Informativa Cookie: questo sito utilizza cookie tecnici propri necessari al suo funzionamento e cookie di profilazione di terze parti per visualizzare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dagli utenti nella navigazione in rete. Si invita a leggere la Cookie Policy in cui sono presenti le informazioni sui cookie utilizzati dal sito, su quali informazioni vengono raccolte e le istruzioni su come negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. La prosecuzione della navigazione mediante accettazione dei cookie, chiusura di questo banner informativo, accesso ad altra area del sito, selezione di un elemento dello stesso sottostante questo banner (ad esempio di una immagine o di un link) o scorrimento della pagina verso il basso comporta l'automatica prestazione del consenso a utilizzare i cookie.

In conformità al provvedimento del Garante della Privacy del 8 maggio 2014, G.U. n. 126 del 3/6/2014, attuazione della Dir. UE sui cookie 2009/136/CE
OKNon accetto i cookie

VieNormali.it
Home | Mappa del sito | Gruppo VN | Shopping | Area Partner   VieNormali su Facebook   Google+ VieNormali   Canale You Tube VieNormali   RSS Feed VieNormali  

Accedi al sito   Registrati al sito   

   
Gruppi Montuosi
Legenda gruppi...

Cerca la cima:
 

Filtri di ricerca >>

Alpi Occidentali:
 
Alpi Centrali:
 
Alpi Orientali:
 
Prealpi:
 
Appennino:
 
Alpi Estere:
 
Quota:
 



Spallone Centrale - Via Zucchi - 2130 m


Relazione della salita - Cima n° 1555


Via Normale Spallone Centrale - Via Zucchi
Spallone Centrale, via Zucchi.
Regione: Lombardia (LeccoItaliane

Alpi e Gruppo: Alpi Occidentali - Alpi Prealpi Lombarde - Gruppo Grigne

Provincia: Lecco

Punto di partenza: Pian dei Resinelli (q. 1247 m), Ballabio

Versante di salita: S

Dislivello di salita: 900 m - Totale: 1800 m

Tempo di salita: 4,30 h - Totale: 6,30 h

Periodo consigliato: aprile - ottobre

Valle: Val Sassina - Altre cime della Val Sassina
Punti di appoggio: nessuno
Tipo di via: Via di roccia
Tipo di percorso: Via di roccia
Difficoltà:   EEA - AR - IV+ - D- (scala difficoltà)
Attrezzatura:
Valutazione:
Libro di vetta: no
Cartografia: KOMPASS N. 105 Lecco-Valle Brembana
Autore: Oliviero Bellinzani Profilo di Oliviero Bellinzani - Altre salite dell'autore
Data della salita: 11/06/2010
Data pubblicazione: 14/06/2010
N° di visualizzazioni: 2200

Introduzione:

Classica piuttosto frequentata, la Via Zucchi risale su bella roccia lo Spallone Centrale, in passato Pilone, lungo una linea logica ed estetica. Arrampicata mai estrtema, si lascia assaporare pienamente in ogni sua parte, dando modo di gustare verticalità e ambiente circostante. Magia dell´ alpinismo.


Accesso:

Superstrada Milano-Lecco, oltrepassata la galleria del Monte Barro si seguono le indicazioni per l´Ospedale Manzoni e la Valsassina. All’uscita delle gallerie, in prossimità della rotonda di Ballabio Inferiore, voltare alla seconda via a destra (indicazioni “Piani Resinelli”) e proseguire lungo i numerosi tornanti sino al parcheggio dei Piani Resinelli. Dalla chiesetta salire a destra lungo una ripida strada asfaltata (Via Locatelli), e parcheggiare al suo termine presso uno slargo a sinistra.


Descrizione della salita:

Dal parcheggio, trascurando il sentiero della Cresta Cermenati, n. 7, si imbocca il sentiero all´ estremità sinistra, Direttissima n. 8, che dapprima per rado bosco, quindi su terreno più aperto sale in direzione della vetta, incrociando ad un bivio quello proveniente dalla Cermenati (v. relazione Grigna Meridionale). Si segue quest´ ultimo a sinistra, scavalcando il Caminetto Pagani (scale verticali), poi attraversando il Canalone dei Piccioni ed infine, lasciato in basso a sinistra il gruppo Torre-Fungo-Lancia, risalendo il canalone di Val Tesa (indicazioni a destra per la vetta) tra grossi blocchi e una bella placca attrezzata. Giunti ad incrociare il Sentiero Cecilia, lo si segue verso destra, direzione Vetta, superando un primo tratto attrezzato seguito da un secondo, poco oltre il quale, attraversato un canale, su una roccia, scritto in piccolo, vernice nera, si trova l´ indicazione ´spallone´. Per vaghe tracce si risale la cresta sino alla base delle rocce, scritta ´Via Zucchi´ all´ attacco. L1: Si supera il breve, ostico strapiombo iniziale (IV+,fittone), per poi scavalcarne lo spigolo e proseguire più facilmente obliquando a sinistra lungo una rampa che richiede una certa attenzione per la qualità della roccia (III, clessidra). Dopodichè, ci si porta dove la parete si impenna, in corrispondenza di una spaccatura a sinistra di uno spigolo molto pronunciato, al cui inizio si trova un fittone, e la si risale, tratto tecnico benchè non superi il IV (chiodi). Quindi, si piega decisamente a sinistra, per rocce semplici e ben gradinate, a lato di uno spuntone, oltrepassato il quale, facilmentre, si torna verso destra fino alla comoda sosta su due fittoni (45 mt). L2 : Dalla sosta, si risale l´ articolata parete in obliquo a destra sino ad un fittone, da cui ancora a destra ad un diedro-canale, chiuso in alto da un tetto. Lo si rimonta per pochi metri, spostandosi poi sulla placca a destra (chiodi), che si supera con bei movimenti (IV+) arrivando sotto al tetto, passaggio chiave, da cui si esce a sinistra (allungare il rinvio dell´ ultimo chiodo per evitare eventuali bloccaggi della corda). Quindi si prosegue in obliquo verso destra, su rocce più semplici ma non più protette, fino ad un diedro che conduce alla sosta, posta proprio sullo spigolo (40 mt). L3: Tiro più facile, ma poco protetto, risale la sovrastante ampia fessura (IV-), da cui si traversa a sinistra (fittone) per poi imboccare un canalino (chiodo) che si abbandona quasi subito per proseguire sullo spigolo di destra (II/III) fino alla sosta successiva (35 mt). L4: Semplice lunghezza di cresta (II/III), supera la balza sovrastante la sosta, traversa un canale che si rimonta per scavalcare, infine, un breve salto, sopra cui si sosta alla base della placca terminale (35 mt, tiro interamente sprotetto). L5: Bellissimo tiro, inizia con alcune tacche, seguite da una serie di buchi da raccordare che portano sotto la crestina terminale (IV+). Dall´ ultimo chiodo, spostarsi a sinistra, verso lo spigolo, dove è più facile. All´uscita della parete una crestina più semplice (III/II) seguita da un breve tratto su detriti porta all´ultima sosta, pochi metri oltre la quale si raggiunge la vetta con spuntone affiorante (40 mt).


