Informativa Cookie: questo sito utilizza cookie tecnici propri necessari al suo funzionamento e cookie di profilazione di terze parti per visualizzare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dagli utenti nella navigazione in rete. Si invita a leggere la Cookie Policy in cui sono presenti le informazioni sui cookie utilizzati dal sito, su quali informazioni vengono raccolte e le istruzioni su come negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. La prosecuzione della navigazione mediante accettazione dei cookie, chiusura di questo banner informativo, accesso ad altra area del sito, selezione di un elemento dello stesso sottostante questo banner (ad esempio di una immagine o di un link) o scorrimento della pagina verso il basso comporta l'automatica prestazione del consenso a utilizzare i cookie.

In conformità al provvedimento del Garante della Privacy del 8 maggio 2014, G.U. n. 126 del 3/6/2014, attuazione della Dir. UE sui cookie 2009/136/CE
OKNon accetto i cookie

VieNormali.it
Home | Mappa del sito | Gruppo VN | Shopping | Area Partner   VieNormali su Facebook   Google+ VieNormali   Canale You Tube VieNormali   RSS Feed VieNormali  

Accedi al sito   Registrati al sito   

   
Gruppi Montuosi
Legenda gruppi...

Cerca la cima:
 

Filtri di ricerca >>

Alpi Occidentali:
 
Alpi Centrali:
 
Alpi Orientali:
 
Prealpi:
 
Appennino:
 
Alpi Estere:
 
Quota:
 



Pic de Rochebrune - 3320 m


Relazione della salita - Cima n° 321


Via Normale Pic de Rochebrune
La vetta vista da poco sotto il Col Perdu
Regione: Estero Francesi

Alpi e Gruppo: Alpi Occidentali - Alpi Cozie - Gruppo Rochebrune

Provincia:

Punto di partenza: Col d'Izoard (q. 2343 m) - Valle di Cervieres

Versante di salita: S

Dislivello di salita: 977 m - Totale: 1954 m

Tempo di salita: 2,20 h - Totale: 4,20 h

Periodo consigliato: giugno - ottobre

Valle: Valle di Cervieres - Altre cime della Valle di Cervieres
Punti di appoggio: Nessuno, a parte il ricovero malmesso incontrato in salita.
Tipo di via: Via normale
Tipo di percorso: Sentiero e traccia segnata
Difficoltà:   EE - I - F+ (scala difficoltà)
Attrezzatura:
Valutazione:
Libro di vetta: si
Cartografia: IGN 3536 OT Briançon
Autore: Marco Caparello Profilo di Marco Caparello - Altre salite dell'autore
Data della salita: 07/08/2005
Data pubblicazione: 15/05/2006
N° di visualizzazioni: 5876

Introduzione:

Imponente rilievo roccioso abbastanza isolato ed elevato da poter offrire uno stupendo panorama su tutto l'arco alpino delle Alpi Cozie, dal vicino comprensorio del Monviso, alle glaciali vette del Delfinato francese, dal Pelvoux alla Mejie alle Barre des Ecrines. Salita adatta praticamente a tutti gli escursionisti, non offre particolari difficoltà se non esclusivamente nell'ultimissimo tratto con un breve e semplice passaggio di roccia necessario per guadagnare il canalone detritico che conduce sulla cresta di questa bifida vetta, su cui si trovano due brutti ed antiestetici ponti radio.


Accesso:

Lasciata l'auto sull'ampio piazzale al Col d'Izoard, accanto all'enorme obelisco, imboccare l'evidente sentiero che parte subito dietro il monumento, segnalato da una palina, diretto al ben visibile Col Perdu posto alla destra della Punta l'Arpellin. Giunti al Col Perdu si deve evitare di proseguire in cresta verso S (destra) poichè il sentiero, inizialmente evidentissimo, si perde in realtà nella successiva pietraia; si deve perciò discendere verso sinistra, sotto l'Arpellin, per portarsi sull'evidente sentiero posto circa 100 m di dislivello più in basso che si dirige a semicerchio verso il fondo del vallone chiamato Casse des Oules, con un lungo tratto pianeggiante in cui si attraversano alcune lingue di pietraia che discendono isolate dai pendii soprastanti. Completando il semicerchio nei pressi di un piccolo risalto roccioso si ricomincia progressivamente a salire sempre più intensamente su un lungo sentiero diagonale mezzacosta in ambiente via via sempre più lunare. Scavalcate un paio di costole rocciose che discendono dalla affilata cresta in alto a destra destra, si perviene presto alla base di un ampio canalone costituito prevalentemente da ingannevoli ed instabili fini detriti che sale stringendosi verso S sino a sbucare sul soprastante intaglio della cresta denominato Col des Portes, posto a sinistra di un massiccio roccione sotto il quale si trova l'ingresso di un ricovero ricavato in una sorta di grotta ampliata dalla mano dell'uomo. Tale ricovero faceva parte molto probabilmente di un avamposto della GAF, la Guardia alla Frontiera, risalente alle Guerre Mondiali che oggi versa purtroppo in pessime condizioni grazie, soprattutto, all'inciviltà e alla maleducazione della gente che lo ha bruciato e riempito di rifiuti. Rappresenta comunque uno dei pochi ricoveri utilizzabili della zona in caso di maltempo o necessità (q. 2.962 m - 1,15 h).


