Informativa Cookie: questo sito utilizza cookie tecnici propri necessari al suo funzionamento e cookie di profilazione di terze parti per visualizzare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dagli utenti nella navigazione in rete. Si invita a leggere la Cookie Policy in cui sono presenti le informazioni sui cookie utilizzati dal sito, su quali informazioni vengono raccolte e le istruzioni su come negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. La prosecuzione della navigazione mediante accettazione dei cookie, chiusura di questo banner informativo, accesso ad altra area del sito, selezione di un elemento dello stesso sottostante questo banner (ad esempio di una immagine o di un link) o scorrimento della pagina verso il basso comporta l'automatica prestazione del consenso a utilizzare i cookie.

In conformità al provvedimento del Garante della Privacy del 8 maggio 2014, G.U. n. 126 del 3/6/2014, attuazione della Dir. UE sui cookie 2009/136/CE
OKNon accetto i cookie

VieNormali.it
Home | Mappa del sito | Gruppo VN | Shopping | Area Partner   VieNormali su Facebook   Google+ VieNormali   Canale You Tube VieNormali   RSS Feed VieNormali  

Accedi al sito   Registrati al sito   

   
Gruppi Montuosi
Legenda gruppi...

Cerca la cima:
 

Filtri di ricerca >>

Alpi Occidentali:
 
Alpi Centrali:
 
Alpi Orientali:
 
Prealpi:
 
Appennino:
 
Alpi Estere:
 
Quota:
 



Pizzo Stella - 3163 m


Relazione della salita - Cima n° 652


Via Normale Pizzo Stella
Il versante N e la Via Normale di salita
Regione: Lombardia (SondrioItaliane

Alpi e Gruppo: Alpi Orientali - Alpi Retiche - Gruppo Avers

Provincia: Sondrio

Punto di partenza: Località "Le Soste" (Fraciscio - q. 1440 m)

Versante di salita: N-NW

Dislivello di salita: 1723 m - Totale: 3500 m

Tempo di salita: 5,30 h - Totale: 8,30 h

Periodo consigliato: estate

Punti di appoggio: Rif.Chiavenna (q. 2042 m) tel. 0343.50.490
Tipo di via: Via normale
Tipo di percorso: Traccia con ometti
Difficoltà:   EEA - A - II- - F+ (scala difficoltà)
Attrezzatura:
Valutazione:
Libro di vetta: si
Cartografia: KOMPASS - Val Chiavenna/Bregaglia
Autore: Guido Caironi Profilo di Guido Caironi - Altre salite dell'autore
Data della salita: 18/08/2007
Data pubblicazione: 04/03/2008
N° di visualizzazioni: 34626

Introduzione:

Bell’itinerario classico dell’alpinismo chiavennasco. Non difficile, sotto un profilo tecnico, richiede comunque buone doti di allenamento a capacità di orientamento e va affrontato con la dovuta preparazione ed in condizioni di buon tempo. Scalato ufficialmente per la prima volta nell’anno 1865, il 7 settembre, dalla cordata dell’inglese John Ball, pare però che venne “vinto” già intorno al 1830 da ignoti topografi del Regno Lombardo-Veneto, in esplorazione delle vette più significative della Lombardia. La relazione che qui viene offerta descrive l’itinerario di scalata per la remunerativa via normale.


Accesso:

Avvicinamento automobilistico - Percorrere la Superstrada Milano-Lecco e, da qui, imboccare la superstrada per Colico. Proseguire verso Chiavenna e, nel centro abitato in prossimità di una rotonda, seguire le indicazioni per Campodolcino, Medesimo, passo dello Spluga. Seguire la tortuosa strada per circa 12 km. e, superata la chiesa di Campodolcino, voltare a destra (indicazioni per Fraciscio e Gualdera). Proseguire verso l’abitato di Fraciscio (tralasciare a destra la deviazione per Gualdera) e, seguendo le indicazioni per il rifugio Chiavenna, lasciare l’auto in un ampio slargo al termine della strada carreggiabile (la strada, ora non asfaltata, prosegue ancora per circa 1 km e può essere percorsa solo se in possesso di veicolo a trazione integrale).

