Informativa Cookie: questo sito utilizza cookie tecnici propri necessari al suo funzionamento e cookie di profilazione di terze parti per visualizzare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dagli utenti nella navigazione in rete. Si invita a leggere la Cookie Policy in cui sono presenti le informazioni sui cookie utilizzati dal sito, su quali informazioni vengono raccolte e le istruzioni su come negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. La prosecuzione della navigazione mediante accettazione dei cookie, chiusura di questo banner informativo, accesso ad altra area del sito, selezione di un elemento dello stesso sottostante questo banner (ad esempio di una immagine o di un link) o scorrimento della pagina verso il basso comporta l'automatica prestazione del consenso a utilizzare i cookie.

In conformità al provvedimento del Garante della Privacy del 8 maggio 2014, G.U. n. 126 del 3/6/2014, attuazione della Dir. UE sui cookie 2009/136/CE
OKNon accetto i cookie

VieNormali.it
Home | Mappa del sito | Gruppo VN | Shopping | Guide di montagna | Ordini   VieNormali su Facebook   Canale You Tube VieNormali   Instagram VieNormali  

Accedi al sito   Registrati al sito   

   
Gruppi Montuosi
Legenda gruppi...

Cerca la cima:
 

Filtri di ricerca >>

Alpi Occidentali:
 
Alpi Centrali:
 
Alpi Orientali:
 
Prealpi:
 
Appennino:
 
Alpi Estere:
 
Quota:
 


OUTDOOR IN BASILICATA FRA AVVENTURA, CULTURA, ARCHEOLOGIA E GASTRONOMIA



Basilicata Tour


Conoscere la Basilicata, fra natura, montagna, avventura, archeologia, cultura, gastronomia e non solo: la scoperta di questa regione non finisce mai di stupire e meravigliare!


"Ma cosa ci sarà da vedere in Basilicata? Dopo tutto non se ne sente parlare gran che... ok, il territorio è montuoso ma c'è anche il mare, ma sarà tutto brullo? O sarà tutto verde ricoperto da foreste? Ma ci saranno sentieri per fare trekking o giri in Mountain Bike? E sport outdoor? E paesi interessanti da visitare? Ci saranno resti di antiche civiltà da riscoprire? E come si mangia in Basilicata?"

Queste sono alcune delle domande che potrebbero venire in mente pensando alla Basilicata, ma invece di porsi tante domande, perché non andare a fare un bel viaggio alla scoperta di questa regione e togliersi ogni dubbio? E allora vi aiutiamo noi, cercando di descrivere almeno un po' di quello che si può vedere e fare nell'antica terra di Lucania. Un territorio molto vario, in antichità ben più vasto dell'odierna Basilicata (come lo descrisse Strabone, storico del I secolo a.C.): un tempo, all'epoca del popolo degli Irpini, comprendeva infatti vasti territori appartenenti alla Campania, come il Cilento e il Vallo di Diano nel Salernitano, e alla Calabria, dove arrivava fino a Sibari, Turi e al fiume Lao nel Cosentino. Invece comprendeva le terre a est del Fiume Bradano, quindi la stessa Matera e l'area del Vulture con la città di Venusia! Un territorio dalle ricchezze naturalistiche uniche, con ben 11 aree protette, di cui i 2 Parchi Nazionali del Pollino e della Val d'Agri, i 2 Parchi Regionali del Parco Naturale di Gallipoli Cognato - Piccole Dolomiti Lucane e Parco Archeologico Storico Naturale delle Chiese Rupestri del Materano e 7 Riserve Naturali Regionali, per un totale di zone sottoposte a protezione che occupa ben il 30% dell'intera superficie regionale! Davvero vasta e variegata la possibilità di scelta per una vacanza all'insegna della natura e delle attività outdoor offerta dalla Basilicata, c'è davvero solo l'imbarazzo della scelta, ma sempre con lo stesso risultato: inebriarsi di natura e bellezza fra paesaggi mozzafiato, avventura e divertimento!

