Informativa Cookie: questo sito utilizza cookie tecnici propri necessari al suo funzionamento e cookie di profilazione di terze parti per visualizzare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dagli utenti nella navigazione in rete. Si invita a leggere la Cookie Policy in cui sono presenti le informazioni sui cookie utilizzati dal sito, su quali informazioni vengono raccolte e le istruzioni su come negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. La prosecuzione della navigazione mediante accettazione dei cookie, chiusura di questo banner informativo, accesso ad altra area del sito, selezione di un elemento dello stesso sottostante questo banner (ad esempio di una immagine o di un link) o scorrimento della pagina verso il basso comporta l'automatica prestazione del consenso a utilizzare i cookie.

In conformità al provvedimento del Garante della Privacy del 8 maggio 2014, G.U. n. 126 del 3/6/2014, attuazione della Dir. UE sui cookie 2009/136/CE
OKNon accetto i cookie

VieNormali.it
Home | Mappa del sito | Gruppo VN | Shopping | Guide di montagna | Ordini   VieNormali su Facebook   Canale You Tube VieNormali   Instagram VieNormali  

Accedi al sito   Registrati al sito   

   
Gruppi Montuosi
Legenda gruppi...

Cerca la cima:
 

Filtri di ricerca >>

Alpi Occidentali:
 
Alpi Centrali:
 
Alpi Orientali:
 
Prealpi:
 
Appennino:
 
Alpi Estere:
 
Quota:
 


FILM DI MONTAGNA - SOLO DI CORDATA



Solo di cordata Esplorando Renato Casarotto: un fedele ritratto filmico del fortissimo scalatore solitario che ne ripercorre le più famose imprese alpinistiche e racconta la profonda ricerca interiore.

Probabilmente definire soltanto "alpinista" una persona come Renato Casarotto significa limitarne la dimensione umana e lo spessore esistenziale, perché egli non era solo un alpinista, un salitore di montagne, uno scalatore che con le sue imprese visionarie e scalate solitarie al limite dell'impossibile ha anticipato i tempi e aperto la strada a generazioni di alpinisti. Generazioni che spesso non sanno neanche chi fosse e cosa avesse fatto e magari si ritrovano per caso a seguirne i passi, più nel concetto di scalata solitaria che nelle vie da lui aperte, alcune delle quali rimaste irripetute a distanza di 40 anni...
Casarotto non era solo un alpinista, era un uomo come pochi ne sono esistiti fra quelli che hanno calcato le vette, un uomo che ha saputo rendere tangibile e profondo quel concetto sfuggente per cui salire in alto non è altro che uno scendere in basso, dentro sé stessi, per conoscersi, per capirsi, per scoprire la propria vera identità, per compiere un viaggio di esplorazione, scoperta e infine conoscenza della propria più intima essenza umana.
Di grandi alpinisti di tutti i tempi si è scritto di tutto, nell'Olimpo dell'alpinismo mondiale dominano da sempre e per sempre nomi come Comici, Cassin, Bonatti, Castiglioni, Detassis, Gervasutti, Messner, Kukuczka e tanti altri senza fare torto a quelli non nominati, ma troppo spesso ci si dimentica di un inarrivabile come Casarotto. Forse perché negli anni in cui ha fatto balzare in avanti l'alpinismo solitario, in particolare invernale, non c'era chi poteva stargli dietro, forse perché non ha avuto (o voluto avere) quell'appiglio di marketing tale da pubblicizzare le sue imprese per essere acclamato come altri suoi contemporanei. Ma non era quello il motivo che lo spingeva sulle durissime vie che ha aperto sulle pareti del mondo, non gli interessava. La scalata era solo un mezzo per capire sé stesso, per compiere un viaggio introspettivo e interiore al limite delle percezioni fisiche e sentirsi libero nello splendore della natura selvaggia.

E' questo che emerge dalla visione dello splendido film documentario Solo di cordata sapientemente realizzato dal regista Davide Riva: un fedele ritratto filmico che ripercorre la vita e le imprese alpinistiche più famose di Renato Casarotto, anche grazie a preziosi materiali di repertorio inediti, come i racconti e le lettere di Roberto Mantovani e alle cassette registrate da Casarotto durante le sue scalate per memorizzare le sue sensazioni, da cui riemerge a distanza di tanti anni, emozionante, la voce dell'alpinista e dell'uomo Casarotto. Ma anche le testimonianze di altri amici, compagni di cordata e alpinisti che lo hanno conosciuto e che con lui hanno scalato, come lo stesso Mantovani e Maurizio "Manolo" Zanolla, Alessandro Gogna, Renzino Cosson, Piero Radin, Giacomo Albiero, Alberto Peruffo. E poi la voce di Goretta Traverso, compagna di vita e di scalate, colei che ha vissuto vicino a Renato nelle eterne attese ai campi base durante le sue scalate, che lo ha accompagnato su tante vette, lei prima donna italiana a salire un 8000, il Gasherbrum II.