Prima parte: Rifugio Chiavenna
Partenza: 1440 m località Le Soste
Arrivo: 2042 m Rifugio Chiavenna
Profilo altimetrico: 650 m circa in ripida salita
Tempo medio di percorrenza: 1 ora e 40’
Tipo ambiente: sentiero alpino
Difficoltà: Turistica
Segnaletica: bandierine rosse e bianche, indicazione segnaletica C3
Recapito rifugio: tel. 0343.50.490, proprietà del C.A.I. Sezione di Chiavenna;
Custode: Sonia Cerfoglia, via Molinanca 27, 23022 Chiavenna (SO), tel. 0343.33.723

Lasciata l’auto si prosegue lungo strada (mulattiera) per circa 1 km, percorrendo il lato destro orografico del torrente Rabbiosa, giungendo dopo circa 20’ di percorso in prossimità dell’inizio del vero e proprio sentiero, immerso tra i larici, imboccabile sulla sinistra. In prossimità di un grosso sasso strapiombante sulla destra del percorso (faccia a monte) ha inizio il vero e proprio sentiero alpino il quale, in circa 1 ora e 20’, accompagnato da ripide balze e numerosi tornanti, conduce infine con un tratto a mezza costa verso destra in prossimità di un ruscelletto. Da qui si intravede la forcella che attraverseremo per immetterci nell’altopiano dell’Alpe Angeloga. Si prosegue su terreno meno impervio, laddove gli arbusti cedono il posto a sempreverdi, prati e "sassoni" e si entra nella bellissima piana dell’Angeloga, solcata al suo centro da un quieto ruscello. In 15’ si giunge al rifugio chiavenna, 2042 m sempre aperto nei mesi estivi. Verso sud è possibile ammirare lo stupendo laghetto dell’Angeloga, popolato da fauna ittica (salmerini). Il tempo medio di questo tratto è stimato in 1 ora e 40’, due ore in completa comodità.


Descrizione della salita:

Seconda Parte: vetta
Quota di partenza: 2042 m (Rifugio Chiavenna)
Quota Cima: 3163 m (Vetta Pizzo Stella)
Profilo altimetrico: 1121 m in continua salita
Tempo medio di percorrenza: 3 ore e 30’ – 3 ore e 45’
Tipo ambiente: ganda, pietraia, cresta
Difficoltà: Alpinistica Facile (F) – brevi tratti in esposizione nel tratto finale e pochi passaggi di I-II° UIAA.
Segnaletica: ometti in pietra, radi bolli arancioni, alcune segnalazioni in vernice bianca.

Aggirato il lago sulla sua sponda orientale (sinistra) si procede su evidente traccia di sentiero verso sud sud-est. A quota 2400 m. circa il percorso piega verso sud (destra) puntando con decisione su ganda verso la cresta Ovest del Pizzo Stella. Si prosegue sull’evidente tracciato (assenza di indicazioni a vernice) sino a passare al di sotto di una parete verticale. Si sbuca su pietraia e si procede sempre più in direzione sud giungendo ad un ampio macereto (erba a stagione inoltrata, fanghiglia o neve ad inizio stagione). Evitare di seguire gli ometti più evidenti (che inducono a pensare che il tragitto percorra un cerchio ampio verso sinistra avvicinandosi al canalone nord del Pizzo) ma procedere sempre verso sud attraversando un gruppo di pietre "arrugginite", per discendere brevemente e guadare il piccolo e torbido ruscello di fusione. Un tempo l’ampio vallone era occupato dalla vedretta dei Morteé, attualmente ne rimangono umili ricordi. Sostanzialmente il percorso compie una lunga diagonale verso destra (direzione sud-ovest). Seguire gli ometti in pietra verso sud sino a quando tracce di sentiero conducono verso sud-est e poi sud in rapida ascesa verso il contrafforte settentrionale della cresta Sud-Ovest, la famosa Cresta del Calcagnolo (a destra, faccia a monte, rispetto ad un tormentato canale di scolo, visibile già dal rifugio alla destra del noto canalone Centrale Nord). A quota 2900 m. circa si piega a sinistra, sempre in forte pendenza e su percorso meno friabile, per raggiungere un piccolo nevaio attraversabile senza alcuna difficoltà. Si prosegue sempre verso sud-sud-est su percorso non sempre obbligato per guadagnare la spalla della Cresta del Calcagnolo (alcuni segni e frecce a vernice arancione aiutano a rinvenire il tracciato in un delicato traverso verso destra con passaggi su roccette di I-II°). Guadagnata la cresta si procede per il suo largo groppone e con decisione verso Est (sinistra), giungendo in breve presso la Croce "Garlaschelli"; risalendo su sfasciumi su percorso ormai facilmente intuibile si giunge infine, in circa 20’, sull’ampio spiazzo della Croce di Vetta.
Tempo stimato di ascesa: 3 ore e 30’, 3 ore e 45’.


