Informativa Cookie: questo sito utilizza cookie tecnici propri necessari al suo funzionamento e cookie di profilazione di terze parti per visualizzare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dagli utenti nella navigazione in rete. Si invita a leggere la Cookie Policy in cui sono presenti le informazioni sui cookie utilizzati dal sito, su quali informazioni vengono raccolte e le istruzioni su come negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. La prosecuzione della navigazione mediante accettazione dei cookie, chiusura di questo banner informativo, accesso ad altra area del sito, selezione di un elemento dello stesso sottostante questo banner (ad esempio di una immagine o di un link) o scorrimento della pagina verso il basso comporta l'automatica prestazione del consenso a utilizzare i cookie.

In conformità al provvedimento del Garante della Privacy del 8 maggio 2014, G.U. n. 126 del 3/6/2014, attuazione della Dir. UE sui cookie 2009/136/CE
OKNon accetto i cookie

VieNormali.it
Home | Mappa del sito | Gruppo VN | Shopping | Area Partner   VieNormali su Facebook   Google+ VieNormali   Canale You Tube VieNormali   RSS Feed VieNormali  

Accedi al sito   Registrati al sito   

   
Gruppi Montuosi
Legenda gruppi...

Cerca la cima:
 

Filtri di ricerca >>

Alpi Occidentali:
 
Alpi Centrali:
 
Alpi Orientali:
 
Prealpi:
 
Appennino:
 
Alpi Estere:
 
Quota:
 



Gran Paradiso - Parete Nord - 4061 m


Relazione della salita - Cima n° 1776


Via Normale Gran Paradiso - Parete Nord
Tracciato della via di salita
Regione: Val Aosta (AostaItaliane

Alpi e Gruppo: Alpi Occidentali - Alpi Graie - Gruppo Gran Paradiso

Provincia: Aosta

Punto di partenza: Pravieux (q. 1870 m)

Versante di salita: N

Dislivello di salita: 2191 m - Totale: 4382 m

Tempo di salita: 10,00 h - Totale: 15,00 h

Periodo consigliato: giugno - luglio

Punti di appoggio: Rif. Chabod (q 2750 m)
Tipo di via: Via di ghiaccio
Tipo di percorso: Sentiero segnato
Difficoltà:   EE - AG - D (scala difficoltà)
Attrezzatura:
Valutazione:
Libro di vetta: no
Cartografia: KOMPASS N. 86 - Gran Paradiso 1:50000
Autore: Fabrizio Anconitano Profilo di Fabrizio Anconitano - Altre salite dell'autore
Data della salita: 18/08/2006
Data pubblicazione: 26/12/2010
N° di visualizzazioni: 20847

Introduzione:

Il Gran Paradiso (q. 4061 m) è una montagna delle Alpi Graie. La vetta è totalmente in Valle d´Aosta anche se la sezione meridionale del suo massiccio arriva sino in Piemonte. La cima è al confine fra i comuni di Cogne e Valsavarenche ed è l´unica cima completamente italiana che supera i 4000 metri. Dai fianchi della montagna scendono diversi ghiacciai: dal versante occidentale verso la Valsavarenche scendono il ghiacciaio del Gran Paradiso ed il ghiacciaio del Laveciau, nel versante orientale verso la val di Cogne scende il ghiacciaio della Tribolazione. Le due principali vie di ascesa sono le vie normali dal rifugio Vittorio Emanuele e Federico Chaboad. Da quest’ultimo è possibile anche scalare la montagna per la sua bellissima parete nord. Una classica via di ghiaccio che attira numerosi alpinisti da tutto il mondo. Dall´epoca della prima ascensione (Bon,Chabod,Cretier nel 1930 per la crestina rocciosa di sinistra e Bertolone, Cappa,Giorda nel 1958 interamente su ghiaccio) la parete nord ha subito profondi cambiamenti. Del grosso seracco nella parte mediana è rimasto soltanto una gobba appena accennata, mentre quello superiore si sta progressivamente assottigliando, oggi il pendio è più liscio ed uniforme e l´ascensione risulta quindi più agevole.


Accesso:

Da Aosta seguire la strada statale 26 sino a Villeneuve e imboccare la regionale per Valsavaranche. Giunti in località Pravieux (q. 1870 m) ,circa 3 km a valle di Pont, parcheggiare in un´ampio slargo sulla sinistra in prossimità del ponte sul torrente Savara. Attraversare il ponte ed imboccare la mulattiera che porta all´alpeggio di Lavassey. Al bivio seguire il sentiero a destra che si snoda ai piedi delle rocce della Costa Savolère e successivamente sale ripido al rifugio Chabod (q 2750 m) dove normalmente si pernotta. Ore 2.00 dal parcheggio. Dal rifugio si ha una visuale perfetta sulla parete nord ovest del Gran Paradiso. Oltrepassare il locale invernale e seguire il sentiero che porta alla presa dell´acquedotto (tubo nero conduttura idrica a tratti visibile), attraversare il torrente e salire sulla sommità del crestone morenico che separa i ghiacciai di Moncorvè e di Laveciau (ometti segnavia). Proseguire sulla cresta a tratti ripida sino a mettere piede sul margine destro orografico del ghiacciaio di Laveciau (q. 3200 m.). Ore 1.30 dal rifugio. Proseguire in direzione della parete tenendosi a distanza di sicurezza dalla seraccata pensile posta sopra il costone roccioso del Piccolo Paradiso, superata qualche gobba gradualmente il pendio s´impenna fino a raggiungere la crepaccia terminale (q. 3500 m. circa). Ore 2.00 dal rifugio.