Fra i parchi naturali e le aree protette il posto d'onore va al Parco Nazionale del Pollino, nato come parco regionale nel 1985 e poi divenuto nazionale nel 1989, con un'area che si estende a metà fra la Calabria e la Basilicata: un bellissimo spettacolo naturale fatto di cime panoramiche montuose ricoperte da rigogliosi boschi e con un patrimonio faunistico fra i più vari del sud Italia. arco del Pollino. Impossibile dimenticare le immagini e le sensazioni che un viaggio alla scoperta del Parco del Pollino sanno regalare: si passa da pianori assolati a boschi ombrosi, da verdi vallate a verticali pareti di roccia, con lo sguardo che si spinge su lontani orizzonti che si aprono improvvisamente e racchiudono tutto il fascino selvaggio della Basilicata. E poi le spettacolari forme contorte dei pini loricati, gli abissi e i vertiginosi canyon scavati dai torrenti fra le rocce, dove percorrere avventurosi itinerari come quelli proposti dalla ASD Basilicata Sport & Adventure (www.basilicatasportadventure.com), un progetto nato con l'obiettivo di promuovere il turismo sostenibile e lo sviluppo delle bellezze culturali, turistiche e paesaggistiche dell'Appennino Lucano Nord Occidentale, attraverso tour, escursioni, visite guidate a borghi incantevoli, sport e attività outdoor/open air e offerte di turismo attivo. E allora perché non appagare la propria voglia di avventura con le attività outdoor per tutti i gusti proposte dalla ASD Basilicata Sport & Adventure, come:

Trekking Tour: un viaggio esplorativo in ambienti remoti e incontaminati tra natura, archeologia e leggenda, percorrendo antichi sentieri battuti da Enotri, Romani e ancor prima da una antichissima civiltà che abitava le aree interne dell'Appennino Lucano, i Peuketiantes, il popolo indigeno che ha lasciato segni tangibili ma nel contempo avvolti da grande un'aura di mistero.

Trekking Tour
Trekking Tour

Bouldering Tour: alla scoperta all'arrampicata outdoor e del bouldering tra gli imponenti blocchi calcarei del Parco Boulder L'Agrifoglio di Castelgrande in un suggestivo scenario tra santuari, laghi e siti di interesse comunitario, con attività di arrampicata adatta a tutti, bambini piccoli in particolare, in assoluta sicurezza.

Bouldering Tour

Bouldering Tour
Bouldering Tour

Canyoning Tour: l'area nord occidentale della Basilicata è ricca di corsi d'acqua e si presta perfettamente all'attività del canyoning, che consiste nello scendere maestose gole scavate nella montagna dall'incessante moto dell'acqua. I percorsi del canyoning tour permettono di scoprire luoghi naturali inaccessibili dove tuffarsi nelle vasche naturali di acqua cristallina! Un'attività adatta a tutte le età, con numerosi percorsi con caratteristiche e difficoltà differenti in presenza di personale qualificato e in piena sicurezza, con tutto il materiale occorrente fornito, come mute, caschi, imbraghi, maglie termiche, calzari, discensori per la discesa, corde e salvagenti.

Canyoning Tour

Canyoning Tour
Canyoning Tour

Walking Water Tour: una magnifica avventura di trekking completamente in acqua, nel totale rispetto della natura e dell'impatto ambientale. Un tour lungo un percorso fluviale da 1,5 a 3 km restando sempre a stretto contatto con flora e fauna fluviale. Un'attività adatta a tutte le età, con esperti accompagnatori pronti ad aiutare in ogni momento e ad insegnare i movimenti corretti da effettuare per camminare nell'acqua.

Walking Water Tour
Walking Water Tour

Tutte le attività proposte dalla ASD Basilicata Sport & Adventure includono un reportage fotografico gratuito scaricabile dalla pagina Facebook Basilicata Sport & Adventure e dal profilo Flickr Basilicata Sport & Adventure.

Pollino River Tubing: unico luogo del Sud Italia dove si può svolgere questa attività inventata negli Stati Uniti. Una discesa divertente e sicura con una comoda ciambella sulle limpide acqua del fiume Mercure/Lao tra Viggianello e Rotonda, accompagnati da guide e aperte e qualificate. Tutte le informazioni su: www.pollinorivertubing.it e sulla pagina Facebook Pollino River Tubing.

