Informativa Cookie: questo sito utilizza cookie tecnici propri necessari al suo funzionamento e cookie di profilazione di terze parti per visualizzare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dagli utenti nella navigazione in rete. Si invita a leggere la Cookie Policy in cui sono presenti le informazioni sui cookie utilizzati dal sito, su quali informazioni vengono raccolte e le istruzioni su come negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. La prosecuzione della navigazione mediante accettazione dei cookie, chiusura di questo banner informativo, accesso ad altra area del sito, selezione di un elemento dello stesso sottostante questo banner (ad esempio di una immagine o di un link) o scorrimento della pagina verso il basso comporta l'automatica prestazione del consenso a utilizzare i cookie.

In conformità al provvedimento del Garante della Privacy del 8 maggio 2014, G.U. n. 126 del 3/6/2014, attuazione della Dir. UE sui cookie 2009/136/CE
OKNon accetto i cookie

VieNormali.it
Home | Mappa del sito | Gruppo VN | Shopping | Area Partner   VieNormali su Facebook   Google+ VieNormali   Canale You Tube VieNormali   RSS Feed VieNormali  

Accedi al sito   Registrati al sito   

   
Gruppi Montuosi
Legenda gruppi...

Cerca la cima:
 

Filtri di ricerca >>

Alpi Occidentali:
 
Alpi Centrali:
 
Alpi Orientali:
 
Prealpi:
 
Appennino:
 
Alpi Estere:
 
Quota:
 



Monte Gleno - 2883 m


Relazione della salita - Cima n° 566


Via Normale Monte Gleno
Monte Gleno e la Val del Trobe con all’apice il ghiacciaio
Regione: Lombardia (BergamoItaliane

Alpi e Gruppo: Alpi Occidentali - Alpi Prealpi Lombarde - Gruppo Alpi Orobie

Provincia: Bergamo

Punto di partenza: Valbondione (q. 935 m) - Val Seriana

Versante di salita:

Dislivello di salita: 1950 m - Totale: 3900 m

Tempo di salita: 5,00 h - Totale: 9,00 h

Periodo consigliato: maggio - settembre

Valle: Val Seriana - Altre cime della Val Seriana
Punti di appoggio: Rif. Curò - (q. 1895 m)
Tipo di via: Via normale
Tipo di percorso: Traccia e roccette, passaggi su roccia
Difficoltà:   EE - F+ (scala difficoltà)
Attrezzatura:
Valutazione:
Libro di vetta: si
Cartografia: Ed. Multigrafic N. 293 - Prealpi Lombarde - Val Camonica, Presolana, Val di Scalve, Passo del Vivione, Passo do Crocedomini 1:25.000
Autore: Foto non presente Marco Caccia - Altre salite dell'autore
Data della salita: 29/07/2007
Data pubblicazione: 30/09/2007
N° di visualizzazioni: 16011

Introduzione:

Il monte Gleno, con i suoi 2883 m è la settima vetta più alta delle Alpi Orobie Bergamasche, ed è situato al confine tra la Valle Seriana e la Vallle di Scalve. In particolare il monte Gleno si innalza in cima alla valle del Gleno, purtroppo famosa per il crollo della diga. L’accesso alla vetta può avvenire anche da tale valle, ma qui viene presentato il percorso di salita dalla Val Seriana. L’ambiente che ci circonda durante la camminata è molto suggestivo in quanto siamo nella residenza” delle vette più alte delle Alpi Orobie Bergamasche.


Accesso:

La partenza avviane da Valbondione (in cima alla Val Seriana) dalla frazione Beltrame. Da qui parte il sentiero per il rifugio Curò; il percorso è molto famoso in quanto per 5 volte l’anno, vengono aperte le Cascate del Serio che sono le più alte d’Italia e le seconde in Europa. Il sentiero per il rifugio si svolge su comoda (ma un po’ noiosa) mulattiera, ma per gli escursionisti più allenati esiste una scorciatoia ben segnalata che porta direttamente al rifugio tagliando i vari tonanti. Giunti al Curò si prosegue sulla mulattiera in direzione del Rifugio Barbellino fino a quando sulla destra si incontra una scritta su un sasso che indica la via per il Monte Gleno.


