Informativa Cookie: questo sito utilizza cookie tecnici propri necessari al suo funzionamento e cookie di profilazione di terze parti per visualizzare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dagli utenti nella navigazione in rete. Si invita a leggere la Cookie Policy in cui sono presenti le informazioni sui cookie utilizzati dal sito, su quali informazioni vengono raccolte e le istruzioni su come negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. La prosecuzione della navigazione mediante accettazione dei cookie, chiusura di questo banner informativo, accesso ad altra area del sito, selezione di un elemento dello stesso sottostante questo banner (ad esempio di una immagine o di un link) o scorrimento della pagina verso il basso comporta l'automatica prestazione del consenso a utilizzare i cookie.

In conformità al provvedimento del Garante della Privacy del 8 maggio 2014, G.U. n. 126 del 3/6/2014, attuazione della Dir. UE sui cookie 2009/136/CE
OKNon accetto i cookie

VieNormali.it
Home | Mappa del sito | Gruppo VN | Shopping | Guide di montagna | Ordini   VieNormali su Facebook   Canale You Tube VieNormali   Instagram VieNormali  

Accedi al sito   Registrati al sito   

   
Gruppi Montuosi
Legenda gruppi...

Cerca la cima:
 

Filtri di ricerca >>

Alpi Occidentali:
 
Alpi Centrali:
 
Alpi Orientali:
 
Prealpi:
 
Appennino:
 
Alpi Estere:
 
Quota:
 


RACCONTO DI MONTAGNA DI ROBERTO CIRI



Come un fantasma tra i fantasmi
di Roberto Ciri

Vista della cresta di Costabella dalla P.ta de le Sele
Vista della cresta di Costabella dalla P.ta de le Sele

Cima di Costabella - 2762 m
Regione: Trentino Alto Adige
Punto di partenza: Rif. Cima Uomo - Val di S. Pellegrino (q. 2030 m)
Versante di salita: S-SW
Dislivello di salita: 730 m
Dislivello totale: 1460 m
Tempo di salita: 2,15 h
Tempo totale: 3,3 h
Difficoltà: EE - F+ (scala difficoltà)
Punti di appoggio: Rif. Passo Selle (q. 2528 m)
Tipo di salita: Sentiero e traccia segnata
Attrezzatura:

Il percorso descritto è la parte di Alta Via Bepi Zac fra la Cima di Costabella e la Forcella Uomo, una splendida traversata di cresta che può essere effettuata in giornata partendo presto dal Rif. de le Sele e che tocca otto cime: Laste Picol (2697 m), Laste Gran (2716 m), Cima della Campagnacia (2737 m), Cima di Costabella (2762 m), Sasso di Costabella (2730 m), Punta delle Vallate (2837 m), Om Gran o Cima di Colbel (2805 m) e Punta del Ciadin (2919 m), culminando infine con la splendida Cima Uomo (3010 m), una delle più belle vette delle Dolomiti. La traversata, oltre ad offrire una bellissima escursione dolomitica molto varia e con un percorso attrezzato di media difficoltà, costituisce un percorso di guerra di grande interesse storico.

Arrivai al passo molto tardi quel giorno, il cielo era coperto di nuvole che stancamente risalivano i pendii d’erba, poi i ghiaioni ed infine andavano ad incastrarsi fra le pareti e i canaloni rocciosi che scendevano dalle cime. Iniziai a camminare che era mezzogiorno passato, contrariamente alla mia abitudine di partire presto, ma le nuvole non sembravano minacciose, fra me e la cima c’erano solo 800 m di dislivello e sentivo le gambe ben allenate dalle salite alle cime della settimana precedente. Quando arrivai sulla Cima di Costabella una schiarita del cielo aprì la visuale verso la valle di S. Pellegrino e le vette intorno.

Mi trovavo fra cime e sentieri della Grande Guerra, in una delle zone più combattute del conflitto. Ovunque resti di appostamenti e brandelli di passato appesi a pali di legno, filo spinato, reti di ferro, trincee in cresta, gallerie scavate nella roccia. Il vento ora sollevava le nuvole più in alto e non c’era aria di temporale, così continuai a camminare, iniziando il percorso della cresta di Costabella su cui, novant’anni prima, alpini italiani e soldati austriaci avevano camminato e vissuto per tre anni almeno. Immaginavo lo stesso tipo di giornata di fine agosto, con le nuvole che salivano lungo i pendii rocciosi verso la cresta e loro appostati nei buchi e le gallerie fra le rocce, a distanza di poche centinaia di metri dal proprio nemico, da una morte che poteva arrivare in qualsiasi momento, a seconda dei capricci di una nuvola che liberava la visuale di tiro di un cecchino.

