Informativa Cookie: questo sito utilizza cookie tecnici propri necessari al suo funzionamento e cookie di profilazione di terze parti per visualizzare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dagli utenti nella navigazione in rete. Si invita a leggere la Cookie Policy in cui sono presenti le informazioni sui cookie utilizzati dal sito, su quali informazioni vengono raccolte e le istruzioni su come negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. La prosecuzione della navigazione mediante accettazione dei cookie, chiusura di questo banner informativo, accesso ad altra area del sito, selezione di un elemento dello stesso sottostante questo banner (ad esempio di una immagine o di un link) o scorrimento della pagina verso il basso comporta l'automatica prestazione del consenso a utilizzare i cookie.

In conformità al provvedimento del Garante della Privacy del 8 maggio 2014, G.U. n. 126 del 3/6/2014, attuazione della Dir. UE sui cookie 2009/136/CE
OKNon accetto i cookie

VieNormali.it
Home | Mappa del sito | Gruppo VN | Shopping | Guide di montagna | Ordini   VieNormali su Facebook   Canale You Tube VieNormali   Instagram VieNormali  

Accedi al sito   Registrati al sito   

   
Gruppi Montuosi
Legenda gruppi...

Cerca la cima:
 

Filtri di ricerca >>

Alpi Occidentali:
 
Alpi Centrali:
 
Alpi Orientali:
 
Prealpi:
 
Appennino:
 
Alpi Estere:
 
Quota:
 


TRAVERSATA DI MONTAGNA A CURA DI GUIDO CAIRONI



Traversata di Cima Venezia


a cura di Guido Caironi

Sguardo dalla Terza Cima Venezia sul Gruppo del Cevedale
Sguardo dalla Terza Cima Venezia sul Gruppo del Cevedale

Regione: Trentino Alto Adige
Alpi: Italiane - Alpi Orientali - Retiche - Gruppo Ortles Cevedale
Punto di partenza: Albergo Genziana, Alta Val Martello (q. 2051 m)
Direzione di salita: NE
Quota massima: 3386 m
Dislivello di salita: 1600 m
Dislivello totale: 3200 m
Tempo di salita: 3,00 h
Tempo totale: 9,00 h
Difficoltà: EEA - A - III- - AD- (scala difficoltà)
Punti di appoggio: Marteller Hutte (q. 2610 m)
Tipo di salita: Ghiacciaio e passaggi su roccia
Periodo consigliato: estate
Cartografia: TABACCO N. 08 - Ortles-Cevedale 1:25000
Attrezzatura:
Valutazione:


Introduzione:
La traversata proposta in realtà appare come una sorta di invenzione dell'autore. È nota la traversata delle tre punte che caratterizzano la Cima Venezia (anche se per alcuni la "vera" cima è situata a q. 3386 m, nota in lingua Altoatesina come Veneziaspitze e pertanto non ha alcun senso la traversata di queste cime minori). L'abbinamento alla Cima Marmotta (Kollkuppe) permette invece di effettuare una cavalcata di non banale esecuzione e di sicura soddisfazione. La cresta che si percorrerà è lo spartiacque tra il territorio della Val Martello, di lingua tedesca, e il territorio della Val di Pejo, nel Trentino e di lingua sicuramente italiana. In effetti proprio su questa cresta corre il confine (se così si può dire) tra le province di Bolzano e di Trento. Normalmente la salita a Cima Venezia avviene per il ghiacciaio del Careser, posto a sud, nella Val de la Mare, che si diparte a nord di Pejo e dal rifugio Larcher (q. 2608 m). Osservando però lo stato di quest'ultimo ghiacciaio non si può che ritenere che la salita effettuata da questo lato, soprattutto se condotta in tarda stagione, si svolga in realtà quasi completamente su roccia (più che altro su sfasciumi) e che pertanto non rappresenti un particolare valore alpinistico. Questo non sminuisce affatto la possibilità di ascesa dalla Val di Pejo, ci mancherebbe, ma ci porta a suggerire, almeno in questi ultimi anni, un tentativo, forse più ricco di soddisfazioni, dalla Val Martello.

Accesso:
Provenendo dalla Val Venosta (da Merano o ridiscendendo dal Passo dello Stelvio passando per Trafoi) si risale l'intera Val Martello, transitando lungo la strada che supera la diga e il lago di Gioveretto. Per stretti tornanti si raggiunge l'albergo Genziana, a quota 2051 m, ove si lascia l'auto in uno dei numerosi parcheggi a pagamento. Da qui si prende uno tra i tanti sentieri che conducono al Rifugio Martello (q. 2610 m). Risulta forse più veloce il sentiero n. 151, che passa nei pressi del Rifugio Nino Corsi (q. 2265 m), quindi il 103 che, attraversata un antico sbarramento fluviale, si porta al di sotto dello sperone ove sorge il Martellerhutte. Con fatica si superano i circa 300 metri che restano per guadagnare il piazzale antistante il rifugio, a quota 2610 m. Dal rifugio alcuni cartelli indicano la direzione da seguire. Verso destra e risalendo una morena laterale si va a guadagnare il tracciato per la Cima Marmotta (sentiero 27), evitando così di prendere il sentiero 103 che, più basso, conduce invece alla Forcola (da cui parte un bellissimo itinerario per il Zufallspitze). Si sale tra le rocce della morena, verso sud, e si piega quindi a sinistra, a contornare una elevazione rocciosa, risalendo con fatica un largo canale fino a circa 2900 metri di quota, oramai in vista della vedretta "Alta". Indossato l'equipaggiamento da ghiacciaio si risale la suddetta vedretta che, anche a stagione inoltrata, non presenta difficoltà grazie alla sua scarsa pendenza. Si punta alla maggior depressione della cresta rocciosa (grosso modo a sud) e, superato un tratto più ripido e alcuni crepacci, si raggiunge la cresta.

