Informativa Cookie: questo sito utilizza cookie tecnici propri necessari al suo funzionamento e cookie di profilazione di terze parti per visualizzare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dagli utenti nella navigazione in rete. Si invita a leggere la Cookie Policy in cui sono presenti le informazioni sui cookie utilizzati dal sito, su quali informazioni vengono raccolte e le istruzioni su come negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. La prosecuzione della navigazione mediante accettazione dei cookie, chiusura di questo banner informativo, accesso ad altra area del sito, selezione di un elemento dello stesso sottostante questo banner (ad esempio di una immagine o di un link) o scorrimento della pagina verso il basso comporta l'automatica prestazione del consenso a utilizzare i cookie.

In conformità al provvedimento del Garante della Privacy del 8 maggio 2014, G.U. n. 126 del 3/6/2014, attuazione della Dir. UE sui cookie 2009/136/CE
OKNon accetto i cookie

VieNormali.it
Home | Mappa del sito | Gruppo VN | Shopping | Guide   VieNormali su Facebook   Google+ VieNormali   Canale You Tube VieNormali   RSS Feed VieNormali  

Accedi al sito   Registrati al sito   

   
Gruppi Montuosi
Legenda gruppi...

Cerca la cima:
 

Filtri di ricerca >>

Alpi Occidentali:
 
Alpi Centrali:
 
Alpi Orientali:
 
Prealpi:
 
Appennino:
 
Alpi Estere:
 
Quota:
 


TRAVERSATA DI MONTAGNA A CURA DI ROLANDO TREMONTI



Traversata ad anello del Monte Rudo


a cura di Rolando Tremonti

Gruppo del Monte Rudo
Gruppo del Monte Rudo

Regione: Trentino Alto Adige
Alpi: Italiane - Dolomiti - Dolomitiche - Gruppo Dolomiti di Sesto
Punto di partenza: Val di Landro (q. 1406 m)
Direzione di salita: varie
Quota massima: 2672 m
Dislivello di salita: 1400 m
Dislivello totale: 2800 m
Tempo di salita: 4,30 h
Tempo totale: 8,30 h
Difficoltà: EE (scala difficoltà)
Punti di appoggio: nessuno
Tipo di salita: Traccia con ometti
Periodo consigliato: estate - autunno
Cartografia: TABACCO N.010 1:25.000 Dolomiti di Sesto
Attrezzatura:
Valutazione:


Introduzione:
Questa traversata ad anello ci porta nel sottogruppo Rondòi-Baranci - una delle zone più solitarie delle Dolomiti di Sesto. L' itinerario è di notevole interesse storico per la presenza di fortificazioni e numerose postazioni austriache della prima guerra mondiale. Per la sua posizione geografica e per la sua conformazione morfologica, il monte Rudo era di importanza strategica per il comando austriaco in quanto consentiva il controllo assoluto sulla Val di Landro. A noi amanti della montagna, è grazie all' opera militare che ci è consentito di visitare ed esplorare questo affascinante settore delle Dolomiti.

Accesso:
Scendendo da Misurina verso Dobbiaco, un chilometro e mezzo dopo aver oltrepassato il Lago di Landro a q. 1400 m (vedere descrizione della traversata).

Descrizione:

Si parcheggia a quota 1406 m nei pressi dell'ex-forte austriaco di Landro. A sinistra si imbocca una carrareccia (sbarra metallica), dopo circa 5 minuti si arriva ad un bivio senza segnaletica, trascurando la mulattiera di sinistra che porta in Val Bulla, si prende il sentiero di destra che sale leggermente e dal quale si può notare il sottostante ex-forte austriaco. Più in su dove la vegetazione boschiva lascia il posto ai mughi, il sentiero ridiventa la vecchia mulattiera di guerra ed a quota 2175 m (ore 2,00) si possono notare le prime costruzioni militari austriache e i resti della grande teleferica che serviva da collegamento con la Val di Landro. Da qui in poi la vecchia mulattiera, a causa del degrado del tempo, scompare lasciando posto ad un piccolo sentiero che sale dapprima molto ripido puntando verso i contrafforti del Teston di Monte Rudo, poi i in leggera salita fino a pervenire, a quota 2520 m (ore 3,30), ad una serie incredibile di casematte e fortificazioni austriache. Da qui inizia il tratto più impegnativo e suggestivo dell' intero percorso. Le tracce a volte incerte del sentiero ci portano a visitare vedette e postazioni situate in punti incredibili e laddove ci si può rendere conto delle dure condizioni ambientali a cui erano sottoposti i soldati durante il primo conflitto mondiale. In una di queste postazioni a quota 2550 m (ore 4,30) si può trovare un contenitore con il libro del sentiero. Ora le tracce continuano più marcate e ci portano fin sulla Forcelletta dei Rondòi a quota 2672 m (ore 6,30). Valicata la forcella, che rappresenta il punto più alto dell'intera traversata, si scende per ghiaie nella selvaggia Val Bulla senza percorso obbligato, fino ad arrivare ad una bella radura di mughi e larici a quota 2100 m (ore 7,30). Da questa radura si prosegue per un sentierino che ci porta sul greto del torrente. Ignorando delle vecchie tracce che si dirigono verso destra, bisogna intercettare un sentiero che, dalla sinistra orografica del torrente, scende verso la Val di Landro, addentrandosi mano a mano nel bosco fino ad incontrare a quota 1500 m circa un forte austriaco. Da qui si prosegue verso sud in piano per una larga strada raggiungendo il punto di partenza (ore 8,30).