Il percorso di guerra entrava in una lunga e buia galleria scavata nella cresta rocciosa, troppo bassa per poterci stare in piedi. Non si vedeva niente, ci vollero alcuni minuti perché gli occhi si abituassero al buio, rischiarato solo a tratti dalla luce proveniente dalle feritoie scavate in alcune diramazioni della galleria. La volta e le pareti erano umide ed ogni tanto cadeva qualche goccia d’acqua. Avanzando a tastoni a volte sentivo la roccia bagnata sulle mani, altre volte incontravo pali di legno di sostegno della volta, mentre allontanavo il pensiero che dopo tanto tempo qualcosa potesse crollare. Camminando in quel cunicolo immaginavo quanti soldati austriaci fossero passati di là un tempo, li vedevo con le lanterne in mano a camminare a testa bassa, mentre si dirigevano verso le feritoie nella roccia a dare il cambio ad un compagno appostato di guardia. D’estate e d’inverno, rimanere lì, tenere la posizione, ricacciare indietro gli attacchi degli italiani che cercavano di conquistarla.

Arrivò infine l’apertura della galleria e riemersi alla luce, ma nel frattempo il mondo intorno era sparito, avvolto dal bianco lattiginoso delle nuvole. Davanti a me ancora postazioni, camminamenti, grotte, pali di legno e il via vai di soldati scomparsi, avvolti dalla nebbia del tempo, caduti giù per le pareti sotto il colpo di un fucile lontano, invisibile, nascosto anche lui fra le braccia di un altro soldato, nascosto a sua volta fra le braccia rocciose della montagna. Vagando fra la nebbia seguivo la traccia del vecchio sentiero, accompagnato dai fantasmi di coloro che lì avevano vissuto e combattuto, confusi con la nebbia stessa, fantasmi di morti che già morti erano anche da vivi, che a viver lì si era già dei fantasmi ancor prima di morire.

Scesi ad una forcella, punto di fuga verso valle giù per un ghiaione che mi invitava a scendere. Ci pensai un po’ e decisi di proseguire verso altre due cime più avanti. Da sentiero di cresta la traccia si trasformava in un aereo percorso di cengia sottocresta, una lunga e non molto larga cengia ghiaiosa che, con qualche saliscendi, tagliava pareti e canaloni che si perdevano verso il basso nel biancore delle nuvole. Percorsi la cengia con un certo affanno, tutto era avvolto dalle nuvole ed era ormai tardo pomeriggio. Stavolta ero io il fantasma che vagava alla ricerca della forcella Uomo da cui scende un canalone a me ben noto che mi avrebbe riportato a valle. La cengia continuava a salire e scendere, seguendo gli strati della roccia, con qualche segnavia che indicava il percorso, finché riconobbi sotto di me il canalone e sopra la forcella agognata.

Sapevo che era proprio quello il pezzo peggiore che mi aspettava, essendo un canale ripido e con ghiaie e sassi instabili sul fondo roccioso. Con cautela iniziai la discesa, cercando di capire fra la nebbia la direzione migliore da seguire. Fra una scivolata ed un buon appiglio sulla roccia aspettavo di incontrare il punto più franoso che ricordavo aver già sceso qualche anno prima scendendo dalla via normale a Cima Uomo.

Poi, d’improvviso, misi piede sulle ghiaie con una traccia che aggirava uno sperone roccioso con segnavia. “Io ti conosco!” dissi a quella roccia con quel segno, “Ti conosco, è fatta! ne sono fuori!”. Iniziai a scivolare di corsa lungo il ghiaione che portava a valle, riemergendo pian piano dalle nebbie, mentre il mondo con i suoi placidi prati si riapriva ai miei occhi. Mi voltai a guardare il fitto mistero di nubi da cui ero emerso, come un solitario fantasma tra i fantasmi riapparso da un tempo ormai perduto.


Note:
Presso il Sasso di Costabella è presente una caverna scavata in un torrione, ex postazione di guerra, con all'interno una interessante mostra fotografica permanente sulla 1° Guerra Mondiale, intitolata “No alla guerra!” allestita dai Volontari di Moena (accesso con breve percorso attrezzato, libro visite all'interno).

Autore: Roberto Ciri - Altri racconti dell'autore...

