Informativa Cookie: questo sito utilizza cookie tecnici propri necessari al suo funzionamento e cookie di profilazione di terze parti per visualizzare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dagli utenti nella navigazione in rete. Si invita a leggere la Cookie Policy in cui sono presenti le informazioni sui cookie utilizzati dal sito, su quali informazioni vengono raccolte e le istruzioni su come negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. La prosecuzione della navigazione mediante accettazione dei cookie, chiusura di questo banner informativo, accesso ad altra area del sito, selezione di un elemento dello stesso sottostante questo banner (ad esempio di una immagine o di un link) o scorrimento della pagina verso il basso comporta l'automatica prestazione del consenso a utilizzare i cookie.

In conformità al provvedimento del Garante della Privacy del 8 maggio 2014, G.U. n. 126 del 3/6/2014, attuazione della Dir. UE sui cookie 2009/136/CE
OKNon accetto i cookie

VieNormali.it
Home | Mappa del sito | Gruppo VN | Shopping | Area Partner   VieNormali su Facebook   Google+ VieNormali   Canale You Tube VieNormali   RSS Feed VieNormali  

Accedi al sito   Registrati al sito   

   
Gruppi Montuosi
Legenda gruppi...

Cerca la cima:
 

Filtri di ricerca >>

Alpi Occidentali:
 
Alpi Centrali:
 
Alpi Orientali:
 
Prealpi:
 
Appennino:
 
Alpi Estere:
 
Quota:
 



Sass de Putia - 2875 m


Relazione della salita - Cima n° 311


Via Normale Sass de Putia
La Nord del Putia dal Passo delle Erbe
Regione: Trentino Alto Adige (BolzanoItaliane

Alpi e Gruppo: Dolomiti - Alpi Dolomitiche - Gruppo Putia

Provincia: Bolzano

Punto di partenza: Passo delle Erbe (q. 2000 m) - Val di Funes

Versante di salita: S

Dislivello di salita: 900 m - Totale: 1800 m

Tempo di salita: 3,00 h - Totale: 6,00 h

Periodo consigliato: giugno - ottobre

Valle: Val di Funes - Altre cime della Val di Funes
Punti di appoggio: Rif. Genova (q. 2297 m)
Tipo di via: Via ferrata
Tipo di percorso: Sentiero e traccia, via ferrata
Difficoltà:   EEA - I - F (scala difficoltà)
Attrezzatura:
Valutazione:
Libro di vetta:
Cartografia: TABACCO, N. 07 - Alta Badia, Arabba, Marmolada 1:25.000
Autore: Federico Tresoldi Profilo di Federico Tresoldi - Altre salite dell'autore
Data della salita: 22/08/2002
Data pubblicazione: 27/04/2006
N° di visualizzazioni: 13869

Introduzione:

Imponente e maestoso con una mole svettante ma dalla cima tozza, questa cima è la Signora delle Putie, ovvero, nel dialetto valligiano, dei grandi prati che ne circondano i versanti. Sull'impressionante parete Nord si sono scritte e si scrivono pagine importanti dell'alpinismo, con vie di difficoltà sempre più severa… La vera e propria via normale invece si snoda sul più erboso versante Sud e sulle divertenti roccette che si affrontano prima della vetta (II).


Accesso:

Il Passo delle Erbe si raggiunge dall'uscita di Chiusa dell'autostrada del Brennero, risalendo la Val di Funes fino al paese di San Pietro e da lì seguendo i cartelli stradali. La strada sale sopra al paese e prosegue lungamente, stretta e tortuosa ma ben asfaltata, fino al passo. Partendo dal passo delle Erbe, su cui incombe la fantastica parete Nord, con 20' su comoda carrareccia si raggiungono degli alpeggi del Ciampac (q. 2050 m). Si prosegue verso destra, seguendo l'angusto ma ben segnato sentiero 8a che taglia le pendici del Putia con percorso pressochè pianeggiante per circa 30' fino alla congiunzione con l'Alta via n. 2 delle Dolomiti che si incrocia alla base del canalone NW sotto un roccione (cartelli). Si prosegue entrando nella valletta-canalone che scende dalla Forc. Putia e si risale la valletta restando sul lato destro orografico del letto del piccolo torrente Ru dla Forcela che sgorga in prossimità della Forcella de Putia, posta a 2357 m alla base dell'erboso versante Sud del Putia. Risalendo con varie svolte il pendio di ghiaie finale si raggiunge la Forc. Putia dalla quale lo sguardo già vola verso i gruppi di Fanes, Puez e sui sottostanti prati dal colore verde intenso, in cui si incontra anche il sentiero proveniente dal Rif. Genova da destra (1,35 h).

