Informativa Cookie: questo sito utilizza cookie tecnici propri necessari al suo funzionamento e cookie di profilazione di terze parti per visualizzare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dagli utenti nella navigazione in rete. Si invita a leggere la Cookie Policy in cui sono presenti le informazioni sui cookie utilizzati dal sito, su quali informazioni vengono raccolte e le istruzioni su come negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. La prosecuzione della navigazione mediante accettazione dei cookie, chiusura di questo banner informativo, accesso ad altra area del sito, selezione di un elemento dello stesso sottostante questo banner (ad esempio di una immagine o di un link) o scorrimento della pagina verso il basso comporta l'automatica prestazione del consenso a utilizzare i cookie.

In conformità al provvedimento del Garante della Privacy del 8 maggio 2014, G.U. n. 126 del 3/6/2014, attuazione della Dir. UE sui cookie 2009/136/CE
OKNon accetto i cookie

VieNormali.it
Home | Mappa del sito | Gruppo VN | Shopping | Guide di montagna | Ordini   VieNormali su Facebook   Canale You Tube VieNormali   Instagram VieNormali  

Accedi al sito   Registrati al sito   

   
Gruppi Montuosi
Legenda gruppi...

Cerca la cima:
 

Filtri di ricerca >>

Alpi Occidentali:
 
Alpi Centrali:
 
Alpi Orientali:
 
Prealpi:
 
Appennino:
 
Alpi Estere:
 
Quota:
 


RACCONTO DI MONTAGNA DI MATTEO PASOTTI



El Sercol - Il Misterioso Cerchio di pietre di Nuvolera
di Matteo Pasotti

L'orante rivolto verso ovest
L'orante rivolto verso ovest

Monte Cavallo - 420 m
Regione: Lombardia
Punto di partenza: Via Cavrene, Nuvolera (q. 176 m)
Versante di salita: S
Dislivello di salita: 244 m
Dislivello totale: 488 m
Tempo totale: 2 h
Difficoltà: E (scala difficoltà)
Punti di appoggio: Rif. Sentiero Monte Cavallo (q. 300 m)
Tipo di salita: Traccia segnata
Attrezzatura:

Un antico cerchio di pietre misterioso e perfettamente circolare, sopra l'abitato di Nuvolera, studiato in passato da alcuni storici appassionati di archeologia bresciana, fra cui Franco Liloni, e portato all'interesse mediatico da Armando Bellelli, vincitore della prima edizione del premio internazionale Ricerca nel mistero, indetto da Eremon Edizioni e dalle riviste Fenix e Xtime. Si è recentemente interessata di questo particolare manufatto anche la trasmissione Mistero. El Sercol, conosciuto da anni nelle leggende popolari (Se non fai il bravo, ti porto nel Sercol), sembrava scomparso nell'oblio dei ricordi di qualche vecchio racconto. Armando Belelli e Marco Bertagna, due trentenni di Desenzano del Garda appassionati di storia ed archeologia, affascinati dalla leggenda, hanno iniziato a scandagliare la zone del Garda con Google Earth scoprendo, sulla sommità del Monte Cavallo, un cerchio di pietre perfettamente circolare. L'origine di questo manufatto è ancora oggetto di interesse da parte degli studiosi. Pare potesse trattarsi di un antico osservatorio solare e di un primitivo luogo di culto ma finora nessuno è stato in grado di dimostrare con certezza scientifica quale fosse la sua reale funzione. E' stato rinominato anche la Stonehenge bresciana. Quel che pare evidente, osservandolo con Google Earth, è che difficilmente si tratti di un'opera naturale. Tuttavia, finché non saranno eseguiti scavi che riporteranno alla luce testimonianze indiscutibili di presenza umana, non sarà possibile scartare con certezza assoluta anche questa ipotesi. Nel primo convegno riguardante il sito, svoltosi il 21 luglio 2011 presso l'oratorio di Nuvolera, si è parlato della proposta di effettuare scavi nelle zona del Sercol auspicando che il comune possa stanziare una piccola somma per finanziare la Soprintendenza ai Beni Archeologici e gruppi di scavo autorizzati sotto la supervisione di professionisti.

