Informativa Cookie: questo sito utilizza cookie tecnici propri necessari al suo funzionamento e cookie di profilazione di terze parti per visualizzare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dagli utenti nella navigazione in rete. Si invita a leggere la Cookie Policy in cui sono presenti le informazioni sui cookie utilizzati dal sito, su quali informazioni vengono raccolte e le istruzioni su come negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. La prosecuzione della navigazione mediante accettazione dei cookie, chiusura di questo banner informativo, accesso ad altra area del sito, selezione di un elemento dello stesso sottostante questo banner (ad esempio di una immagine o di un link) o scorrimento della pagina verso il basso comporta l'automatica prestazione del consenso a utilizzare i cookie.

In conformità al provvedimento del Garante della Privacy del 8 maggio 2014, G.U. n. 126 del 3/6/2014, attuazione della Dir. UE sui cookie 2009/136/CE
OKNon accetto i cookie

VieNormali.it
Home | Mappa del sito | Gruppo VN | Shopping | Guide di montagna | Ordini   VieNormali su Facebook   Canale You Tube VieNormali   Instagram VieNormali  

Accedi al sito   Registrati al sito   

   
Gruppi Montuosi
Legenda gruppi...

Cerca la cima:
 

Filtri di ricerca >>

Alpi Occidentali:
 
Alpi Centrali:
 
Alpi Orientali:
 
Prealpi:
 
Appennino:
 
Alpi Estere:
 
Quota:
 



Cima di Pietra Rossa (o Punta di Pietra Rossa) - 3283 m


Relazione della salita - Cima n° 3301


Foto via normale Cima di Pietra Rossa (o Punta di Pietra Rossa) non disponibile Regione: Lombardia (BresciaItaliane

Alpi e Gruppo: Alpi Occidentali - Alpi Retiche - Gruppo Pietra Rossa

Provincia: Brescia

Punto di partenza: Strada per il Passo di Gávia (q. 2440 m)

Versante di salita: N

Dislivello di salita: 1050 m - Totale: 2100 m

Tempo di salita: 5,15 h - Totale: 10,00 h

Periodo consigliato: metà luglio – fine settembre

Punti di appoggio: Bivacco Linge (q. 2289 m)
Tipo di via: Via normale
Tipo di percorso: Traccia e roccette, passaggi su roccia
Difficoltà:   EE - A - II+ - F+ (scala difficoltà)
Attrezzatura:
Valutazione:
Libro di vetta: no
Cartografia: KOMPASS N. 72 – Ortles-Cevedale 1:50000
Autore: Piero V.  Profilo di Piero V. - Altre salite dell'autore
Data della salita: 04/08/2019
Data pubblicazione: 06/08/2019
N° di visualizzazioni: 338
N° voti: 0

Dai il tuo voto a questa relazione:

1 stella  2 stelle  3 stelle
                                    
4 stelle  5 stelle
                                
Bandierina
1 scalatore è stato su questa cima

E tu l'hai salita?
  

Segnala la cima Segnala questa cima ad un amico...


Guide Alpine e Accompagnatori di Media Montagna disponibili per questa cima:


Vai all'elenco completo delle Guide Alpine/Accompagnatori di Media Montagna

Guarda tutte le proposte delle Guide Alpine/Accompagnatori di Media Montagna


Introduzione:

Stupenda piramide rocciosa, si eleva isolata con forme eleganti e attraenti. È sicuramente la cima più bella del gruppo e la seconda per altezza dopo il Monte Sobretta più alto di pochi metri. Da oriente e da N offre il suo lato migliore: la gigantesca parete E alta 600 metri, spettacolare visione che ci accompagnerà dalla partenza e per buona parte dell’avvicinamento. La via normale si svolge lungo l’interessante cresta N che, sebbene sempre abbastanza affilata, presenta un unico passaggio veramente un po’ impegnativo, lungo la cresta S dell’anticima. All’andata questo passaggio lo si affronta in discesa ed è rappresentato da una placchetta di una decina di metri con limitati appigli (II+), molto più semplice comunque da affrontare al ritorno in salita. In definitiva, una bellissima ascensione in un ambiente molto vario, selvaggio e scarsamente frequentato.
Panorama circolare di vetta eccezionale, sia all’orizzonte vicino sui 3000 del proprio gruppo, dal Vallecetta al Sobretta al Savoretta al Monte Gavia e alle cime minori, sia all’orizzonte lontano, sui gruppi dello Scalino, Disgrazia, Bernina, Cima Viola, Piazzi, Ortles-Cevedale, Presanella e Adamello.


