Informativa Cookie: questo sito utilizza cookie tecnici propri necessari al suo funzionamento e cookie di profilazione di terze parti per visualizzare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dagli utenti nella navigazione in rete. Si invita a leggere la Cookie Policy in cui sono presenti le informazioni sui cookie utilizzati dal sito, su quali informazioni vengono raccolte e le istruzioni su come negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. La prosecuzione della navigazione mediante accettazione dei cookie, chiusura di questo banner informativo, accesso ad altra area del sito, selezione di un elemento dello stesso sottostante questo banner (ad esempio di una immagine o di un link) o scorrimento della pagina verso il basso comporta l'automatica prestazione del consenso a utilizzare i cookie.

In conformità al provvedimento del Garante della Privacy del 8 maggio 2014, G.U. n. 126 del 3/6/2014, attuazione della Dir. UE sui cookie 2009/136/CE
OKNon accetto i cookie

VieNormali.it
Home | Mappa del sito | Gruppo VN | Shopping | Guide   VieNormali su Facebook   Google+ VieNormali   Canale You Tube VieNormali   RSS Feed VieNormali  

Accedi al sito   Registrati al sito   

   
Gruppi Montuosi
Legenda gruppi...

Cerca la cima:
 

Filtri di ricerca >>

Alpi Occidentali:
 
Alpi Centrali:
 
Alpi Orientali:
 
Prealpi:
 
Appennino:
 
Alpi Estere:
 
Quota:
 


RACCONTO DI MONTAGNA DI DENIS PERILLI



Semplicemente Lagorai
di Denis Perilli

Da Forcella Colbricon verso Cime Ceremana e Bragarolo
Da Forcella Colbricon verso Cime Ceremana e Bragarolo

Cima di Bragarolo - 2692 m
Regione: Trentino Alto Adige
Punto di partenza: Malga Rolle (q. 1910 m)
Versante di salita: NE
Dislivello di salita: 782 m
Dislivello totale: 1800 m
Tempo di salita: 4 h
Tempo totale: 8 h
Difficoltà: EE - I - F (scala difficoltà)
Punti di appoggio: Biv. Aldo Moro (q. 2565 m)
Tipo di salita: Sentiero e traccia segnata
Attrezzatura:

Faticosissima ma molto remunerativa escursione fra montagne poco frequentate.

Ci son vari modi per ricercare e trovare un’avventura vera, l’importante è sempre prendere la direzione giusta. Arrivati nei pressi del Passo Rolle la scelta era o cominciare a risalire verso le luminose e rinomate Pale di San Martino o inoltrarci verso il più cupo e meno attraente gruppo del Lagorai. Ovviamente la scelta era ben chiara nella nostra mente, ma il luccichio delle Dolomiti mette sempre il tarlo del dubbio, una tentazione quasi irrefrenabile.

Lasciata la macchina a Malga Rolle, la nostra spedita marcia ci condusse a calpestare le scure rocce porfiriche del sentiero che porta ai Laghi del Colbricon. I discorsi erano quelli di sempre e ovviamente la deformazione professionale del Naturalista mi portava già a sfinire il mio compagno di mille avventure Roberto (Bob) … deve essere proprio un santo uomo per riuscire a reggere ancora le mie mille divagazioni su rocce, fiori e soprattutto animali! Forse il cognome Beato è un segno e in tanti ce ne stiamo accorgendo. Fra una chiacchiera e l’altra in brevissimo tempo ci trovammo al cospetto dei laghetti e lo stupore fu immediato. Quel luogo, già visitato parecchie volte, oggi aveva un’aura di magia del tutto particolare. La giornata si proponeva con una luminosità fuori dal comune e i colori dell’acqua e delle montagne in lontananza assumevano dei toni e delle profondità inediti. La dorsale di Cima Bocche riflessa nello specchio d’acqua mi ricordava quelle immagini del Nord Europa o del Canada visti e sognati solo attraverso la tv.

Cominciamo a salire e la mia loquacità comincia ad "assottigliarsi" sempre più lasciando spazio al fiatone! Non ricordavo che la salita ai fianchi del Colbricon fosse così ripida! In compenso l’allegra comitiva appena sotto di noi continuava ad essere alquanto rumorosa e a provocare in noi quel senso di invidia per questa energia che sembrava sprizzare da tutti i pori.

