Informativa Cookie: questo sito utilizza cookie tecnici propri necessari al suo funzionamento e cookie di profilazione di terze parti per visualizzare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dagli utenti nella navigazione in rete. Si invita a leggere la Cookie Policy in cui sono presenti le informazioni sui cookie utilizzati dal sito, su quali informazioni vengono raccolte e le istruzioni su come negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. La prosecuzione della navigazione mediante accettazione dei cookie, chiusura di questo banner informativo, accesso ad altra area del sito, selezione di un elemento dello stesso sottostante questo banner (ad esempio di una immagine o di un link) o scorrimento della pagina verso il basso comporta l'automatica prestazione del consenso a utilizzare i cookie.

In conformità al provvedimento del Garante della Privacy del 8 maggio 2014, G.U. n. 126 del 3/6/2014, attuazione della Dir. UE sui cookie 2009/136/CE
OKNon accetto i cookie

VieNormali.it
Home | Mappa del sito | Gruppo VN | Shopping | Guide di montagna | Ordini   VieNormali su Facebook   Canale You Tube VieNormali   Instagram VieNormali  

Accedi al sito   Registrati al sito   

   
Gruppi Montuosi
Legenda gruppi...

Cerca la cima:
 

Filtri di ricerca >>

Alpi Occidentali:
 
Alpi Centrali:
 
Alpi Orientali:
 
Prealpi:
 
Appennino:
 
Alpi Estere:
 
Quota:
 


Dare un senso alla vita



Recensione di VieNormali.it

Dare un senso alla vita Dare un senso alla vita - C. Maestri
172 pp. - 18,00 €
Con foto a colori
Formato 15x22 cm
Testo in italiano

"Resterà sempre in me questo vento di gelo, questo odore di freddo, questo bianco mantello di neve che ricopre i miei sogni."

In quest'ultimo scritto il grande alpinista Cesare Maestri, soprannominato per anni Ragno delle Dolomiti, racconta la sua storia di alpinista e di uomo e ricorda i tanti amici, scalatori e non, che lo hanno accompagnato nella sua vita. Un testamento spirituale introspettivo e intimo che svela l'uomo dietro l'alpinista.

Incontrai per la prima volta Cesare Maestri in una sua serata a Monselice nel novembre del 2000, o giù di lì, occasione in cui mi feci firmare il suo libro ormai introvabile "A scuola di roccia". A quel tempo avevo appena iniziato ad arrampicare e i racconti degli alpinisti mi affascinavano, me vedere i filmati di Maestri che sale e scende slegato la "Via delle Guide" (VI+) sulla parete est del Crozzòn di Brenta fu un'esperienza indelebile, accompagnata da due sue frasi che mi sono rimaste scolpite nell'animo: "Il vero alpinista è quello che diventa vecchio" e "Si nasce, si vive e si muore, tutto qui...".

Non ebbi più occasione di incontrarlo, fino al 10 giugno 2016, passeggiavo con il mio bambino di sette anni per Madonna di Campiglio in un tiepido pomeriggio assolato, quando ho visto un uomo anziano dal volto familiare, "bianco di antico pelo" direbbe Dante Alighieri, seduto su una panchina. Mi sono avvicinato e ho chiesto "Lei è Cesare Maestri?!!", "Si", mi risponde. Non ho potuto fare a meno di chiedergli di sedermi con lui a parlare un po', delle montagne, delle vicende della vita, dei miei libri sul Brenta, del Campanile Basso... Ci salutiamo con un abbraccio spontaneo, poi si incammina lentamente verso casa.

Nel corso degli anni avevo letto i suoi precedenti libri "E se la vita continua", "Arrampicare è il mio mestiere", "2000 metri della nostra vita", quest'ultimo scritto in coppia con l'adorata moglie Fernanda, e infine da quell'incontro torno a casa con "Dare un senso alla vita", con una sua dedica speciale e non solo...

È difficile recensire un libro di un uomo e un alpinista come Cesare Maestri, uno degli ultimi pilastri dell'alpinismo mondiale che ha fatto storia, uno dei "pilastri del cielo", parafrasando il titolo di un libro di Armando Aste, altro grandissimo scalatore e pilastro esso stesso dell'alpinismo dolomitico. Non si tratta di un semplice libro di racconti di scalate in montagna e di imprese al limite dell'impossibile, di questo Maestri aveva già ben scritto nei suoi precedenti libri. Certo, vi sono raccontati eventi di scalate che hanno segnato la vista di Maestri come alpinista e come uomo, ma sono solo il contorno necessario per capire la persona, l'animo e la vita di un uomo che ha dedicato tutto sé stesso alle cime, alle pareti, alle rocce, ma anche agli amici, ai compagni di cordata, ai bambini e ragazzi che ha accompagnato in montagna e alla sua famiglia.