Accesso:

Provenendo dal versante valtellinese, si valica il Passo di Gávia e dopo essere scesi 3 o 4 tornanti sul versante bresciano, in corrispondenza di un cartello stradale che indica una curva pericolosa a sinistra e il divieto di superare i 30 km/h, si parcheggia nello slargo posto all’imbocco di una stradina sterrata, segnalata da cartelli escursionistici. Il bivio con questa sterrata è facilmente individuabile, ad ogni modo si trova 150 metri prima di una galleria. La possibilità di parcheggio all’inizio di questa stradina è limitato ad un’unica auto, casomai bisogna cercare qualche altro slargo.


Descrizione della salita:

Dal parcheggio è ben visibile l’intero percorso della stradina che conduce al sottostante Lago Negro (q. 2386 m), dove c’è anche una larga baita. I cartelli posti all’inizio della sterrata riportano tra l’altro queste due indicazioni: Bivacco Linge 0.50, P.so Pietra Rossa 2.50. Si percorre quindi la stradina in leggera discesa e in 5 minuti si arriva al Lago Negro. Si prosegue lungo la sterrata che dapprima aggira l’invaso a S, poi attraversa l’emissario, quindi diventa un sentiero. Seguendo ora i segnavia nel pascolo, si traversa per un buon tratto in direzione WSW con percorso leggermente altalenante.
Poi il sentiero scende con strette svolte un prato ripido e un poco esposto, quindi si supera verso destra una costola rocciosa attrezzata con catene. Di seguito si compie ancora un traverso a mezzacosta e per un facile pendio si scende nella spianata pascoliva dove sorge il Bivacco Linge (q. 2289 m). Ora inizia finalmente la salita, si seguono i segnavia in direzione W, poi NW, lungo i dossi del pascolo. Raggiunto un vastissimo pianoro in parte erboso e in parte detritico a circa (q. 2700 m), i segnavia si spostano sulla destra, sotto le pendici meridionali della Punta Valmazza.
Qui si tralasciando i segnali e si percorre il pianoro sulla sinistra, verso l’evidente e ripido canale che divide il corpo principale della parete E della nostra montagna, da alcuni rilievi sulla destra. Il canale è facilmente individuabile dato che alla base è presente un largo conoide detritico e la bocchetta alla sua sommità è il punto più depresso della cresta N. Si risale questo canale superando un dislivello di circa 230 metri, con un po’ di fatica per via dei detriti spesso instabile ma senza difficoltà. Raggiunta la Bocchetta (q. 2980 m), si scende sul versante opposto per circa 30/40 metri, su terreno ripido ricoperto di terra e fine detrito.
Si approda quindi in una conca spesso innevata che al mattino, con neve dura, richiede almeno l’uso della piccozza. Si traversa ora in direzione S una specie di larghissima cengia, all’inizio ancora nevosa poi detritica, in lieve salita e per circa 200 metri, fino ad individuare un facile e corto canaletto, che si risale da sinistra verso destra. Al di sopra di esso, appena possibile e senza difficoltà, si volge verso sinistra e si rimonta un lungo pendio detritico che conduce su di un tratto pianeggiante della dorsale N. Inizia ora l’entusiasmante percorso di cresta. Si arrampica facilmente lungo il filo, appoggiando spesso a destra, sempre con percorso ben evidente e prestando attenzione alla roccia poco solida negli aggiramenti.
Nel prosieguo si arriva ad una spianata detritica da dove è ben visibile sia l’edificio sommitale dell’anticima sia il rilievo della vetta. Dopo un iniziale tratto largo ed elementare la cresta diventa abbastanza stretta e si prosegue lungo il filo con brevi ed evidenti aggiramenti. In particolare (vedi 2a immagine di dettaglio), un grosso masso di colore rossastro che sbarra la cresta, lo si evita scendendo con un po’ di attenzione alcuni metri a destra e poi si riprende subito il filo aereo.
Più avanti si arriva sull’anticima N, che è di pochi metri più bassa della vetta e dove c’è un piccolo ometto di pietre. Da qui si scende lungo il filo che inizialmente presenta discreti appigli, poi bisogna affrontare il passaggio chiave, la placchetta di II+ citata nell’introduzione, da scendere con attenzione. Da ultimo si arrampica lungo la cresta ripida e un po’ stretta, ma con buoni appigli, che conduce sulla vetta, dove c’è un alto ometto di pietre.


