Informativa Cookie: questo sito utilizza cookie tecnici propri necessari al suo funzionamento e cookie di profilazione di terze parti per visualizzare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dagli utenti nella navigazione in rete. Si invita a leggere la Cookie Policy in cui sono presenti le informazioni sui cookie utilizzati dal sito, su quali informazioni vengono raccolte e le istruzioni su come negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. La prosecuzione della navigazione mediante accettazione dei cookie, chiusura di questo banner informativo, accesso ad altra area del sito, selezione di un elemento dello stesso sottostante questo banner (ad esempio di una immagine o di un link) o scorrimento della pagina verso il basso comporta l'automatica prestazione del consenso a utilizzare i cookie.

In conformità al provvedimento del Garante della Privacy del 8 maggio 2014, G.U. n. 126 del 3/6/2014, attuazione della Dir. UE sui cookie 2009/136/CE
OKNon accetto i cookie

VieNormali.it
Home | Mappa del sito | Gruppo VN | Shopping | Area Partner   VieNormali su Facebook   Google+ VieNormali   Canale You Tube VieNormali   RSS Feed VieNormali  

Accedi al sito   Registrati al sito   

   
Gruppi Montuosi
Legenda gruppi...

Cerca la cima:
 

Filtri di ricerca >>

Alpi Occidentali:
 
Alpi Centrali:
 
Alpi Orientali:
 
Prealpi:
 
Appennino:
 
Alpi Estere:
 
Quota:
 



Denti della Vecchia - Sasso Grande - N. Svizzera - 1491 m


Relazione della salita - Cima n° 1886


Via Normale Denti della Vecchia - Sasso Grande - N. Svizzera
Il Sasso Grande
Regione: Estero (EsteroSvizzere

Alpi e Gruppo: Prealpi - Prealpi Lombarde - Gruppo Camoghè

Provincia: Estero

Punto di partenza: Castello - Valsolda (q. 500 m circa)

Versante di salita: NE

Dislivello di salita: 1000 m - Totale: 2000 m

Tempo di salita: 3,15 h - Totale: 5,30 h

Periodo consigliato: primavera - autunno

Valle: Val di Solda - Altre cime della Val di Solda
Punti di appoggio: Alpe Bolgia (q. 1121 m ) e Alpe Bolla (q. 1129 m - Svizzera)
Tipo di via: Via normale
Tipo di percorso: Sentiero e traccia segnata
Difficoltà:   EE - A - II - PD- (scala difficoltà)
Attrezzatura:
Valutazione:
Libro di vetta: si
Cartografia: KOMPASS - Lago di Como - Lago di Lugano 1:50000
Autore: Guido Caironi Profilo di Guido Caironi - Altre salite dell'autore
Data della salita: 18/04/2010
Data pubblicazione: 20/04/2011
N° di visualizzazioni: 4700

Introduzione:

Rimandiamo alla bella introduzione del collega Oliviero, che bene racconta la bellezza di questo territorio.
Perché una doppia relazione di salita, visto che già Oliviero Bellinzani l´ha ben descritta?
Il motivo della scelta è che due sono i modi per salire al Sasso Grande. Ovviamente può essere differente il punto di partenza (noi siamo partiti dall´Italia, ma è possibile seguire l´itinerario svizzero); ma anche differente la via di ascesa.
Si, perché esistono due vie normali, così come spesso accade sui monti di confine: una via cosiddetta Italiana (vedi relazione di Oliviero) ed una Svizzera.
Per onestà è giusto affermare che l´itinerario italiano è più elegante, mentre quello svizzero un poco "contaminato" dalla presenza di numerose piante (mughi ed eriche). Ma rimandiamo più sotto per una descrizione accurata.


Accesso:

Da Porlezza (raggiungibile con la Statale Regina, da Como, Argegno, Menaggio) si prosegue verso la dogana di Gandria. Giunti all´abitato di Albogasio si svolta a destra (Albogasio Superiore, Castello), sino al termine della strada, in prossimità di un piazzale e numerosi parcheggi. Si può ovviamente anche provenire da Lugano.


Descrizione della salita:

Lasciata l´auto si sale nell´abitato, sino alla chiesa di San Martino (seconda metà XVI secolo). Il paese, veramente arroccato, merita senza dubbio una visita.
L’abitato risale in massima parte al XVI secolo; in seguito ai nuovi assetti politici, esso era venuto a trovarsi a ridosso del nuovo confine con la Confederazione elvetica, che chiedeva la demolizione del castello (conosciuto come Castello di Albogasio, che infatti ora non esiste più).
Edificato sulle fondazioni dell’antica rocca, l’abitato conserva l’andamento semicircolare delle vecchie mura di difesa attorno all’altura che ne aveva ospitato il nucleo: i percorsi tortuosi e bellissimi all’interno del borgo consentono di scoprirne i suoi segreti.

