VieNormali.it
Home | Mappa del sito | Gruppo VN | Shopping | Guide di montagna | Ordini   VieNormali su Facebook   Canale You Tube VieNormali   Instagram VieNormali  

Accedi al sito   Registrati al sito   

   
Gruppi Montuosi
Legenda gruppi...

Cerca la cima:
 

Filtri di ricerca >>

Alpi Occidentali:
 
Alpi Centrali:
 
Alpi Orientali:
 
Prealpi:
 
Appennino:
 
Alpi Estere:
 
Quota:
 




Alpi di ghiaccio

Appennino di neve e di ghiaccio - Vol. 1

Appennino di neve e di ghiaccio - Vol. 2

Vie normali nelle Dolomiti di Brenta


Zucco Sileggio - 1373 m


Relazione della salita - Cima n° 3224


Via Normale Zucco Sileggio

In rosso l’itinerario di salita, in giallo l’ultimo tratto di quello di discesa
Regione: Lombardia (LeccoItaliane

Alpi e Gruppo: Prealpi - Prealpi Lombarde - Gruppo Grigne

Provincia: Lecco

Punto di partenza: Mandello del Lario, località Somana, contrada Sonvico (q. 405 m)

Versante di salita: SW-W

Dislivello di salita: 968 m - Totale: 1936 m

Tempo di salita: 2,30 h - Totale: 4,30 h

Periodo consigliato: tutto l’anno se non c’è neve

Punti di appoggio: Biv. Mario Sforza (q. 1350 m)
Tipo di via: Via normale
Tipo di percorso: Sentiero segnato
Difficoltà:   E (scala difficoltà)
Attrezzatura:
Valutazione:
Libro di vetta: no
Cartografia: GLOBALMAP - Le Grigne Resegone di Lecco e Legnone 1:35000
Autore: Piero V.  Profilo di Piero V. - Altre salite dell'autore
Data della salita: 05/01/2019
Data pubblicazione: 09/01/2019
N° di visualizzazioni: 1511
N° voti: 0

Dai il tuo voto a questa relazione:

1 stella  2 stelle  3 stelle
                                    
4 stelle  5 stelle
                                
Bandierina
3 scalatori sono stati su questa cima

E tu l'hai salita?
  

Segnala la cima Segnala questa cima ad un amico...


Guide Alpine e Accompagnatori di Media Montagna disponibili per questa cima:


Vai all'elenco completo delle Guide Alpine/Accompagnatori di Media Montagna

Guarda tutte le proposte delle Guide Alpine/Accompagnatori di Media Montagna


Introduzione:

È la montagna che sovrasta da NNE Mandello del Lario. Uno splendido balcone panoramico, principalmente sul versante W della Grigna Settentrionale e del Sasso Cavallo, sull'intera cittadina di Mandello, sul medio Lario e su buona parte delle Prealpi Lombarde. È raggiungibile principalmente da due itinerari, dal sentiero attrezzato della cresta S-SE (vedi relazione Zucco di Sileggio di Luca Calvi) oppure dalla via normale proposta qui di seguito, che non presenta alcuna difficoltà e che si svolge dal versante SW e per l’ultimo tratto della cresta W.
L'intero percorso della via normale, compresa l'eventuale traversata al Monte Palagia e la discesa dall'Alpe di Calivazzo - Era di Sopra – chiesa di S. Maria - Sonvico, si svolge su sentieri sempre ben marcati, segnalati con numerosi bolli principalmente gialli, ed ogni bivio è ben segnalato da cartelli metallici del CAI.