Discesa:

Come per la salita. Da segnalare che dal Bivacco Linge bisogna poi superare 150 metri di dislivello in salita per ritornare al parcheggio.


Note:

Avendo affrontato l’ascesa in solitaria la corda non l’avevo al seguito, ma consiglio di portarla in quanto potrebbe essere utile, in particolare nella discesa della placchetta sotto l’anticima.


© VieNormali.it

Foto non disponibile Foto non disponibile Foto non disponibile
Immagine ripresa da E, dall’itinerario di salita Sulla cresta N Panorama di vetta, in rosso la placchetta un po’ impegnativa sotto l’anticima


Revisione: relazione rivista e corretta il 21/08/2019 dalla redazione di VieNormali.it

  

Carte escursionistiche sulle Alpi Occidentali:



Libri suggeriti sulle Alpi Occidentali:


Ultime 10 scalate Ultime 20 scalate...
Elenco scalate Elenco delle scalate...

Guide escursionistiche Guide escursionistiche consigliate:
           >> Arrampicare sportive e moderne in Valtellina, Valchiavenna, Engadina - Guido Lisignoli, Eraldo Meraldi, Andrea Pavan
           >> Solo granito - Mario Sertori e Guido Lisignoli
   Condividi su:




SCOPRI LE NOVITA' EDITORIALI SULLA MONTAGNA DI:

Newsletter

Per ricevere la newsletter periodica del sito inserisci qui il tuo indirizzo e-mail:



Precedenti newsletter >>
Proposta per Guide Alpine e Accompagnatori di Media Montagna


Salita al Gran Paradiso

Salita al Gran Paradiso
Due giorni immersi nel Parco Nazionale del Gran Paradiso
Regione: Val Aosta - Valsavarenche
Data: da concordare   Durata: 5 h   Difficoltà: PD-


Primo Piano

Solo granito - Vol. 1

Solo granito - Vol. 1

Solo granito - Vol. 2

Solo granito - Vol. 2

Monte Baldo Rock

Monte Baldo Rock

Arrampicare - Dolomiti Nord Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Nord Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Sud-Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Sud-Occidentali

Wild Dolomiti

Wild Dolomiti

Ferrate dell'Alto Garda

Ferrate dell'Alto Garda

Prealpi Lombarde Centrali

Prealpi Lombarde Centrali

Il grande libro dei 4000

Il grande libro dei 4000

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 1

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 1

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 2

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 2

Alta Valsesia

Alta Valsesia

Dolomiti

Dolomiti

Parco d'Abruzzo

Parco d'Abruzzo

Il Terminillo e i Monti Reatini

Il Terminillo e i Monti Reatini

I 2000 dell Appennino

I 2000 dell Appennino


VieNormali consiglia

APP Idea Montagna:
Download Apple Store
Download Google Play Store
Scarica singoli itinerari di montagna
o libri interi sul tuo cellulare o tablet!

Libri di montagna Idea Montagna Editoria e Alpinismo

Libri di montagna Versante Sud

Libri di montagna Iter Edizioni

Libri di montagna ViviDolomiti

Carte escursionistiche e libri Geo4Map

Dolomiti.it - Portale sulle Dolomiti



Save the Children Italia Onlus Climb for life T-shirt Climbers against cancer