Informativa Cookie: questo sito utilizza cookie tecnici propri necessari al suo funzionamento e cookie di profilazione di terze parti per visualizzare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dagli utenti nella navigazione in rete. Si invita a leggere la Cookie Policy in cui sono presenti le informazioni sui cookie utilizzati dal sito, su quali informazioni vengono raccolte e le istruzioni su come negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. La prosecuzione della navigazione mediante accettazione dei cookie, chiusura di questo banner informativo, accesso ad altra area del sito, selezione di un elemento dello stesso sottostante questo banner (ad esempio di una immagine o di un link) o scorrimento della pagina verso il basso comporta l'automatica prestazione del consenso a utilizzare i cookie.

In conformità al provvedimento del Garante della Privacy del 8 maggio 2014, G.U. n. 126 del 3/6/2014, attuazione della Dir. UE sui cookie 2009/136/CE
OKNon accetto i cookie

VieNormali.it
Home | Mappa del sito | Gruppo VN | Shopping | Area Partner   VieNormali su Facebook   Google+ VieNormali   Canale You Tube VieNormali   RSS Feed VieNormali  

Accedi al sito   Registrati al sito   

   
Gruppi Montuosi
Legenda gruppi...

Cerca la cima:
 

Filtri di ricerca >>

Alpi Occidentali:
 
Alpi Centrali:
 
Alpi Orientali:
 
Prealpi:
 
Appennino:
 
Alpi Estere:
 
Quota:
 



Monte Cadelle - Cresta SW - 2483 m


Relazione della salita - Cima n° 1994


Via Normale Monte Cadelle - Cresta SW
Il Monte Cadelle dalla cresta SW
Regione: Lombardia (SondrioItaliane

Alpi e Gruppo: Prealpi - Prealpi Lombarde - Gruppo Alpi Orobie

Provincia: Sondrio

Punto di partenza: Arale (q. 1485 m)

Versante di salita: SW

Dislivello di salita: 1030 m - Totale: 2060 m

Tempo di salita: 3,30 h - Totale: 6,15 h

Periodo consigliato: estate

Valle: Val Lunga - Altre cime della Val Lunga
Punti di appoggio: Rif. Beniamino (q. 1485 m) all’Alpe Arale
Tipo di via: Via normale
Tipo di percorso: Traccia e roccette, passaggi su roccia
Difficoltà:   EE - A - II- - F+ (scala difficoltà)
Attrezzatura:
Valutazione:
Libro di vetta: no
Cartografia: KOMPASS N. 104 – Foppolo, Valle Seriana 1:50000, COMUNITÀ MONTANA VALTELLINA DI MORBEGNO – Val Tartano 1:25000
Autore: Piero Vardinelli Profilo di Piero Vardinelli - Altre salite dell'autore
Data della salita: 04/08/2011
Data pubblicazione: 06/08/2011
N° di visualizzazioni: 2710

Introduzione:

È sicuramente uno dei più belli itinerari per raggiungere la vetta, riservato però ad escursionisti esperti, abili su creste esposte, in parte erbose, in parte rocciose. Dal Passo di Porcile si segue sempre il filo aereo della cresta SW, aggirando a destra le asperità, la parte finale è elementare e si ricollega alla via normale del versante SSW. Corda ed imbrago servono solo per i meno esperti.


Accesso:

Provenendo da Morbegno si lascia sulla destra la località di Talamona e prima di attraversare il ponte sull’Adda, seguendo le indicazioni per la Val Tartano, si abbandona la statale 38 e si svolta a destra. La strada, abbastanza stretta, risale la valle con numerosi tornanti, raggiunge Campo e poi il paese di Tartano. Da qui si prosegue sulla carrozzabile della Val Lunga, inizialmente asfaltata poi sterrata. Nell’ultimo tratto la stradina si sdoppia e compie un circuito ad anello, verso sinistra sale ripida e cementata all’Alpe Arale, dove c’è il Rifugio Beniamino, mentre verso destra segue il corso del torrente. È preferibile seguire quest’ultima diramazione e prima dell’ampia curva finale, dove le due strade si ricollegano, si parcheggia in alcune piazzole in prossimità di un ponte che attraversa il torrente.


Descrizione della salita:

Dal parcheggio si segue per un breve tratto la stradina che compie un ampio tornante ritornando ad Arale e proprio sulla curva, vicino ad una fontanella, si imbocca verso destra un sentiero segnalato con bandierine. Il sentiero si addentra nel bosco per un breve tratto quasi pianeggiante e poi esce all’aperto e prosegue, ora più ripido, sui pendii prativi. Dopo aver raggiunto due baite che vengono lasciate a destra, il sentiero prosegue in salita e si approssima ad una recinzione con muretti a secco, che rimane qualche metro più in alto sulla sinistra. Al termine di questa recinzione in sassi, si giunge in vista del ponte sul torrente che scende dalla Val Dordonella, poco a destra c’è la cascata del torrente Tartano. Attraversato il ponte in cemento, si prosegue sul sentiero che con numerose svolte risale il dosso a sinistra della cascata e poi immette nella piana della Casera Porcile (q. 1803 m). Guadato il torrente di questa valle, senza raggiungere le baite della casera citata, si prosegue verso SW di fianco ad un muretto in sassi. Poco sopra il sentiero segnalato entra in un rado bosco di larici e poi, all’aperto, si approssima ad una baita isolata a circa (q. 1900 m). Tralasciando alcune tracce verso sinistra, si supera questa baita sulla destra e si prosegue a monte, ancora per un centinaio di metri o poco meno. Ad un bivio, quando il sentiero segnalato supera la costa verso destra con un gradino roccioso, lo si abbandona e si segue il sentiero segnalato che traversa in piano verso sinistra.