Descrizione della salita:

La linea di salita più seguita è lo scivolo di neve e ghiaccio compreso tra la crestina rocciosa di sinistra e la proiezione verticale del seracco pensile superiore. Superata la crepaccia terminale nel punto più agevole (di solito al centro) proseguire in verticale inizialmente su pendenze di circa 45°. Giunti in prossimità del seracco pensile superiore piegare a sinistra (50°/55°) e raggiungere la crestina nord-est, nevosa e affilata che conduce in pochi minuti alla madonnina di vetta. La via ha uno sviluppo di circa 550 m con un’ inclinazione di 45° nella prima metà e di 50°/55° nella seconda parte. Per quanto riguarda i tempi di salita bisogna tenere conto principalmente di due fattori. Il primo: le condizioni della parete. Normalmente ad inizio della stagione estiva la parete è in ottime condizioni con neve dura portante ed è ben proteggibile, con viti da ghiaccio, scavando un poco nella neve. La salita diventa più impegnativa sia fisicamente che tecnicamente se affrontata in tarda estate su ghiaccio vivo (come nel nostro caso). Il secondo fattore riguarda il tipo di progressione usata (tiri di corda, conserva protetta, slegati). Normalmente si alterna una progressione in conserva protetta a qualche tiro di corda nella parte più ripida o dove affiora ghiaccio vivo. Tenendo conto di queste considerazioni i tempi di salita variano normalmente tra le 3 e le 6 ore dall’attacco.


Discesa:

Dal pulpito roccioso della vetta calarsi obliquamente a sinistra (ovest) per circa 6 metri e raggiungere un comodo terrazzino (calata attrezzata da una fettuccia attorno ad un masso). Proseguire in cresta affrontando alcuni tratti esposti (corde fisse) e aggirare a destra il pulpito roccioso dove è posizionata la statua della Madonna. Attraversare la crepaccia terminale e piegare a destra traversando ai piedi del torrione Roc fino a raggiungere il colle della Becca di Moncorvè (q. 3850 m). Proseguire in discesa e portarsi sulla cresta nevosa denominata Schiena d´Asino (q. 3700 m). Piegare a destra imboccando il vallone glaciale che collega il ghiacciaio del Gran Paradiso con quello di Laveciau; per ripidi pendii portarsi alla base della cresta nord-ovest (q. 3300 m) e proseguire in diagonale a destra (faccia a valle) aggirando grandi crepacci e raggiungendo il crestone morenico percorso all’andata per l’avvicinamento alla base della parete, fino al rifugio Chaboad. Ore 3.00 dalla cima.


Note:

Salita di grande soddisfazione. Un classica alpinistica su ghiaccio che si svolge in ambiente grandioso. Informarsi oltre che sulle condizioni della parte anche su quelle della via di discesa verso lo Chaboad. Se non dovesse essere tracciata è possibile scendere dalla vetta lungo la normale che porta al rifugio Vittorio Emanuele. Da li in 1.30 si arriva a Pont (q. 1960 m) a 3 km di distanza da Pravieux.


© VieNormali.it

Via Normale Gran Paradiso - Parete Nord - Sulla parte iniziale della parete Via Normale Gran Paradiso - Parete Nord - In piena parete nord Via Normale Gran Paradiso - Parete Nord - Sulla delicata uscita in cresta
Sulla parte iniziale della parete In piena parete nord Sulla delicata uscita in cresta

N° voti: 5 - Voto medio: Voto 4 stelle

Dai il tuo voto a questa relazione:

1 stella  2 stelle  3 stelle
                                    
4 stelle  5 stelle
                                
Bandierina
7 scalatori sono stati su questa cima

E tu l'hai salita?
  

Segnala la cima Segnala questa cima ad un amico...

Mappa su Google:




Libri suggeriti sulle Alpi Occidentali:

Il grande libro dei 4000 delle Alpi


Ultime 10 scalate Ultime 20 scalate...
Elenco scalate Elenco delle scalate...

Guide escursionistiche Guide escursionistiche consigliate:
           >> Passaggio a Nord-Ovest - Maurizio Oviglia, Fiorenzo Michelin
           >> Rock Paradise - Maurizio Oviglia

Revisione: relazione rivista e corretta il 04/01/2011 dalla redazione di VieNormali.it

  


Condividi su:  Share    




OFFERTE ATTREZZATURA E ACCESSORI OUTDOOR

Libri di montagna

Newsletter

Per ricevere la newsletter periodica del sito inserisci qui il tuo indirizzo e-mail:



Precedenti newsletter >>
Primo Piano

Solo granito - Vol. 1

Solo granito - Vol. 1

Solo granito - Vol. 2

Solo granito - Vol. 2

Monte Baldo Rock

Monte Baldo Rock

Arrampicare - Dolomiti Nord Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Nord Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Sud-Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Sud-Occidentali

Wild Dolomiti

Wild Dolomiti

Ferrate dell'Alto Garda

Ferrate dell'Alto Garda

Prealpi Lombarde Centrali

Prealpi Lombarde Centrali

Il grande libro dei 4000

Il grande libro dei 4000

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 1

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 1

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 2

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 2

Alta Valsesia

Alta Valsesia

Dolomiti

Dolomiti

Parco d'Abruzzo

Parco d'Abruzzo

Il Terminillo e i Monti Reatini

Il Terminillo e i Monti Reatini

I 2000 dell Appennino

I 2000 dell Appennino


VieNormali consiglia

Dolomiti.it - Portale sulle Dolomiti

Libri di montagna Idea Montagna Editoria e Alpinismo

Libri di montagna Versante Sud

Libri di montagna Iter Edizioni



Save the Children Italia Onlus Climb for life T-shirt Climbers against cancer