Si può abbreviare il percorso di accesso, sebbene aumentanto il dislivello in salita di 200 m, partendo dallo spiazzo appena dopo il ponte sulla curva a q. 1800 m (ben prima di arrivare al passo, evidente sulla carta topografica). Dal parcheggio seguire le indicazioni dei cartelli per il sent. n. 4: attraversare il torrente e seguire il sentierino che costeggia il torrente sulla sinistra orografica per rado bosco. Attraversare il prato recintato entrando ed uscendo per due cancelletti di legno e seguire l'evidente sentiero che risale ad un altro attraversamento del torrente più in alto (ometti su un masso). Il sentiero prosegue per rado bosco in traversata obliqua verso sinistra e supera altri due torrenti. Raggiunto il bivio con cartelli sotto un roccione ci si raccorda al sentiero proveniente dal passo delle Erbe e si prosegue verso destra come sopra descritto (1h dal tornante alla forcella).


Descrizione della salita:

Dalla forcella seguire il sentiero a sinistra che traversa per pendio erboso sul versante S, scolpito tra bellissimi prati e rocce affioranti, che salendo diventano sempre più predominanti nel paesaggio. Il sentiero risale tutto il vallone con varie svolte. Ad un bivio si può ugualmente seguire il sentiero a sinistra o destra, a destra è più breve e più interessante, risalendo un breve solco roccioso di 15 m fino ad un forcellino e da qui a sinistra per terreno roccioso si ricollega al sentiero proveniente da sinistra. Dopo altre svolte si raggiunge una sella con un promontorio roccioso sulla destra, si risale a sinistra e si raggiunge la spalla del Peitlerkofel (nome tedesco della cima, 1 h), sella solto il salto roccioso della cima presso cui inizia il tratto attrezzato con funi. Si sale una cengia inclinata sotto cresta e quindi alcune balze rocciose. La fune risale senza difficoltà, a parte un piccolo gradone verticale con spaccatura (II), tutto il crestone e termina presso il pendio sommitale. Seguendo gli ometti di sassi si risale il pendio e in breve si raggiunge la grande croce di vetta (15'). Dalla cima, che domina l'intera Val Badia, lo sguardo spazia sulle più importanti cime e gruppi dolomitici come il Puez-Odle, Marmolada, Lagazuoi-Fanes... oltre che verso le scure vette della Valle Aurina, Alti Tauri e dell'Austria.


Discesa:

Come per la salita. Tornati sul pendio di ghiaie sotto la sella dove inizia il tratto attrezzato, è conveniente con un minimo sforzo aggiuntivo salire la cima W, la cui croce è ben visibile sulla sinistra salendo alla cima principale. Lungo le svolte sotto la spalla si trova un evidente bivio verso destra (scendendo) che attraversa per pendio roccioso e poi risale un breve pendio di ghiaie fino alla croce di vetta (10').


Note:

Facile salita in ambiente abbastanza isolato, sebbene piuttosto frequentata. Aggiornamento della relazione da parte di Roberto Ciri (30/07/2010).


© VieNormali.it

Via Normale Sass de Putia - Percorso per la vetta sul versante Sud
Percorso per la vetta sul versante Sud

N° voti: 4 - Voto medio: Voto 5 stelle

Dai il tuo voto a questa relazione:

1 stella  2 stelle  3 stelle
                                    
4 stelle  5 stelle
                                
Bandierina
20 scalatori sono stati su questa cima

E tu l'hai salita?
  

Segnala la cima Segnala questa cima ad un amico...

Mappa su Google:




Libri suggeriti sulle Dolomiti:


