Informativa Cookie: questo sito utilizza cookie tecnici propri necessari al suo funzionamento e cookie di profilazione di terze parti per visualizzare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dagli utenti nella navigazione in rete. Si invita a leggere la Cookie Policy in cui sono presenti le informazioni sui cookie utilizzati dal sito, su quali informazioni vengono raccolte e le istruzioni su come negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. La prosecuzione della navigazione mediante accettazione dei cookie, chiusura di questo banner informativo, accesso ad altra area del sito, selezione di un elemento dello stesso sottostante questo banner (ad esempio di una immagine o di un link) o scorrimento della pagina verso il basso comporta l'automatica prestazione del consenso a utilizzare i cookie.

In conformità al provvedimento del Garante della Privacy del 8 maggio 2014, G.U. n. 126 del 3/6/2014, attuazione della Dir. UE sui cookie 2009/136/CE
OKNon accetto i cookie

VieNormali.it
Home | Mappa del sito | Gruppo VN | Shopping | Area Partner   VieNormali su Facebook   Google+ VieNormali   Canale You Tube VieNormali   RSS Feed VieNormali  

Accedi al sito   Registrati al sito   

   
Gruppi Montuosi
Legenda gruppi...

Cerca la cima:
 

Filtri di ricerca >>

Alpi Occidentali:
 
Alpi Centrali:
 
Alpi Orientali:
 
Prealpi:
 
Appennino:
 
Alpi Estere:
 
Quota:
 


ROCK HOUND, IL MERCANTE DI CHIODI




Quanti tipi di chiodi da roccia esistono? Te lo dice Rock Hound!


Chiodi da roccia Rock Hound

Intervista a Davide "Birillo" Valsecchi, alpinista dell'Isola Senza Nome, il comprensorio dei Corni di Canzo e del Moregallo, promotore di una nuova iniziativa incentrata sul chiodo d'arrampicata: Rock Hound.

"Meglio un chiodo in più che una vita in meno, soprattutto se la vita è mia."
Questa è la celebre frase di Georges Livanos, "Il Greco". Oggi, curiosamente, la maggior parte delle persone tende a pensare che il chiodo da arrampicata, il Piton, sia ormai un oggetto in disuso, da museo. La storia del Piton, in effetti, è piuttosto travagliata. Nel 1909 l'austriaco Hans Fichtel realizzò quello che è considerato il primo chiodo d'arrampicata della storia e, insieme al primo moschettone di Otto Herzog, rivoluzionò il mondo dell'arrampicata spalancando le porte a luoghi fino ad allora inaccessibili.

"Speravo mi lasciassero piantare un chiodo..." ricordò Bonatti in un'intervista raccontando i suoi pensieri da bambino alla primissima esperienza con l'arrampicata. Un ricordo che fa sorridere ripensando a come nel suo zaino, per la celebre solitaria sulla Nord del Cervino, "il materiale essenziale" comprendesse oltre cinquanta chiodi.

Negli anni 60 e 70 il chiodo, soprattutto grazie a Yvon Chouinard, è ancora protagonista tanto in Yosemite quanto sul Monte Bianco. Anche con Jim Bridwell e gli Stone Masters, la generazione successiva a Royal Robbins, il chiodo conservò il proprio ruolo cruciale. Poi negli anni '80 qualcosa inizia a cambiare, da un lato l'arrivo di Nut e Cam e dall'altro l'uso di spit e fix. L'interminable diatriba tra Preuss e Piaz sembra finalmente concludersi smembrando la questione tra due opposti quasi inconciliabili: l'arrampicata trad e l'arrampicata sportiva.

"La cosa che mi più mi affascina dell'Euro, la moneta unica che ha sostituito la Lira della nostra infanzia, è che le nuove monete riescono a stare in equilibrio anche di taglio. Mi piace allinearle sul bancone quando mi faccio una birra con gli amici. L'arrampicata oggi? Per me è come quella moneta. Su una faccia è trad, fatta di camme ed incastri. Sull'altra è sportiva, intrisa di magnesite e polvere di trapano. Ma di taglio, in quello stretto spazio dove serve malizia per sostenere l'equilibrio di un mondo circolare, è ancora territorio d'avventura, è ancora il chiodo ad essere l'ago della bilancia."