Accesso:

Da Mandello del Lario bisogna raggiungere Somana e da qui in breve si sale alla contrada di Sonvico. La strada che conduce a quest'ultima località è in salita, quasi rettilinea e si arriva ad un bivio dove sono presenti diversi e ben evidenti cartelli indicatori del CAI. Qui si tralascia la strada che a destra scende brevemente ad un piccolo parcheggio, e si prende invece a sinistra la Via Contrada di Sonvico, che dopo pochi metri si trasforma in una piazzetta, dove c’è una bella cappella mariana. I cartelli del CAI che interessano riportano con il segnavia 15: Era, Rif. Bietti, Rif. Brioschi e con il segnavia 17: Calivazzo, Bocch. di Prada, Rif. Bogani. La maggior parte dei parcheggi presenti nei dintorni sono privati, tuttavia circa 100 metri prima del bivio, sulla sinistra (salendo), c'è un piccolo parcheggio dove si può lasciare l'auto.


Descrizione della salita:

Dal bivio sopra citato si prende quindi a sinistra la Via Contrada di Sonvico e dopo la piazzetta con la cappella mariana si imbocca la stradina asfaltata che si restringe sempre più tra le case. Si prosegue per una cinquantina di metri o poco più, fino ad individuare sulla facciata di una casa una bandierina verde-bianco-verde con i segnavia 15 e 17. Qui si svolta a destra, imboccando una mulattiera e poche decine di metri sopra, al termine delle case, appaiono dei cartelli che riportano con il segnavia 15: Era, Rif. Bietti, Rif. Brioschi e con il segnavia 17: Calivazzo, Bocch. di Prada, Rif. Bogani. Si prosegue quindi lungo questa bella mulattiera che in breve conduce ad un bivio, dove si tralasciano le indicazioni verso destra che abbiamo seguito fino ad ora e si svolta a sinistra, seguendo le indicazioni del cartello che riporta il segnavia 17B: Zucco di Tura, Zucco Sileggio.
Trenta metri sopra, il sentiero interseca una stradina sterrata. Ora, se si osserva a sinistra, a pochi metri di distanza, si potrà notare il sentiero che sale verso monte, indicato anche qui da dei cartelli, il 17B per: Zucco di Tura, Zucco Sileggio e il 17A per Zucco Sileggio (quest'ultima indicazione è quella della via normale che ci condurrà fino in vetta). Il sentiero inizia a salire nel bosco e dopo 5 minuti dagli ultimi cartelli, si arriva ad un nuovo bivio. Qui si prosegue a sinistra, seguendo le indicazioni del cartello 17A per Zucco Sileggio. La salita si fa un po' ripida, con numerose svolte, sempre nel bosco e per un lungo tratto, fino a raggiungere una casetta isolata (probabilmente la Cascina Val d'Ambron). Si riprende poi a salire di nuovo nel bosco e dopo circa 15 minuti dalla cascina citata, si arriva ad una radura, sulla sommità di un dosso.
Da quassù, a destra si può ammirare la Grigna Meridionale, a sinistra il lago e di fronte, la vetta del Zucco Sileggio con la sua ben evidente croce di vetta. Poco più avanti il sentiero riprende a salire nel bosco e più in alto si raggiunge una larga sella sull'ampio costone W della nostra montagna. Il cartello con il segnavia 17A indica di svoltare a destra, il sentiero si mantiene poco a N del filo del costone W che si sta seguendo e si prosegue fino ad incontrare un baitello, costruito sotto una piccola parete rocciosa, dove c'è un bivio. Si offrono ora due possibilità, si può salire in vetta sia dal sentiero di sinistra sia da quello di destra. Quest'ultimo è più diretto e in breve si raggiunge l'alta croce posizionata sulla vetta del Zucco Sileggio (q. 1373 m, h 2,30 dalla partenza).


Discesa:

Si offrono due possibilità:
1°) Come per la salita.
2°) Concatenando l'ascesa del Monte Palagia e poi scendendo preferibilmente dalla Bocchetta di Calivazzo - Alpe di Calivazzo - Era di Sopra – chiesa di S. Maria - Sonvico.
In questo caso, dallo Zucco Sileggio si segue il sentiero che scende lungo la cresta N e pochi metri sotto la vetta si arriva al Bivacco Mario Sforza (q. 1350 m, vedi immagine principale della relazione Monte Palagia). Si prosegue la discesa, sempre su sentiero e dopo 100 metri di dislivello si guadagna l'ampia Bocchetta di Verdascia (q. 1251 m). Da qui si seguono le indicazioni del cartello 17A per Bocch. Calivazzo, Alpe di Lierna. Il sentiero sale in direzione di un notevole spuntone roccioso, poi piega decisamente a destra e compie una lunga traversata a mezzacosta, ad E della cresta che collega il Zucco Sileggio al Monte Palagia, fino a raggiungere la larghissima Bocchetta di Calivazzo (q. 1420 m).
Da questo valico, si tralasciano tutte le indicazioni dei cartelli e si risale l'evidente costone E del Monte Palagia. Una labile traccia, non segnalata, sale nel fitto bosco di faggi e si mantiene una decina di metri a destra del filo di cresta. In meno di 20 minuti dalla Bocchetta di Calivazzo si arriva in cima (q. 1549 m, h 1,30 dal Zucco Sileggio), dove è posta una piccola croce alta una ventina di centimetri. Il panorama è meno appagante rispetto a quello del Zucco Sileggio, sia perché è meno aperto verso S, sia per la presenza dei faggi che dal versante settentrionale giungono fin sulla vetta. Impareggiabile è comunque la vista sul versante W della Grigna Settentrionale e del Sasso Cavallo, basta scendere una trentina di metri lungo l'erbosa cresta S, per evitare l'ostacolo rappresentato dai faggi.
Ridiscesi poi alla Bocchetta di Calivazzo, si offrono 3 possibilità per ritornare a Sonvico, tutte di difficoltà: E (sempre che il terreno sia in buone condizioni).

1°) Si percorre ritroso tutto l'itinerario di salita, ma ovviamente non conviene.
2°) Si percorre ritroso l'itinerario di salita fino alla Bocchetta di Verdascia e da qui si scende verso E con il segnavia 17A, fino ad arrivare in prossimità delle case di Era di Sopra, poi si prosegue come per l'itinerario seguente. Itinerario comunque sconsigliato in presenza di neve o ghiaccio.
3°) Si seguono le indicazioni del cartello 17A: Calivazzo (alpe), Somana, Mandello. Questo itinerario, come il precedente, è altamente sconsigliato in presenza di neve o ghiaccio, dato che il sentiero, dopo l'Alpe di Calivazzo, traversa in discesa numerose e ripide coste e in alcuni tratti, anche se c'è solo un po' di neve, diventa esposto e pericoloso.
Si scende quindi il sentiero in direzione E, tra cespugli e radi alberi, la traccia è sempre ben segnalata e consente una visione sempre più spettacolare sul Sasso Cavallo e sulle diverse guglie calcaree presenti a N del sentiero. Si raggiunge in questo modo l'ampia radura dell'Alpe di Calivazzo (q. 1129 m), anche qui sono presenti diversi cartelli. Si seguono le indicazioni di quello che riporta il segnavia 17: Somana, Mandello. Poco prima della stalla più in basso di questo alpeggio, il sentiero sale brevemente a destra, poi compie un traverso, quindi riprende di nuovo a salire ancora per un breve tratto ed infine inizia la lunga traversata in discesa, dentro e fuori da innumerevoli vallette.
Il sentiero/mulattiera è sempre ben marcato e segnalato, in alcuni tratti è un po' esposto e protetto con parapetti e funi metalliche. Si tralasciano diverse baite isolate che rimangono in alto sulla destra, compreso il nucleo più consistente delle baite di Era di Sopra. Ogni bivio è ben segnalato dai soliti cartelli e si seguono sempre le indicazioni per Somana e Mandello. Il sentiero, poco ripido, scende a lungo, fino a giungere alla bella chiesa di S. Maria (q. 664 m). Qui è posta anche l'ultima stazione della Via Crucis e man mano che si scende si incontrano le altre. Si prosegue sempre in discesa lungo la mulattiera, e si chiude l'intero percorso ad anello poco sopra le case di Sonvico, dove ci si ricollega con l'itinerario di salita e si ritorna al parcheggio (dalla vetta del Monte Palagia al parcheggio prevedere circa h. 3,00 – in totale circa h 7,00 / 7.30 per l'intera escursione).