Da tante avventure e da una lunga vita passata ad arrampicare ne è uscito un libro che ripercorre un'intera esistenza tramite il ricordo delle persone più care e tramite le parole di alcune di esse rivolte a Maestri stesso. Sfilano nei ricordi personaggi come Gino Pisoni, che lo iniziò all'arrampicata, Marino Stenico, Walter Bonatti, Bruno Detassis, Riccardo Cassin, Cesarino Fava, Dino Buzzati, Armando Aste, Carlo Claus, Claudio Zeni, Franco Giovannini, Giulio Gabrielli. Ma anche i suoi familiari, la madre e il padre, il fratello e la sorella, la moglie Fernanda, il figlio Gian e la nipote Carlotta, che emerge come un amato appiglio su cui continuare a sorreggere la propria vita.

Un viaggio introspettivo che emerge fra le righe dei racconti e dei ricordi, fra le spiegazioni di alcune scelte (come le salite al Cerro Torre e allo Shisha Pangma), fra le lettere ai compagni di cordata, gli scritti dei "clienti" sul libretto di Guida Alpina, le lettere degli amici e scalatori che hanno accompagnato Cesare Maestri nella sua lunga vita, sia come alpinista che, soprattutto, come uomo. Ed è questo il significato e il senso che emerge da un vero e proprio testamento spirituale del genere sull'alpinismo, come sottolineato nella post-fazione di Spiro dalla Porta Xydias: "... il ritratto vivo e travolgente di un uomo che sa e che non teme di scrivere di sé stesso e che ci offre lo specchio, insieme personale ed epocale, di un momento grande di quell'attività particolare, nobile e trascendente che è sempre stato ed è tuttora l'alpinismo."

Ripensando alle innumerevoli scalate giovanili di Cesare Maestri e guardandolo negli occhi oggi torna in mente quel suo monito "si nasce, si vive e si muore, tutto qui...", è così per tutti, ma qualcuno ha il privilegio di non morire mai, anche quando questo momento inevitabile arriverà: non nel ricordo che ha scolpito in chi lo ha conosciuto, anche solo leggendone la vita in un libro come questo; non muore ogni volta che si alzano gli occhi verso una parete rocciosa su cui ha aperto una via e se ne pronuncia il nome o finché chi lo ama parla di lui.

È forse questo il senso e il significato più grande che mi lascia questo scritto: la semplicità e, nel contempo, complessità fisica, intellettiva ed emotiva della vita che possediamo una sola volta e che va vissuta a fondo e con intensità, donando qualcosa di sé agli altri, magari aiutandoli a progredire come fa un capo cordata con il suo compagno, e lasciando di sé un ricordo non solo e non tanto per quanto si è fatto o detto, ma per l'amore che in qualsiasi modo si è riusciti a esprimere, per un amico, una moglie, un figlio, una nipote, una Montagna...

Dalle parole dell'autore:

"... Sono sempre stato assertore del principio secondo il quale ogni alpinista dovrebbe essere libero di andare in montagna come più gli aggrada: di giorno o di notte, con i chiodi o senza, per trovare Dio o negarlo, per conforto o sconforto. Così facendo avremmo tante forme di alpinismo quante sono le persone che vanno per montagne e ogni singola forma non dovrebbe precludere o condizionare le altre. Il sentenziare "quello non è alpinismo solo perché è diverso dal mio" è un gravissimo atto di intolleranza e di presunzione che umilia l'alpinismo intero... Analizzando l'alpinismo ho cercato di scoprire quali fossero i mali che lo insidiano, rendendomi conto che sono gli stessi che insidiano la nostra società e cioè l'intolleranza, l'ignoranza, l'autoritarismo, il bigottismo e la saccenza. Ed oggi, che il limite tra permissivismo e libertà è tanto labile da sconfinare nell'abuso e nell'arbitrio, molte persone per difendere la propria "libertà" dimenticano che essere un uomo libero in mezzo agli schiavi il più delle volte vuol dire essere il loro tiranno. Ed è proprio da questi individui che dobbiamo guardarci, perché chi, in buona o cattiva fede, magari per amore verso l'alpinismo, vorrebbe costringere la disciplina stessa in regole o classismi, non attenta solo alla carica libertaria di questo sport, ma attenta pericolosamente al concetto di libertà per il quale tutti gli uomini di buona volontà si sono battuti e continuano a battersi... Tutti spinti da un unico ideale, fare della società attuale un insieme di uomini con gli stessi diritti e gli stessi doveri. Per questo io ho arrampicato e arrampico."

