Informativa Cookie: questo sito utilizza cookie tecnici propri necessari al suo funzionamento e cookie di profilazione di terze parti per visualizzare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dagli utenti nella navigazione in rete. Si invita a leggere la Cookie Policy in cui sono presenti le informazioni sui cookie utilizzati dal sito, su quali informazioni vengono raccolte e le istruzioni su come negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. La prosecuzione della navigazione mediante accettazione dei cookie, chiusura di questo banner informativo, accesso ad altra area del sito, selezione di un elemento dello stesso sottostante questo banner (ad esempio di una immagine o di un link) o scorrimento della pagina verso il basso comporta l'automatica prestazione del consenso a utilizzare i cookie.

In conformità al provvedimento del Garante della Privacy del 8 maggio 2014, G.U. n. 126 del 3/6/2014, attuazione della Dir. UE sui cookie 2009/136/CE
OKNon accetto i cookie

VieNormali.it
Home | Mappa del sito | Gruppo VN | Shopping | Guide   VieNormali su Facebook   Google+ VieNormali   Canale You Tube VieNormali   RSS Feed VieNormali  

Accedi al sito   Registrati al sito   

   
Gruppi Montuosi
Legenda gruppi...

Cerca la cima:
 

Filtri di ricerca >>

Alpi Occidentali:
 
Alpi Centrali:
 
Alpi Orientali:
 
Prealpi:
 
Appennino:
 
Alpi Estere:
 
Quota:
 


RACCONTO DI MONTAGNA DI MAURIZIO AGAZZI



Lo scrigno delle Orobie
di Maurizio Agazzi

L'estetica e atletica uscita in vetta al Secondo Corno di Sardegnana
L'estetica e atletica uscita in vetta al Secondo Corno di Sardegnana


Se gli ottomila sono 14, i quattromila 82 e i duemila dell'Appennino 243, le vette e le quote più importanti delle Prealpi e delle Alpi Orobie che superano i 2000 e i 3000 metri di quota sono –tenetevi forte- 520. Repetita iuvant: Cinquecento venti!