Descrizione:

Si piega a sinistra (per chi sale), seguendo le tracce lasciate da precedenti alpinisti e, vinti alcuni passaggi di I grado si raggiunge il culmine della cresta. Il mio consiglio personale è, in questi casi, di percorrere sempre, laddove possibile, la cresta (rimanendo al massimo pochissimi metri al disotto): il percorso è più netto, visibile e soprattutto meno instabile. Oltrepassata una prima elevazione con croce e libro di vetta (ma non è la cima Marmotta, dunque il sottoscritto non ha compreso bene il motivo della presenza di questi due elementi) si perde un po' di quota e si riguadagna infine la vetta principale (Kollkuppe q. 3330 m). Bene, ora la direzione di salita sarà verso N-E, seguendo sempre il filo di cresta. Il tratto che separa la Cima Marmotta dalla Prima Cima Venezia è il più tecnico (anzi, a dire il vero, l'unico tecnico). Ad alcuni passaggi semplici si frappone quindi un ripido scoglio roccioso che si può scalare o che si può aggirare su di una piccola cengia sulla destra. Si incontra quindi una lama rocciosa non evitabile, che va scalata d'impatto, tenendosi con le mani alle affilate lame e sostando poco più sopra (è un salto di circa 15 metri, eventualmente proteggibile con cordini legati attorno ai numerosi spuntoni). Ancora un tratto di cresta propone quindi il passo chiave: un netto strapiombetto che si può superare con l'aiuto di un provvidenziale cordino che pende dall'alto. Non ci siamo chiesti il livello di tenuta dello stesso, e abbiamo preferito non pensarci. Assicuratici con un dado ad una fessura a lato, abbiamo impiegato il cordino per issarci sullo scivolo roccioso soprastante, quindi con un breve tiro di corda (4-5 metri) abbiamo recuperato il compagno facendo sosta su di un grande masso. Da questo punto in poi la salita alla Cima Venezia non offre alcuna difficoltà. Si raggiungono i 3386 m della prima vetta, si perde quota su sfasciumi e si guadagna la Seconda Cima Venezia (Zweite Venezia Spitze) a q. 3371 m, quindi si discende da questa vetta, si supera una elevazione intermedia e si perviene alla Terza Cima Venezia (Dritte Venezia Spitze) a q. 3356 m.

Discesa:
Si consiglia di proseguire ancora per un tratto sulla cresta che scende dalla terza cima, in direzione di Punta Martello (q. 3357 m). Dove il ghiacciaio risale più vicino alla cresta (che in realtà fino ad alcuni anni orsono sormontava completamente) si inizia la calata lungo la Vedretta Serana (Schranferner), cercando di spingersi dapprima verso N-E per poi piegare a sinistra ed evitare così il tratto più ripido e più ricco di crepacci che si trova proprio sotto la Terza Cima Venezia. Si punta quindi ad un lago proglaciale e, senza quasi accorgersi, si transita dal ghiacciaio alla morena terminale. Noi in realtà, a tarda stagione, abbiamo trovato molti crepacci aperti, di non sempre facile superamento, che hanno obbligato ad un'opera di paziente ricerca del corretto itinerario con la conseguenza di dover percorrere qualche centinaio di metri in più. Al laghetto terminale si piega a destra, quindi a sinistra, aggirandolo e scendendo verso sinistra in direzione della Cima Serana (O-NO), collegandosi quindi con il sentiero 37° (luogo abitato da numerosissimi camosci). Si percorre tale sentiero verso sinistra (Ovest) sino a intraprendere la ripida discesa di una evidentissima morena laterale. Ad un bivio si prosegue diritti (sentiero 37) e si discende lo zoccolo roccioso che chiude la valle verso sud. Si piega quindi a destra lungo il sentiero n. 37 che, scendendo rapidamente, si avvicina al torrente e alla forra che corrono lungo la parte centrale della valle. Senza attraversare la forra (e raggiungere così il Rifugio Corsi) si va a destra per tornare al punto di partenza.

