Informativa Cookie: questo sito utilizza cookie tecnici propri necessari al suo funzionamento e cookie di profilazione di terze parti per visualizzare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dagli utenti nella navigazione in rete. Si invita a leggere la Cookie Policy in cui sono presenti le informazioni sui cookie utilizzati dal sito, su quali informazioni vengono raccolte e le istruzioni su come negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. La prosecuzione della navigazione mediante accettazione dei cookie, chiusura di questo banner informativo, accesso ad altra area del sito, selezione di un elemento dello stesso sottostante questo banner (ad esempio di una immagine o di un link) o scorrimento della pagina verso il basso comporta l'automatica prestazione del consenso a utilizzare i cookie.

In conformità al provvedimento del Garante della Privacy del 8 maggio 2014, G.U. n. 126 del 3/6/2014, attuazione della Dir. UE sui cookie 2009/136/CE
OKNon accetto i cookie

VieNormali.it
Home | Mappa del sito | Gruppo VN | Shopping | Area Partner   VieNormali su Facebook   Google+ VieNormali   Canale You Tube VieNormali   RSS Feed VieNormali  

Accedi al sito   Registrati al sito   

   
Gruppi Montuosi
Legenda gruppi...

Cerca la cima:
 

Filtri di ricerca >>

Alpi Occidentali:
 
Alpi Centrali:
 
Alpi Orientali:
 
Prealpi:
 
Appennino:
 
Alpi Estere:
 
Quota:
 



Lyskamm - Parete nord - 4527 m


Relazione della salita - Cima n° 1768


Via Normale Lyskamm - Parete nord
Il tracciato della via lungo la parete nord
Regione: Val Aosta (AostaItaliane

Alpi e Gruppo: Alpi Occidentali - Alpi Pennine - Gruppo Monte Rosa

Provincia: Aosta

Punto di partenza: Passo dei Salati (q. 2938 m)

Versante di salita: N

Dislivello di salita: 1590 m - Totale: 3180 m

Tempo di salita: 15,00 h - Totale: 20,00 h

Periodo consigliato: giugno - luglio

Valle: Valle del Lys - Altre cime della Valle del Lys
Punti di appoggio: Rif. Mantova (q. 3498 m) - Rif. Gnifetti (q. 3657 m)
Tipo di via: Via di ghiaccio
Tipo di percorso: Traccia su ghiacciaio
Difficoltà:   EE - AG - D (scala difficoltà)
Attrezzatura:
Valutazione:
Libro di vetta: no
Cartografia: KOMPASS N. 88 Monterosa
Autore: Fabrizio Anconitano Profilo di Fabrizio Anconitano - Altre salite dell'autore
Data della salita: 05/08/2006
Data pubblicazione: 17/12/2010
N° di visualizzazioni: 16577

Introduzione:

Il Liskamm è una montagna nelle Alpi Pennine che fa parte della catena montuosa del Monte Rosa lungo la frontiera italo-svizzera tra la Valle d´Aosta ed il Vallese. Grande montagna coperta quasi interamente di ghiaccio, i Lyskamm sono in realtà due cime distinte (Lyskamm occidentale, 4481 m, e Lyskamm orientale, 4527 m) unite da una stupenda cresta nevosa il cui percorso (Traversata dei Lyskamm) è una delle più belle traversate in cresta delle Alpi. Altrettanto spettacolare è il versante settentrionale della montagna che si alza sul ghiacciaio Grenzgletscher per centinaia di metri (fino a 1300 nel caso del Lyskamm occidentale). Su questa bellissima parete di ghiaccio sono state aperte molte vie, anche di estrema difficoltà. Sulla parete nord del Lyskamm orientale corre però una delle vie classiche più belle dell’arco alpino. Fu salita la prima volta nel 1890 da Ludwig Normann-Neruda con la grande guida svizzera Christian Klucker e Josef Reinstadler. Il percorso attualmente seguito, interamente su neve e ghiaccio, è quello inaugurato da Willy Welzenbach e Rudolf Walter nel 1925, in occasione della quarta ripetizione della via. Una salita lungo questa parete è quindi anche un piccolo viaggio nella storia dell’alpinismo su ghiaccio, sulle tracce di uomini straordinari.