Chiodi da roccia Rock Hound

Come è nato RockHound e quali sono i suoi obiettivi?
Beh, banalmente avevo finito i chiodi. Durante l'autunno avevo aperto una decina di nuove vie esplorative facendo da secondo ad un celebre "Profeta". Nonostante ci si sforzasse di non abbandonare materiale durante le nostre esplorazioni il mazzo dei chiodi, inevitabilmente, ha cominciato a smagrire: qualcuno lo lasci come testimonianza, qualcuno non riesci a toglierlo, qualcuno lo lasci per non rovinare la roccia.

Chiodi da roccia Rock Hound

Sul calcare friend e nut lavorano diversamente da quanto accade sul granito, tendono a "muoversi" molti di più. Per questo un buon chiodo o una buona sosta a chiodi sono spesso fondamentali. Purtroppo, nonostante il loro ruolo cruciale, chiunque oggi decida di comprare chiodi si trova davanti due grosse difficoltà: la prima è il prezzo, che oscilla tra i 10 ed i 15 euro ad esemplare. La seconda è la scarsezza di scelta, la maggior parte dei negozianti offre infatti pochi modelli e poche marche. RockHound è il mio personale modo di affrontare di petto queste due difficoltà.

Chiodi da roccia Rock Hound

Chiodi da roccia Rock Hound


Quindi? Come ti sei organizzato?
Per prima cosa ho contatto tutti i principali produttori europei di chiodi e sono andato a Monaco, all'ISPO, per incontrarli di persona. La mia domanda è stata abbastanza semplice "Mi servono i vostri chiodi, uno per ogni modello". Questa richiesta, apparentemente semplice, mi ha permesso di raccogliere la più ampia e completa collezione contemporanea di chiodi da arrampicata. Oltre 110 differenti chiodi che ho iniziato a catalogare, fotografare e comparare in un portale web interamente dedicato ai Piton: www.rockhound.it. Internet è stato il primo passo per aprire un dialogo nuovo, per mostrare la grande varietà di forme e fatture disponibili. Il secondo passo è stato più diretto, volevo che le persone avessero la possibilità di "toccare" questi chiodi, ritrovandosi e discutendone insieme. Per questo, quasi come delle "rock star", ho deciso di portare i 100 chiodi in Tour, il PitOnTour.

Chiodi da roccia Rock Hound

Cosè il PitOnTour?
In un negozio di bricolage ho comprato dei pali di legno e del cordame realizzando una specie di tenda indiana su cui ho appeso i chiodi. L'idea è che questa struttura fosse smontabile e facilmente trasportabile, anche in ambiente alpino. Una volta realizzato quello che chiamiamo "l'albero dei chiodi" ho iniziato ad esporlo alle gare urbane di boulder, alle fiere legate alla montagna o all'ingresso dei rifugi alpini. Sono stato al MelloBlocco, alla serata dei Ragni di Lecco ed in programma ho già altre numerose tappe.

L'albero dei chiodi Rock Hound

Mi piace vedere come quasi chiunque resti affascinato dalla stranezza di 100 chiodi appesi, come si avvicini incuriosito e come molto spesso inizi a raccontare la propria "storia", inizi a raccontare dei propri chiodi. Attorno al mio "alberello" ho avuto l'occasione di fare incontri e chiacchierate decisamente clamorose, tanto con personaggi famosi dell'arrampicata quanto con arditi personaggi spesso quasi sconosciuti ma dalle grandissime capacità.

L'albero dei chiodi Rock Hound

L'albero dei chiodi Rock Hound

Il futuro?
Vorrei trasformare rockhound.it in un negozio on line capace di vendere chiodi via internet in tutta Europa. Sebbene possa sembrare una faccenda semplice è in realtà decisamente complessa. Ci sono costi importanti da sostenere ed una montagna di burocrazia da affrontare per inserirsi in un mercato, quello dei chiodi, talmente di nicchia ed in contrazione da sfiduciare persino gli stessi produttori. Tuttavia l'alpinismo è sempre stato la conquista dell'inutile, una battaglia d'ingegno e perseveranza con forze soverchianti: forse sto caricando a testa bassa i mulini a vento ma mi sto divertendo molto nel farlo! Parallelamente voglio raccoglie interviste, racconti e testimonianze. Quella del "chiodo e martello" forse è una comunità ristretta e dispersa, ma è una tribù solidale e compatta nei propri ideali: mi piacerebbe che RockHound potesse essere per loro un positivo punto di riferimento.