Così, al termine di cinque anni di intensa attività alpinistica, eccomi a raccontare dell'ennesima "pazzia" compiuta con molta fatica, un pizzico di rischio ma soprattutto tanta passione.
Difficile spiegare il motivo di un'impresa –si, è stata proprio un'impresa- tanto sofferta quanto voluta. Lo stimolo della ricerca di nuovi percorsi e nuove ascese? La (ri)scoperta di un gruppo montuoso che tuttavia nel 2015 può offrire una tipologia d'alpinismo esplorativo e avventuroso? O più semplicemente un sogno che prima d'ora nessuno era riuscito ad immaginare, ne tantomeno a realizzare?
Si, lo ribadisco: che fino ad oggi nessuno era riuscito a realizzare.
A caldo, sinceramente, non riesco a trovare una risposta anche se di una cosa son certo; le Alpi Orobie sono montagne meravigliose che nulla hanno da invidiare a gruppi montuosi magari più blasonati. Alcuni percorsi alpinistici, come per esempio la Cresta Corti alla Punta di Scais, più che ascese sono stati "viaggi" indubbiamente paragonabili a parecchie scalate dei più blasonati 4000.
La maggior parte della gente è abituata a considerare, raccontare o scalare le "solite" montagne: Presolana, Recastello, Coca, Redorta, Diavolo, Punta di Scais, Gleno, Becco, Torena, ecc. ma esistono tuttavia vette e quote che sono ben più impegnative di quelle sopracitate che non venivano visitate da svariati anni: venti, trenta... Ascese senz'ombra di dubbio impegnative e pericolose delle quali non v'era traccia sia in rete che su libri di ultima pubblicazione. Da qui l'idea di coinvolgere Yuri Parimbelli, amico nonché guida alpina, per cercare di chiudere quel grande cerchio che sin dagli albori dell'alpinismo orobico con ogni probabilità non era mai stato chiuso. Forse l'unico e ultimo grande problema alpinistico delle Alpi Orobie.
E così in silenzio, facendo "raccontare" soltanto il mio blog, passo dopo passo o per restare in tema appiglio dopo appoggio, il grande sogno s'è concretizzato. E... che sogno.
Non sono serviti giorni e neppure mesi ma bensì anni.
Anni durante i quali è stata ripercorsa un po' tutta la storia dell'alpinismo orobico. Quella storia che per molteplici motivi era stata a torto un po' dimenticata.
Eccoci quindi in viaggio sulla traversata integrale delle Quattro Matte con la probabile prima ripetizione dopo moltissimi anni. Il primo a compierla? Non un nome qualunque ma l'inventore del ViBram: Vitale Bramani.
L'ascesa al Torrione di Sant'Ambrogio quasi certamente da una nuova variante; un monolito elegantissimo alto più di cinquanta metri che abbraccia e impreziosisce le pareti occidentali del Pizzo dei Tre Signori per quella che, senz'ombra di dubbio, s'è rivelata la probabile prima ripetizione a distanza di ben ottant'anni. In questo caso non esisteva relazione tranne che una piccola nota pubblicata negli anni '30-'40. Una nota firmata da un nome divenuto un mito: Agostino Parravicini.
L'intera traversata dei Denti dei Mughi dove ad accompagnarci, anche in questo caso, avevamo soltanto una relazione verosimilmente datata 1930.
Le "Sette Cime del Medasc"; una lunghissima galoppata dall'antico sapore pionieristico da non sottovalutare e che nulla ha da invidiare alla vicina Cresta Corti.
L'integrale cavalcata dei Denti della Vecchia; itinerario complesso che pochi ormai compiono sistemando, laddove ce n'era bisogno, soste e calate segnate dall'inesorabile susseguirsi delle stagioni.
E ancora, tutto il gruppo del Tronella con i suoi denti e Torrioni. Il Dente di Tronella, la vetta vera e propria, l'Anticima Sud, i Torrioni Sud e Quadro con la Punta Pio X e il Salto Sud per quella che, quasi sicuramente, è stata la prima (se non tale sicuramente la seconda) traversata integrale da Nord a Sud.
La Cresta di San Stanislao; negletta e pericolosissima per difetto della pessima qualità della roccia. Senza nessun itinerario tra le mani; niente di niente.
Il Torrione Pasquini nel gruppo del Valletto: desiderio ampiamente rincorso e finalmente realizzato salendo "a vista" poiché, nella fattispecie, non esistevano relazioni che descrivessero la via di salita.
Il "Mottolone Biòt"; assolutamente non banale e... alzino la mano coloro che lo conoscono.
L'intero giro dei cinque Corni di Sardegnana per quella che resterà una delle più belle e inospitali cavalcate delle Alpi Orobie. Anche in questo caso realizzata con una relazione datata 1930-40.
E dulcis in fundo il Torrione del Castel di Picol: elegante campanile roccioso posto nei pressi del lago naturale più bello delle Alpi Orobie - il Piccolo - sul quale non abbiamo rinvenuto la minima traccia di salita.
Che sia stata una prima? Difficile pronunciare questa parola nel 2015 anche se il dubbio l'abbiamo tuttora.
Insomma... è stata un'impresa a tutti gli effetti.

Un progetto lungo e spossante costato anni di fatica e allenamento. Un progetto che difficilmente pensavo di concretizzare se non fossi stato sostenuto e spronato da un alpinista forte e preparato come Yuri.


E per quanto concerne i gradi?
Mi riesce difficile parlare di gradi giacché la tipologia di alpinismo che abbiamo (ri)proposto non è fatta solamente di gradi, ma pure di lunghissimi avvicinamenti, roccia infida e incognite ogni qualvolta si decideva un versante piuttosto che un altro. Una categoria d'alpinismo basata puramente sull'intuito esplorativo.
Detto ciò non posso sicuramente indugiare sulla difficoltà di certe ascese dove i gradi non sono stati bassi. Diciamo che il V°, seppur saltuariamente, l'abbiamo "carezzato"; In ambiente severo, terrei a precisare.
Il "plaisir", termine di grande attualità montana, non abitava dalle nostre parti!
Zaini pesantissimi imbottiti della –più che- normale dotazione alpinistica: chiodi, martelli, protezioni veloci e soprattutto passione... che alla fine s'è rivelata la componente più importante.
L'essenziale.