Parcheggiata l’auto nei parcheggi di fronte alle case di via Cavrene si arriva fino in fondo alla via dove c’è una curva a gomito che si immette sul versante sud del Monte Cavallo. A sinistra si entra in un cortile privato. Noi andiamo, invece, dritti seguendo un sentierino che si innalza in poco fino a un anfiteatro roccioso. Pieghiamo sulla destra seguendo una traccia che risale costeggiando la parete di destra dell’anfiteatro roccioso e continuiamo a salire per traccia evidente fino a ricongiungerci al sentiero che sale dal Presepio di Nuvolera. Parcheggiando al campo da calcio del paese è possibile salire anche da qui lungo il sentiero fino alla sua sommità e, quindi, alla croce degli alpini ove il sentiero si ricongiunge. Si prosegue salendo fino ad una pietra con frecce segnate con vernice marrone, si piega a sinistra e si avanza tra rocce calcaree e vegetazione. La traccia del sentiero è sempre evidente e ci porta in breve al Rifugio Monte Cavallo. Non lasciamoci ingannare dal nome, si tratta semplicemente di una baracca da cacciatori con due sedie poste all’interno e un’immagine della Madonna. Si prosegue dritti, piegando quindi a destra e risalendo lungo un prato ove è possibile notare anche dei Fichi d’India caratteristici. Seguendo il sentiero, che piega ora a sinistra, si rientra nuovamente nella vegetazione e si prosegue fino ad arrivare ad un bivio. Noi andiamo a destra immettendoci tra il muretto di una casa ed una recinzione. Andiamo avanti lungo questo stretto viottolo fino ad arrivare in un prato. Qui la traccia non è immediata. Si prosegue a destra verso le piante di castagno sempre in piano. In breve si nota una traccia evidente nel bosco che sale. La si segue e in breve si giunge ad alcuni cartelli che segnalano di fare attenzione per la presenza di un capanno di caccia. Si oltrepassa il cartello risalendo verso la cima boscosa del monte cavallo, tenendoci a destra il capanno. In breve si giunge alla barriera rocciosa del Sercol che si potrà percorrere camminando sulle pietre accatastate. Se proseguite andando sulle rocce verso sinistra in breve noterete un sentierino che entra verso il centro della struttura.

Percorrendolo, in breve, troverete la struttura più enigmatica del complesso: una pietra, collocata al centro di questo cerchio dal diametro di 42 metri, con una incisione di forma antropomorfa, avente un disco perfetto sopra la testa e sopra le braccia allargate. La figura, interpretata da alcuni come un orante che si rivolge al sole, è esattamente orientata verso ovest, ossia verso il sole che tramonta. Su questa struttura, tuttavia, nutro dei dubbi. Dalla mia personale esperienza su altre montagne bresciane ricche di calcare, scevre di aloni misteriosi, posso dire che l’orante del Sercol sia quasi certamente il prodotto dell’erosione naturale. Simili figure scavate in fessure dall’acqua si possono trovare a decine sui nostri monti. Rimane il mistero di un cerchio perfettamente circolare difficilmente di origine naturale. Segnalo anche la presenza di una croce di epoca successiva, forse francescana, scavata nel calcare del Sercol forse ad esorcizzare la presenza di culti pagani in questa zona. Su di essa ho solo notizie e foto prese dalla rete poiché non sono riuscito ad individuarla personalmente. Il luogo merita sicuramente una visita per la carica di mistero che lo avvolge. Se siete amanti del paranormale forse gradirete sapere anche che sopra il Monte Cavallo pare sia stato avvistato anche un globo di Luce infuocato, che avrebbe stazionato per pochi secondi per poi ripartire verso sud ad una velocità mai vista...


Note:
Evitate il sentiero in primavera-estate. Le serpi non mancano e, tra le pietre del Sercol, potreste incrociare pure qualche vipera.

Autore: Matteo Pasotti - Altri racconti dell'autore...

Data: 07/01/2013

Monte Cavallo - L'orante rivolto verso ovest
L'orante rivolto verso ovest
Monte Cavallo - Tracciato per arrivare al Sercol
Tracciato per arrivare al Sercol

Monte Cavallo - Il cerchio di pietre da Google Earth
Il cerchio di pietre da Google Earth

Monte Cavallo - Le pietre accatastate che formano El Sercol
Le pietre accatastate che formano El Sercol



<< Torna all'elenco dei racconti
   Condividi su:





SCOPRI LE NOVITA' EDITORIALI SULLA MONTAGNA DI:

Dolomiti di Brenta Dolomiti di Brenta

Libri di montagna

Newsletter

Per ricevere la newsletter periodica del sito inserisci qui il tuo indirizzo e-mail:



Precedenti newsletter >>
Scopri i prodotti alla spirulina Bio Salera

Proposta per Guide Alpine e Accompagnatori di Media Montagna


15/05/2020 - Decalogo per escursionisti in epoca di Covid-19
Segnaliamo questo decalogo di norme di comportamento in montagna redatto dal CAI di Bergamo.