Descrizione della salita:

Saliti al Col des Portes seguendo la faticosa e ripida traccia sul canalone sottostante vi troviamo una croce infissa in una solida roccia. Sulla sinistra, in direzione del Pic de Rochebrune, sale un'evidente traccia che si dovrà imboccare. Seguendo sempre fedelmente il sentiero, sporadicamente segnalato con bolli gialli, si evitano dapprima alcuni salti rocciosi verso destra per giungere sul tratto superiore di questa pietraia. Dirigendosi sostanzialmente all'interno di uno stretto canalone, ove bisogna davvero porre molta attenzione a non provocare frane su questa pietraia instabile che avrebbero terribili conseguenze ad eventuali escursionisti sottostanti, la traccia si porta sul lato sinistro idrografico del canalone, a ridosso di ripide ma solide pareti rocciose, sino a giungere nei pressi di un facile salto roccioso. Il salto viene banalmente risalito dalla traccia effettuando un breve traverso verso sinistra, continuando poi a risalire sempre più ripido sul pendio detritico che si allarga solo poco prima di giungere ad una forcella stretta tra la sommità del Pic de Rochebrune a sinistra e un più basso contrafforte roccioso a destra (q. 3.280 m - 2h). A questo punto si può scegliere di percorrere due distinti itinerari per guadagnare la vetta: il primo, tradizionale ed escursionistico, necessita il superamento con facile movimento di arrampicata di un piccolo gradino roccioso ben visibile nell'intaglio posto sulla sinistra appena oltre la forcella. Oltre questo passaggio si percorre l'intaglio sino a sbucare, superata una stretta cengia rocciosa, nel ripido canalone che conduce sulla cresta di vetta. Su tale ripido canalone sono presenti numerose tracce di risalita tutte egualmente valide per raggiungere la cresta; da lì facilmente verso destra o verso sinistra percorrendo un'affilata cresta rocciosa si perviene ad una delle due vette del Pic de Rochebrune. Il secondo, di facile arrampicata, risale la parete di sinistra su un'ideale linea verticale sfruttando le numerose ampie fessure e gli ampi terrazzini rocciosi che essa forma, sempre mantenendo comunque approssimativamente la linea di verticalità sul colletto sottostante; a prima vista questa paretina può apparire verticale e difficilissima ma tutto sommato la difficoltà non è mai oltre il II/III grado di arrampicata andandolo a volte a cercare... è comunque ovvio che deve essere comunque salita con moltissima attenzione non trattandosi di un semplice sentiero... in tal modo si guadagna velocemente la cresta di vetta del Pic de Rochebrune a poca distanza dal primo ripetitore. Da qui percorrendo tutta la facile ma affilata cresta rocciosa, si giunge all'intaglio ove sale l'itinerario normale ed oltre il quale possiamo raggiungere il secondo ripetitore ove c'è il libro di vetta nascosto in una scatola metallica al di sotto della costruzione (2,20 h).


Discesa:

Come per la salita.


Note:

Dal Col Perdu si può facilmente salire alla Punta l'Arpellin (q. 2.604 m) con breve digressione di circa 10 minuti di ripida salita lungo la cresta di ghiaie.


© VieNormali.it

Via Normale Pic de Rochebrune - L'intaglio da scavalcare Via Normale Pic de Rochebrune - Le cengie sotto la cima Via Normale Pic de Rochebrune - I ripetitori sulle due vette
L'intaglio da scavalcare Le cengie sotto la cima I ripetitori sulle due vette

N° voti: 2 - Voto medio: Voto 4 stelle

Dai il tuo voto a questa relazione:

1 stella  2 stelle  3 stelle
                                    
4 stelle  5 stelle
                                
Bandierina
6 scalatori sono stati su questa cima

E tu l'hai salita?
  

Segnala la cima Segnala questa cima ad un amico...

Mappa su Google:




Libri suggeriti sulle Alpi Occidentali:


Ultime 10 scalate Ultime 20 scalate...
Elenco scalate Elenco delle scalate...

Guide escursionistiche Guide escursionistiche consigliate:
           >> A piedi in Alta Val Chisone
           >> A piedi in Alta Valle Susa
           >> Cento salite in Alta Val Susa e Val Sangone
           >> Un passo verso il cielo
           >> Passaggio a Nord-Ovest - Maurizio Oviglia, Fiorenzo Michelin


  


Condividi su:  Share    




OFFERTE ATTREZZATURA E ACCESSORI OUTDOOR

Libri di montagna

Newsletter

Per ricevere la newsletter periodica del sito inserisci qui il tuo indirizzo e-mail:



Precedenti newsletter >>
Primo Piano

Alta Valsesia

Alta Valsesia

Carta Valsesia

Carta Valsesia

Carta Val Formazza

Carta Val Formazza

Scialpinismo in Dolomiti

Scialpinismo in Dolomiti

Scialpinismo nelle Alpi Giulie Occidentali

Scialpinismo nelle Alpi Giulie

Appennino di neve e di ghiaccio

Appennino di neve e di ghiaccio

Scialpinismo a Cortina d'Ampezzo

Scialpinismo a Cortina d'Ampezzo

Ghiaccio Salato

Ghiaccio Salato


Giardini di Cristallo


Scialpinismo in Tirolo


Ciaspolate

Neve libera

Neve libera

Ghiaccio d'Appennino

Ghiaccio d'Appennino

Ghiaccio svizzero

Ghiaccio svizzero

Family Experience in Friuli Venezia Giulia

Alpe Adria Trail

Family Experience in Friuli Venezia Giulia

Family Experience in Friuli Venezia Giulia

Walking Experience in Friuli Venezia Giulia

Walking Experience in Friuli Venezia Giulia


VieNormali consiglia

Dolomiti.it - Portale sulle Dolomiti

Libri di montagna Idea Montagna Editoria e Alpinismo

Libri di montagna Versante Sud

Libri di montagna Iter Edizioni



Save the Children Italia Onlus Climb for life T-shirt Climbers against cancer