Informativa Cookie: questo sito utilizza cookie tecnici propri necessari al suo funzionamento e cookie di profilazione di terze parti per visualizzare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dagli utenti nella navigazione in rete. Si invita a leggere la Cookie Policy in cui sono presenti le informazioni sui cookie utilizzati dal sito, su quali informazioni vengono raccolte e le istruzioni su come negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. La prosecuzione della navigazione mediante accettazione dei cookie, chiusura di questo banner informativo, accesso ad altra area del sito, selezione di un elemento dello stesso sottostante questo banner (ad esempio di una immagine o di un link) o scorrimento della pagina verso il basso comporta l'automatica prestazione del consenso a utilizzare i cookie.

In conformità al provvedimento del Garante della Privacy del 8 maggio 2014, G.U. n. 126 del 3/6/2014, attuazione della Dir. UE sui cookie 2009/136/CE
OKNon accetto i cookie

VieNormali.it
Home | Mappa del sito | Gruppo VN | Shopping | Guide di montagna | Ordini   VieNormali su Facebook   Canale You Tube VieNormali   Instagram VieNormali  

Accedi al sito   Registrati al sito   

   
Gruppi Montuosi
Legenda gruppi...

Cerca la cima:
 

Filtri di ricerca >>

Alpi Occidentali:
 
Alpi Centrali:
 
Alpi Orientali:
 
Prealpi:
 
Appennino:
 
Alpi Estere:
 
Quota:
 



Jôf di Miéz - 1974 m


Relazione della salita - Cima n° 1082


Via Normale Jôf di Miéz
Lo Jôf di Miéz da SW
Regione: Friuli Ven. Giulia (UdineItaliane

Alpi e Gruppo: Alpi Orientali - Alpi Giulie - Gruppo Montasio

Provincia: Udine

Punto di partenza: Pleziche (q. 820 m), Val di Dogna

Versante di salita: SW

Dislivello di salita: 1154 m - Totale: 2300 m

Tempo di salita: 6,30 h - Totale: 12,00 h

Periodo consigliato: giugno - settembre

Valle: Val di Dogna - Altre cime della Val di Dogna
Punti di appoggio: nessuno
Tipo di via: Via normale
Tipo di percorso: Senza traccia
Difficoltà:   EEA - (scala difficoltà)
Attrezzatura:
Valutazione:
Libro di vetta: si
Cartografia: TABACCO nº 18 Alpi Carniche Orientali - Canal del Ferro - 1:25.000
Autore: Foto non presente Ermanno N. - Altre salite dell'autore
Data della salita: 29/07/2009
Data pubblicazione: 04/11/2022
N° di visualizzazioni: 7945
N° voti: 0

Dai il tuo voto a questa relazione:

1 stella  2 stelle  3 stelle
                                    
4 stelle  5 stelle
                                
Bandierina
7 scalatori sono stati su questa cima

E tu l'hai salita?
  

Segnala la cima Segnala questa cima ad un amico...


Guide Alpine e Accompagnatori di Media Montagna disponibili per questa cima:


Vai all'elenco completo delle Guide Alpine/Accompagnatori di Media Montagna


Introduzione:

Cima elegante ed ardita, oscurata dai vicini incombenti appicchi del Montasio e del Cimone. Raramente visitata per la mancanza di sentieri e per la prossimità di altre più rinomate cime. La prima salita alpinistica si deve a Krammer e Kugy, con le guide Cappellari e Komac (1898), molto probabilmente preceduti da cacciatori locali. Viene qui proposta come via di salita una variante a tale itinerario ed il percorso originario come via di discesa.


Accesso:

Da Plèziche in Val Dogna intraprendere il sent. 655 (segnalazioni di sentiero inagibile) che si abbassa di un centinaio di m. sul fondo del torrente Dogna (passerella) e poi risale ripidamente sulla sin. or. (numerosi alberi abbattuti, traccia incerta) fino ad incontrare (900 m. c.) una carrareccia che si addentra nel vallone del Rio Saline. Dopo un tratto in piano la strada perde quota con due tornanti recentemente interessati da una frana (attenzione). Al di là di questa, la carrareccia diventa invasa dalla vegetazione e, ridotta a sentiero, raggiunge il torrente (800 m., ennesimo tratto franoso). Seguire brevemente la traccia che costeggia il rio Saline in d. or. per bosco, quindi entrare nel fondo ghiaioso del rio che si segue lungamente, fino alla confluenza da sin. del canalone Livinâl Lunc, a q. 1050 c. (caratteristica diramazione a Y), sormontata a d. da un promontorio boscoso. Si risale il Livinâl abbastanza agevolmente per breve tratto, quindi ci si trova di fronte ad una strozzatura impraticabile, che occorre aggirare a s., uscendo dall´alveo principale. La diramazione intrapresa presto termina contro le pareti dello Jof: abbandonarla risalendo una crestina sabbiosa a d., oltre alla quale una traccia di camosci tra i mughi consente di ritornare nell’alveo del Livinâl (qui grosso masso liscio con ometto). Risalire quest’ultimo lungamente (acqua, nevai residui) fino a q. 1500 c., presso la confluenza da s. di un’ampia bancata che taglia da d. a s. la parete dello Jôf di Miéz.