Con una bella sudata raggiungiamo l’inizio del lungo (e largo!) "nastro inclinato" di sassi che ci dovrebbe condurre verso Forcella Colbricon. Alla nostra sinistra l’enorme mole scura del Colbricon, a destra l’allungata cresta del Colbricon Piccolo. All’improvviso, l’adrenalina sale a mille! I fischi assordanti delle marmotte ci inducono a guardarci attorno ed ecco sopra le nostre teste la sagoma inconfondibile di ben 2 aquile reali! La mia "pressione" comincia a salire, memore anche dell’incontro ravvicinato con un gran numero di camosci avvenuto qualche anno fa proprio in questa zona. I 2 enormi rapaci vanno ad appollaiarsi in chissà quali anfratti nascosti del Colbricon Piccolo e il silenzio torna sovrano. Anche i nostri "compagni di viaggio" han finito la voce! Non male come inizio!

Pazientemente riusciamo a raggiungere l’agognata Forcella Colbricon, del tutto ignari di quello che deve ancora venire. Il panorama è da sballo! Dietro di noi l’enorme muraglia della Marmolada, il Piz Boè che si intravede dietro le quinte e ovviamente le Pale di San Martino in primissimo piano. Alla nostra destra il Catinaccio e il Latemar che oggi sembrano a 2 passi da noi. Ma è davanti che si presenta la meraviglia. La sterminata catena del Lagorai si perde all’orizzonte, tutta inclinata a scendere verso destra. Un mare di sassi così esteso non l’avevo mai visto. Dal fondovalle non sembra così. Anche Bob si lascia andare ad esclamazioni di gioia pura. La lunga cresta dentellata sembra la schiena di un gigantesco drago che dorme, le parole non bastano! Ma i colori qui fanno la differenza! Il contrasto fra le scure rocce violacee sotto i nostri piedi e le retrostanti "calde" Dolomiti è un qualcosa di assolutamente allucinante! Pensare di camminare su quel che resta di una distruttiva nube ardente che centinaia di milioni di anni fa si divertiva a distruggere tutto mi mette i brividi! Sto impazzendo, quel che resta del mio cervello, bruciato da sto sole cocente e accecante, viaggia a mille! Questa è avventura, anche senza andare in chissà quale remoto luogo sperduto! Scrutiamo il profilo del drago per tentare di capire qual è Cima Bragarolo, la nostra vera meta.

Bene, è giunta l’ora di ripartire, a quanto pare la strada è ancora lunga e sembra proprio che ci siano molte discese alternate a salite, il giusto mix per massacrarci i polpacci!

Partenza in discesa e poi risalita in questo immane sfasciume di rocce e in mezzora circa eccoci giunti ai 2428 m di Forcella Ceremana. Lo scorcio verso l’abitato di San Martino di Castrozza non è niente male! E anche il baratro che sta sotto le ricadenti pareti del "lato opposto" del Lagorai non scherza mica. I nuovissimi cartelli biancorossi indicano che manca ancora poco più di un’ora al Bivacco Aldo Moro, ubicato poco sotto la "nostra" cima. Da qui in poi siamo assolutamente soli, sembra quasi impossibile che il famoso Passo Rolle sia solo a qualche ora di cammino da noi. Questa è la vera magia avvolgente del Lagorai. Qui sembra che il tempo e le distanze non abbiano più senso, si annulla tutto … tranne l’acido lattico sulle gambe!

Sopra le nostre teste, a sinistra sfilano in sequenza le varie Cime di Ceremana! Mai e poi mai avrei pensato che con guida e cartina in mano fosse quasi impossibile riconoscere le varie vette, ma il Lagorai è pure questo! Ti disorienta. Ma non c’è da lasciar spazio alle esitazioni, bisogna proseguire spediti, anche se in certi momenti verrebbe da abbandonare il sentiero (o quella cosa informe che dovrebbe essere una traccia per i viandanti) e puntare dritti verso questa o quella sommità!