Discesa:

Dalla vetta dello Spallone si scende lungo l´ aerea ma elementare crestina di sinistra, arrivando ad un colletto segnalato da un ometto. Costeggiando a sinistra la seguente struttura rocciosa (II-), ci si immette nell´ ultimo tratto della Cresta Segantini, bollo rosso e fittone, che si segue risalendo un´ articolata rampa (I/II) per poi continuare di cresta sino ad un intaglio. Con facile disarrampicata vi si discende (fittone), portandosi di nuovo in cresta per una spaccatura (frecce) e proseguendo per questa sino ad un canalino che scende a sinistra, oltrepassato il quale tornando a destra si giunge sopra alla Forcella della Ghiacciaia. Breve doppia (15 mt), quindi a destra per una cinquantina di metri a prendere la Cresta Cermenati (traccia) lungo la quale si fa ritorno a Pian dei Resinelli. Nel caso si intendesse raggiungere anche la Vetta della Grignetta, si veda la relazione della Cresta Segantini.


Note:

Magnifica arrampicata in stile alpino in un contesto verticale di suggestiva bellezza.


© VieNormali.it

Via Normale Spallone Centrale - Via Zucchi - L´ ostico strapiombino iniziale. Via Normale Spallone Centrale - Via Zucchi - Uscita  in sosta dal 2° tiro Via Normale Spallone Centrale - Via Zucchi - Terzo Tiro.
L´ ostico strapiombino iniziale. Uscita in sosta dal 2° tiro Terzo Tiro.

N° voti: 0

Dai il tuo voto a questa relazione:

1 stella  2 stelle  3 stelle
                                    
4 stelle  5 stelle
                                
Bandierina
2 scalatori sono stati su questa cima

E tu l'hai salita?
  

Segnala la cima Segnala questa cima ad un amico...

Mappa su Google:




Libri suggeriti sulle Alpi Occidentali:


Prealpi Lombarde Centrali  Prealpi Lombarde Occidentali  Prealpi Bresciane  Ferrate in Lombardia e Svizzera   Nel giardino di pietra  Corni di Canzo e Moregallo  Scialpinismo tra Lombardia e Grigioni  Ghiaccio delle Orobie
Ultime 10 scalate Ultime 20 scalate...
Elenco scalate Elenco delle scalate...

Guide escursionistiche Guide escursionistiche consigliate:
           >> Ghiaccio Orobico - Michele Cisana
           >> Arrampicate sportive e moderne fra Lecco e Como - Eugenio Pesci
           >> Alpi Orobie Over 2000 - Vol. 1 - Alessio Pezzotta
           >> Alpi Orobie Over 2000 - Vol. 2
           >> Alpi Orobie Over 2000 - Vol. 3
           >> Prealpi Lombarde Centrali


  


Condividi su:  Share    




OFFERTE ATTREZZATURA E ACCESSORI OUTDOOR

Libri di montagna

Newsletter

Per ricevere la newsletter periodica del sito inserisci qui il tuo indirizzo e-mail:



Precedenti newsletter >>
Primo Piano

Solo granito - Vol. 1

Solo granito - Vol. 1

Solo granito - Vol. 2

Solo granito - Vol. 2

Monte Baldo Rock

Monte Baldo Rock

Arrampicare - Dolomiti Nord Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Nord Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Sud-Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Sud-Occidentali

Wild Dolomiti

Wild Dolomiti

Ferrate dell'Alto Garda

Ferrate dell'Alto Garda

Prealpi Lombarde Centrali

Prealpi Lombarde Centrali

Il grande libro dei 4000

Il grande libro dei 4000

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 1

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 1

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 2

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 2

Alta Valsesia

Alta Valsesia

Dolomiti

Dolomiti

Parco d'Abruzzo

Parco d'Abruzzo

Il Terminillo e i Monti Reatini

Il Terminillo e i Monti Reatini

I 2000 dell Appennino

I 2000 dell Appennino


VieNormali consiglia

Dolomiti.it - Portale sulle Dolomiti

Libri di montagna Idea Montagna Editoria e Alpinismo

Libri di montagna Versante Sud

Libri di montagna Iter Edizioni



Save the Children Italia Onlus Climb for life T-shirt Climbers against cancer