Renato-Casarotto
(foto Renato Casarotto)

Un film che racconta la ricerca umana di un uomo straordinario, nel senso etimologico del termine "extra-ordinario", al di fuori dell'ordinario appunto. Una raccolta di immagini e pensieri sconosciuti che gettano luce sulla complessità umana e l'eclettismo di un uomo che ha compiuto imprese "extra-ordinarie", molte delle quali ancora oggi insuperate e mai ripetute, come l'eterna, difficile e pericolosa via sulla parete nord dello Huascarán, da lui aperta in solitaria nel 1977 dopo 17 giorni di arrampicata assistito soltanto dalla moglie Goretta al campo base. Nel 1979 in Patagonia salì in solitaria il pilastro nord del Fitz Roy; nel 1982 compie un concatenamento inimmaginabile fino ad allora, il Trittico del Frêney, un concatenamento in solitaria invernale di tre vie impegnative nel bacino del Frêney, senza averle scalate in precedenza: la Via Ratti-Vitali sulla parete ovest dell'Aiguille Noire de Peutèrey, la Via Gervasutti-Boccalatte al Picco Gugliermina e la Via Bonington al Pilone Centrale del Freney, con discesa dalla vetta del Monte Bianco in mezzo a una bufera lungo il versante francese a lui ignoto. Tra il 30 dicembre 1982 e il 9 gennaio 1983 salì in solitaria la il difficile Diedro Cozzolino sulla parete nord del Piccolo Mangart di Coritenza, nelle Alpi Giulie; nel 1984 scala il Monte McKinley per la cresta sud-est (soprannominata The ridge of no return), in un funambolico percorso fra pericolose e labirintiche cornici di neve pericolanti; nel 1985, in prima invernale solitaria, ripete la Via Gervasutti sulla parete est delle Grandes Jorasses; sempre nel 1985 sale il Gasherbrum II insieme alla moglie Goretta Traverso.
Poi, il 16 luglio 1986 il triste epilogo di tanta esplosiva carriera alpinistica: affronta lo sperone sud ovest del K2, attraverso una via tentata da una spedizione francese nel 1979 (più volte confusa con la cosiddetta Magic line). Scala tutta la via in solitaria fino a soli 300 metri dalla vetta, ormai sui pendii di neve sommitali, ma preferisce rinunciare a raggiungere la cima a causa di un cambiamento delle condizioni atmosferiche. Ripercorre la via in discesa, di fatto un'ulteriore impresa, ma a soli 20 minuti dal campo base il cedimento di un ponte di neve lo fa precipitare in un crepaccio profondo 40 metri. Riesce a dare l'allarme via radio ed è raggiunto dagli italiani del gruppo di Quota 8000, che ne seguivano la discesa da lontano con il binocolo e lo avevano visto scomparire nel crepaccio. Ancora vivo, ma ferito gravemente, viene riportato in superficie, tenta qualche passo, ma quasi subito si accascia sul suo zaino, morendo poco dopo per le numerose emorragie interne, tra le braccia di Gianni Calcagno. Viene tumulato in un crepaccio sulla montagna. Nel 2003, dopo 17 anni, il lento scorrere del ghiacciaio ne ha restituito le spoglie, rinvenute da un gruppo di scalatori del Kazakistan che hanno provveduto a trasportarlo al Memorial Gilkey.

Renato-Casarotto
(Renato Casarotto e Goretta Traverso - foto montura.it)

Il film di Davide Riva tenta di svelare il pensiero e le sensazioni di Casarotto, raccontando cosa succede all'animo umano quando, penetrando in solitudine nella primordialità del mondo naturale, arriva a confrontarsi con l'origine. Il tutto con un montaggio davvero coinvolgente, con un inizio che fa comprendere che si è di fronte al principio di una storia misteriosa, celata nelle bobine di vecchi filmati, nei diari scritti dall'alpinista, nelle cassette in cui ha registrato la sua voce. Poi pian piano il suo mondo si rivela, con la sapiente sovrapposizione di immagini, filmati, racconti, testimonianze, voci, ricostruzioni di scalate, e l'emozione puramente umana della voce di Renato e Goretta... Un viaggio impregnato di un'intensa spiritualità, che emerge e culmina nella salita solitaria della Ridge of no return, momento profondissimo del film in cui non si possono non sentire dei brividi e porsi delle domande...

Un film frutto di un lungo, importante e prezioso lavoro di ricerca storica che finalmente rende il dovuto onore a un alpinista che forse non ha avuto eguali nella forza, determinazione e introspezione interiore con cui ha affrontato le sue montagne, nonché il giusto ricordo nell'immaginario collettivo dell'alpinismo. E il messaggio finale dello stesso Casarotto, scritto in un biglietto dentro la scatola di una bobina di un nastro con le riprese di una spedizione, trova finalmente il suo compimento: qualcuno è riuscito a capire il suo mondo e lo ha saputo raccontare in 84 minuti di intensa e struggente memoria.

