Informativa Cookie: questo sito utilizza cookie tecnici propri necessari al suo funzionamento e cookie di profilazione di terze parti per visualizzare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dagli utenti nella navigazione in rete. Si invita a leggere la Cookie Policy in cui sono presenti le informazioni sui cookie utilizzati dal sito, su quali informazioni vengono raccolte e le istruzioni su come negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. La prosecuzione della navigazione mediante accettazione dei cookie, chiusura di questo banner informativo, accesso ad altra area del sito, selezione di un elemento dello stesso sottostante questo banner (ad esempio di una immagine o di un link) o scorrimento della pagina verso il basso comporta l'automatica prestazione del consenso a utilizzare i cookie.

In conformità al provvedimento del Garante della Privacy del 8 maggio 2014, G.U. n. 126 del 3/6/2014, attuazione della Dir. UE sui cookie 2009/136/CE
OKNon accetto i cookie

VieNormali.it
Home | Mappa del sito | Gruppo VN | Shopping | Guide di montagna | Ordini   VieNormali su Facebook   Canale You Tube VieNormali   Instagram VieNormali  

Accedi al sito   Registrati al sito   

   
Gruppi Montuosi
Legenda gruppi...

Cerca la cima:
 

Filtri di ricerca >>

Alpi Occidentali:
 
Alpi Centrali:
 
Alpi Orientali:
 
Prealpi:
 
Appennino:
 
Alpi Estere:
 
Quota:
 



Madom da Sgióf - 2265 m


Relazione della salita - Cima n° 3487


Via Normale Madom da Sgióf

Lungo la cresta NE del Madom da Sgióf
Regione: Estero (EsteroSvizzere

Alpi e Gruppo: Alpi Occidentali - Alpi Lepontine - Gruppo Verzasca

Provincia: Estero

Punto di partenza: Brione Verzasca, frazione Piee (q. 740 m)

Versante di salita: NE

Dislivello di salita: 1600 m - Totale: 3200 m

Tempo di salita: 4,15 h - Totale: 7,15 h

Periodo consigliato: da metà giugno a metà ottobre

Punti di appoggio: Nessuno
Tipo di via: Via normale
Tipo di percorso: Sentiero segnato
Difficoltà:   EE (scala difficoltà)
Attrezzatura:
Valutazione:
Libro di vetta: si
Cartografia: CARTA NAZIONALE DELLA SVIZZERA N. 1292 – Maggia 1:25000
Autore: Piero V.  Profilo di Piero V. - Altre salite dell'autore
Data della salita: 24/06/2021
Data pubblicazione: 28/06/2021
N° di visualizzazioni: 1189
N° voti: 0

Dai il tuo voto a questa relazione:

1 stella  2 stelle  3 stelle
                                    
4 stelle  5 stelle
                                
Bandierina
1 scalatore è stato su questa cima

E tu l'hai salita?
  

Segnala la cima Segnala questa cima ad un amico...


Guide Alpine e Accompagnatori di Media Montagna disponibili per questa cima:


Vai all'elenco completo delle Guide Alpine/Accompagnatori di Media Montagna

Guarda tutte le proposte delle Guide Alpine/Accompagnatori di Media Montagna


Introduzione:

“Quali grandiosi scenari selvaggi portano a conoscere i vari sentieri che si snodano lungo questo versante della Val Verzasca. Da ogni anima sensibile non può che scaturire un vivido sentimento di riconoscenza verso chi seppe tracciarli” – riporta Giuseppe Brenna, nella Guida delle Alpi Ticinesi, volume 2.
In effetti si tratta di straordinari e arditi sentieri che serpeggiano nei boschi, aggirano rupi e canaloni, traversano ai piedi delle cascate e risalgono alti pascoli; che ci consentono, dove il bosco è più rado, di ammirare proprio di fronte uno spettacolo unico, grandioso, la stupenda cattedrale rocciosa formata dal Poncione d’Anasca e dalla Föpia, di immense proporzioni, che si eleva dal fondovalle con un dislivello di circa 1700 metri. Stupenda è la Val Verzasca.
La nostra meta finale, il Madom da Sgióf, è un’ elegante piramide rocciosa, posizionata sulla catena che divide la Valle Maggia dalla Val Verzasca. È formata da tre creste, la SSW, la NW ed infine la NE, dove si svolge l’itinerario proposto. Il sentiero, ottimamente riportato sulla CNS, è segnalato con bandierine di colore bianco-rosso-bianco e cartelli, fino in vetta ed è quindi alla portata di ogni escursionista esperto. L’ascesa è comunque da evitare in caso di brutto tempo, in quanto i torrenti da attraversare possono ingrossarsi repentinamente e parecchio.


