Informativa Cookie: questo sito utilizza cookie tecnici propri necessari al suo funzionamento e cookie di profilazione di terze parti per visualizzare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dagli utenti nella navigazione in rete. Si invita a leggere la Cookie Policy in cui sono presenti le informazioni sui cookie utilizzati dal sito, su quali informazioni vengono raccolte e le istruzioni su come negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. La prosecuzione della navigazione mediante accettazione dei cookie, chiusura di questo banner informativo, accesso ad altra area del sito, selezione di un elemento dello stesso sottostante questo banner (ad esempio di una immagine o di un link) o scorrimento della pagina verso il basso comporta l'automatica prestazione del consenso a utilizzare i cookie.

In conformità al provvedimento del Garante della Privacy del 8 maggio 2014, G.U. n. 126 del 3/6/2014, attuazione della Dir. UE sui cookie 2009/136/CE
OKNon accetto i cookie

VieNormali.it
Home | Mappa del sito | Gruppo VN | Shopping | Guide di montagna | Ordini   VieNormali su Facebook   Canale You Tube VieNormali   Instagram VieNormali  

Accedi al sito   Registrati al sito   

   
Gruppi Montuosi
Legenda gruppi...

Cerca la cima:
 

Filtri di ricerca >>

Alpi Occidentali:
 
Alpi Centrali:
 
Alpi Orientali:
 
Prealpi:
 
Appennino:
 
Alpi Estere:
 
Quota:
 



Pizzo di Rodes - da Nord - 2831 m


Relazione della salita - Cima n° 3343


Via Normale Pizzo di Rodes - da Nord

Il Pizzo di Rodes ripreso da NE, dalla Punta di Santo Stefano
Regione: Lombardia (SondrioItaliane

Alpi e Gruppo: Prealpi - Prealpi Lombarde - Gruppo Alpi Orobie

Provincia: Sondrio

Punto di partenza: Rifugio Alpini di Piateda, Alle Piane (q. 1530 m)

Versante di salita: N

Dislivello di salita: 1300 m - Totale: 2600 m

Tempo di salita: 3,45 h - Totale: 7,00 h

Periodo consigliato: da metà luglio a metà ottobre

Punti di appoggio: Rifugio Alpini di Piateda (q. 1530 m)
Tipo di via: Via normale
Tipo di percorso: Traccia e roccette, passaggi su roccia
Difficoltà:   EE (scala difficoltà)
Attrezzatura:
Valutazione:
Libro di vetta: si
Cartografia: KOMPASS N. 104 – Alpi Orobie Bergamasche 1:50000
Autore: Piero V.  Profilo di Piero V. - Altre salite dell'autore
Data della salita: 12/10/2019
Data pubblicazione: 15/10/2019
N° di visualizzazioni: 526
N° voti: 1 - Voto medio: Voto 5 stelle

Dai il tuo voto a questa relazione:

1 stella  2 stelle  3 stelle
                                    
4 stelle  5 stelle
                                
Bandierina
1 scalatore è stato su questa cima

E tu l'hai salita?
  

Segnala la cima Segnala questa cima ad un amico...


Guide Alpine e Accompagnatori di Media Montagna disponibili per questa cima:


Vai all'elenco completo delle Guide Alpine/Accompagnatori di Media Montagna

Guarda tutte le proposte delle Guide Alpine/Accompagnatori di Media Montagna


Introduzione:

Vetta dalle linee eleganti, situata al vertice di lunghe e articolate creste. La posizione isolata e decentrata verso N rispetto alla catena principale e l’altezza considerevole, la rendono un belvedere giustamente rinomato. Il panorama di vetta sui tremila del gruppo ma più in generale su tutte le maggiori vette orobiche è veramente eccezionale, molto interessante anche quello sulla dorsale retica Corna Mara - Cime di Rogneda - Vetta di Ron – Punta Vicima – Pizzo Calino, mentre all’orizzonte lontano sfilano gran parte delle vette dell’Arco Alpino, dal Monte Rosa e l’Oberland Bernese ad W fino all’Adamello ad E.
La via normale da Nord, proposta qui di seguito, ricalca in buona parte il frequentato itinerario sci alpinistico e non presenta difficoltà particolari o esposizione, inoltre è segnalata con cartelli, segnavia ed ometti di pietre, fino in vetta.