River Tubing River Tubing
River Tubing River Tubing
Pollino River Tubing

Acquatrekking®: una nuova attività outdoor, nata dall'idea di tre giovani guide del Parco Nazionale del Pollino, una tipologia di trekking fluviale adatta a persone di ogni età, alla scoperta degli ambienti fluviali del Parco Nazionale del Pollino nel pieno rispetto della flora e della fauna fluviale. Gli ambienti fluviali si esplorano con delle speciali tute simili ai waders, con stivali annessi per isolare il corpo e favorire l'equilibrio. Si tratta di un'attività fortemente innovativa, un nuovo modo di vivere la natura, tra i torrenti più suggestivi del Parco Nazionale del Pollino. L'attività è curata dall'ASD Pollino Discovery e prevede diversi percorsi: easy adatto alle famiglie e ai bambini e canyon, tra forre, pozzi e cascate, adatto agli amanti dello sport più estremo, in ogni caso, al termine del percorso scelto e grazie ad un'idea delle guide, si potrà gustare un aperitivo a km zero. Tutte le informazioni su: www.acquatrekking.it

Acquatrekking
Acquatrekking



Ma le aree naturali e selvagge della Basilicata non offrono solo avventura, ma anche attrazioni naturalistiche come il volteggiare dell'aquila reale, il silenzio dei boschi, gli incontri con animali come istrici, martore, faine, tassi, cinghiali, volpi, lepri e caprioli e suoni notturni misteriosi come il richiamo del gufo reale e del lupo! Boschi con faggete centenarie, pini neri, pini loricati, aceri, castagni, querce e ontani, fiori straordinari come le peonie, l'orchidea sambucina, la genziana, la dafne e la viola. Piante di cui contadini e pastori conoscono virtù e proprietà terapeutiche per rimedi contro malanni, trasmettendosi di generazione in generazione i nomi dialettali di erbe, piante e fiori, discernendo quelle velenose da quelle utili, imparando ad utilizzare i principi attivi di cortecce, foglie, fiori o radici per preparare impacchi, decotti e tisane.

Fra i parchi e le aree protette della Basilicata non si possono non ricordare:

- il Parco della Val d'Agri, area fondamentale per la conservazione delle specie animali dell'Appennino lucano, un'immensa distesa verde circondata dalle pendici dell'Appennino e dalle colline su cui sono arroccati vari paesi, habitat ideale per le diverse specie protette che affollano il parco. Tra queste la lontra, il lupo appenninico, il gatto selvatico, la martora e lo scoiattolo meridionale, il falco pellegrino, i gracchi corallini, mentre negli specchi lacustri del Pertusillo si trovano la cicogna bianca, il cavaliere d'Italia e numerose altri trampolieri.

- il Parco di Gallipoli Cognato, uno dei parchi naturali più belli e caratteristici della Basilicata, con una foresta frequentata da specie che sono scomparse da altre aree dell'Appennino, come tassi, lupi, faine, donnole, lepri, istrici e rapaci come l'astore, lo sparviero, il gufo, l'allocco e il barbagianni.

- il Monte Vulture - Grotticelle, una montagna di origine vulcanica che presenta la tipica forma di cono tronco ed è ricoperto da una ricca vegetazione che cresce rigogliosa grazie alla fertilità del suolo, area vitale della Brahmea, farfalla notturna in via di estinzione.

- la Riserva Regionale Oasi WWF Lago Pantano di Pignola, situata in una ridente pianura circondata da alte montagne nel complesso Abriola Sellata, con una ricca vegetazione acquatica costituita da canne, giunchi e tife, ideale alla nidificazione o allo svernamento di numerose specie di uccelli migratori. L'Oasi del WWF è visitabile tutto l'anno accompagnati da una guida con cui effettuare birdwatching e osservare uccelli acquatici come le folaghe, i germani reali, gli aironi cenerini, gli svassi maggiori e il curioso nido del Pendolino, piccolo uccello capace di intessere fibra vegetale a forma di sacca che appende ad un ramo di salice sospeso sull'acqua.

