - Bernina-Sondrio 1:50000
Autore: Piero Vardinelli Profilo di Piero Vardinelli - Altre salite dell'autore
Data della salita: 06/08/2014
Data pubblicazione: 08/08/2014
N° di visualizzazioni: 2545

Introduzione:

Le Cime di Caronella sul versante settentrionale formano uno stupendo castello roccioso che entusiasma ogni alpinista mentre risale la valle omonima. Situate sulla catena principale delle Orobie, sono formate da tre cime principali, ben distinte: la Cima Occidentale (q. 2796 m), la Cima Centrale (q. 2850 m) ed infine la vetta, la Cima Orientale (q. 2871 m). L’itinerario proposto prevede l’ascesa alla Cima Centrale e la traversata alla vetta, tralasciando la Cima Occidentale, la meno elevata. Notevole il panorama che si può ammirare dalla vetta, sulle Orobie Orientali e sull’antistante versante retico.
L’ascesa è abbastanza facile ma non banale. In particolare bisogna prestare attenzione lungo l’affilata cresta E della Cima Centrale, a causa delle rocce instabili. Questo tratto, alto circa 50 metri, è abbastanza esposto e per i meno esperti sono necessari corda ed imbrago. Dal Passo di Caronella alla vetta, non c’è alcuna traccia.


Accesso:

Provenendo da Sondrio, ad un incrocio in località San Giacomo di Teglio, si abbandona la S.S. 38 e si svolta a destra, seguendo le indicazioni per Carona. La strada attraversa subito il ponte sul fiume Adda, sale in direzione ESE con numerosi tornanti, oltrepassa diverse frazioni e al termine conduce al piccolo agglomerato di case di Carona. Di fronte alla chiesa di questo paesello c’è il Ritrovo Parrocchiale che funge anche da bar. Qui si può acquistare il tagliando (€ 5.00) che permette di proseguire con l’auto fino a Prà di Gianni. Il mattino presto è comunque difficile che il bar sia aperto. Ad ogni modo, si prosegue ancora lungo la strada e trenta metri dopo aver superato il primo tornante, si svolta a sinistra e si prende la stradina, in parte con il fondo cementato o acciottolato e in parte sterrata, che sale ripida e stretta per alcuni km. In un tratto quasi pianeggiante, in località Prà di Gianni, si guada il torrente poco profondo e subito dopo si parcheggia a sinistra, in un’area picnic. Volendo si può ancora proseguire per qualche centinaio di metri e parcheggiare in località Prà della Valle, negli spiazzi ai lati della strada.


Descrizione della salita:

Dal parcheggio si prosegue, sempre, lungo la stradina sterrata. Dopo un tratto quasi pianeggiante dove c’è l’ultimo alpeggio di Prà della Valle (q. 1363 m), la pista, ora vietata al transito dei veicoli non autorizzati, inizia a salire a destra di una caratteristica cascata. Ben presto essa lascia il posto ad un marcato sentiero, segnalato da bandierine, che supera questo alto gradone di fondovalle. Al disopra la pendenza si fa meno ripida e si prosegue sempre a destra del torrente, mentre all’orizzonte è già ben visibile l’edificio dell’AEM che ospita il Rifugio Alpe Caronella (q. 1860 m). In effetti, più che un rifugio è un bivacco di emergenza con tre brande. Dopo averlo raggiunto e attraversato sopra un ponte il torrente, in breve, nella piana pascoliva, si arriva alla Malga Caronella (q. 1858 m). È il luogo migliore per ammirare lo spettacolo offerto dal versante N delle Cime di Caronella che racchiudono verso S l’anfiteatro della valle. Il Passo omonimo che bisogna raggiungere, da questa prospettiva non è ben individuabile, rimane a destra di questo stupendo castello di rocce.
Aggirati i massi che delimitano a S la malga, si prosegue nella piana con un ampio semicerchio verso destra. Poi si risale un primo pendio, a sinistra del torrente e quindi un successivo pendio che porta sulla groppa di un cordone morenico, dove ci sono i tralicci dell’alta tensione. Nel prosieguo si taglia a sinistra questo cordone e poi si sale lungo i dossi e le pietraie con resti di neve, in direzione dell’ormai evidente valico. Il sentiero è sempre ben segnalato dalle bandierine ed è difficile perderlo, tuttavia i tralicci presenti anche al valico indicano la giusta direzione. Giunti in una conca ad un centinaio di metri dal valico, bisogna superare un ripido pendio di sfasciumi che potrebbe essere completamente innevato. In questo caso, data l’esposizione a N, la neve potrebbe essere ghiacciata ed è meglio avere al seguito piccozza e ramponi. Poco sopra si arriva al Passo di Caronella (q. 2612 m).
Da qui si scende al sottostante Bivacco AEM (q. 2600 m). Poi si supera, verso sinistra e senza percorso obbligato, un elementare sperone di rocce ed erba e si arriva in una conca detritica con resti di neve, sotto la Cima Occidentale. Si risale ora un evidente e ripido, ma altrettanto elementare, pendio di detriti, cercando di salire leggermente sulla sinistra, dove c’è una colata di ganda con massi stabili. Questo pendio conduce ad una larga sella sulla cresta spartiacque, a destra della cresta dentellata della Cima Occidentale (vedi 1a immagine di dettaglio). Si segue poi la cresta, all’inizio larga, poi un poco più stretta, ma facile e si arriva alla base della piccola piramide della Cima Centrale. Senza alcuna difficoltà si risale la cresta e si raggiunge questa cima (fin qui difficoltà: EE). Inizia ora il tratto più impegnativo della traversata alla vetta, la discesa lungo la cresta E.
La cresta diventa quasi subito affilata ed esposta, ma con lieve pendenza. La si percorre un poco a destra del filo, fino all’inizio di una ripida discesa (vedi 2a immagine di dettaglio). Anche qui si scende lungo il filo, appoggiando a destra (versante bergamasco) e prestando molta attenzione alle rocce spesso instabili. L’ultima parte della cresta, prima di arrivare alla sella sottostante, è molto impegnativa, ma la si aggira per un facile canaletto sulla sinistra (versante valtellinese) e poi in piano si arriva alla sella. Il percorso alla vetta diventa ora molto più agevole. Dalla bocchetta si scende lungo il versante S per circa 15/20 metri e poi si traversa in piano su sfasciumi, alla base del pendio S di una specie di anticima. Questo traverso è lungo un centinaio di metri ed è elementare. Raggiunto lo sbocco del primo canale che si incontra, lo si risale, senza difficoltà. Poi si prosegue sulle gobbe della facile cresta, fino in vetta. Dal Passo di Caronella alla Cima Centrale, prevedere circa 45 minuti e da questa cima alla vetta, circa 40 minuti.