Accesso:

Provenendo da Morbegno, al termine della tangenziale di Sondrio si prende la strada per Piateda e seguendo i cartelli si sale a Piateda Alta, Pam e Previsdomini. Giunti ad un incrocio, si tralascia la strada a destra per Vedello, Agneda e Ambria e si prosegue a sinistra per Piateda Alta, Gaggio, Le Piane 12 km. Si oltrepassa la bella chiesa di Piateda Alta e dopo alcuni tornanti si arriva alla località Dosso del Sole, dove ad un bivio si prende a sinistra per Le Piane. La strada diventa poi sterrata e per potervi accedere bisogna munirsi di permesso presso il Bar Luna o il Bar Centro di Piateda (€ 5,00). Ad ogni modo, si prosegue lungo la stradina con diversi tornanti giungendo infine alle case della località Le Piane. Poco più avanti, ad un tornante sinistrorso, si tralascia la deviazione a destra per Lemmarsc (Legnomarcio) e si sale fino alla larga distesa prativa e al piazzale di fronte al Rifugio Alpini di Piateda, dove si parcheggia.


Descrizione della salita:

Dal piazzale antistante il rifugio si imbocca una carrareccia che si alza per prati in direzione SE. Il cartello posto al suo inizio riporta tra le altre destinazioni: Bocchetta di Santo Stefano 4.00, invero ci si impiega h. 3.45 per giungere in vetta al Pizzo di Rodes, con un passo decisamente normale. Più avanti la pista si trasforma in una mulattiera che entra nel bosco con un percorso un poco altalenante. Poi, dopo una breve discesa, esce di nuovo all’aperto. Si affronta ora un tratto in lieve discesa sopra una lunghissima passerella in legno, che permette di evitare una zona acquitrinosa e al suo termine si attraversa il torrente Serio sopra un ponticello in legno.
Appena dopo il ponticello, a sinistra c’è l’Alpe Armisola (q. 1627 m), ma i cartelli indicano di svoltare a destra, per Piateda di Sotto e Pizzo di Rodes. Inizialmente il percorso è pianeggiante e su terreno un po’ alluvionale, si passa di fianco ad un grosso masso erratico, poi il sentiero inizia a salire nel rado bosco. I segnavia sono sbiaditi e spesso distanziati, ma la traccia è abbastanza evidente. Si arriva poi in una specie di radura dove le tracce diventano un po’ confuse e i segnavia molto sbiaditi, ma se si presta un poco di attenzione si individua quella che svolta decisamente a sinistra e inizia a salire sempre nel rado bosco, diventando subito ben marcata.
In questo tratto il sentiero è abbastanza ripido e anche un po’ incassato nel terreno sassoso, bisogna quindi prestare attenzione a non scivolare, soprattutto in discesa. Dopo aver risalito il bosco con diverse svolte si esce all’aperto e di fronte, un poco sulla destra e ad una distanza di circa 50 metri, si può già individuare il tetto della Baita Piateda di Sotto (q. 1796 m), che si trova sotto ad una rupe. Con breve percorso pianeggiante e dopo aver attraversato un ramo del torrente, si arriva quindi a questa baita isolata. La traccia prosegue pianeggiante alla sua destra, allo scopo di aggirare la rupe soprastante, poi continua in leggera salita.
Circa 130 metri dopo la baita, il sentiero svolta a sinistra e risale a lungo un ripido dosso con arbusti e radi larici. Al termine di questo rado bosco, dopo un traverso a sinistra, si arriva ad un bivio segnalato da un cartello in legno. Qui si abbandona la traccia pianeggiante a sinistra per il Rifugio Gino e Massimo e si prosegue a destra, in salita sul dosso erboso. Seguendo la traccia che è sempre abbastanza evidente e i segnavia, si risalgono i lunghi dossi del pascolo, sempre in direzione SE. Più in alto, sulla sinistra appare la bella piramide regolare della Punta di Santo Stefano, mentre a destra sono ben evidenti i possenti contrafforti N del Pizzo di Rodes che nascondono la vetta.
Il percorso diventa ora ben individuabile, al punto che si potrebbe anche salire a vista, ma si segue la comoda traccia segnalata che infine conduce alla Bocchetta di Santo Stefano (q. 2378 m). Da questo valico, che si trova alla base della cresta NW della Punta omonima (vedi 1a immagine di dettaglio), si prosegue in direzione SSE, nel largo vallone che separa le due cime precitate, inizialmente con percorso pianeggiante, aggirando i dossi rocciosi. Poi si inizia a salire su terreno detritico, seguendo sempre i segnali rossi che più avanti portano a risalire un ripido pendio a sinistra, allo scopo di aggirare un salto di rocce.
Si prosegue poi verso l’evidente Bocchetta di Reguzzo (q. 2621 m), che divide la cresta SSW della Punta di Santo Stefano da quella NE del Pizzo di Rodes. Una cinquantina di metri prima di raggiungere questo valico, si traversa a destra (bolli rossi) e si va a risalire l’evidente e largo pendio detritico, poco ripido, che permette di aggirare con un percorso a semicerchio da destra verso sinistra, la difficile cresta NE del Rodes. Si arriva quindi in una conca alla base del versante N della nostra montagna, dove c’è una pozza e resti di neve che persistono fino a tarda stagione (q. 2686 m, vedi 2° immagine di dettaglio).
Seguendo ora una labile traccia segnalata con alcuni ometti di pietre, si imbocca una specie di sentierino, elementare, che traversa in obliquo, da sinistra verso destra, il breve versante N della montagna e si arriva sulla cresta N, che è precipite sul versante opposto. Seguendo di nuovo i bolli rossi si prosegue su detriti un poco a sinistra del filo di cresta, si supera un facile gradino roccioso, poi si sale ancora su detriti fino in vetta, senza difficoltà o esposizione.