Descrizione della salita:

Dalla scritta sul sasso si inizia a risalire la Val del Trobe prima su prati poi sui ghiaioni lasciati dal ritiro del ghiacciaio. Il ripido sentiero porta fin sotto al ghiacciaio, o meglio, di ciò che ne rimane. A questo punto con un po’ di intuito si sceglie la via migliore per risalire tale ghiacciaio che a stagione inoltrata si presenta ricoperto di un sottile strato di ghiaia, ma poco sotto si nasconde insidioso ghiaccio vivo. Risalito il versante nord del Monte Gleno, si arriva alla cresta che va seguita verso destra (Ovest) ed in breve ci porta alla vetta dove è posata una grande croce in ferro.


Discesa:

Come per la salita. Dalla vetta è possibile proseguire sull’affilata cresta che porta al Monte Tre Confini o, volendo proseguire ancora, fino al Pizzo Recastello. In entrambe i casi si ritorna al rifugio Curò percorrendo la Val Cerviera.


Note:

L’itinerario fino al ghiacciaio non presenta particolari difficoltà se non per la lunghezza. Può essere utile avere i ramponi in caso di ghiacciaio in condizioni tali per cui questi risultano necessari. A stagione inoltrata quel che rimane del ghiacciaio è solo un piccolo strato di ghiaia sotto cui c’è ghiaccio vivo molto insidioso. La cresta finale è piuttosto affilata, ma non presenta difficoltà di rilievo.


© VieNormali.it

Via Normale Monte Gleno - Ultimo tratto prima della vetta Via Normale Monte Gleno - Lago del Barbellino e Rif. Curò con dietro il Pizzo Coca Via Normale Monte Gleno - Dalla vetta verso il Pizzo Recastello e il Diavolo della Malgina
Ultimo tratto prima della vetta Lago del Barbellino e Rif. Curò con dietro il Pizzo Coca Dalla vetta verso il Pizzo Recastello e il Diavolo della Malgina

N° voti: 1 - Voto medio: Voto 3 stelle

Dai il tuo voto a questa relazione:

1 stella  2 stelle  3 stelle
                                    
4 stelle  5 stelle
                                
Bandierina
9 scalatori sono stati su questa cima

E tu l'hai salita?
  

Segnala la cima Segnala questa cima ad un amico...

Mappa su Google:




Libri suggeriti sulle Alpi Occidentali:


Prealpi Lombarde Centrali  Prealpi Lombarde Occidentali  Prealpi Bresciane  Ferrate in Lombardia e Svizzera   Nel giardino di pietra  Corni di Canzo e Moregallo  Scialpinismo tra Lombardia e Grigioni  Ghiaccio delle Orobie
Ultime 10 scalate Ultime 20 scalate...
Elenco scalate Elenco delle scalate...

Guide escursionistiche Guide escursionistiche consigliate:
           >> Ghiaccio Orobico - Michele Cisana
           >> Arrampicate sportive e moderne fra Lecco e Como - Eugenio Pesci
           >> Alpi Orobie Over 2000 - Vol. 1 - Alessio Pezzotta
           >> Alpi Orobie Over 2000 - Vol. 2
           >> Alpi Orobie Over 2000 - Vol. 3
           >> Prealpi Lombarde Centrali


  


Condividi su:  Share    




OFFERTE ATTREZZATURA E ACCESSORI OUTDOOR

Libri di montagna

Newsletter

Per ricevere la newsletter periodica del sito inserisci qui il tuo indirizzo e-mail:



Precedenti newsletter >>
Primo Piano

Solo granito - Vol. 1

Solo granito - Vol. 1

Solo granito - Vol. 2

Solo granito - Vol. 2

Monte Baldo Rock

Monte Baldo Rock

Arrampicare - Dolomiti Nord Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Nord Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Sud-Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Sud-Occidentali

Wild Dolomiti

Wild Dolomiti

Ferrate dell'Alto Garda

Ferrate dell'Alto Garda

Prealpi Lombarde Centrali

Prealpi Lombarde Centrali

Il grande libro dei 4000

Il grande libro dei 4000

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 1

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 1

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 2

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 2

Alta Valsesia

Alta Valsesia

Dolomiti

Dolomiti

Parco d'Abruzzo

Parco d'Abruzzo

Il Terminillo e i Monti Reatini

Il Terminillo e i Monti Reatini

I 2000 dell Appennino

I 2000 dell Appennino


VieNormali consiglia

Dolomiti.it - Portale sulle Dolomiti

Libri di montagna Idea Montagna Editoria e Alpinismo

Libri di montagna Versante Sud

Libri di montagna Iter Edizioni



Save the Children Italia Onlus Climb for life T-shirt Climbers against cancer