Note:

Le immagini della relazione: Monte Palagia, possono fornire utili indicazioni.


© VieNormali.it

Via Normale Zucco Sileggio - In salita
Via Normale Zucco Sileggio - Gli ultimi metri di salita e la croce di vetta
Via Normale Zucco Sileggio - Lo stupendo panorama di vetta, verso E
In salita Gli ultimi metri di salita e la croce di vetta Lo stupendo panorama di vetta, verso E

Zoom immagini: passare col mouse sopra le immagini per vedere un ingrandimento (attendere il completo caricamento della pagina).

Revisione: relazione rivista e corretta il 10/01/2019 dalla redazione di VieNormali.it

  

Carte escursionistiche sulle Prealpi:



Libri suggeriti sulle Prealpi:


Prealpi Lombarde Centrali  Prealpi Lombarde Occidentali  Prealpi Bresciane  Ferrate in Lombardia e Svizzera   Nel giardino di pietra  Corni di Canzo e Moregallo  Scialpinismo tra Lombardia e Grigioni  Ghiaccio delle Orobie
Ultime 10 scalate Ultime 20 scalate...
Elenco scalate Elenco delle scalate...

Guide escursionistiche Guide escursionistiche consigliate:
           >> Ghiaccio Orobico - Michele Cisana
           >> Arrampicate sportive e moderne fra Lecco e Como - Eugenio Pesci
           >> Alpi Orobie Over 2000 - Vol. 1 - Alessio Pezzotta
           >> Alpi Orobie Over 2000 - Vol. 2
           >> Alpi Orobie Over 2000 - Vol. 3
           >> Prealpi Lombarde Centrali
   Condividi su:




SCOPRI LE NOVITA' EDITORIALI SULLA MONTAGNA DI:

Newsletter

Per ricevere la newsletter periodica del sito inserisci qui il tuo indirizzo e-mail:



Precedenti newsletter >>

Proposta per Guide Alpine e Accompagnatori di Media Montagna

Assicuratore Click Up Climbing Technology

Il CLICK UP è un assicuratore a frenata manuale progettato per l'arrampicata in falesia, utilizzabile con tutte le corde singole da 8.6 a 10.5 mm. Compatto e leggero, consente di assicurare un arrampicatore da primo e in top-rope manovrando la corda con entrambe le mani, e di calarlo. Permette di dare corda in modo veloce e senza intoppi e di arrestare una caduta trattenendo il lato libero della corda.


Primo Piano

Solo granito - Vol. 1

Solo granito - Vol. 1

Solo granito - Vol. 2

Solo granito - Vol. 2

Monte Baldo Rock

Monte Baldo Rock

Arrampicare - Dolomiti Nord Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Nord Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Sud-Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Sud-Occidentali

Wild Dolomiti

Wild Dolomiti

Ferrate dell'Alto Garda

Ferrate dell'Alto Garda

Prealpi Lombarde Centrali

Prealpi Lombarde Centrali

Il grande libro dei 4000

Il grande libro dei 4000

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 1

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 1

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 2

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 2

Alta Valsesia

Alta Valsesia

Dolomiti

Dolomiti

Parco d'Abruzzo

Parco d'Abruzzo

Il Terminillo e i Monti Reatini

Il Terminillo e i Monti Reatini

I 2000 dell Appennino

I 2000 dell Appennino


VieNormali consiglia

APP Idea Montagna:
Download Apple Store
Download Google Play Store
Scarica singoli itinerari di montagna
o libri interi sul tuo cellulare o tablet!

Libri di montagna Idea Montagna Editoria e Alpinismo

Libri di montagna Versante Sud

Libri di montagna Iter Edizioni

Libri di montagna ViviDolomiti

Carte escursionistiche e libri Geo4Map

Dolomiti.it - Portale sulle Dolomiti



Save the Children Italia Onlus Climb for life T-shirt Climbers against cancer