Informativa Cookie: questo sito utilizza cookie tecnici propri necessari al suo funzionamento e cookie di profilazione di terze parti per visualizzare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dagli utenti nella navigazione in rete. Si invita a leggere la Cookie Policy in cui sono presenti le informazioni sui cookie utilizzati dal sito, su quali informazioni vengono raccolte e le istruzioni su come negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. La prosecuzione della navigazione mediante accettazione dei cookie, chiusura di questo banner informativo, accesso ad altra area del sito, selezione di un elemento dello stesso sottostante questo banner (ad esempio di una immagine o di un link) o scorrimento della pagina verso il basso comporta l'automatica prestazione del consenso a utilizzare i cookie.

In conformità al provvedimento del Garante della Privacy del 8 maggio 2014, G.U. n. 126 del 3/6/2014, attuazione della Dir. UE sui cookie 2009/136/CE
OKNon accetto i cookie

VieNormali.it
Home | Mappa del sito | Gruppo VN | Shopping | Area Partner   VieNormali su Facebook   Google+ VieNormali   Canale You Tube VieNormali   RSS Feed VieNormali  

Accedi al sito   Registrati al sito   

   
Gruppi Montuosi
Legenda gruppi...

Cerca la cima:
 

Filtri di ricerca >>

Alpi Occidentali:
 
Alpi Centrali:
 
Alpi Orientali:
 
Prealpi:
 
Appennino:
 
Alpi Estere:
 
Quota:
 



Tribulaun di Fleres - 3097 m


Relazione della salita - Cima n° 2579


Via Normale Tribulaun di Fleres
Il Tribulaun di Fleres
Regione: Trentino Alto Adige (BolzanoItaliane

Alpi e Gruppo: Alpi Orientali - Alpi Breonie - Gruppo Tribulaun

Provincia: Bolzano

Punto di partenza: Parcheggio Mhule dopo il paese di St. Anton/S. Antonio

Versante di salita: S

Dislivello di salita: 1632 m - Totale: 3264 m

Tempo di salita: 6,00 h - Totale: 12,00 h

Periodo consigliato: luglio - settembre

Valle: Val di Fleres - Altre cime della Val di Fleres
Punti di appoggio: Rif. Calciati al Trubulaun (q. 2369 m)
Tipo di via: Via normale
Tipo di percorso: Traccia e roccette, passaggi su roccia
Difficoltà:   EEA - AR - III - AD- (scala difficoltà)
Attrezzatura:
Valutazione:
Libro di vetta: si
Cartografia: TABACCO N. 038 Vipiteno Alpi Breonie 1:25.000
Autore: Roberto Iacopelli Profilo di Roberto Iacopelli - Altre salite dell'autore
Data della salita: 2010
Data pubblicazione: 16/07/2014
N° di visualizzazioni: 4726

Introduzione:

Il Tribulaun di Fleres (Pflerscher Tribulaun in tedesco) è una grandiosa ed austera cima delle Alpi Breonie Occidentali, al confine fra Italia e Austria in Sud Tirolo. Venne salita la prima volta da J.Grill, G.Hofmann, N.Winhard e G.Pittracher nell´estate del 1874. Salita affatto banale che richiede esperienza di roccia su terreno friabile ed esposto.


Accesso:

Uscite al casello autostradale di Vipiteno e salite la strada statale in direzione del Brennero. Al primo paese che si incontra, Gossensass/Colle Isarco, si gira a sinistra per la Plerschtal/Valle di Fleres salendola. Poco prima del paese di St. Anton/S. Antonio si imbocca il ponte sulla sinistra e dopo una strada in costa sul versante nord della valle, prima di un altro ponte si svolta ancora a sinistra (strada con chiusura estiva sino alle ore 16, dopo è liberamente transitabile) sino al pargheggio dove iniziano i sentieri: n. 6 per Rif. Cremona e n. 8 per Rif. Calciati al Tribulaun. Si parte ora a piedi scendendo nel fondo valle ed attraversando il ponte sul torrente, dopo alcuni minuti di salita, a un bivio, si segue il sentiero nr. 8 per il Rif Calciati al Tribulaun. Un lungo sentiero ben tracciato a serpentine porta a lambire l´impressionante base del Tribulaun di Fleres che con la sua mole incombe, anzi sovrasta, il Rifugio Calciati.


Descrizione della salita:

Avvicinamento:
Da rifugio si vede bene la traccia sotto parete che porta al canalone di attacco. In poco più di un quarto d´ora siete trai blocchi di attacco.

Prima parte - Dall´attacco al Sandesjoch:
salite circa una sessantina di metri nel centro del canale (I) e poi quando la parete di sinistra si fa fattibile noterete delle piccole cengette tracciate che poggiano a sinistra. Ce ne sono due (una più bassa e una più alta) che presentano segni di passaggio, seguitene indifferentemente una e poi salite la successiva paretina e diedro (II) uscendo sulla cresta del grande diedro posta al suo margine sinistro. Percorrete questa delicata cresta che a metà ha uno spuntone con cordini di calata sino a raggiungere i pendii ghiaiosi. Salite questi su tracce evidenti sino alla base del canalone che marca il secondo tratto di arrampicata. Ancora su per questo canale (I e II) evitando eventuali lingue di neve e blocchi sino sotto una barriera della parete. La via originale prende una breve placca inclinata a destra in basso che spesso è bagnata (II). Poi segue una cengia a destra e poi svolta a sinistra seguendone un´altra molto esposta (II). Attenzione in questo tratto facile ma esposto. E´ possibile una più breve variante diretta ma molto friabile (III) che si ricongiunge alla via normale (vedi tracciato). Salite l´ultimo pendio tracciato a sentiero e arrivate sul Sandesjoch (attenzione a non confonderlo con il quasi omonimo Sandesjochl o Forcella di Fleres presente sulla carta Tabacco dove passa il sentiero nr 61).