Ad un certo punto mi blocco di colpo!!!! Mille metri sotto ai miei piedi comincia a far capolino il Lago di Paneveggio, tutto ammantato dal "verde assoluto" della leggendaria Foresta di Paneveggio, quella dei violini di Stradivari. Quanti ricordi affiorano in un istante, 2 anni di ricerche per la tesi di laurea non si dimenticano facilmente! 2 anni di incontri, di alberi che toccano il cielo, di freddo pungente, di simbiosi col bosco stesso, pure di dolorose punture di vespe. Intanto la distesa di massi non ha intenzione di mostrare punti di debolezza mentre la nostra grande forza di volontà comincia ad evidenziare delle crepe. Torniamo indietro? Sta cima sembra quasi non esistere! Ma all’improvviso ecco una "bella ciliegia colorata" davanti a noi, l’inconfondibile lamiera rossa del Bivacco Aldo Moro. Quasi quasi ci stavamo convincendo non esistesse!

Poche esitazioni e via, a risalire quell’ultimo faticosissimo centinaio di metri che mancano alla Cima di Bragarolo. Ultime roccette ed eccoci finalmente ai 2692 m della sommità decorata da una inconsueta croce di vetta allestita in modo rudimentale con 2 pezzi di legno mezzi marci. Chissà, probabilmente non sono altro che 2 "schegge" di qualche baraccamento di guerra, se solo potessero parlare! Forse è meglio che stiano zitte. Credo che il panino sia schizzato fuori da solo dallo zaino vista la fame che girava in zona! Un morso dietro l’altro osservando a quanto oggi sembrano stranamente vicine le bianche vette dell’Ortles, del Gran Zebrù, del Cevedale e del Vioz. Sembra di poterle toccare.

Questo non è un panorama di vetta come gli altri, è un panorama che sa stranamente di lunghi silenzi, di solitudine, di luoghi remoti. È un panorama da Lagorai!!! Questo ho esclamato in quel momento. "Bob che dici, scendiamo?" Alla fin dei conti siamo solo a metà percorso, non dimentichiamocelo.

I nostri passi ci portano a scendere per un divertente fuoripista e la mia testolina bacata inevitabilmente torna a pensare ai camosci. Possibile, non ne abbiamo incontrato manco uno, questo era il regno di tali ungulati. Evidentemente è proprio vero, la temuta rogna sarcotica ha provveduto a sterminare la cospicua popolazione di questi animali. Triste da ammettere, ma sono cicli naturali, non ci si può fare niente.

Intanto, i pensieri non hanno rallentato la marcia e pian pianino le forcelle superate anche all’andata restano dietro i nostri passi svelti. Ringrazio gli scarponi per non avermi fatto le vesciche. Ora si va quasi col pilota automatico e l’unica sosta ristoratrice ce la concediamo al simpatico Rifugio Colbricon a farci coccolare da una dose di zuccheri travestita da torta! Orizzonti, pensieri, considerazioni, ci vuol tutto, ma anche la gioia del palato va soddisfatta! Ci fa strano entrare in rifugio, un’ora prima credevamo di essere a mille miglia da qualsiasi forma di vita umana. Ci rimettiamo nei nostri passi e in un battibaleno anche questa domenica luminosa di metà settembre giunge all’epilogo, dopo oltre 9 ore di fatiche.

Questa non è una domenica come le altre. Le emozioni che posso estrarre dal mio zaino delle escursioni ormai non son più quantificabili, ma questa gita mi ha lasciato "un qualcosa dentro" che non riesco a descrivere! Non è la vetta più alta, non è l’itinerario più lungo, il compagno di avventura è sempre il fidatissimo e saggissimo Bob, cos’è successo oggi? Non lo so, non voglio neanche cercare spiegazioni, voglio solo portarmi a casa questo ennesimo regalo che ha voluto donarmi la montagna. Grazie!


Autore: Denis Perilli - Altri racconti dell'autore...

Data: 12/09/2010

Cima di Bragarolo - Marmolada dai Laghi del Colbricon
Marmolada dai Laghi del Colbricon
Cima di Bragarolo - L’imponente sagoma della Pala di San Martino
L’imponente sagoma della Pala di San Martino

Cima di Bragarolo - Dalla vetta verso Cime Ceremana
Dalla vetta verso Cime Ceremana



<< Torna all'elenco dei racconti
   Condividi su:





SCOPRI LE NOVITA' EDITORIALI SULLA MONTAGNA DI:

Dolomiti di Brenta Dolomiti di Brenta

Libri di montagna

Newsletter

Per ricevere la newsletter periodica del sito inserisci qui il tuo indirizzo e-mail:



Precedenti newsletter >>
Proposta per Guide Alpine e Accompagnatori di Media Montagna


Al Cospetto del Ghiacciaio dei Forni

Al Cospetto del Ghiacciaio dei Forni
Il Ghiacciaio dei Forni, un
Regione: Lombardia - Parco Nazionale dello Stelvio
Data: da concordare   Durata: 5 h   Difficoltà: E

18/02/2019 - Mammut vince tre ISPO Awards
Ben tre premi ISPO nelle categorie outdoor e snowsports nel settore dei prodotti innovativi


18/02/2019 - La Sportiva e CAMP sulle spalle dei giganti dello skialp
Accordo di co-marketing tra le due aziende italiane per la fornitura degli zaini CAMP Rapid e Veloce per gli atleti del Team La Sportiva


18/02/2019 - Online il Sentiero Italia CAI
L'itinerario escursionistico più lungo del mondo, 6880 km di grande bellezza.


16/02/2019 - Vibram Vertikal Sass de Fer 2019
Ad aprile la 3° edizione della Vertikal Trail Running di Varese


31/01/2019 - ISPO Award 2019 a Salewa
Il prestigioso premio ISPO alla scarpa Wildfire Edge Mid GTX e alla giacca Pedroc Hybrid Alpine Wool Perform Jacket


30/01/2019 - Nuova giacca Agner Hybrid Down Salewa
La soluzione semplice al complesso problema di proteggere dal freddo durante l'arrampicata alpina


30/01/2019 - Golden Trail National Series Italy
L'Italia è tra i 5 Paesi in Europa a proporre nel 2019 questo innovativo format di gare.


29/01/2019 - La Sportiva e la FFASI insieme verso Tokyo 2020
Accordo triennale per vestire le Nazionali climbing e paraclimbing


24/01/2019 - NATURÆ 2019
La natura, l'ambiente, la montagna e le esperienze delle persone tornano protagoniste nella terza edizione di NATURÆ


23/01/2019 - TNF Felpa uomo Thermoball Gordon Lyons
La felpa ibrida Pile-Thermoball che riduce la dispersione del calore


18/12/2018 - Sipario sulla Winter Session 2018
Successo per il festival della montagna all'Aquila e sul Gran Sasso


13/12/2018 - Winter Session 2018
Dal 14 al 16 dicembre la montagna è protagonista all'Aquila e sul Gran Sasso d'Italia


11/12/2018 - CAMP innovazione per lo scialpinismo
I nuovi modelli C.A.M.P. di ramponi, casco e zaino per le gare scialpinistiche


10/12/2018 - Tenda GeerTop 1 Persona Backpacking 4 Stagioni
La tenda che si monta con i soli bastoncini da trekking


01/12/2018 - Presentazione del progetto Vie normali Valle d'Aosta
I racconti e le immagini della prima estate di salite


Primo Piano

Solo granito - Vol. 1

Solo granito - Vol. 1

Solo granito - Vol. 2

Solo granito - Vol. 2

Monte Baldo Rock

Monte Baldo Rock

Arrampicare - Dolomiti Nord Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Nord Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Sud-Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Sud-Occidentali

Wild Dolomiti

Wild Dolomiti

Ferrate dell'Alto Garda

Ferrate dell'Alto Garda

Prealpi Lombarde Centrali

Prealpi Lombarde Centrali

Il grande libro dei 4000

Il grande libro dei 4000

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 1

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 1

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 2

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 2

Alta Valsesia

Alta Valsesia

Dolomiti

Dolomiti

Parco d'Abruzzo

Parco d'Abruzzo

Il Terminillo e i Monti Reatini

Il Terminillo e i Monti Reatini

I 2000 dell Appennino

I 2000 dell Appennino


VieNormali consiglia

APP Idea Montagna:
Download Apple Store
Download Google Play Store
Scarica singoli itinerari di montagna
o libri interi sul tuo cellulare o tablet!

Libri di montagna Idea Montagna Editoria e Alpinismo

Libri di montagna Versante Sud

Libri di montagna Iter Edizioni

Libri di montagna ViviDolomiti

Carte escursionistiche e libri Geo4Map

Dolomiti.it - Portale sulle Dolomiti

Save the Children Italia Onlus Climb for life T-shirt Climbers against cancer