Al termine di questo traverso a semicerchio, si giunge in vista del primo dei Laghi di Porcile (q. 2005 m). Le tracce segnalate proseguono ora verso E e poco sopra si arriva al secondo lago (q. 2030 m). Qui il cartello indicatore può trarre in inganno, in quanto una freccia indica il Passo di Tartano in direzione SW mentre un’altra freccia indica il Passo di Porcile poco a sinistra del precedente. In effetti il sentiero segnalato che prosegue a destra di questo lago, è uno solo e lo si segue fino a raggiungere un bivio. Tralasciando le tracce che verso destra portano al Passo di Tartano, si prosegue a sinistra e poco dopo si arriva al terzo dei laghi (q. 2095 m). Il sentiero, sempre segnalato con bandierine, prosegue sulla riva N di questo lago e poi si alza su dossi in parte erbosi e in parte rocciosi, in direzione SE, fino a raggiungere il Passo di Porcile (q. 2290 m).

Dal valico si sale subito sul filo di cresta, inizialmente sulle tracce di un sentierino a destra delle rocce, poi lungo un pendio erboso, fino a raggiungere il filo di cresta che diventa subito pianeggiante e aereo. Si supera un risalto di rocce lungo il filo e poi si aggira a destra un salto verticale, scendendo qualche metro sul ripido pendio erboso. Si prosegue poi prevalentemente lungo il filo, appoggiando a destra e si supera senza particolari difficoltà il rilievo che si trova a metà tragitto. La cresta diventa poi erbosa e quasi pianeggiante e conduce ad un tratto roccioso e dentellato, ma sempre con buoni appigli. Rimane poi da superare l’anticima, lungo il filo roccioso che all’inizio è ripido ma facile. Dal vertice di questa anticima, una breve discesa conduce all’intaglio con la vetta, qui vi giunge anche il sentierino della via normale del versante SSW. Seguendo ora il sentierino, a destra del filo, si arriva in vetta senza difficoltà.


Discesa:

Per il sentiero del versante SSW che riconduce al Passo di Porcile, vedi relazione: Monte Cadelle


Note:

Dettagli della salita sulla fotoscalata.


© VieNormali.it

Via Normale Monte Cadelle - Cresta SW - Il percorso di salita da WNW Via Normale Monte Cadelle - Cresta SW - Il primo tratto aereo della cresta, appena superato Via Normale Monte Cadelle - Cresta SW - I Laghi di Porcile dalla vetta e l’itinerario di salita
Il percorso di salita da WNW Il primo tratto aereo della cresta, appena superato I Laghi di Porcile dalla vetta e l’itinerario di salita

N° voti: 0

Dai il tuo voto a questa relazione:

1 stella  2 stelle  3 stelle
                                    
4 stelle  5 stelle
                                
Bandierina
2 scalatori sono stati su questa cima

E tu l'hai salita?
  

Segnala la cima Segnala questa cima ad un amico...

Mappa su Google:




Libri suggeriti sulle Prealpi:


Prealpi Lombarde Centrali  Prealpi Lombarde Occidentali  Prealpi Bresciane  Ferrate in Lombardia e Svizzera   Nel giardino di pietra  Corni di Canzo e Moregallo  Scialpinismo tra Lombardia e Grigioni  Ghiaccio delle Orobie
Ultime 10 scalate Ultime 20 scalate...
Elenco scalate Elenco delle scalate...

Guide escursionistiche Guide escursionistiche consigliate:
           >> Ghiaccio Orobico - Michele Cisana
           >> Arrampicate sportive e moderne fra Lecco e Como - Eugenio Pesci
           >> Alpi Orobie Over 2000 - Vol. 1 - Alessio Pezzotta
           >> Alpi Orobie Over 2000 - Vol. 2
           >> Alpi Orobie Over 2000 - Vol. 3
           >> Prealpi Lombarde Centrali

Revisione: relazione rivista e corretta il 10/02/2012 dalla redazione di VieNormali.it

  


Condividi su:  Share    




OFFERTE ATTREZZATURA E ACCESSORI OUTDOOR

Libri di montagna

Newsletter

Per ricevere la newsletter periodica del sito inserisci qui il tuo indirizzo e-mail:



Precedenti newsletter >>
Primo Piano

Solo granito - Vol. 1

Solo granito - Vol. 1

Solo granito - Vol. 2

Solo granito - Vol. 2

Monte Baldo Rock

Monte Baldo Rock

Arrampicare - Dolomiti Nord Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Nord Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Sud-Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Sud-Occidentali

Wild Dolomiti

Wild Dolomiti

Ferrate dell'Alto Garda

Ferrate dell'Alto Garda

Prealpi Lombarde Centrali

Prealpi Lombarde Centrali

Il grande libro dei 4000

Il grande libro dei 4000

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 1

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 1

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 2

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 2

Alta Valsesia

Alta Valsesia

Dolomiti

Dolomiti

Parco d'Abruzzo

Parco d'Abruzzo

Il Terminillo e i Monti Reatini

Il Terminillo e i Monti Reatini

I 2000 dell Appennino

I 2000 dell Appennino


VieNormali consiglia

Dolomiti.it - Portale sulle Dolomiti

Libri di montagna Idea Montagna Editoria e Alpinismo

Libri di montagna Versante Sud

Libri di montagna Iter Edizioni



Save the Children Italia Onlus Climb for life T-shirt Climbers against cancer