Una grande impresa impegnativa sotto ogni punto di vista: fisico, mentale ma altresì economico visto il materiale utilizzato e lasciato in loco per l'impossibilità di toglierlo.
Rammento che il progetto è stato realizzato nella maniera più "pulita" possibile, spesso utilizzando soltanto protezioni veloci. Troverete qualche nostro chiodo sulle Quattro Matte, sugli speroni delle Stanislao, ai Denti dei Mughi, sul Torrione Sant'Ambrogio, durante la traversata dell'intero gruppo del Tronella e dei Denti della Vecchia (come scritto in precedenza abbiamo sistemato soste e calate). Qualche fettuccia alle "Sette Cime del Medasc" -che stupenda cavalcata quest'ultima-, al Mottolone Biòt e sul Torrione del Castel di Picol.
Insomma; dov'erano necessari in nome della sicurezza.
Scarpe, scarpette, scarponi e materiale tecnico consumati a "go-go". Potrei diventare testimonial di qualche marca di scarponi visto che ne ho "mangiati" d'ogni tipo, marca e modello!!!
E poi quelle frasi ormai divenute mitiche che ogni tanto mi ronzano ancora per la testa come quando ci affacciavamo da qualche torrione che non ci faceva intravedere neppure il termine del baratro.
"Ma... la corda arriverà fino in fondo"?
"Bella domanda".
"Facciamo così; ti calo così controlli la lunghezza della corda".
"Butta giù tutto; fai un po' di pulizia".

In fin dei conti un'Avventura con la "A" maiuscola, contraddistinta da scalate spesso compiute senza uno straccio di relazione, a tal proposito ecco perché posso affermare con estrema sicurezza di essere stato il primo a scalare tutto l'arco orobico, rese ancor più difficili dalla pessima roccia tipica dell'Orobia [decisamente] poco inflazionata.
Dubbi, paure e speranze racchiuse in un'espressione che frequentemente pronunciavamo: "si passerà di qua... e se provassimo di la"?
Uno degli alleati più importanti è stato il tempo. Non il tempo inteso come meteo ma il tempo scandito dal passare dei giorni, dai mesi e soprattutto dagli anni che inevitabilmente ha reso il progetto ancor più ambito. Non mi interessava finire rapidamente; un sogno da realizzare non conosce spazio e tempo.
E i metri di dislivello? Impossibile contarli... sicuramente finirebbero con "oni".
Non fraintendetemi; sto parland"0" di... milioni!
Mai e poi mai, e ripeto MAI, avrei sperato nella riuscita di un tale idea che, badate bene, è stata resa possibile grazie all'importante contributo di una super e ormai storica squadra: Luca, Filippo, Yuri e il mitico Guerino.
Ultimamente utilizzo frequentemente una frase che ben rappresenta il compimento di questo GRANDE desiderio realizzato: "la felicità non è materia che possiamo comprare o afferrare, ma è un incantesimo sospeso nell'aria". In questo caso l'incantesimo era sospeso nell'aria delle nostre bellissime montagne.
Lo scrigno delle Alpi Orobie è stato schiuso e all'interno ci saranno soltanto perle e diamanti che Riscopriremo, grazie anche alle pubblicazioni CAI, poco alla volta.

Il cuore gioisce, l'anima esulta!


Autore: Maurizio Agazzi - Altri racconti dell'autore...

Data: 19/01/2015

Prealpi e Alpi Orobie - Impegnato sul tratto più spettacolare al Torrione di Mezzaluna
Impegnato sul tratto più spettacolare al Torrione di Mezzaluna
Prealpi e Alpi Orobie - In vetta al Torrione Occidentale della Punta Scais
In vetta al Torrione Occidentale della Punta Scais

Prealpi e Alpi Orobie - La meravigliosa vetta del vescovo mitrato del Torrione Sant'Ambrogio
La meravigliosa vetta del vescovo mitrato del Torrione Sant'Ambrogio

Prealpi e Alpi Orobie - L'impressionante passaggio tra la Terza e la Quarta Matta
L'impressionante passaggio tra la Terza e la Quarta Matta



<< Torna all'elenco dei racconti
   Condividi su:





SCOPRI LE NOVITA' EDITORIALI SULLA MONTAGNA DI:

Newsletter

Per ricevere la newsletter periodica del sito inserisci qui il tuo indirizzo e-mail:



Precedenti newsletter >>
Proposta per Guide Alpine e Accompagnatori di Media Montagna

Assicuratore Click Up Climbing Technology

Il CLICK UP è un assicuratore a frenata manuale progettato per l'arrampicata in falesia, utilizzabile con tutte le corde singole da 8.6 a 10.5 mm. Compatto e leggero, consente di assicurare un arrampicatore da primo e in top-rope manovrando la corda con entrambe le mani, e di calarlo. Permette di dare corda in modo veloce e senza intoppi e di arrestare una caduta trattenendo il lato libero della corda.