Cesare Maestri, alpinista e Guida Alpina.

Presentazione del libro da parte di Cesare Maestri:


 Vai alla scheda del libro su IBS
   Condividi su:





SCOPRI LE NOVITA' EDITORIALI SULLA MONTAGNA DI:

Dolomiti di Brenta Dolomiti di Brenta

Libri di montagna

Newsletter

Per ricevere la newsletter periodica del sito inserisci qui il tuo indirizzo e-mail:



Precedenti newsletter >>
Lixada - Giacca da uomo antivento

Giacca antivento idrorepellente, con morbido e caldo rivestimento interno, per attività invernali all'aperto. Polsini stretti con chiusura a nastro regolabile; collare e cappuccio regolabile e staccabile che garantiscono una doppia protezione contro il vento; 2 tasche zip, 1 tasca nastrata zip esterna, 1 tasca interna per portafoglio, cellulare e altri oggetti di valore.


Proposta per Guide Alpine e Accompagnatori di Media Montagna


23/01/2020 - ORTOVOX a ISPO 2020
Ortovox compie 40 anni: il design cambia, i valori restano.


22/01/2020 - ISPO Award a Salewa per la tecnologia responsive
Salewa presenta l'innovativa tecnologia responsive che si aggiudica subito un ISPO Gold Award con il nuovo scarponcino Mountain Trainer 2 Winter GTX


17/01/2020 - La Sportiva ad ISPO tra sostenibilita e innovazione
Secondo bilancio di sostenibilità per l'azienda trentina


15/01/2020 - Sicuri sulla neve 2020
Giornata nazionale di prevenzione degli incidenti tipici della stagione invernale


18/12/2019 - CMP e Dryarn presentano le felpe 4-Way
Performance e stile all'insegna degli sport invernali outdoor


18/12/2019 - Salvataggio relazioni vie normali
Aggiunta la funzionalità di salvataggio delle relazioni per gli scalatori iscritti al sito


09/12/2019 - Test della Giacca Salomon Haloes Down Hoodie
Calore e leggerezza in una giacca che protegge dal freddo e dal vento


27/11/2019 - Salewa Green Friday 2019
L'impegno di Salewa per un pianeta con meno plastica


27/11/2019 - Milano Mountain Film Festival 2019
Dal 27 al 30 novembre a Milano, Sala Gregorianum - Ore 20.45


11/11/2019 - Festival delle foreste 2019
Dal 11 al 15 novembre a Bergamo


06/11/2019 - Presentazione del Festival delle foreste 2019
Conferenza stampa di presentazione dell'evento cinematografico dedicato alle foreste


25/10/2019 - Archeologia di montagna in Busa delle Vette
Il 25 ottobre a Feltre una conferenza stampa e una serata per presentare i risultati di 5 anni del progetto UpLanD


21/10/2019 - Progetto LIFE WolfAlps EU
Obiettivo convivenza uomo-lupo a livello alpino


15/10/2019 - Top 15 scalatori
Di nuovo in home page l'elenco dei principali scalatori che inseriscono relazioni di scalate


08/10/2019 - Come scegliere un casco
Modelli Salewa da alpinismo e da sci


Primo Piano

Solo granito - Vol. 1

Solo granito - Vol. 1

Solo granito - Vol. 2

Solo granito - Vol. 2

Monte Baldo Rock

Monte Baldo Rock

Arrampicare - Dolomiti Nord Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Nord Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Sud-Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Sud-Occidentali

Wild Dolomiti

Wild Dolomiti

Ferrate dell'Alto Garda

Ferrate dell'Alto Garda

Prealpi Lombarde Centrali

Prealpi Lombarde Centrali

Il grande libro dei 4000

Il grande libro dei 4000

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 1

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 1

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 2

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 2

Alta Valsesia

Alta Valsesia

Dolomiti

Dolomiti

Parco d'Abruzzo

Parco d'Abruzzo

Il Terminillo e i Monti Reatini

Il Terminillo e i Monti Reatini

I 2000 dell Appennino

I 2000 dell Appennino


VieNormali consiglia

APP Idea Montagna:
Download Apple Store
Download Google Play Store
Scarica singoli itinerari di montagna
o libri interi sul tuo cellulare o tablet!

Libri di montagna Idea Montagna Editoria e Alpinismo

Libri di montagna Versante Sud

Libri di montagna Iter Edizioni

Libri di montagna ViviDolomiti

Carte escursionistiche e libri Geo4Map

Dolomiti.it - Portale sulle Dolomiti

Save the Children Italia Onlus Climb for life T-shirt Climbers against cancer