Informativa Cookie: questo sito utilizza cookie tecnici propri necessari al suo funzionamento e cookie di profilazione di terze parti per visualizzare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dagli utenti nella navigazione in rete. Si invita a leggere la Cookie Policy in cui sono presenti le informazioni sui cookie utilizzati dal sito, su quali informazioni vengono raccolte e le istruzioni su come negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. La prosecuzione della navigazione mediante accettazione dei cookie, chiusura di questo banner informativo, accesso ad altra area del sito, selezione di un elemento dello stesso sottostante questo banner (ad esempio di una immagine o di un link) o scorrimento della pagina verso il basso comporta l'automatica prestazione del consenso a utilizzare i cookie.

In conformità al provvedimento del Garante della Privacy del 8 maggio 2014, G.U. n. 126 del 3/6/2014, attuazione della Dir. UE sui cookie 2009/136/CE
OKNon accetto i cookie

VieNormali.it
Home | Mappa del sito | Gruppo VN | Shopping | Area Partner   VieNormali su Facebook   Google+ VieNormali   Canale You Tube VieNormali   RSS Feed VieNormali  

Accedi al sito   Registrati al sito   

   
Gruppi Montuosi
Legenda gruppi...

Cerca la cima:
 

Filtri di ricerca >>

Alpi Occidentali:
 
Alpi Centrali:
 
Alpi Orientali:
 
Prealpi:
 
Appennino:
 
Alpi Estere:
 
Quota:
 



Piz Misaun - 3249 m


Relazione della salita - Cima n° 2168


Via Normale Piz Misaun
Il Piz Misaun dall’itinerario di salita, da ENE
Regione: Estero (EsteroSvizzere

Alpi e Gruppo: Alpi Occidentali - Alpi Retiche - Gruppo Bernina

Provincia: Estero

Punto di partenza: Morteratsch (q. 1896 m)

Versante di salita: ENE-NNE

Dislivello di salita: 1353 m - Totale: 2706 m

Tempo di salita: 4,00 h - Totale: 7,30 h

Periodo consigliato: estate

Punti di appoggio: nessuno
Tipo di via: Via normale
Tipo di percorso: Senza traccia
Difficoltà:   EE - A - II- - F (scala difficoltà)
Attrezzatura:
Valutazione:
Libro di vetta: no
Cartografia: CARTA NAZIONALE DELLA SVIZZERA N. 1257 – St. Moritz 1:25000 e N. 1277 – Piz Bernina 1:25000
Autore: Piero Vardinelli Profilo di Piero Vardinelli - Altre salite dell'autore
Data della salita: 09/07/2008
Data pubblicazione: 10/02/2012
N° di visualizzazioni: 2218

Introduzione:

La cresta N del Pizzo Bernina che scende a dividere il bacino del Morteratsch dalla Val Roseg, dopo aver formato i Piz Prievlus, Piz Morteratsch e Piz Tschierva, degrada fino a Pontresina con una serie di vette minori, ma che superano i 3000 m. Il Piz Misaun si trova su questa cresta, a metà strada fra Pontresina e il Pizzo Bernina. Sebbene appartenga a questo gruppo di vette minori, è un bello spuntone roccioso, circondato da ghiacciai che ne ricoprono i fianchi nord-occidentali. Ad oriente invece, dove passa la via normale, la Vadret Boval Dadour ha abbandonato ormai da parecchio tempo le pendici della montagna e si è rifugiata sotto la Crasta da Boval.
L’itinerario proposto qui di seguito si svolge in un ambiente di ampi spazi, selvaggio e poco frequentato. Dai pianori del Pasculs da Boval, dove si riesce per la prima volta a vedere la vetta, potrebbe non risultare semplice individuarla, ma da questo versante presenta una caratteristica cupola di blocchi accatastati che la rende inconfondibile. Oltre i pianori del pascolo si sale senza traccia, cercando il percorso migliore, inizialmente fra i bassi cespugli, poi aggirando i risalti rocciosi, infine risalendo un pendio di grossa ganda, fino a raggiungere una sella sulla cresta NNE. Quest’ultima non è particolarmente impegnativa (II-) ed è anch’essa costituita da grossi blocchi accatastati che sembrano in precario equilibrio. Il pendio finale della cupola è ripido ma elementare, fino in vetta. Va precisato che, la cartografia ricopre la sella all’inizio della cresta NNE con un’effluenza da occidente del Vadrettin da Misaun, ma attualmente la cresta è stata abbandonata dal ghiacciaio. Comunque piccozza e ramponi è meglio averli al seguito, in particolare se si sceglie di aggirare la cresta ad W, sul ghiacciaio. La corda non è indispensabile ed è da valutare se portarla o meno.


Accesso:

Da St. Moritz si raggiunge Pontresina e da qui si risale la Val Bernina. All’incrocio di (q. 1880 m) si devia a destra, sulla strada che in breve conduce alla località di Morteratsch (q. 1896 m).