- la Riserva Regionale Abetina di Laurenzana, una foresta dei giganti millenari cui si giunge attraverso un reticolo di stradine che si inerpicano in un verde lussureggiante fatto di alberi dai tronchi altissimi e da un sottobosco ricco e folto pervaso da un misterioso fascino elfico in cui trovano riparo il gatto selvatico e il lupo.

- la Riserva Regionale di Lago San Giuliano, un ecosistema in cui la natura ha preso il sopravvento creando un'oasi di benessere per alberi e animali.

- il Parco Regionale di Gallipoli Cognato e delle Piccole Dolomiti Lucane, splendido mondo fato di sculture di pietra, foreste incantate e paesini arroccati sulle montagne dove dominano le Dolomiti Lucane con le suggestive forme dei loro picchi rocciosi come l'aquila reale, l'incudine, la grande madre, la civetta.

- la Riserva Regionale Lago Laudemio, un magico specchio d'acqua di un blu profondo in cui si rispecchiano le cime imbiancate dei monti intorno, posto a 1525 metri di altezza costituisce il lago d'origine glaciale più a sud d'Italia. Lo accompagnano altri due piccoli laghi: il Lago Zapano (1380 m) nell' adiacente Vallone del Cacciatore e il verdeggiante Lago Sirino. La salita fino alla cima del Monte del Papa (2006 m) permette di osservare i tre laghi dall'alto, ma da qui la vista si spinge fino al Mar Tirreno e al Golfo di Taranto.

Parchi e aree protette della Basilicata
Parchi e aree protette della Basilicata

Per informazioni sui parchi e aree protette della Basilicata:

PARCO NAZIONALE DEL POLLINO: www.parcopollino.it
PARCO NAZIONALE APPENNINO LUCANO: www.parcoappenninolucano.it
PARCO DELLA MURGIA MATERANA: www.parcomurgia.it
PARCO REGIONALE DELLE DOLOMITI LUCANE: www.parcogallipolicognato.it
PICCOLE DOLOMITI LUCANE - www.ledolomitilucane.com
RISERVA REGIONALE DEI CALANCHI DI MONTALBANO - www.ceaicalanchi.com
RIFUGIO FASANELLI: www.rifugiofasanelli.it


Basilicata fra storia, archeologia e cultura

Disseminati tra i comuni del Parco del Pollino si trovano vari musei in cui apprendere la storia e la cultura locale: a Chiaromonte e Latronico si potranno visitare 2 musei archeologici; a Rotonda il museo naturalistico con una ricca esposizione di fossili e i resti di un elefante e di un ippopotamo ritrovati nelle vallate vicine; a San Severino Lucano il museo della civiltà contadina; a San Costantino Albanese il museo degli strumenti musicali tradizionali e il museo della cultura arbëreshe. Nei paesi è facile incontrare ancora donne arbëreshe col tradizionale vestito dai colori vivaci che parlano una lingua incomprensibile, eredi di popolazioni arrivate dall'Albania intorno al 1500 che hanno conservato fieramente le proprie tradizioni, dalla lingua, alla religione ortodossa, agli usi e costumi.

La Grotta del Romito conserva invece una delle più belle opere d'arte della Preistoria Europea: un bos primigenius inciso sulla roccia da un artista del Paleolitico. L'intero territorio della Basilicata è ricco di storia, di opere d'arte poco conosciuta, di castelli, santuari, rovine, necropoli, villaggi neolitici e chiese rupestri, come un enorme museo all'aperto che invita a scoprirne i misteri.