Dove possiamo leggere queste storie?
Ovviamente su RockHound.it, inoltre sul mio blog personale, www.cima-asso.it, è possibile sbirciare anche tra le attività esplorative che conduciamo sul nostro territorio. Spero possiate trovare qualcosa capace di stimolare la vostra fantasia ed invogliarvi alla ricerca. La fuori, contrariamente a quanto tentano di raccontarci, c'è ancora un modo da scoprire.

Chiodi da roccia Rock Hound


Per maggiori informazioni: www.rockhound.it - www.cima-asso.it




Condividi su:  Share    






OFFERTE ATTREZZATURA E ACCESSORI OUTDOOR

Libri di montagna

Newsletter

Per ricevere la newsletter periodica del sito inserisci qui il tuo indirizzo e-mail:



Precedenti newsletter >>
Proposte di montagna

20/10/2017 - L'Everest in realtà virtuale alla 18° edizione di View Conference
Dal 20 al 27 ottobre Torino diventa la capitale mondiale del digitale


19/10/2017 - Dynafit e Dryarn per il midlayer da montagna
Il midlayer che fa la differenza per rimanere asciutti durante le attività outdoor


17/10/2017 - City Outdoor Games - Sufferfest 2017
Un successo oltre le aspettative per la prima competizione di endurance climbing in Italia a cura di City Outdoor Games


09/10/2017 - Blogger Contest 2017 - Liberi di sbagliare
Raccontare la rivendicazione della libertà al livello più alto


09/10/2017 - Olio per massaggi Crimp Oil
La prima marca di olii per massaggi appositamente studiata per gli scalatori


09/10/2017 - IMS Medicine Camp
A Bressanone i massimi esperti mondiali di medicina di montagna a disposizione degli appassionati


09/10/2017 - Occhiali da sicura YY Vertical Plasfun Basic
La versione più essenziale degli occhiali da sicura YY Vertical


09/10/2017 - Test presa da allenamento Maxgrip di Max Climbing
L'allenamento per l'arrampicata sportiva sempre a portata di mano!


08/10/2017 - Alta Quota 2017
Dal 13 al 15 ottobre 2017 alla Fiera di Bergamo torna Alta Quota


06/10/2017 - Guanti da ghiaccio Mammut Pro Glove
I nuovi guanti Mammut per alpinismo e ghiaccio in cuoio caprino idrorepellente


03/10/2017 - Future Trial Racing Team
Le moto offroad elettriche per dire basta al rumore all'inquinamento sulle strade montane


03/10/2017 - Alex Honnold da DF Sport Specialist
A tu per tu con i grandi dello sport: The world at the tips of my fingers


02/10/2017 - Islanda Carbon e la termoregolazione garantita
Il nuovo capo ultra tecnico realizzato in Dryarn® e Resistex® carbon.


02/10/2017 - Carbon energized suit e Dryarn
La nuova CARBON ENERGIZED SUIT è progettata per offrire libertà di movimento e comfort


02/10/2017 - Scarpone da alpinismo Scarpa RIBELLE TECH OD
Lo scarpone ultraleggero rivoluzionerà il mondo dell'alpinismo, dalla valle fino alla vetta senza mai cambiare scarpe


Primo Piano

Solo granito - Vol. 1

Solo granito - Vol. 1

Solo granito - Vol. 2

Solo granito - Vol. 2

Monte Baldo Rock

Monte Baldo Rock

Arrampicare - Dolomiti Nord Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Nord Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Sud-Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Sud-Occidentali

Wild Dolomiti

Wild Dolomiti

Ferrate dell'Alto Garda

Ferrate dell'Alto Garda

Prealpi Lombarde Centrali

Prealpi Lombarde Centrali

Il grande libro dei 4000

Il grande libro dei 4000

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 1

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 1

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 2

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 2

Alta Valsesia

Alta Valsesia

Dolomiti

Dolomiti

Parco d'Abruzzo

Parco d'Abruzzo

Il Terminillo e i Monti Reatini

Il Terminillo e i Monti Reatini

I 2000 dell Appennino

I 2000 dell Appennino


VieNormali consiglia

APP Idea Montagna:
Download Apple Store
Download Google Play Store
Scarica singoli itinerari di montagna
o libri interi sul tuo cellulare o tablet!

Libri di montagna Idea Montagna Editoria e Alpinismo

Libri di montagna Versante Sud

Libri di montagna Iter Edizioni

Libri di montagna ViviDolomiti

Carte escursionistiche e libri Geo4Map

Dolomiti.it - Portale sulle Dolomiti

Save the Children Italia Onlus Climb for life T-shirt Climbers against cancer