18/02/2019 - Mammut vince tre ISPO Awards
Ben tre premi ISPO nelle categorie outdoor e snowsports nel settore dei prodotti innovativi


18/02/2019 - La Sportiva e CAMP sulle spalle dei giganti dello skialp
Accordo di co-marketing tra le due aziende italiane per la fornitura degli zaini CAMP Rapid e Veloce per gli atleti del Team La Sportiva


18/02/2019 - Online il Sentiero Italia CAI
L'itinerario escursionistico più lungo del mondo, 6880 km di grande bellezza.


16/02/2019 - Vibram Vertikal Sass de Fer 2019
Ad aprile la 3° edizione della Vertikal Trail Running di Varese


31/01/2019 - ISPO Award 2019 a Salewa
Il prestigioso premio ISPO alla scarpa Wildfire Edge Mid GTX e alla giacca Pedroc Hybrid Alpine Wool Perform Jacket


30/01/2019 - Nuova giacca Agner Hybrid Down Salewa
La soluzione semplice al complesso problema di proteggere dal freddo durante l'arrampicata alpina


30/01/2019 - Golden Trail National Series Italy
L'Italia è tra i 5 Paesi in Europa a proporre nel 2019 questo innovativo format di gare.


29/01/2019 - La Sportiva e la FFASI insieme verso Tokyo 2020
Accordo triennale per vestire le Nazionali climbing e paraclimbing


24/01/2019 - NATURÆ 2019
La natura, l'ambiente, la montagna e le esperienze delle persone tornano protagoniste nella terza edizione di NATURÆ


23/01/2019 - TNF Felpa uomo Thermoball Gordon Lyons
La felpa ibrida Pile-Thermoball che riduce la dispersione del calore


18/12/2018 - Sipario sulla Winter Session 2018
Successo per il festival della montagna all'Aquila e sul Gran Sasso


13/12/2018 - Winter Session 2018
Dal 14 al 16 dicembre la montagna è protagonista all'Aquila e sul Gran Sasso d'Italia


11/12/2018 - CAMP innovazione per lo scialpinismo
I nuovi modelli C.A.M.P. di ramponi, casco e zaino per le gare scialpinistiche


10/12/2018 - Tenda GeerTop 1 Persona Backpacking 4 Stagioni
La tenda che si monta con i soli bastoncini da trekking


01/12/2018 - Presentazione del progetto Vie normali Valle d'Aosta
I racconti e le immagini della prima estate di salite


Primo Piano

Solo granito - Vol. 1

Solo granito - Vol. 1

Solo granito - Vol. 2

Solo granito - Vol. 2

Monte Baldo Rock

Monte Baldo Rock

Arrampicare - Dolomiti Nord Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Nord Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Sud-Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Sud-Occidentali

Wild Dolomiti

Wild Dolomiti

Ferrate dell'Alto Garda

Ferrate dell'Alto Garda

Prealpi Lombarde Centrali

Prealpi Lombarde Centrali

Il grande libro dei 4000

Il grande libro dei 4000

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 1

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 1

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 2

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 2

Alta Valsesia

Alta Valsesia

Dolomiti

Dolomiti

Parco d'Abruzzo

Parco d'Abruzzo

Il Terminillo e i Monti Reatini

Il Terminillo e i Monti Reatini

I 2000 dell Appennino

I 2000 dell Appennino


VieNormali consiglia

APP Idea Montagna:
Download Apple Store
Download Google Play Store
Scarica singoli itinerari di montagna
o libri interi sul tuo cellulare o tablet!

Libri di montagna Idea Montagna Editoria e Alpinismo

Libri di montagna Versante Sud

Libri di montagna Iter Edizioni

Libri di montagna ViviDolomiti

Carte escursionistiche e libri Geo4Map

Dolomiti.it - Portale sulle Dolomiti

Save the Children Italia Onlus Climb for life T-shirt Climbers against cancer