Informativa Cookie: questo sito utilizza cookie tecnici propri necessari al suo funzionamento e cookie di profilazione di terze parti per visualizzare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dagli utenti nella navigazione in rete. Si invita a leggere la Cookie Policy in cui sono presenti le informazioni sui cookie utilizzati dal sito, su quali informazioni vengono raccolte e le istruzioni su come negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. La prosecuzione della navigazione mediante accettazione dei cookie, chiusura di questo banner informativo, accesso ad altra area del sito, selezione di un elemento dello stesso sottostante questo banner (ad esempio di una immagine o di un link) o scorrimento della pagina verso il basso comporta l'automatica prestazione del consenso a utilizzare i cookie.

In conformità al provvedimento del Garante della Privacy del 8 maggio 2014, G.U. n. 126 del 3/6/2014, attuazione della Dir. UE sui cookie 2009/136/CE
OKNon accetto i cookie

VieNormali.it
Home | Mappa del sito | Gruppo VN | Shopping | Guide   VieNormali su Facebook   Google+ VieNormali   Canale You Tube VieNormali   RSS Feed VieNormali  

Accedi al sito   Registrati al sito   

   
Gruppi Montuosi
Legenda gruppi...

Cerca la cima:
 

Filtri di ricerca >>

Alpi Occidentali:
 
Alpi Centrali:
 
Alpi Orientali:
 
Prealpi:
 
Appennino:
 
Alpi Estere:
 
Quota:
 


RACCONTO DI MONTAGNA DI VINCENZO MARINO



Il 1° 3000
di Vincenzo Marino

Salendo la Tofana di Rozes
Salendo la Tofana di Rozes

Tofana di Rozes - 3225 m
Regione: Veneto
Punto di partenza: Rif. Dibona (q. 2083 m)
Versante di salita: S-W
Dislivello di salita: 1200 m
Dislivello totale: 2500 m
Tempo di salita: 5 h
Tempo totale: 9 h
Difficoltà: EEA - II+ - PD- (scala difficoltà)
Punti di appoggio: Rif. Dibona (q. 2083 m)
Tipo di salita: Via ferrata
Attrezzatura:

"A zi´, quanno me ce porti in montagna?"
"Appeni vieni a Trieste Andre´. Prendi il treno o l´aereo la prossima estate e vedemo de combina´ quarcosa."
"A zi´, c´ho vent´anni e non so mai salito su un 3.000. Me piacerebbe provallo!"
"3.000? Per un 3.000 tocca anna´ in Dolomiti... fammece pensa´ poi ti saprò dire."

Vent´anni e mai salito un 3.000, io a vent´anni sapevo appena dov´erano le Alpi: altri interessi, altro lavoro. Il "virus" dell´arrampicata mi ha colpito a 28 anni.

Bene, guide alla mano vediamo dove poter andare per accontentare un nipote ventenne nel pieno delle forze ed uno zio cinquantenne con qualche acciacco. Andrea, mio nipote, è un giovane in gamba, testardo, non si arrende davanti alle difficoltà. Mi ricordo, quando gli ho fatto muovere i primi passi sulla roccia in Val Rosandra a Trieste, che è rimasto incrodato un quarto d´ora su un passaggio di IV. Nessuno è riuscito a farlo desistere, ma, caparbiamente, ce l´ha fatta. Non mi fido della sua tenuta come assicuratore, non avendo lui mai fatto un corso di roccia ufficiale ed essendoci almeno 20 kg di differenza. Sarebbe in grado di tenermi? No! Niente via classica quindi, non rimane che scegliere una via attrezzata, del resto, in un quarto di secolo di attività montanare, posso dire di averle provate tutte.

Andrea frequenta con profitto la facoltà di Geologia e la sua passione sono i ghiacciai, non sarebbe male salire la Marmolada ma, attrezzatura a parte, Andrea non sa nulla di marcia su pendii ghiacciati. Le Tofane, queste sì che vanno bene. Alte, impegnative, panoramiche, facili da avvicinare, ricche di storia e di testimonianze fossili della loro tormentata geomorfologia. Le Tofane sono inserite nel Parco Naturale delle Dolomiti di Ampezzo e da sempre esaltano, con la loro superba presenza, la bellezza della conca d´Ampezzo. Il fulcro del gruppo è costituito dalle tre Tofane: la Tofana di Dentro, m. 3238, la Tofana di Rozes, m. 3225 e la Tofana di Mezzo, m. 3244.