Sassi di Matera
Matera

Immancabile la visita ai famosi Sassi di Matera nel centro storico della città di Matera: il Sasso "Caveoso" e il Sasso "Barisano", insieme al rione "Civita", formano un complesso nucleo urbano che realizza un paesaggio culturale accolto nel Patrimonio mondiale dell'Unesco. Con il nome "Sassi" a Matera si intendono due grandi quartieri che costituiscono, insieme alla "Civita" e al "Piano", il centro storico della città. Il termine al plurale deriva da questa duplicità e non, come molti credono, dal fatto che un'abitazione o un locale all'interno di tali distretti si chiami "sasso". I Sassi si dispongono intorno e sul fondo di due solchi vallivi plasmati dal passaggio dell'acqua incanalata nei cosiddetti "grabiglioni". Il Sasso Caveoso è disposto proprio come la cavea di un teatro, con le case-grotte che scendono a gradoni. All'interno dei due Sassi vi sono vari quartieri, rioni e contrade dai nomi pittoreschi come u lammòrd, u parav's, u p'ndàf'c, u mòlv, u chianèdd, u casalnàv. Ai piedi della Civita e al margine superiore dei Sassi giace il Piano, il centro storico post-medievale, oltre il quale si estende la Matera contemporanea.

Sul versante opposto della Gravina di Matera si estende l'Altopiano della Murgia, favoloso scenario rupestre con numerose chiese sparse lungo i pendii delle gravine protette dal Parco archeologico storico-naturale delle Chiese rupestri del Materano o Parco della Murgia Materana. Un paesaggio in parte invisibile che si inoltra nel terreno in dedali di gallerie, grotte naturali, architetture ipogee, cisterne e enormi recinti trincerati.

I Sassi di Matera costituiscono quindi un insediamento urbano derivante dalle varie forme di antropizzazione che si sono succedute nel tempo, da quelle preistoriche dei villaggi trincerati del periodo neolitico, all'habitat della civiltà rupestre di tipo orientale de IX-XI secolo, dalla civitas di matrice occidentale normanno-sveva con le sue fortificazioni alle successive espansioni rinascimentali. Nella pietra dei Sassi sono scavati anche chiese, conventi e monasteri, come il complesso monastico di Santa Lucia alle Malve; il Convicinio di San Antonio; Santa Barbara ricca di affreschi; San Pietro Barisano con facciata e campanile in muratura e interno quasi completamente scavato nella roccia; la chiesa in muratura di San Pietro Caveoso al centro del Sasso Caveoso, antica parrocchia della città a picco sullo strapiombo della Gravina.

Chiese rupestri che costituiscono il Parco Archeologico Storico Naturale delle Chiese Rupestri di Matera, un ambiente di grande rilevanza storica e culturale in cui il visitatore si trova proiettato verso un'altra civiltà appartenente a un mondo lontano. Paesaggi naturali creati dall'uomo, in cui elementi naturali ed elementi umani si rincorrono e si confondono in un magico intreccio di forme e storie. Lungo i sentieri del parco si rivive la storia dell'uomo nelle varie epoche, dal Paleolitico al Neolitico, dal Medioevo al Rinascimento.

Sassi di Matera
Sassi di Matera

Il tutto condito da varie feste locali, come la Festa dei Nusa Zit a San Costantino nella seconda settimana di maggio, con il rito dei pupazzi albanesi e del demonio che vengono fatti esplodere; o la Festa della Madonna del Pollino a San Severino Lucano il primo fine settimana di luglio dove, tra canti e danza che durano tutta la notte, si svolge la processione verso il santuario; o la Festa di San Rocco a San Paolo Albanese il 16 agosto con la celebre danza del falcetto.

Altri siti archeologici di interesse sono:

- Area archeologica di Vaglio Basilicata
- Area archeologica di Grumentum
- Area archeologica di Venosa
- Area archeologica di Heraclea
- Area archeologica dell'Incoronata
- Area archeologica di Metaponto
- Area archeologica di Notarchirico
- Area archeologica di Banzi
- Archeoparco del Basileus
- Area archeologica di Oppido Lucano
- Area archeologica di Satrianum

Musei archeologici:

- Museo delle Antiche Genti di Lucania Vaglio Basilicata
- Museo archeologico nazionale della Basilicata "Dinu Adameteanu" a Potenza
- Museo archeologico nazionale "Domenico Ridola" di Matera
- Museo archeologico nazionale del Melfese di Melfi (PZ)
- Museo archeologico nazionale di Metaponto (MT)
- Museo archeologico nazionale di Muro Lucano (PZ)
- Museo archeologico provinciale di Potenza
- Museo nazionale dell'Alta Val d'Agri presso Grumento Nova (PZ)
- Museo Nazionale della Siritide, presso Policoro (MT)
- Mostra archeologica permanente (Palazzo ducale) di Tricarico (MT)
- Museo nazionale di Venosa (PZ)


Una terra inebriante ed emozionante la Basilicata, con una varietà di ambienti e di paesaggi che non finiscono mai di stupire, fra attività all'aria aperta immersi in una natura incontaminata e selvaggia, sport avventurosi fra canyon e torrenti, infiniti percorsi per gli appassionati di trekking e mountain bike, percorsi culturali all scoperta della storia e della cultura lucana, il tutto accompagnato da specialità gastronomiche uniche e prelibate. Trattorie e ristoranti offrono piatti a base di pasta fatta in casa, come orecchiette o strascinati, ravioli di aromatica ricotta o lagane e ceci; ma anche piatti a base di selvaggina, profumatissimi salumi lasciati stagionare in locali con il camino acceso, carni e formaggi di ogni tipo.

E specialità tipiche e uniche, come il sanguinaccio dolce, crema fatta con sangue di maiale con l'aggiunta di ingredienti come vaniglia e cacao amaro; i gnummarieddi, involtini di interiora di animale; la strazzata, una varietà di focaccia fatta con pepe e origano; l'acquasale, piatto povero fatto con pane raffermo, olio, uova, peperoni cruschi (croccanti) o salame; la ciaudedda, stufato di carciofi, fave fresche, patate e pancetta; salumi come la soppressata, il salame pezzente e la famosa lucanica, diventata in molti dialetti del nord Italia luganega, un tipo di salsiccia il cui nome deriva proprio dalla parola Lucania. Il tutto accompagnato da prelibati vini di carattere, come il famoso e apprezzato Aglianico del Vulture, prodotto DOC presente in Basilicata fin dall'VIII secolo a.C. e considerato uno dei migliori vini rossi d'Italia.

Gastronomia Lucana
Gastronomia Lucana

Dalla natura all'arte, dall'archeologia alla gastronomia la Basilicata non smetterà mai di stupire il visitatore attento e pronto a riempire il suo viaggio di emozioni, avventura, profumi e sapori lucani!


Alcuni riferimenti utili:

APT BASILICATA - www.aptbasilicata.it
TURISMO IN BASILICATA - www.basilicataturistica.it/outdoor

INFOPOLLINO CENTRO ESCURSIONI: www.infopollino.com
Adalberto Corraro: guida escursionistica
Tel: 349/2176398 - [email protected] - Tel. 338/2333888 - [email protected]

Lucania Nordic Fitness
Donato Filippi: maestro di sci di fondo e istruttore nordic walking
Tel: 328/6469189 - [email protected]

ADS BASILICATA SPORT & ADVENTURE
Gabriele Lotano: Tel: 320/6062354 - 320/7925823 - [email protected]

ASSOCIAZIONE PIETRASASSOSPORT: 339/3154816 - [email protected]

ASSOCIAZIONE ITALIANA GUIDE AMBIENTALI ESCURSIONISTICHE BASILICATA: [email protected]

Per informazioni:

APT Basilicata

Via del Gallitello, 89 - 85100 POTENZA
Tel. 0971 507611
E-mail: [email protected]

Via De Viti De Marco, 9 - 75100 MATERA
Tel. 0835 331983
E-mail: [email protected] sito web: www.aptbasilicata.it



Condividi su:  Share    




SCOPRI LE NOVITA' EDITORIALI SULLA MONTAGNA DI:

Newsletter

Per ricevere la newsletter periodica del sito inserisci qui il tuo indirizzo e-mail:



Precedenti newsletter >>
Proposta per Guide Alpine e Accompagnatori di Media Montagna

Assicuratore Click Up Climbing Technology

Il CLICK UP è un assicuratore a frenata manuale progettato per l'arrampicata in falesia, utilizzabile con tutte le corde singole da 8.6 a 10.5 mm. Compatto e leggero, consente di assicurare un arrampicatore da primo e in top-rope manovrando la corda con entrambe le mani, e di calarlo. Permette di dare corda in modo veloce e senza intoppi e di arrestare una caduta trattenendo il lato libero della corda.