Accesso:

Dall’autostrada Como - Chiasso – San Gottardo si esce allo svincolo di Bellinzona Sud, dove si imbocca la strada cantonale per Locarno. Si prosegue per un lungo tratto seguendo sempre le indicazioni per Locarno e si arriva alla grande rotonda presente nei pressi dell’aeroporto di Magadino. Qui si prende la prima uscita per Gordola e Valle Verzasca e giunti a Gordola si prende la deviazione che sale nella valle. Si oltrepassa Vogorno, Lavertezzo e si arriva a Brione Verzasca.
All’inizio del lungo rettilineo che precede quest’ultimo paese, si trova la piccola frazione di Piee, dove c’è la possibilità di lasciare l’auto in diversi parcheggi, tutti a pagamento. Presso i chioschi ed esercizi pubblici di tutta la valle si può acquistare la parking card, frs 10 per un giorno.


Descrizione della salita:

Dalla frazione Piee si imbocca, in direzione SSE il sentiero segnalato che riporta: Sentiero Piè e le indicazioni per Màtar e Madom da Sgióf. Inizialmente si sale una gradinata di fianco alla strada, poi si prosegue sulla destra. Ad un primo bivio si prende a sinistra e si sale nel bosco. In breve si arriva ai prati dove sorgono le belle baite di Pianèsc (q. 819 m). Dalle baite si continua diritti per prati e si entra di nuovo nel bosco.
Inizia ora una lunga e ripida ascesa, si passa dalla (q. 1199 m) e si arriva al Màtar (q. 1304 m), sull’orlo di un profondo precipizio, dove scorre il Valegg di Gann. Da qui il sentiero scende per una quarantina di metri di dislivello, attraversa un canalone incassato, quasi sempre in secca, poi si alza per una decina di metri, quindi riprende a scendere per un breve tratto. Poco più avanti si attraversa un corso d’acqua e subito dopo c’è un bivio segnalato.
A destra si sale alla Capanna Starlarèsc (bandierine di colore bianco-azzurro-bianco), noi proseguiamo a sinistra, seguendo i segnavia di colore bianco-rosso-bianco. Inizia ora una lunga traversata ascendente in direzione SE. Si attraversa quasi subito un torrente sotto una cascata e successivamente un secondo, sempre sotto un’altra cascata. I segnavia ci portano poi ad aggirare a sinistra la (q. 1886 m), all’inizio della cresta NE della nostra montagna.
Anche in questo aggiramento si perdono circa quaranta metri di dislivello. Al termine di questa discesa ci sono dei cartelli che indicano di proseguire a destra e si va a riprendere il filo della cresta, erboso e largo per un lungo tratto. Successivamente si aggirano a destra alcuni rilievi rocciosi, passando da Motarüch (q. 2011 m), poi si continua sul sentierino che ora si mantiene quasi sempre sul filo della facile cresta NE. Nell’ultimo tratto i segnavia traversano brevemente a sinistra e si arriva in vetta da S.


Discesa:

Si offrono 2 possibilità:
1) come per la salita;
2) per la Cresta NW (vedi anche relazione: Madom da Sgióf – Cresta NW). L’itinerario è interamente segnalato, facile (EE) fin verso (q. 1600 m) sotto il Lago del Starlaresc da Sgióf. Da questa quota fino al bivio con il sentiero di salita (il bivio che si trova poco più avanti di Màtar), bisogna prestare attenzione perché il sentiero è ripido e in alcuni passaggi attrezzato (EE+).
Dalla vetta si seguono i segnavia di colore bianco-rosso-bianco che inizialmente portano a scendere la cresta SSW. Quaranta metri sotto la vetta il sentiero traversa a destra (nord) e va a prendere la cresta NW. Si scende quasi sempre a sinistra del filo della cresta, senza difficoltà, fino ad arrivare al Passo Deva (q. 2036 m). Da qui si imbocca il sentiero segnalato che scende al Lago del Starlaresc da Sgióf e alla vicina Capanna Starlarèsc (q. 1875 m, sulla CNS è riportato Corte di Starlarèsc).
Dalla capanna abbiamo 2 possibilità.
La prima è di risalire su sentiero segnalato fino alla località Motarüch (q. 2011 m) e poi di seguire ritroso l’itinerario di salita.
La seconda è di imboccare il sentiero, con segnavia bianco-azzurro-bianco (sentiero alpino impegnativo) con le indicazioni per Màtar e Brione Verzasca. Il sentiero scende inizialmente verso N, poi NE. Alcuni facili passaggi sono attrezzati con pioli metallici, corde fisse, catene e scale in legno, ma fin verso (q. 1500 m) è assolutamente facile. Poi bisogna prestare un po’ di attenzione, in particolare sotto il guado del torrente.
In questo tratto si scende poco a sinistra della profonda gola del torrente e il sentiero in alcuni punti è un poco esposto. Ad ogni modo i gradini rocciosi sono sempre attrezzati, ma anche un po’ umidi e si scende fino al bivio con il sentiero utilizzato per l’ascesa. Tale bivio si trova poco prima di iniziare la breve risalita che conduce al Màtar. Poi si segue ritroso l’itinerario di salita.


Note:

Ulteriori informazioni o immagini di questa o di altre ascensioni da me effettuate e presenti su vie normali.it, possono essermi richieste all’indirizzo email: vardinellipiero@gmail.com


© VieNormali.it

Via Normale Madom da Sgióf - I cartelli indicatori alla partenza
Via Normale Madom da Sgióf - Stupendo panorama sul Poncione d’Alnasca e Föpia, dai pressi di Màtar
Via Normale Madom da Sgióf - Gli ultimi cento metri della cresta NE
I cartelli indicatori alla partenza Stupendo panorama sul Poncione d’Alnasca e Föpia, dai pressi di Màtar Gli ultimi cento metri della cresta NE

Zoom immagini: passare col mouse sopra le immagini per vedere un ingrandimento (attendere il completo caricamento della pagina).

Revisione: relazione rivista e corretta il 28/06/2021 dalla redazione di VieNormali.it

  



Trekking del Sassolungo



Carte escursionistiche sulle Alpi Occidentali:



Ultime 10 scalate Ultime 20 scalate...
Elenco scalate Elenco delle scalate...


Condividi su:




SCOPRI LE NOVITA' EDITORIALI SULLA MONTAGNA DI:

Dolomiti di Brenta Dolomiti di Brenta

Libri di montagna

Link sponsorizzati, in qualità di Affiliato Amazon vienormali.it riceve un guadagno dagli acquisti idonei.

EDELRID Shield II
EDELRID Casco da Arrampicata Shield II
Deuter Guide 30
Deuter Guide 30


Proposta per Guide Alpine e Accompagnatori di Media Montagna


Primo Piano

Solo granito - Vol. 1

Solo granito - Vol. 1

Solo granito - Vol. 2

Solo granito - Vol. 2

Monte Baldo Rock

Monte Baldo Rock

Arrampicare - Dolomiti Nord Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Nord Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Sud-Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Sud-Occidentali

Wild Dolomiti

Wild Dolomiti

Ferrate dell'Alto Garda

Ferrate dell'Alto Garda

Prealpi Lombarde Centrali

Prealpi Lombarde Centrali

Il grande libro dei 4000

Il grande libro dei 4000

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 1

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 1

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 2

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 2

Alta Valsesia

Alta Valsesia

Dolomiti

Dolomiti

Parco d'Abruzzo

Parco d'Abruzzo

Il Terminillo e i Monti Reatini

Il Terminillo e i Monti Reatini

I 2000 dell Appennino

I 2000 dell Appennino


VieNormali consiglia

Sampaoli Creazioni

Libri di montagna Idea Montagna Editoria e Alpinismo

Libri di montagna Versante Sud

Libri di montagna Iter Edizioni

Libri di montagna ViviDolomiti

Carte escursionistiche e libri Geo4Map



Save the Children Italia Onlus Climb for life T-shirt Climbers against cancer