Seconda parte - dal Sandesjoch lungo la cresta sino alla parete centrale:
ora seguite la lunga cresta che congiunge il Sandesjoch al corpo della cima principale, in breve raggiungete un bivio di due tracce. Quella di destra (lato sud) è ben marcata ma obbliga a brevi tratti di cresta e lunghi attraversamenti su cengia esposta verso il Rifugio Calciati. Quella di sinistra (lato nord) sembra meno tracciata ma dopo un breve tratto iniziale esposto poi è un facile e veloce sentiero su pendii ghiaiosi posti sotto cresta. Vi consiglio quest´ultima (lato nord) in salita come anche in discesa, è più comoda e veloce. Raggiunto il corpo della torre si prende una evidente cengia diagonale che si inoltra verso destra e svalica una spalla. Dietro questa inizia il tratto delicato delle cenge che conducono alla parete centrale. Si sale un sistema di cenge che per varie tracce più o meno evidenti ma tutte molto friabili ed esposte si inoltra nella parete centrale. All´inizio si sale anche un breve diedrino canale di circa 15 metri (II). La tendenza comunque è quella di seguire verso destra la linea di ometti di pietra diroccati che si incontrano. Si giunge alla fine di questo sistema di cenge alla sinistra della base del canalone che incide la parete centrale presso uno strapiombo dove si vede il primo e vecchio cordone metallico.

Parte finale - la parete centrale:
salite il primo tiro lungo il cordone metallico sostando alla sua fine (25 m.). Seguono poi tre tiri su placche posti poco a destra del fondo del marcato canalone (II e III), soste su chiodi e roccia insolitamente buona. Alla fine di questi segue un tiro facile in un canale di blocchi e detriti che poggia in diagonale a destra (I e II). Dopo circa una trentina metri fermatevi alla base di una fessura posta sulla parete sinistra dove pende un altro cordone metallico. In questo punto attenzione a non andare oltre verso la cresta sud. Su per questa fessura sino alla sosta alla sua fine. Segue un altro tiro di rampa verso destra che fa giungere in circa 45 metri al filo della cresta sud. Si sale la cresta portandosi su un caminetto a sinistra e fuori da questo sul lato sinistro (versante del Rifugio Calciati) in breve per gradoni e cresta si tocca la cima a quota 3097 metri.


Discesa:

Lungo la stessa via di salita alternando corde doppie da 25 m e tratti di arrampicata.


Note:

Materiali: 1 corda singola da 50 m. cordini e fettucce di diverse lunghezze, moschettoni sciolti per le soste, 2 rinvii, discensore. Eventualmente alcuni friends di misure medie. Nei fine settimana è meglio prenotare il Rif. Calcinati.
Relazione di Roberto Iacopelli (IFMGA Mountain and ski guide) www.discoverydolomites.com
Scarica la relazione in PDF con disegno


© VieNormali.it

Via Normale Tribulaun di Fleres - A fine cresta verso il corpo centrale Via Normale Tribulaun di Fleres - Il primo tiro con il cordone d´acciaio Via Normale Tribulaun di Fleres - Il terzo tiro sulla parete centrale
A fine cresta verso il corpo centrale Il primo tiro con il cordone d´acciaio Il terzo tiro sulla parete centrale

N° voti: 5 - Voto medio: Voto 5 stelle

Dai il tuo voto a questa relazione:

1 stella  2 stelle  3 stelle
                                    
4 stelle  5 stelle
                                
Bandierina
9 scalatori sono stati su questa cima

E tu l'hai salita?
  

Segnala la cima Segnala questa cima ad un amico...

Mappa su Google:




Libri suggeriti sulle Alpi Orientali:


Ultime 10 scalate Ultime 20 scalate...
Elenco scalate Elenco delle scalate...

Revisione: relazione rivista e corretta il 16/07/2014 dalla redazione di VieNormali.it

  


Condividi su:  Share    




OFFERTE ATTREZZATURA E ACCESSORI OUTDOOR

Libri di montagna

Newsletter

Per ricevere la newsletter periodica del sito inserisci qui il tuo indirizzo e-mail:



Precedenti newsletter >>
Primo Piano

Solo granito - Vol. 1

Solo granito - Vol. 1

Solo granito - Vol. 2

Solo granito - Vol. 2

Monte Baldo Rock

Monte Baldo Rock

Arrampicare - Dolomiti Nord Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Nord Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Sud-Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Sud-Occidentali

Wild Dolomiti

Wild Dolomiti

Ferrate dell'Alto Garda

Ferrate dell'Alto Garda

Prealpi Lombarde Centrali

Prealpi Lombarde Centrali

Il grande libro dei 4000

Il grande libro dei 4000

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 1

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 1

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 2

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 2

Alta Valsesia

Alta Valsesia

Dolomiti

Dolomiti

Parco d'Abruzzo

Parco d'Abruzzo

Il Terminillo e i Monti Reatini

Il Terminillo e i Monti Reatini

I 2000 dell Appennino

I 2000 dell Appennino


VieNormali consiglia

Dolomiti.it - Portale sulle Dolomiti

Libri di montagna Idea Montagna Editoria e Alpinismo

Libri di montagna Versante Sud

Libri di montagna Iter Edizioni



Save the Children Italia Onlus Climb for life T-shirt Climbers against cancer