Discesa:

Come per la salita, ma è consigliabile concatenare la vicina Punta di Santo Stefano per l’aerea cresta SSW, vedi relativa relazione. Fino alla Bocchetta di Reguzzo il percorso è il medesimo per entrambe le vette. Da questa bocchetta alla Punta di Santo Stefano il dislivello è di 76 metri e ci si impiega 20 minuti.


Note:

Il rifugio Alpini di Piateda viene aperto su prenotazione. Tel: 348 72 34 261 opp. 0342 21 90 44 opp. 0342 37 02 21


© VieNormali.it

Via Normale Pizzo di Rodes - da Nord - Immagine ripresa alla Bocchetta di Santo Stefano (q. 2378 m)
Via Normale Pizzo di Rodes - da Nord - L’itinerario, dalla pozza (q. 2686 m)
Via Normale Pizzo di Rodes - da Nord - I colossi orobici, dalla vetta
Immagine ripresa alla Bocchetta di Santo Stefano (q. 2378 m) L’itinerario, dalla pozza (q. 2686 m) I colossi orobici, dalla vetta

Zoom immagini: passare col mouse sopra le immagini per vedere un ingrandimento (attendere il completo caricamento della pagina).

Revisione: relazione rivista e corretta il 15/10/2019 dalla redazione di VieNormali.it

  


Mappa su Google:



Carte escursionistiche sulle Prealpi:



Libri suggeriti sulle Prealpi:


Prealpi Lombarde Centrali  Prealpi Lombarde Occidentali  Prealpi Bresciane  Ferrate in Lombardia e Svizzera   Nel giardino di pietra  Corni di Canzo e Moregallo  Scialpinismo tra Lombardia e Grigioni  Ghiaccio delle Orobie
Ultime 10 scalate Ultime 20 scalate...
Elenco scalate Elenco delle scalate...

Guide escursionistiche Guide escursionistiche consigliate:
           >> Ghiaccio Orobico - Michele Cisana
           >> Arrampicate sportive e moderne fra Lecco e Como - Eugenio Pesci
           >> Alpi Orobie Over 2000 - Vol. 1 - Alessio Pezzotta
           >> Alpi Orobie Over 2000 - Vol. 2
           >> Alpi Orobie Over 2000 - Vol. 3
           >> Prealpi Lombarde Centrali
   Condividi su:




SCOPRI LE NOVITA' EDITORIALI SULLA MONTAGNA DI:

Newsletter

Per ricevere la newsletter periodica del sito inserisci qui il tuo indirizzo e-mail:



Precedenti newsletter >>


Proposta per Guide Alpine e Accompagnatori di Media Montagna


Primo Piano

Solo granito - Vol. 1

Solo granito - Vol. 1

Solo granito - Vol. 2

Solo granito - Vol. 2

Monte Baldo Rock

Monte Baldo Rock

Arrampicare - Dolomiti Nord Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Nord Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Sud-Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Sud-Occidentali

Wild Dolomiti

Wild Dolomiti

Ferrate dell'Alto Garda

Ferrate dell'Alto Garda

Prealpi Lombarde Centrali

Prealpi Lombarde Centrali

Il grande libro dei 4000

Il grande libro dei 4000

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 1

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 1

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 2

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 2

Alta Valsesia

Alta Valsesia

Dolomiti

Dolomiti

Parco d'Abruzzo

Parco d'Abruzzo

Il Terminillo e i Monti Reatini

Il Terminillo e i Monti Reatini

I 2000 dell Appennino

I 2000 dell Appennino


VieNormali consiglia

APP Idea Montagna:
Download Apple Store
Download Google Play Store
Scarica singoli itinerari di montagna
o libri interi sul tuo cellulare o tablet!

Libri di montagna Idea Montagna Editoria e Alpinismo

Libri di montagna Versante Sud

Libri di montagna Iter Edizioni

Libri di montagna ViviDolomiti

Carte escursionistiche e libri Geo4Map

Dolomiti.it - Portale sulle Dolomiti



Save the Children Italia Onlus Climb for life T-shirt Climbers against cancer