Accesso:

Il Passo dei Salati è raggiungibile in funivia sia da Alagna che da Gressoney. Recentemente è stato aperto un nuovo troncone di funivia che dal Passo dei Salati porta direttamente al Ghiacciaio di Indren, accorciando notevolmente l´ avvicinamento. Dal Passo dei Salati si prende la traccia segnalata che risale le pendici meridionali dello Stolemberg per poi contornarne il versante ovest (tratti attrezzati con canaponi). Scesi al Colle delle Pisse, per sfasciumi si risale a Punta Indren. Seguendo i numerosi ometti, si attraversa la pietraia di grossi blocchi e rocce raggiungendo il Ghiacciaio di Indren. Con percorso ad arco ci si porta alla base dello sperone che vi si affonda e per tracce di sentiero alternate a tratti attrezzati con canaponi e scalini, si sbuca sul pianoro soprastante, da dove sono ben visibili il rifugio Mantova (q. 3498 m) ed il rifugio Gnifetti (q. 3657 m) che si raggiungono attraversando il Ghiacciaio del Garstelet e superando un ultimo tratto attrezzato (rispettivamente 1.30 / 2.00 ore). Si pernotta in uno dei due rifugi (personalmente per motivi logistici ho pernottato in tenda direttamente al colle del Lys). Dal Rifugio Gnifetti si mette piede sul Ghiacciaio del Lys (tratto quasi pianeggiante ma con diversi crepacci, anche nascosti, che richiedono la dovuta attenzione); si procede in direzione nord-est verso la Piramide Vincent, poi si sale (alcuni crepacci) verso nord seguendo la pista, di solito presente, che sale alla Punta Gnifetti e alla Capanna Margherita. Oltrepassato l’isolotto roccioso del Balmenhorn (dove si trovano il Bivacco Giordano e la statua del Cristo delle vette), da quota 4150 circa si piega leggermente a destra e si raggiunge il Colle del Lys (q. 2248 m). Ore 2.30 dal Rifugio Gnifetti. Se si proviene dal Rifugio Mantova non è necessario passare dal Rifugio Gnifetti: si sale lungo il Ghiacciaio del Garstelet in direzione nord-est, passando a destra dell’isolotto roccioso del Rifugio Gnifetti (attenzione ai crepacci nel tratto pianeggiante all´altezza del rifugio) fino a ricongiungersi con l’itinerario precedente dove esso volge a nord (in questo caso calcolare 30 minuti in più). Dal Colle del Lys ci si abbassa nella conca glaciale a nord, poi si gira a sinistra e si scende lungo il Grenzgletscher costeggiando ad una certa distanza (possibili cadute di ghiaccio) la parete nord del Lyskamm orientale fino a circa 3800 m, sotto la nervatura di rocce che scende dalla cima. Ore 0.30 dal colle del Lys, ore 3 dal rifugio Gnifetti.


Descrizione della salita:

La via classica passa tra la nervatura rocciosa che scende dalla vetta orientale e gli enormi seracchi che caratterizzano la parte alta della parete. Considerata la lunghezza del percorso è consigliabile trovarsi all’alba all’attacco della via (è sufficiente partire alle 03:00 dal rifugio Gnifetti).Una volta individuato il percorso di salita superare la crepaccia terminale nel punto più accessibile. Nel nostro caso abbiamo dovuto superare un muretto di ghiaccio di circa 6/7 metri (65°/70°).La salita prosegue in piena parete nord ed è di facile individuazione. Bisogna cercare di essere il più veloci possibile in modo da poter ridurre al minimo i rischi derivanti dai pericoli oggettivi; la via di salita si svolge in gran parte sotto la minaccia degli enormi seracchi della parte superiore della parete. Superata la crepaccia terminale si sale diritti per poi piegare leggermente a sinistra negli ultimi 200 metri. Si esce in cresta poche decine di metri sotto la vetta orientale. Affrontare la cresta esposta fino in vetta. Il dislivello della via è di circa 800 metri mentre lo sviluppo è di circa 1000 metri. L’inclinazione della parete è costante intorno ai 50° con qualche tratto a 55°.