Discesa:

Come per la salita.


Note:

Dettagli della salita nella fotoscalata


© VieNormali.it

Via Normale Cime di Caronella - L’itinerario fino alla Cima Centrale, dal Bivacco AEM Via Normale Cime di Caronella - L’affilata cresta E della Cima Centrale Via Normale Cime di Caronella - Panorama verso W, dalla vetta
L’itinerario fino alla Cima Centrale, dal Bivacco AEM L’affilata cresta E della Cima Centrale Panorama verso W, dalla vetta

N° voti: 0

Dai il tuo voto a questa relazione:

1 stella  2 stelle  3 stelle
                                    
4 stelle  5 stelle
                                
Bandierina
4 scalatori sono stati su questa cima

E tu l'hai salita?
  

Segnala la cima Segnala questa cima ad un amico...

Mappa su Google:




Libri suggeriti sulle Prealpi:


Prealpi Lombarde Centrali  Prealpi Lombarde Occidentali  Prealpi Bresciane  Ferrate in Lombardia e Svizzera   Nel giardino di pietra  Corni di Canzo e Moregallo  Scialpinismo tra Lombardia e Grigioni  Ghiaccio delle Orobie
Ultime 10 scalate Ultime 20 scalate...
Elenco scalate Elenco delle scalate...

Guide escursionistiche Guide escursionistiche consigliate:
           >> Ghiaccio Orobico - Michele Cisana
           >> Arrampicate sportive e moderne fra Lecco e Como - Eugenio Pesci
           >> Alpi Orobie Over 2000 - Vol. 1 - Alessio Pezzotta
           >> Alpi Orobie Over 2000 - Vol. 2
           >> Alpi Orobie Over 2000 - Vol. 3
           >> Prealpi Lombarde Centrali

Revisione: relazione rivista e corretta il 26/08/2014 dalla redazione di VieNormali.it

  


Condividi su:  Share    




OFFERTE ATTREZZATURA E ACCESSORI OUTDOOR

Libri di montagna

Newsletter

Per ricevere la newsletter periodica del sito inserisci qui il tuo indirizzo e-mail:



Precedenti newsletter >>
Primo Piano

Solo granito - Vol. 1

Solo granito - Vol. 1

Solo granito - Vol. 2

Solo granito - Vol. 2

Monte Baldo Rock

Monte Baldo Rock

Arrampicare - Dolomiti Nord Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Nord Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Sud-Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Sud-Occidentali

Wild Dolomiti

Wild Dolomiti

Ferrate dell'Alto Garda

Ferrate dell'Alto Garda

Prealpi Lombarde Centrali

Prealpi Lombarde Centrali

Il grande libro dei 4000

Il grande libro dei 4000

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 1

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 1

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 2

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 2

Alta Valsesia

Alta Valsesia

Dolomiti

Dolomiti

Parco d'Abruzzo

Parco d'Abruzzo

Il Terminillo e i Monti Reatini

Il Terminillo e i Monti Reatini

I 2000 dell Appennino

I 2000 dell Appennino


VieNormali consiglia

Dolomiti.it - Portale sulle Dolomiti

Libri di montagna Idea Montagna Editoria e Alpinismo

Libri di montagna Versante Sud

Libri di montagna Iter Edizioni



Save the Children Italia Onlus Climb for life T-shirt Climbers against cancer