Si risale in "via delle tre vie" spostandosi in alto e verso sinistra, sino a raggiungere il cimitero del paese (eventualmente chiedere informazioni), salendo su antica mulattiera (indicazioni, segnavia rosso-bianco-rosso, sentiero numero 10).
Restando sul lato destro orografico della valle, in bosco di faggi, si sale in non eccessiva pendenza, sempre a mezza costa. Ci si avvicina quindi al fondo della valle, in prossimità del torrente Solda, ove spiccano delle belle vasche calcaree.
In circa un´ora e un quarto si raggiunge l´Alpe Bolgia (q. 1221 m), ancora attiva nei mesi estivi. Da qui, sempre seguendo attentamente i segnavia, si sale al soprastante Passo Biascagno (q. 1174 m), ove corre il confine di stato.
Ormai in territorio svizzero (o, meglio, sullo spartiacque e sul confine) si piega a destra seguendo le indicazioni, su sentiero ben tracciato. Superando tratti boscosi a tratti aperti (bellissimo il panorama sulle valli luganesi), su sentiero ottimo e ben tenuto, si giunge al cospetto della Costiera dei Denti della Vecchia.
In un´ora circa dal Passo Biscagno si raggiunge il Passo Streccione (q. 1399 m), nei pressi di una palina segnavia.
Inizia ora il tratto "alpinistico". Si piega a sinistra, su traccia, qualche ometto e rari e sbiaditi bolli bianco-azzurro. Si risale nel bosco sino ad attraversare a destra una bocchetta, scendendo quindi sul versante svizzero, per pochi metri, al di sotto di una parete rocciosa.
Si segue sempre il tracciato sino ad un canale, ove si presentano le due possibilità: seguire il canale (vedi relazione "Denti della Vecchia - Sasso Grande" di Oliviero Bellinzani) oppure la via svizzera.
In questo caso si prosegue verso sinistra, su traccia (radi bolli) sino a raggiungere una paretina molto ricca di erica e mughi. Va risalita al centro (II°), con movimenti di contorsione tra i tronchi, sino ad un nuovo sentierino, che piega a sinistra e poi a destra. Giunti al di sotto di un dente roccioso (si offre di fronte a noi una spaccatura/fenditura) è necessario spostarsi un poco a sinistra ed attaccare la bella paretina di II° che sale proprio sul masso "staccato". Con un po´ di coraggio si attraversa con un passo la fenditura e si raggiunge il libro di vetta. Pochi metri dopo ecco la cima.


Discesa:

Come per la salita, evitando i numerosi differenti sentieri (che porterebbero a perdersi nei boschi, se non esperti della zona).


Note:

Seppur semplice sino al Passo Streccione (Escursionisti con un minimo di pratica di orientamento) diviene più impegnativa la tratta finale (che richiede il superamento di un dislivello di circa 70 metri su roccia, comunque buona), ove è necessario sapersi muovere su roccia di II° esposta.


© VieNormali.it

Via Normale Denti della Vecchia - Sasso Grande - N. Svizzera - Verso la Vetta Via Normale Denti della Vecchia - Sasso Grande - N. Svizzera - Passi di II grado Via Normale Denti della Vecchia - Sasso Grande - N. Svizzera - Castello - Lago di Lugano
Verso la Vetta Passi di II grado Castello - Lago di Lugano

N° voti: 0

Dai il tuo voto a questa relazione:

1 stella  2 stelle  3 stelle
                                    
4 stelle  5 stelle
                                
Bandierina
3 scalatori sono stati su questa cima

E tu l'hai salita?
  

Segnala la cima Segnala questa cima ad un amico...

Mappa su Google:




Libri suggeriti sulle Prealpi:


Prealpi Lombarde Centrali  Prealpi Lombarde Occidentali  Prealpi Bresciane  Ferrate in Lombardia e Svizzera   Nel giardino di pietra  Corni di Canzo e Moregallo  Scialpinismo tra Lombardia e Grigioni  Ghiaccio delle Orobie
Ultime 10 scalate Ultime 20 scalate...
Elenco scalate Elenco delle scalate...

Guide escursionistiche Guide escursionistiche consigliate:
           >> Ghiaccio Orobico - Michele Cisana
           >> Arrampicate sportive e moderne fra Lecco e Como - Eugenio Pesci
           >> Alpi Orobie Over 2000 - Vol. 1 - Alessio Pezzotta
           >> Alpi Orobie Over 2000 - Vol. 2
           >> Alpi Orobie Over 2000 - Vol. 3
           >> Prealpi Lombarde Centrali

Revisione: relazione rivista e corretta il 29/04/2011 dalla redazione di VieNormali.it

  


Condividi su:  Share    




OFFERTE ATTREZZATURA E ACCESSORI OUTDOOR

Libri di montagna

Newsletter

Per ricevere la newsletter periodica del sito inserisci qui il tuo indirizzo e-mail:



Precedenti newsletter >>
Primo Piano

Solo granito - Vol. 1

Solo granito - Vol. 1

Solo granito - Vol. 2

Solo granito - Vol. 2

Monte Baldo Rock

Monte Baldo Rock

Arrampicare - Dolomiti Nord Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Nord Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Sud-Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Sud-Occidentali

Wild Dolomiti

Wild Dolomiti

Ferrate dell'Alto Garda

Ferrate dell'Alto Garda

Prealpi Lombarde Centrali

Prealpi Lombarde Centrali

Il grande libro dei 4000

Il grande libro dei 4000

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 1

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 1

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 2

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 2

Alta Valsesia

Alta Valsesia

Dolomiti

Dolomiti

Parco d'Abruzzo

Parco d'Abruzzo

Il Terminillo e i Monti Reatini

Il Terminillo e i Monti Reatini

I 2000 dell Appennino

I 2000 dell Appennino


VieNormali consiglia

Dolomiti.it - Portale sulle Dolomiti

Libri di montagna Idea Montagna Editoria e Alpinismo

Libri di montagna Versante Sud

Libri di montagna Iter Edizioni



Save the Children Italia Onlus Climb for life T-shirt Climbers against cancer