Descrizione della salita:

Dall’ampio parcheggio a pagamento di Morteratsch, si segue la strada che in breve conduce alla piccola stazione del trenino del Bernina. Poco oltre, si imbocca verso S il sentiero che si dirama quasi subito, si tralascia a sinistra quello che conduce alla fronte del ghiacciaio e si segue quello a destra, con le indicazioni per la Chamanna da Boval e Chünetta. Il sentiero ben tracciato e segnalato, entra nel bosco, sale ripido in direzione SW e poi raggiunge un bivio segnalato. Qui si abbandona il sentiero principale che prosegue verso la capanna citata e si svolta a destra, in breve si arriva sul promontorio panoramico di Chünetta (q. 2083 m). La traccia prosegue ad W di questo promontorio, poi traversa a SW ed infine, sale di nuovo ripida a Chünetta Sur (q. 2293 m) e più su, raggiunge il limite inferiore del Pasculs da Boval. A circa (q. 2400 m), in corrispondenza di una placca rocciosa liscia sulla destra, si segue ancora il sentiero per un breve tratto e poi si inizia a risalire il pascolo in direzione SW, senza percorso obbligato. Per non avere problemi di orientamento al ritorno, data l’uniformità della soglia del pascolo, è importante voltarsi spesso e memorizzare dove si è abbandonato il sentiero. Come riferimento per la discesa, la placca liscia sopra citata, è visibile anche dalla vetta del Piz Misaun. Ritornando alla salita: al termine del pascolo si sale aggirando con percorso logico gli affioramenti rocciosi, fino al laghetto di (q. 2759 m) che si trova esattamente 1 km ad ENE della vetta. Da qui si prosegue nel largo avvallamento roccioso, in direzione W, passando sotto le rocce della cresta che si trova a destra di questo avvallamento (vedi prima immagine di dettaglio). L’accesso diretto alla sella, alla base della cresta NNE del Piz Misaun, è ostacolato da una ripida placca, che bisogna aggirare a destra, risalendo un pendio di rocce accatastate. Questo pendio è facile ma nella parte superiore bisogna prestare attenzione ai massi in precario equilibrio. Raggiunta la cresta in prossimità della (q. 3038 m), si offrono 2 possibilità:
1°) si aggira la cresta ad W, sul ramo settentrionale del Vadrettin da Misaun, ridotto ormai a qualche placca di ghiaccio e con un percorso a semicerchio, inizialmente pianeggiante, poi su ripido pendio nevoso con rocce affioranti, si raggiunge la base della larga calotta. Si prosegue poi senza percorso obbligato, sul ripido ma facile pendio di massi accatastati, fino in vetta (l’itinerario che ho seguito in salita);
2°) si segue il filo aereo della cresta NNE, appoggiando sempre a destra (W) e arrampicando sui blocchi che, anche qui, sembrano in precario equilibrio, fino a raggiungere la base della larga calotta. Poi si sale in vetta come al punto 1° ( l’itinerario che ho seguito in discesa). Il panorama di vetta è grandioso, sebbene il Pizzo Bernina e il Pizzo Roseg siano nascosti, rispettivamente dietro l’imponente mole del Piz Morteratsch e Piz Tschierva.


Discesa:

Come per la salita.


© VieNormali.it

Via Normale Piz Misaun - L’itinerario dal laghetto di (q. 2759 m) Via Normale Piz Misaun - All’inizio della cresta NNE, al centro la vetta Via Normale Piz Misaun - In vetta, con l’autoscatto
L’itinerario dal laghetto di (q. 2759 m) All’inizio della cresta NNE, al centro la vetta In vetta, con l’autoscatto

N° voti: 0

Dai il tuo voto a questa relazione:

1 stella  2 stelle  3 stelle
                                    
4 stelle  5 stelle
                                
Bandierina
3 scalatori sono stati su questa cima

E tu l'hai salita?
  

Segnala la cima Segnala questa cima ad un amico...

Mappa su Google:




Libri suggeriti sulle Alpi Occidentali:


Ultime 10 scalate Ultime 20 scalate...
Elenco scalate Elenco delle scalate...

Guide escursionistiche Guide escursionistiche consigliate:
           >> Arrampicare sportive e moderne in Valtellina, Valchiavenna, Engadina - Guido Lisignoli, Eraldo Meraldi, Andrea Pavan
           >> Solo granito - Mario Sertori e Guido Lisignoli

Revisione: relazione rivista e corretta il 17/03/2013 dalla redazione di VieNormali.it

  


Condividi su:  Share    




OFFERTE ATTREZZATURA E ACCESSORI OUTDOOR

Libri di montagna

Newsletter

Per ricevere la newsletter periodica del sito inserisci qui il tuo indirizzo e-mail:



Precedenti newsletter >>
Primo Piano

Solo granito - Vol. 1

Solo granito - Vol. 1

Solo granito - Vol. 2

Solo granito - Vol. 2

Monte Baldo Rock

Monte Baldo Rock

Arrampicare - Dolomiti Nord Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Nord Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Sud-Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Sud-Occidentali

Wild Dolomiti

Wild Dolomiti

Ferrate dell'Alto Garda

Ferrate dell'Alto Garda

Prealpi Lombarde Centrali

Prealpi Lombarde Centrali

Il grande libro dei 4000

Il grande libro dei 4000

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 1

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 1

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 2

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 2

Alta Valsesia

Alta Valsesia

Dolomiti

Dolomiti

Parco d'Abruzzo

Parco d'Abruzzo

Il Terminillo e i Monti Reatini

Il Terminillo e i Monti Reatini

I 2000 dell Appennino

I 2000 dell Appennino


VieNormali consiglia

Dolomiti.it - Portale sulle Dolomiti

Libri di montagna Idea Montagna Editoria e Alpinismo

Libri di montagna Versante Sud

Libri di montagna Iter Edizioni



Save the Children Italia Onlus Climb for life T-shirt Climbers against cancer