30/04/2020 - I consigli di Jakob Schubert per allenarsi in arrampicata
Il campione del mondo rivela i suoi tre esercizi preferiti per il Mammut Diamond Finger Hangboard


01/04/2020 - La Sportiva produce le prime 55000 mascherine per la Protezione Civile di Trento
Conversione di parte della produzione La Sportiva a Ziano di Fiemme nella produzione di mascherine sanitarie per l'emergenza Coronavirus


25/03/2020 - Il Gruppo Salewa-Oberalp aiuta a gestire la crisi COVID
Impegno del Gruppo Salewa-Oberalp per affrontare l'emergenza COVID-19.


17/03/2020 - Test di VieNormali della giacca La Sportiva Phase Down Jacket Opal
Provata sul campo la giacca imbottita in piuma perfetta per raggiungere la vetta


12/03/2020 - T-shirts La Sportiva
La nuova collezione di T-shirts La Sportiva per l'estate del 2020


11/03/2020 - Test dei pantaloni Salomon WAYFARER AS ALPINE
Testati da vienormali.it i pantaloni Salomon con resistente tessuto stretch impermeabile e antivento


10/03/2020 - Test della scarpa La Sportiva Spire CTX Ocean
Provata sul campo la calzatura low-cut di nuova generazione per l'escursionismo veloce


09/03/2020 - Alpinetech Collection by La Sportiva
La Sportiva Alpine Guide Series sviluppata in collaborazione con lo Swiss Alpine Club


03/03/2020 - Vie normali Valle d'Aosta
Le date di presentazione del 1° volume Cervino in attesa della pubblicazione del 2° volume dedicato al Monte Rosa


03/03/2020 - La Sportiva Trango Tech Leather GTX
Lo scarponcino in pelle traspirante ed impermeabile pensato per l'escursionismo alpino


27/02/2020 - Test della scarpa Salomon Supercross GTX
Una scarpa da trail running comoda e impermeabile pensata per i terreni fangosi


14/02/2020 - Dryarn e Mico per il nuovo underwear degli sciatori
Novità da ISPO 2020 con la collezione di underwear M1PERFORMANCE


13/02/2020 - Il grande alpinismo - storie di sfide verticali
Dall'11 febbraio 2020 in edicola con La Gazzetta dello Sport e il Corriere della Sera


06/02/2020 - Karpos e Ale Zeni
L'arte di costruire il futuro


Primo Piano

Solo granito - Vol. 1

Solo granito - Vol. 1

Solo granito - Vol. 2

Solo granito - Vol. 2

Monte Baldo Rock

Monte Baldo Rock

Arrampicare - Dolomiti Nord Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Nord Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Sud-Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Sud-Occidentali

Wild Dolomiti

Wild Dolomiti

Ferrate dell'Alto Garda

Ferrate dell'Alto Garda

Prealpi Lombarde Centrali

Prealpi Lombarde Centrali

Il grande libro dei 4000

Il grande libro dei 4000

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 1

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 1

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 2

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 2

Alta Valsesia

Alta Valsesia

Dolomiti

Dolomiti

Parco d'Abruzzo

Parco d'Abruzzo

Il Terminillo e i Monti Reatini

Il Terminillo e i Monti Reatini

I 2000 dell Appennino

I 2000 dell Appennino


VieNormali consiglia

APP Idea Montagna:
Download Apple Store
Download Google Play Store
Scarica singoli itinerari di montagna
o libri interi sul tuo cellulare o tablet!

Libri di montagna Idea Montagna Editoria e Alpinismo

Libri di montagna Versante Sud

Libri di montagna Iter Edizioni

Libri di montagna ViviDolomiti

Carte escursionistiche e libri Geo4Map

Dolomiti.it - Portale sulle Dolomiti

Save the Children Italia Onlus Climb for life T-shirt Climbers against cancer