Data: 20/07/2005

© VieNormali.it
Cima di Costabella - Salendo verso la cresta
Salendo verso la cresta
Cima di Costabella - La piccola croce di legno sulla Cima di Costabella
La piccola croce di legno sulla Cima di Costabella

Cima di Costabella - Gallerie presso la Cima di Costabella
Gallerie presso la Cima di Costabella

Cima di Costabella - La mostra fotografica nella caverna del Sasso di Costabella
La mostra fotografica nella caverna del Sasso di Costabella



<< Torna all'elenco dei racconti
   Condividi su:





SCOPRI LE NOVITA' EDITORIALI SULLA MONTAGNA DI:

Iter Edizioni - Itinerari più belli

Libri di montagna

Newsletter

Per ricevere la newsletter periodica del sito inserisci qui il tuo indirizzo e-mail:



Precedenti newsletter >>

Cresta Sud-Ovest della Torre di Lavina - 3308 m

Cresta Sud-Ovest della Torre di Lavina - 3308 m
Alpinismo su roccia in ambiente selvaggio e solitario.
Regione: Val Aosta - Valle di Cogne
Data: da concordare   Durata: 2 g   Difficoltà: AD+


Proposta per Guide Alpine e Accompagnatori di Media Montagna


15/05/2020 - Decalogo per escursionisti in epoca di Covid-19
Segnaliamo questo decalogo di norme di comportamento in montagna redatto dal CAI di Bergamo.


30/04/2020 - I consigli di Jakob Schubert per allenarsi in arrampicata
Il campione del mondo rivela i suoi tre esercizi preferiti per il Mammut Diamond Finger Hangboard


01/04/2020 - La Sportiva produce le prime 55000 mascherine per la Protezione Civile di Trento
Conversione di parte della produzione La Sportiva a Ziano di Fiemme nella produzione di mascherine sanitarie per l'emergenza Coronavirus


25/03/2020 - Il Gruppo Salewa-Oberalp aiuta a gestire la crisi COVID
Impegno del Gruppo Salewa-Oberalp per affrontare l'emergenza COVID-19.


17/03/2020 - Test di VieNormali della giacca La Sportiva Phase Down Jacket Opal
Provata sul campo la giacca imbottita in piuma perfetta per raggiungere la vetta


12/03/2020 - T-shirts La Sportiva
La nuova collezione di T-shirts La Sportiva per l'estate del 2020


11/03/2020 - Test dei pantaloni Salomon WAYFARER AS ALPINE
Testati da vienormali.it i pantaloni Salomon con resistente tessuto stretch impermeabile e antivento


10/03/2020 - Test della scarpa La Sportiva Spire CTX Ocean
Provata sul campo la calzatura low-cut di nuova generazione per l'escursionismo veloce


09/03/2020 - Alpinetech Collection by La Sportiva
La Sportiva Alpine Guide Series sviluppata in collaborazione con lo Swiss Alpine Club


03/03/2020 - Vie normali Valle d'Aosta
Le date di presentazione del 1° volume Cervino in attesa della pubblicazione del 2° volume dedicato al Monte Rosa


03/03/2020 - La Sportiva Trango Tech Leather GTX
Lo scarponcino in pelle traspirante ed impermeabile pensato per l'escursionismo alpino


27/02/2020 - Test della scarpa Salomon Supercross GTX
Una scarpa da trail running comoda e impermeabile pensata per i terreni fangosi


14/02/2020 - Dryarn e Mico per il nuovo underwear degli sciatori
Novità da ISPO 2020 con la collezione di underwear M1PERFORMANCE


13/02/2020 - Il grande alpinismo - storie di sfide verticali
Dall'11 febbraio 2020 in edicola con La Gazzetta dello Sport e il Corriere della Sera


06/02/2020 - Karpos e Ale Zeni
L'arte di costruire il futuro


Primo Piano

Solo granito - Vol. 1

Solo granito - Vol. 1

Solo granito - Vol. 2

Solo granito - Vol. 2

Monte Baldo Rock

Monte Baldo Rock

Arrampicare - Dolomiti Nord Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Nord Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Sud-Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Sud-Occidentali

Wild Dolomiti

Wild Dolomiti

Ferrate dell'Alto Garda

Ferrate dell'Alto Garda

Prealpi Lombarde Centrali

Prealpi Lombarde Centrali

Il grande libro dei 4000

Il grande libro dei 4000

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 1

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 1

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 2

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 2

Alta Valsesia

Alta Valsesia

Dolomiti

Dolomiti

Parco d'Abruzzo

Parco d'Abruzzo

Il Terminillo e i Monti Reatini

Il Terminillo e i Monti Reatini

I 2000 dell Appennino

I 2000 dell Appennino


VieNormali consiglia

APP Idea Montagna:
Download Apple Store
Download Google Play Store
Scarica singoli itinerari di montagna
o libri interi sul tuo cellulare o tablet!

Libri di montagna Idea Montagna Editoria e Alpinismo

Libri di montagna Versante Sud

Libri di montagna Iter Edizioni

Libri di montagna ViviDolomiti

Carte escursionistiche e libri Geo4Map

Dolomiti.it - Portale sulle Dolomiti

Save the Children Italia Onlus Climb for life T-shirt Climbers against cancer