La Tofana di Dentro è la più "timida" delle tre presentando un paio di facili accessi su sentieri poco impegnativi, a meno di non trovare la cresta di collegamento con la Tofana di Mezzo innevata. La Tofana di Mezzo è servita dalla ferrata Olivieri che, contrariamente a quanto scritto in vari testi, non è mai particolarmente impegnativa dal punto di vista tecnico se non in alcuni passaggi un po´ delicati, tuttavia, vista la lunghezza e la quota raggiunta è necessario che questa salita venga effettuata da persone capaci e con previsioni meteo molto favorevoli. La Tofana di Rozes, mediante la ferrata Lipella, è nel complesso, un itinerario assai impervio a differenza di altri nelle Dolomiti. A sorprendere è la lunghezza dell´intero itinerario e del tratto attrezzato. Questa splendida escursione richiede ottimo allenamento, mentre le difficoltà tecniche restano complessivamente medie. Lungo le cenge della prima parte è sempre possibile la caduta di sassi, mentre la seconda parte della ferrata e la via normale che si sfrutta per la discesa risultano spesso innevate anche in piena estate. Occorre osservare che la vera salita comincia alle Tre Dita, mentre nel primo tratto si guadagna poco in altitudine in quanto la risalita della galleria e dei gradoni attrezzati viene parzialmente compensata dal percorso degradante delle cenge sfruttate dalla ferrata nel suo percorso iniziale. A differenza di altre vie attrezzate si presenta quindi piuttosto impegnativa nel settore superiore e non subito nella parte iniziale, da qui l´importanza di valutare bene le proprie condizioni dopo aver concluso la prima parte.

La decisione è presa, si parte domenica mattina da Trieste direzione rifugio Dibona a 2.083 m. Nel pomeriggio "sgambata" sul sentiero Astaldi, un itinerario in cengia attrezzato con corde metalliche, molto suggestivo perché attraversa uno strato Raibliano, caratterizzato da rocce di diverso colore... Andrea saprà di cosa si tratta. La mattina dopo Tofana di Rozes e rientro a Trieste.

Come da programma, dopo il sentiero Astaldi con lo strato Raibliano ben conosciuto al futuro geologo e la sosta al Dibona, lunedì mattina si parte. Dal Rifugio, seguendo il sentiero n. 404 e passando sotto l´imponente parete Sud della Tofana di Rozes, arriviamo all´inizio della ferrata. Lungo le antiche postazioni della prima Guerra Mondiale attraversiamo dapprima la caratteristica Galleria del Castelletto, un camminamento scavato dagli alpini durante la prima Guerra Mondiale, da percorrere in salita. Da qui attraversiamo, salendo leggermente e con diversi tratti attrezzati, tutto il lato Ovest della Tofana di Rozes, tra umidi colatoi, cenge e brevi ma ripidi camini, finché, con una spettacolare vista sulla val Travenanzes, arriviamo al bivio nei pressi delle "Tre dita", una particolare formazione rocciosa che ci indica la possibilità di scendere al Rif. Giussani e quindi al Dibona lungo la via normale. Fin qui nessuna difficoltà, ma la fatica fa capolino e Andrea inizia a rallentare.

"Andre´! E datte na mossa sennò famo notte".
"A zì, aspetta un minuto sto a fa du foto, sennò mi madre nun ce crede!"
Si, va beh... le foto; "non ce la fa, non ce la fa" penso tra di me. Tanta forza, tanto entusiasmo, ma poca resistenza come tutti i giovani della sua età. Siamo nel terzo superiore della salita, quello dove le difficoltà aumentano e la fatica inizia a tagliare le gambe, per non parlare dell´altitudine poco consueta per dei cittadini dediti a queste quote solo per passione stagionale. E´ il punto questo dove l´esperienza gioca un ruolo fondamentale nel risparmio di energie. Saliamo gli ultimi 300 metri verticali lungo la parete Ovest fino al termine delle attrezzature dove il sentiero di salita si interseca alla via normale per la discesa.

Il panettone finale è innevato e non è una sorpresa, lo si vedeva già dal basso, la sorpresa sta nel fatto che le condizioni di innevamento sono ancora di tipo primaverile e noi siamo in piena estate. Gli scarponi affondano di diversi centimetri nello strato nevoso e la poca consistenza della neve fa sì che immediatamente si formi uno zoccolo ghiacciato sul Vibram delle suole. Mancano 200 metri alla croce di vetta, saranno 200 metri faticosi senza ramponi e con una sola piccozza. Decidiamo di procedere separatamente senza l´ausilio di corde, Andrea è sicuro di farcela anche senza picca, a me farebbero comodo anche un paio di ramponi, ma non glielo dico per non sminuire le mie capacità. Per salire gli ultimi 200 metri ci mettiamo il doppio del tempo impiegato per salire i primi 200, per fortuna il tempo ci assiste ed arriviamo in cima trafelati e felici. Un panorama a 360° ci ripaga di tutte le fatiche, ma non abbiamo tempo per "poltrire" in vetta, è tardi e ci aspetta ancora una lunga discesa ed il ritorno a Trieste.

La via normale è impegnativa, ingombra di pietrisco ghiacciato sparso su lisce e scivolose placche inclinate; i molti campi innevati, inoltre, seppur invitanti perché sicuramente più stabili del ghiaietto, temiamo possano nascondere maggiore insidie dato il percorso molto accidentato e la seria probabilità di incastrare una gamba in qualche inghiottitoio nascosto dalla neve. Il mio ginocchio sinistro si accorge quasi subito di queste difficoltà in discesa ed inizia a frenarmi consentendo ad Andrea di guadagnare terreno. In un ambiente lunare, dove gli unici segni di vita sono i corvi e le marmotte sul vicino fianco meridionale della Tofana di Mezzo, lentamente io e velocemente Andrea ci abbassiamo di quota fino ad incontrare, finalmente, un vero sentiero compatto e sicuro. All´improvviso, tra uno strillo di marmotta e l´altro, una voce risuona nel vallone, all´altezza del Giussani circa 100 metri più a valle della mia posizione:

" A zì! E datte na mossa sennò famo notte".
"Andre´, aspetta un minuto sto a fa du foto sennò tu madre nun ce crede!".