Note:
Non vi sono particolari difficoltà nella salita sulla prima vedretta per raggiungere la Cima Marmotta, né sulla cresta che conduce a questa cima. Il tratto più tecnico è quello compreso tra Cima Marmotta e Cima Venezia e che richiede, in qualche tratto, la progressione in conserva o addirittura la progressione con un paio di corti tiri protetti. A tarda stagione non è presente neve sulla cresta e il ghiacciaio di discesa dalla Terza Cima Venezia si presenta infido per la presenza di numerosi crepacci molto ampi (comunque perfettamente individuabili).

Autore: Guido Caironi - Altre traversate dell'autore...

Data: 29/08/2017

© VieNormali.it
Traversata di Cima Venezia - Cima Marmotta dalla Prima Cima Venezia
Cima Marmotta dalla Prima Cima Venezia
Traversata di Cima Venezia - Verso la Seconda Cima Venezia
Verso la Seconda Cima Venezia
Traversata di Cima Venezia - Il tratto finale (facile) della Vedretta Serana
Il tratto finale (facile) della Vedretta Serana
Traversata di Cima Venezia - Passaggi di cresta
Passaggi di cresta





<< Vai all'elenco delle traversate
   Condividi su:





SCOPRI LE NOVITA' EDITORIALI SULLA MONTAGNA DI:

Dolomiti di Brenta Dolomiti di Brenta

Libri di montagna

Newsletter

Per ricevere la newsletter periodica del sito inserisci qui il tuo indirizzo e-mail:



Precedenti newsletter >>
Scopri i prodotti alla spirulina Bio Salera

Proposta per Guide Alpine e Accompagnatori di Media Montagna


15/05/2020 - Decalogo per escursionisti in epoca di Covid-19
Segnaliamo questo decalogo di norme di comportamento in montagna redatto dal CAI di Bergamo.


30/04/2020 - I consigli di Jakob Schubert per allenarsi in arrampicata
Il campione del mondo rivela i suoi tre esercizi preferiti per il Mammut Diamond Finger Hangboard


01/04/2020 - La Sportiva produce le prime 55000 mascherine per la Protezione Civile di Trento
Conversione di parte della produzione La Sportiva a Ziano di Fiemme nella produzione di mascherine sanitarie per l'emergenza Coronavirus


25/03/2020 - Il Gruppo Salewa-Oberalp aiuta a gestire la crisi COVID
Impegno del Gruppo Salewa-Oberalp per affrontare l'emergenza COVID-19.


17/03/2020 - Test di VieNormali della giacca La Sportiva Phase Down Jacket Opal
Provata sul campo la giacca imbottita in piuma perfetta per raggiungere la vetta


12/03/2020 - T-shirts La Sportiva
La nuova collezione di T-shirts La Sportiva per l'estate del 2020


11/03/2020 - Test dei pantaloni Salomon WAYFARER AS ALPINE
Testati da vienormali.it i pantaloni Salomon con resistente tessuto stretch impermeabile e antivento


10/03/2020 - Test della scarpa La Sportiva Spire CTX Ocean
Provata sul campo la calzatura low-cut di nuova generazione per l'escursionismo veloce


09/03/2020 - Alpinetech Collection by La Sportiva
La Sportiva Alpine Guide Series sviluppata in collaborazione con lo Swiss Alpine Club


03/03/2020 - Vie normali Valle d'Aosta
Le date di presentazione del 1° volume Cervino in attesa della pubblicazione del 2° volume dedicato al Monte Rosa


03/03/2020 - La Sportiva Trango Tech Leather GTX
Lo scarponcino in pelle traspirante ed impermeabile pensato per l'escursionismo alpino


27/02/2020 - Test della scarpa Salomon Supercross GTX
Una scarpa da trail running comoda e impermeabile pensata per i terreni fangosi


14/02/2020 - Dryarn e Mico per il nuovo underwear degli sciatori
Novità da ISPO 2020 con la collezione di underwear M1PERFORMANCE


13/02/2020 - Il grande alpinismo - storie di sfide verticali
Dall'11 febbraio 2020 in edicola con La Gazzetta dello Sport e il Corriere della Sera


06/02/2020 - Karpos e Ale Zeni
L'arte di costruire il futuro


Primo Piano

Solo granito - Vol. 1

Solo granito - Vol. 1

Solo granito - Vol. 2

Solo granito - Vol. 2

Monte Baldo Rock

Monte Baldo Rock

Arrampicare - Dolomiti Nord Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Nord Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Sud-Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Sud-Occidentali

Wild Dolomiti

Wild Dolomiti

Ferrate dell'Alto Garda

Ferrate dell'Alto Garda

Prealpi Lombarde Centrali

Prealpi Lombarde Centrali

Il grande libro dei 4000

Il grande libro dei 4000

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 1

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 1

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 2

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 2

Alta Valsesia

Alta Valsesia

Dolomiti

Dolomiti

Parco d'Abruzzo

Parco d'Abruzzo

Il Terminillo e i Monti Reatini

Il Terminillo e i Monti Reatini

I 2000 dell Appennino

I 2000 dell Appennino



Save the Children Italia Onlus Climb for life T-shirt Climbers against cancer