Ovviamente i tempi di salita sono molto variabili e tengono conto di diversi fattori:
1) Le condizioni della parete: è consigliabile affrontarla ad inizio stagione per evitare di dovere salire su tratti di ghiaccio vivo aumentando notevolmente la fatica fisica ed i tempi di salita.
2)Il tipo di progressione effettuata (tiri di corda, conserva, slegati): questo fattore è in funzione dell’esperienza dei componenti della cordata. Noi abbiamo alternato dei tiri di corda a tratti in conserva protetta.
3)La preparazione fisica: è consigliabile presentarsi allenati per affrontare questa via. La salita è lunga e anche la via di discesa necessita di passo sicuro. Arrivare in vetta stanchi potrebbe essere pericoloso per affrontare in discesa la delicata cresta dei Lyskamm.

Tenendo conto di queste considerazioni si può concludere, a mio avviso, che i tempi di salita variano tra le 5 e le 10 ore.


Discesa:

Si segue la cresta E (difficoltà alpinistica AD) con percorso magnifico ma delicato. Il filo di cresta è particolarmente aereo. Occorre fare molto attenzione alle cornici. La cresta conduce ad una sella nevosa a quota 4153 m, nei pressi dello spuntone chiamato Roccia della scoperta (q. 4178 m). Fare molta attenzione alla parte finale della cresta (crepacci). Dalla sella, con un traverso pianeggiante verso sud-est, si raggiunge presso il Balmenhorn la pista che arriva dalla Capanna Margherita. Seguendola, si ritorna al Rifugio Gnifetti.Ore 2.30 dalla cima.


Note:

Salita di grande soddisfazione in ambiente glaciale. Sia la via di salita che quella di discesa sono stupende. Affrontare questa scalata ad inizio stagione tenendo conto del periodo di apertura degli impianti. E’ assolutamente necessario tempo stabile ed assenza di vento per affrontare la cresta in discesa. Informarsi, oltre alle condizioni della parete, anche su quelle della cresta. Se non è tracciata (facile dopo precipitazioni nevose in quota) le difficoltà aumentano notevolmente anche in considerazione del fatto che si affronta la discesa stanchi dalla parete scalata.


© VieNormali.it

Via Normale Lyskamm - Parete nord - In tenda al colle del Lys Via Normale Lyskamm - Parete nord - Sulla parte iniziale della parete Via Normale Lyskamm - Parete nord - Le punte del Rosa dalla parete nord del Lyskamm
In tenda al colle del Lys Sulla parte iniziale della parete Le punte del Rosa dalla parete nord del Lyskamm

N° voti: 5 - Voto medio: Voto 5 stelle

Dai il tuo voto a questa relazione:

1 stella  2 stelle  3 stelle
                                    
4 stelle  5 stelle
                                
Bandierina
7 scalatori sono stati su questa cima

E tu l'hai salita?
  

Segnala la cima Segnala questa cima ad un amico...

Mappa su Google:




Libri suggeriti sulle Alpi Occidentali:


Ultime 10 scalate Ultime 20 scalate...
Elenco scalate Elenco delle scalate...


  


Condividi su:  Share    




OFFERTE ATTREZZATURA E ACCESSORI OUTDOOR

Libri di montagna

Newsletter

Per ricevere la newsletter periodica del sito inserisci qui il tuo indirizzo e-mail:



Precedenti newsletter >>
Primo Piano

Alta Valsesia

Alta Valsesia

Carta Valsesia

Carta Valsesia

Carta Val Formazza

Carta Val Formazza

Scialpinismo in Dolomiti

Scialpinismo in Dolomiti

Scialpinismo nelle Alpi Giulie Occidentali

Scialpinismo nelle Alpi Giulie

Appennino di neve e di ghiaccio

Appennino di neve e di ghiaccio

Scialpinismo a Cortina d'Ampezzo

Scialpinismo a Cortina d'Ampezzo

Ghiaccio Salato

Ghiaccio Salato


Giardini di Cristallo


Scialpinismo in Tirolo


Ciaspolate

Neve libera

Neve libera

Ghiaccio d'Appennino

Ghiaccio d'Appennino

Ghiaccio svizzero

Ghiaccio svizzero

Family Experience in Friuli Venezia Giulia

Alpe Adria Trail

Family Experience in Friuli Venezia Giulia

Family Experience in Friuli Venezia Giulia

Walking Experience in Friuli Venezia Giulia

Walking Experience in Friuli Venezia Giulia


VieNormali consiglia

Dolomiti.it - Portale sulle Dolomiti

Libri di montagna Idea Montagna Editoria e Alpinismo

Libri di montagna Versante Sud

Libri di montagna Iter Edizioni



Save the Children Italia Onlus Climb for life T-shirt Climbers against cancer