Autore: Vincenzo Marino - Altri racconti dell'autore...

Data: 01/08/2011

Tofana di Rozes - In parete
In parete
Tofana di Rozes - La Parete sud della Tofana di Rozes
La Parete sud della Tofana di Rozes



<< Torna all'elenco dei racconti
   Condividi su:





SCOPRI LE NOVITA' EDITORIALI SULLA MONTAGNA DI:

Newsletter

Per ricevere la newsletter periodica del sito inserisci qui il tuo indirizzo e-mail:



Precedenti newsletter >>
Proposta per Guide Alpine e Accompagnatori di Media Montagna

Izas Baltic - Pantaloni da montagna da uomo

- Tessuto mount-stretch, idrorepellente, traspirante, rapida asciugatura
- Tessuto elastico
- Ginocchia preformate
- Tasche posteriori e laterali con zip
- Vestibilità medium fit

31/01/2019 - ISPO Award 2019 a Salewa
Il prestigioso premio ISPO alla scarpa Wildfire Edge Mid GTX e alla giacca Pedroc Hybrid Alpine Wool Perform Jacket


30/01/2019 - Nuova giacca Agner Hybrid Down Salewa
La soluzione semplice al complesso problema di proteggere dal freddo durante l'arrampicata alpina


30/01/2019 - Golden Trail National Series Italy
L'Italia è tra i 5 Paesi in Europa a proporre nel 2019 questo innovativo format di gare.


29/01/2019 - La Sportiva e la FFASI insieme verso Tokyo 2020
Accordo triennale per vestire le Nazionali climbing e paraclimbing


24/01/2019 - NATURÆ 2019
La natura, l'ambiente, la montagna e le esperienze delle persone tornano protagoniste nella terza edizione di NATURÆ


23/01/2019 - TNF Felpa uomo Thermoball Gordon Lyons
La felpa ibrida Pile-Thermoball che riduce la dispersione del calore


18/12/2018 - Sipario sulla Winter Session 2018
Successo per il festival della montagna all'Aquila e sul Gran Sasso


13/12/2018 - Winter Session 2018
Dal 14 al 16 dicembre la montagna è protagonista all'Aquila e sul Gran Sasso d'Italia


11/12/2018 - CAMP innovazione per lo scialpinismo
I nuovi modelli C.A.M.P. di ramponi, casco e zaino per le gare scialpinistiche


10/12/2018 - Tenda GeerTop 1 Persona Backpacking 4 Stagioni
La tenda che si monta con i soli bastoncini da trekking


01/12/2018 - Presentazione del progetto Vie normali Valle d'Aosta
I racconti e le immagini della prima estate di salite


29/11/2018 - Mammut We Care
Mammut rende pubblici i suoi obiettivi per la responsabilità sociale dell'impresa fino al 2023


28/11/2018 - Abbigliamento sostenibile Norrona
L'etica della trasparenza totale di Norrøna


23/11/2018 - Salewa Green Day
Salewa a sostegno di POW - Protect Our Winters


23/11/2018 - I 3000 delle Dolomiti a Villafranca
Serata con Beppe Ziggiotto, 1° salitore di tutti i 3000 delle Dolomiti


Primo Piano

Solo granito - Vol. 1

Solo granito - Vol. 1

Solo granito - Vol. 2

Solo granito - Vol. 2

Monte Baldo Rock

Monte Baldo Rock

Arrampicare - Dolomiti Nord Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Nord Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Sud-Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Sud-Occidentali

Wild Dolomiti

Wild Dolomiti

Ferrate dell'Alto Garda

Ferrate dell'Alto Garda

Prealpi Lombarde Centrali

Prealpi Lombarde Centrali

Il grande libro dei 4000

Il grande libro dei 4000

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 1

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 1

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 2

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 2

Alta Valsesia

Alta Valsesia

Dolomiti

Dolomiti

Parco d'Abruzzo

Parco d'Abruzzo

Il Terminillo e i Monti Reatini

Il Terminillo e i Monti Reatini

I 2000 dell Appennino

I 2000 dell Appennino


VieNormali consiglia

APP Idea Montagna:
Download Apple Store
Download Google Play Store
Scarica singoli itinerari di montagna
o libri interi sul tuo cellulare o tablet!

Libri di montagna Idea Montagna Editoria e Alpinismo

Libri di montagna Versante Sud

Libri di montagna Iter Edizioni

Libri di montagna ViviDolomiti

Carte escursionistiche e libri Geo4Map

Dolomiti.it - Portale sulle Dolomiti

Save the Children Italia Onlus Climb for life T-shirt Climbers against cancer