Roberto Ciri - vienormali.it


Renato-Casarotto "Raccontare, parlare, è molto difficile. È sempre duro arrivare così vicino all'essenza della vita e poi, dopo, ritornare indietro e sentirsi imprigionati nelle strettoie del linguaggio, completamente inadeguato a tradurre in simboli i concetti e la totalità dell'esperienza vissuta. Un'esperienza lunga e sofferta che mi ha permesso di capire una verità fondamentale: alla base di tutto, di ogni azione che l'uomo compie, deve esserci sempre l'Amore." (da Oltre i venti del nord - Renato Casarotto)

Solo di Cordata
Renato Casarotto, quando la scalata incontra l'origine.

DVD Video
Durata film: 84 minuti
Contenuti extra: 18 minuti
Libretto interno abbinato al DVD con una serie di prestigiosi scritti che ruotano attorno alla figura di Renato Casarotto e al suo alpinismo: un contributo culturale ulteriore che permette allo spettatore di approfondire ulteriormente la grande ricerca alpinistica e umana di un uomo poliedrico che con la sua vita ha raggiunto una delle più alte vette della sperimentazione umana nella natura.

DVD ordinabile dal sito web di Davide Riva.

È anche possibile vedere il film in streaming online su https://vimeo.com/ondemand/ - Link a cui si può accedere dal sito alla sezione Guarda il film.

   Condividi su:





SCOPRI LE NOVITA' EDITORIALI SULLA MONTAGNA DI:

Newsletter

Per ricevere la newsletter periodica del sito inserisci qui il tuo indirizzo e-mail:



Precedenti newsletter >>
Scopri i prodotti alla spirulina Bio Salera

Proposta per Guide Alpine e Accompagnatori di Media Montagna


09/12/2019 - Test della Giacca Salomon Haloes Down Hoodie
Calore e leggerezza in una giacca che protegge dal freddo e dal vento


27/11/2019 - Salewa Green Friday 2019
L'impegno di Salewa per un pianeta con meno plastica


27/11/2019 - Milano Mountain Film Festival 2019
Dal 27 al 30 novembre a Milano, Sala Gregorianum - Ore 20.45


11/11/2019 - Festival delle foreste 2019
Dal 11 al 15 novembre a Bergamo


06/11/2019 - Presentazione del Festival delle foreste 2019
Conferenza stampa di presentazione dell'evento cinematografico dedicato alle foreste


25/10/2019 - Archeologia di montagna in Busa delle Vette
Il 25 ottobre a Feltre una conferenza stampa e una serata per presentare i risultati di 5 anni del progetto UpLanD


21/10/2019 - Progetto LIFE WolfAlps EU
Obiettivo convivenza uomo-lupo a livello alpino


15/10/2019 - Top 15 scalatori
Di nuovo in home page l'elenco dei principali scalatori che inseriscono relazioni di scalate


08/10/2019 - Come scegliere un casco
Modelli Salewa da alpinismo e da sci


08/10/2019 - Mammut partner ufficiale di Milano Montagna Week
Dal 14 al 20 ottobre 2019 Sustainable Outdoor Days e European Outdoor Film Tour


28/09/2019 - La Sportiva Strange Heroes prosegue la web series
Il nuovo episodio di La Sportiva Strange Heroes focalizzato sullo storytelling dell'atleta inglese James Pearson


28/09/2019 - European Outdoor Film Tour 2019-20
Avvincenti storie e avventure dal monto outdoor sul grande schermo


27/09/2019 - Mammut Elements episodio 4 Wanderwalls
Michael Piccolruaz è il protagonista di questo ultimo episodio


10/09/2019 - Action Magazine - Disabili in corsa
Sulla Via Francigena contromano... e contro i pregiudizi


10/09/2019 - Stop alla plastica al Rifugio Quintino Sella
Iniziati i lavori per l’ampliamento del rifugio a 3585 m, obiettivo abbattere l'utilizzo della plastica almeno dell'80%


Primo Piano

Solo granito - Vol. 1

Solo granito - Vol. 1

Solo granito - Vol. 2

Solo granito - Vol. 2

Monte Baldo Rock

Monte Baldo Rock

Arrampicare - Dolomiti Nord Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Nord Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Sud-Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Sud-Occidentali

Wild Dolomiti

Wild Dolomiti

Ferrate dell'Alto Garda

Ferrate dell'Alto Garda

Prealpi Lombarde Centrali

Prealpi Lombarde Centrali

Il grande libro dei 4000

Il grande libro dei 4000

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 1

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 1

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 2

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 2

Alta Valsesia

Alta Valsesia

Dolomiti

Dolomiti

Parco d'Abruzzo

Parco d'Abruzzo

Il Terminillo e i Monti Reatini

Il Terminillo e i Monti Reatini

I 2000 dell Appennino

I 2000 dell Appennino


VieNormali consiglia

APP Idea Montagna:
Download Apple Store
Download Google Play Store
Scarica singoli itinerari di montagna
o libri interi sul tuo cellulare o tablet!

Libri di montagna Idea Montagna Editoria e Alpinismo

Libri di montagna Versante Sud

Libri di montagna Iter Edizioni

Libri di montagna ViviDolomiti

Carte escursionistiche e libri Geo4Map

Dolomiti.it - Portale sulle Dolomiti

Save the Children Italia Onlus Climb for life T-shirt Climbers against cancer