24/06/2019 - Molveno, il lago più bello e pulito anche nel 2019
Il Lago di Molveno si conferma vincitore della classifica dei laghi per il 6° anno consecutivo


23/06/2019 - ORME, il Festival dei sentieri
Torna a Fai della Paganella dal 13 al 15 settembre 2019


16/06/2019 - Sicuri sul Sentiero 2019
Domenica 16 giugno 2019 i momenti informativi sugli accorgimenti da prendere per ridurre il rischio di incidenti


14/06/2019 - Cheers Sport Festival di Stresa
Dal 14 al 16 giugno gli appassionati delle attività outdoor si danno appuntamento al Cheers Sport Festival di Stresa


12/06/2019 - Test della scarpa Salomon SENSE RIDE 2
Una scarpa da trail running flessibile e confortevole, con cui potrai correre tutto il giorno, tutti i giorni


11/06/2019 - Test della scarpa Salomon SPEEDCROSS 5
Una scarpa versatile che estende la fascia di utilizzo non limitandole al solo fango


08/06/2019 - In ricordo di Oliviero Bellinzani
L'8 giugno nella sua storica falesia di Maccagno si scalerà in ricordo di Oliviero


27/05/2019 - Marco Olmo collection by CMP e Dryarn
Realizzata da CMP in collaborazione con Dryarn® la Marco Olmo Collection


17/05/2019 - Dolomiti Superbike
Gara di Mountain Bike


15/05/2019 - Salewa Alpine Movie Night
Salewa porta il cinema di montagna in strada


14/05/2019 - 21° settimana nazionale escursionismo
In Val Grande escursioni, cicloescursioni e appuntamenti culturali


18/03/2019 - Il CAI e l'educazione ambientale
Cinque progetti del CAI rivolti alle scuole fra i vincitori del bando del Ministero dell'Ambiente


13/03/2019 - Adventure Outdoor Fest 2019
Dal 25 al 28 luglio il festival delle esperienze outdoor ai piedi della Marmolada


13/03/2019 - C.A.M.P. con Arc'teryx all'Alpine Academy 2019
Dal 4 al 7 luglio 2019 a Chamonix l'evento che si annuncia assolutamente eccezionale


05/03/2019 - Ortler Bike Marathon 2019
Il 1° giugno a Glorenza, in Val Venosta


Primo Piano

Solo granito - Vol. 1

Solo granito - Vol. 1

Solo granito - Vol. 2

Solo granito - Vol. 2

Monte Baldo Rock

Monte Baldo Rock

Arrampicare - Dolomiti Nord Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Nord Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Sud-Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Sud-Occidentali

Wild Dolomiti

Wild Dolomiti

Ferrate dell'Alto Garda

Ferrate dell'Alto Garda

Prealpi Lombarde Centrali

Prealpi Lombarde Centrali

Il grande libro dei 4000

Il grande libro dei 4000

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 1

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 1

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 2

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 2

Alta Valsesia

Alta Valsesia

Dolomiti

Dolomiti

Parco d'Abruzzo

Parco d'Abruzzo

Il Terminillo e i Monti Reatini

Il Terminillo e i Monti Reatini

I 2000 dell Appennino

I 2000 dell Appennino


VieNormali consiglia

APP Idea Montagna:
Download Apple Store
Download Google Play Store
Scarica singoli itinerari di montagna
o libri interi sul tuo cellulare o tablet!

Libri di montagna Idea Montagna Editoria e Alpinismo

Libri di montagna Versante Sud

Libri di montagna Iter Edizioni

Libri di montagna ViviDolomiti

Carte escursionistiche e libri Geo4Map

Dolomiti.it - Portale sulle Dolomiti

Save the Children Italia Onlus Climb for life T-shirt Climbers against cancer