Discesa:
Si tratta di un percorso ad anello.

Note:
Itinerario a dir poco emozionante sia per il contesto storico che per i luoghi che si visitano. Da quando si esce dal bosco il percorso, essendo ad anello, consente ampi e straordinari panorami che cambiano di continuo. Il sentiero per certi tratti esile ed aereo induce ad essere prudenti ma arricchisce l' escursionista che ama i luoghi solitari ed appartati.

Autore: Rolando Tremonti - Altre traversate dell'autore...

Data: 19/10/2014

© VieNormali.it
Traversata ad anello del Monte Rudo - Tratto del percorso
Tratto del percorso
Traversata ad anello del Monte Rudo - Postazione austriaca
Postazione austriaca





<< Vai all'elenco delle traversate
   Condividi su:





SCOPRI LE NOVITA' EDITORIALI SULLA MONTAGNA DI:

Newsletter

Per ricevere la newsletter periodica del sito inserisci qui il tuo indirizzo e-mail:



Precedenti newsletter >>
Proposta per Guide Alpine e Accompagnatori di Media Montagna

Assicuratore Click Up Climbing Technology

Il CLICK UP è un assicuratore a frenata manuale progettato per l'arrampicata in falesia, utilizzabile con tutte le corde singole da 8.6 a 10.5 mm. Compatto e leggero, consente di assicurare un arrampicatore da primo e in top-rope manovrando la corda con entrambe le mani, e di calarlo. Permette di dare corda in modo veloce e senza intoppi e di arrestare una caduta trattenendo il lato libero della corda.


18/03/2019 - Il CAI e l'educazione ambientale
Cinque progetti del CAI rivolti alle scuole fra i vincitori del bando del Ministero dell'Ambiente


13/03/2019 - Adventure Outdoor Fest 2019
Dal 25 al 28 luglio il festival delle esperienze outdoor ai piedi della Marmolada


13/03/2019 - C.A.M.P. con Arc'teryx all'Alpine Academy 2019
Dal 4 al 7 luglio 2019 a Chamonix l'evento che si annuncia assolutamente eccezionale


05/03/2019 - Ortler Bike Marathon 2019
Il 1° giugno a Glorenza, in Val Venosta


01/03/2019 - Azione Natura 2019
Vivere la bellezza della Terra: la via è la meta


01/03/2019 - VieNormali.it partner di Yakki.net
La nuova piattaforma per trovare esperienze outdoor con guide certificate


25/02/2019 - Verona Mountain Film Festival 2019
Dal 5 al 9 marzo 2019 il festival del Veneto interamente dedicato all'alpinismo


18/02/2019 - Mammut vince tre ISPO Awards
Ben tre premi ISPO nelle categorie outdoor e snowsports nel settore dei prodotti innovativi


18/02/2019 - La Sportiva e CAMP sulle spalle dei giganti dello skialp
Accordo di co-marketing tra le due aziende italiane per la fornitura degli zaini CAMP Rapid e Veloce per gli atleti del Team La Sportiva


18/02/2019 - Online il Sentiero Italia CAI
L'itinerario escursionistico più lungo del mondo, 6880 km di grande bellezza.


16/02/2019 - Vibram Vertikal Sass de Fer 2019
Ad aprile la 3° edizione della Vertikal Trail Running di Varese


31/01/2019 - ISPO Award 2019 a Salewa
Il prestigioso premio ISPO alla scarpa Wildfire Edge Mid GTX e alla giacca Pedroc Hybrid Alpine Wool Perform Jacket


30/01/2019 - Nuova giacca Agner Hybrid Down Salewa
La soluzione semplice al complesso problema di proteggere dal freddo durante l'arrampicata alpina


30/01/2019 - Golden Trail National Series Italy
L'Italia è tra i 5 Paesi in Europa a proporre nel 2019 questo innovativo format di gare.


29/01/2019 - La Sportiva e la FFASI insieme verso Tokyo 2020
Accordo triennale per vestire le Nazionali climbing e paraclimbing


Primo Piano

Solo granito - Vol. 1

Solo granito - Vol. 1

Solo granito - Vol. 2

Solo granito - Vol. 2

Monte Baldo Rock

Monte Baldo Rock

Arrampicare - Dolomiti Nord Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Nord Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Sud-Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Sud-Occidentali

Wild Dolomiti

Wild Dolomiti

Ferrate dell'Alto Garda

Ferrate dell'Alto Garda

Prealpi Lombarde Centrali

Prealpi Lombarde Centrali

Il grande libro dei 4000

Il grande libro dei 4000

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 1

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 1

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 2

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 2

Alta Valsesia

Alta Valsesia

Dolomiti

Dolomiti

Parco d'Abruzzo

Parco d'Abruzzo

Il Terminillo e i Monti Reatini

Il Terminillo e i Monti Reatini

I 2000 dell Appennino

I 2000 dell Appennino



Save the Children Italia Onlus Climb for life T-shirt Climbers against cancer