Descrizione della salita:

Attaccare la bancata tenendosi pref. addossati alle par. di d. (roccette friabili, detrito). Si supera un primo restringimento esposto, si prosegue fino ad una spalletta con mughi oltre alla quale si ha un secondo restringimento, che si oltrepassa sfruttando una cengetta alta, sotto la parete (pass. II-) (è possibile anche passare sfruttando un camino più sulla s., con difficoltà maggiori). Circa 40 m. oltre il secondo restringimento, dove il sistema di cenge sembra esaurirsi, si sale a d. brevemente raggiungendo una cengetta esposta, con mughi, che si segue verso d., fin dove è possibile. Puntando ad un gruppo di larici in alto a sin., si forza un erto e faticoso pendio vegeto-minerale, che dopo circa 20 m. sbuca in un più agevole canale erboso e detritico. Lasciando i larici sulla sin., si segue lungamente il canale, che in alto diviene interamente roccioso (I) e termina ridosso a degli spalti rocciosi riferibili alla Forc. delle Lance, 1798 m., nei pressi della confluenza da d. di un canalone di sfasciumi. Al di sotto degli spalti si trova una buona traccia tagliata trai mughi che prosegue fiancheggiando lungamente la cresta, restando sul suo versante SW, fino in vetta (antico ometto).


Discesa:

Per la via di Kugy et al. (1898): a ritroso per la via di salita fino alla “confluenza da d. di un canalone di sfasciumi”, dalla quale la cengia della via normale risulta già ben visibile. Dai pressi di un caratteristico gendarme isolato si discende per una paretina di roccia discreta (I) entrando nel canalone: discendere per questo una cinquantina di m., fino a che si ha sulla s. una costa con mughi. Per traccia tagliata si doppia la costa entrando in un secondo canale, poco marcato, dal quale verso d. (faccia a monte) prende inizio una cengia ghiaiosa, talora con roccia friabile coperta da detrito. Oltrepassato un primo costone la cengia diviene per un tratto più ampia, quindi si restringe presso il costone successivo, opponendo un delicato passaggio esposto che costringe a carponi (I+). Lungamente lungo la cengia, oltrepassando un’ulteriore strettoia (I). Un ultimo friabile pendio di roccette e detrito consente di calare tra i massi del Livinâl Lunc a q 1570 ca. (qui freccia e cerchio rosso sulla parete), 70 mt. di disliv. al di sopra dell’attacco della rampa percorsa in precedenza.


Note:

Lunga ed impegnativa escursione a carattere esplorativo in ambiente selvaggio. Grandiosa la visione sulla parete W del Montasio che si offre dalla cima. La neve può essere presente nel Livinâl Lung fino a stagione avanzata. Il percorso descritto dalla fine del cengione alla cresta non è obbligato nè evidente, pertanto si consiglia il verso di percorrenza sopra riportato. La relazione è stata modificata nel luglio 2011 con il contributo di Marco Indrigo, che ha ripercorso la via nel settembre 2010. Ulteriormente ampliata con l’inclusione della via normale dopo la ripetizione di quest’ultima nell’ottobre 2022.


© VieNormali.it

Via Normale Jôf di Miéz - Il Livinâl Lung con sul fondo il Curtissons Via Normale Jôf di Miéz - Lo Jôf di Miéz sovrastato dal Montasio Via Normale Jôf di Miéz - Il Vallone del Rio Saline con a sx lo Jôf di Miéz e a dx lo Zâbus
Il Livinâl Lung con sul fondo il Curtissons Lo Jôf di Miéz sovrastato dal Montasio Il Vallone del Rio Saline con a sx lo Jôf di Miéz e a dx lo Zâbus


Revisione: relazione rivista e corretta il 04/11/2022 dalla redazione di VieNormali.it

  



Trekking del Sassolungo



Mappa su Google:





Ultime 10 scalate Ultime 20 scalate...
Elenco scalate Elenco delle scalate...


Condividi su:




SCOPRI LE NOVITA' EDITORIALI SULLA MONTAGNA DI:

Dolomiti di Brenta Dolomiti di Brenta

Libri di montagna

Link sponsorizzati, in qualità di Affiliato Amazon vienormali.it riceve un guadagno dagli acquisti idonei.

KONG Mouse
Kong Mouse
CT Serie Friend
Climbing Technology Serie Friend


Proposta per Guide Alpine e Accompagnatori di Media Montagna


Primo Piano

Solo granito - Vol. 1

Solo granito - Vol. 1

Solo granito - Vol. 2

Solo granito - Vol. 2

Monte Baldo Rock

Monte Baldo Rock

Arrampicare - Dolomiti Nord Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Nord Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Sud-Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Sud-Occidentali

Wild Dolomiti

Wild Dolomiti

Ferrate dell'Alto Garda

Ferrate dell'Alto Garda

Prealpi Lombarde Centrali

Prealpi Lombarde Centrali

Il grande libro dei 4000

Il grande libro dei 4000

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 1

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 1

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 2

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 2

Alta Valsesia

Alta Valsesia

Dolomiti

Dolomiti

Parco d'Abruzzo

Parco d'Abruzzo

Il Terminillo e i Monti Reatini

Il Terminillo e i Monti Reatini

I 2000 dell Appennino

I 2000 dell Appennino


VieNormali consiglia

Sampaoli Creazioni

Libri di montagna Idea Montagna Editoria e Alpinismo

Libri di montagna Versante Sud

Libri di montagna Iter Edizioni

Libri di montagna ViviDolomiti

Carte escursionistiche e libri Geo4Map



Save the Children Italia Onlus Climb for life T-shirt Climbers against cancer