Discesa:

Terza parte: discesa
Partenza: vetta, 3163 m
Arrivo: auto e parcheggio, località di Soste, 1440 m
Profilo Altimetrico: discesa con dislivello complessivo di circa 1725 m
Tempo medio di percorrenza: 2 ore e 30’ sino al rifugio, 1 ora dal rifugio a Le Soste
Difficoltà: Alpinistica Facile, Turistica (dal Rifugio)

Individuazione del percorso: ripercorrere a ritroso il percorso di salita. Dalla vetta del Pizzo Stella ripercorre a ritroso il tracciato di salita. Prestare molta attenzione a non deviare dal percorso eseguito all’andata in quanto numerose tracce di sentiero o altrettanti ometti potrebbero distogliere l’attenzione inducendo a seguire itinerari differenti. In realtà il percorso non è obbligato ma, convinti che un tracciato già battuto porti maggior sicurezza all’alpinista, è opportuno procedere guardinghi impegnandosi a "ribattere" la via di salita. Paradossalmente, una volta giunti nell’ampio anfiteatro della vedretta dei Morteé, le indicazioni a bolli bianchi, rossi ed ometti, sono molto più visibili che all’andata. Procedere con sicurezza e senza pericoli su traccia di sentiero sino al rifugio Chiavenna e da qui, sempre a ritroso rispetto al percorso di andata, proseguire sino alla propria auto. La discesa richiede 3 ore e 30’ circa.


Note:

A seconda delle condizioni di innevamento invernale può essere presente neve sino a stagione inoltrata. Una piccozza può all´occorrenza divenire utile. Generalmente non sono invece necessari i ramponi.


© VieNormali.it

Via Normale Pizzo Stella - Lago dell´Angeloga
Lago dell´Angeloga

N° voti: 13 - Voto medio: Voto 5 stelle

Dai il tuo voto a questa relazione:

1 stella  2 stelle  3 stelle
                                    
4 stelle  5 stelle
                                
Bandierina
29 scalatori sono stati su questa cima

E tu l'hai salita?
  

Segnala la cima Segnala questa cima ad un amico...

Mappa su Google:




Libri suggeriti sulle Alpi Orientali:


Ultime 10 scalate Ultime 20 scalate...
Elenco scalate Elenco delle scalate...

Guide escursionistiche Guide escursionistiche consigliate:
           >> Arrampicare sportive e moderne in Valtellina, Valchiavenna, Engadina - Guido Lisignoli, Eraldo Meraldi, Andrea Pavan
           >> Solo granito - Mario Sertori e Guido Lisignoli


  


Condividi su:  Share    




OFFERTE ATTREZZATURA E ACCESSORI OUTDOOR

Libri di montagna

Newsletter

Per ricevere la newsletter periodica del sito inserisci qui il tuo indirizzo e-mail:



Precedenti newsletter >>
Primo Piano

Solo granito - Vol. 1

Solo granito - Vol. 1

Solo granito - Vol. 2

Solo granito - Vol. 2

Monte Baldo Rock

Monte Baldo Rock

Arrampicare - Dolomiti Nord Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Nord Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Sud-Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Sud-Occidentali

Wild Dolomiti

Wild Dolomiti

Ferrate dell'Alto Garda

Ferrate dell'Alto Garda

Prealpi Lombarde Centrali

Prealpi Lombarde Centrali

Il grande libro dei 4000

Il grande libro dei 4000

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 1

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 1

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 2

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 2

Alta Valsesia

Alta Valsesia

Dolomiti

Dolomiti

Parco d'Abruzzo

Parco d'Abruzzo

Il Terminillo e i Monti Reatini

Il Terminillo e i Monti Reatini

I 2000 dell Appennino

I 2000 dell Appennino


VieNormali consiglia

Dolomiti.it - Portale sulle Dolomiti

Libri di montagna Idea Montagna Editoria e Alpinismo

Libri di montagna Versante Sud

Libri di montagna Iter Edizioni



Save the Children Italia Onlus Climb for life T-shirt Climbers against cancer