Camminare  Scialpinismo e ciaspole Pale San Martino  Vie Normali Dolomiti - I 3000 delle Dolomiti  Marmolada e San Pellegrino  Dolomiti di Fiemme e Fassa  Vie Normali 111 Cime Dolomiti attorno a Cortina  Ferrate nelle Dolomiti Centrali  Ferrate nelle Pale di San Martino
Escursionismo consapevole in Dolomiti  Escursioni a Cortina e Misurina  Ferrate nelle Dolomiti Bellunesi  Escursioni ad Anello nelle Dolomiti Occidentali  Escursioni a Madonna di Campiglio  Via delle Bocchette e Ferrate del Brenta  Vie ferrate dell'Alto Garda  Dolomiti Oltre Piave
Vie ferrate Cortina Ampezzo  IV grado Dolomiti Occidentali Vol. 1  IV grado Dolomiti Occidentali Vol. 2  IV Grado - Dolomiti Orientali 1  IV Grado - Dolomiti Orientali 2  Dolomiti di Brenta - Val d'Ambiez  Dolomiti di Brenta Vol. 2  Dolomiti di Brenta Vol. 3
Arrampicare - Dolomiti Nord Occidentali  Arrampicare - Dolomiti Sud-Occidentali  Dolomiti Photo  Dolomiti UNESCO a tavola  DoloMITICHE Opere d'arte a cielo aperto  Freeride e Scialpinismo in Sella e Sassolungo  Sci Ripido e Scialpinismo - I 3000 delle Dolomiti  Scialpinismo e ciaspole nelle Dolomiti di Brenta
Scialpinismo e Freeride nel Gruppo della Marmolada  Scialpinismo Freeride e Ciaspole nelle Pale di San Martino  Wild Dolomiti  Scialpinismo in Comelico - Sappada  Dolomiti - Sentieri dedicati  Dolomiti  Dolomiti di Sesto (vol. 1)  Dolomiti di Sesto (vol. 2)
Via ferrata Relazione e foto della via ferrata Sass de Putia su VieFerrate.it (in collab. con VN)
Ultime 10 scalate Ultime 20 scalate...
Elenco scalate Elenco delle scalate...

Guide escursionistiche Guide escursionistiche consigliate:
           >> Mountain Bike in Val di Fassa - Francesco Cappellari
           >> Roccia d'Autore - Emozioni Dolomitiche - Stefano Michelazzi
           >> IV grado - Dolomiti Occidentali Vol. 1 - Emiliano Zorzi
           >> IV grado - Dolomiti Occidentali Vol. 2 - Emiliano Zorzi
           >> Bruno Detassis e le sue vie - Omar Oprandi
           >> IV grado - Quarto grado e più Friuli Occidentale - Emiliano Zorzi
           >> IV grado - Quarto grado e più Friuli Orientale - Emiliano Zorzi
           >> Ferrate a Cortina
           >> Moiazza - Roccia tra luce e mistero
           >> Croda Rossa d'Ampezzo
           >> Dolomiti di Sesto (vol. 1)
           >> Dolomiti di Sesto (vol. 2)
           >> Dolomiti Monte Cristallo
           >> Preti - Duranno
           >> Sorapís e Marmarole Occidentali
           >> VieNormali delle Dolomiti - Marmolada - R. Ciri
           >> Vie e vicende in Dolomiti - Ivo Rabanser, Orietta Bonaldo
           >> Dolomiti - Giorni Verticali - Stefano Ardito
           >> Pale di San Martino - Samuele Scalet, con Sebastiano Zagonel, Tullio Simoni, Mariano Lott, Duilio Boninsegna
           >> Scialpinismo in Tirolo - Roberto Iacopelli
           >> Marmolada - Parete Sud - Maurizio Giordani
           >> Tre Cime - Erik Svab, Giovanni Renzi
           >> Sulle tracce di pionieri e camosci - Vittorino Mason
           >> Camminare - Samuele Scalet
           >> 111 Cime attorno a Cortina
           >> 3000 delle Dolomiti
           >> Dalle ciaspole al telemark


  


Condividi su:  Share    




OFFERTE ATTREZZATURA E ACCESSORI OUTDOOR

Libri di montagna

Newsletter

Per ricevere la newsletter periodica del sito inserisci qui il tuo indirizzo e-mail:



Precedenti newsletter >>
Proposte di montagna

Primo Piano

Solo granito - Vol. 1

Solo granito - Vol. 1

Solo granito - Vol. 2

Solo granito - Vol. 2

Monte Baldo Rock

Monte Baldo Rock

Arrampicare - Dolomiti Nord Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Nord Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Sud-Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Sud-Occidentali

Wild Dolomiti

Wild Dolomiti

Ferrate dell'Alto Garda

Ferrate dell'Alto Garda

Prealpi Lombarde Centrali

Prealpi Lombarde Centrali

Il grande libro dei 4000

Il grande libro dei 4000

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 1

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 1

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 2

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 2

Alta Valsesia

Alta Valsesia

Dolomiti

Dolomiti

Parco d'Abruzzo

Parco d'Abruzzo

Il Terminillo e i Monti Reatini

Il Terminillo e i Monti Reatini

I 2000 dell Appennino

I 2000 dell Appennino


VieNormali consiglia

Libri di montagna Idea Montagna Editoria e Alpinismo

Libri di montagna Versante Sud

Libri di montagna Iter Edizioni

Libri di montagna ViviDolomiti

Carte escursionistiche e libri Geo4Map

Dolomiti.it - Portale sulle Dolomiti



Save the Children Italia Onlus Climb for life T-shirt Climbers against cancer