Informativa Cookie: questo sito utilizza cookie tecnici propri necessari al suo funzionamento e cookie di profilazione di terze parti per visualizzare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dagli utenti nella navigazione in rete. Si invita a leggere la Cookie Policy in cui sono presenti le informazioni sui cookie utilizzati dal sito, su quali informazioni vengono raccolte e le istruzioni su come negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. La prosecuzione della navigazione mediante accettazione dei cookie, chiusura di questo banner informativo, accesso ad altra area del sito, selezione di un elemento dello stesso sottostante questo banner (ad esempio di una immagine o di un link) o scorrimento della pagina verso il basso comporta l'automatica prestazione del consenso a utilizzare i cookie.

In conformità al provvedimento del Garante della Privacy del 8 maggio 2014, G.U. n. 126 del 3/6/2014, attuazione della Dir. UE sui cookie 2009/136/CE
OKNon accetto i cookie

VieNormali.it
Home | Mappa del sito | Gruppo VN | Shopping | Area Partner   VieNormali su Facebook   Google+ VieNormali   Canale You Tube VieNormali   RSS Feed VieNormali  

Accedi al sito   Registrati al sito   

   
Gruppi Montuosi
Legenda gruppi...

Cerca la cima:
 

Filtri di ricerca >>

Alpi Occidentali:
 
Alpi Centrali:
 
Alpi Orientali:
 
Prealpi:
 
Appennino:
 
Alpi Estere:
 
Quota:
 



Torrione di Valsolda - 1805 m


Relazione della salita - Cima n° 2402


Via Normale Torrione di Valsolda
Il Torrione di Valsolda, da N
Regione: Lombardia (ComoItaliane

Alpi e Gruppo: Prealpi - Prealpi Lombarde - Gruppo Camoghè

Provincia: Como

Punto di partenza: Bùggiolo (Val Rezzo), località Dasio (q. 1118 m)

Versante di salita: N

Dislivello di salita: 750 m - Totale: 1500 m

Tempo di salita: 2,30 h - Totale: 5,00 h

Periodo consigliato: maggio - ottobre

Valle: Val Rezzo - Altre cime della Val Rezzo
Punti di appoggio: Vedi note
Tipo di via: Via normale
Tipo di percorso: Sentiero e traccia solo in parte segnalati
Difficoltà:   EE - A - II - F (scala difficoltà)
Attrezzatura:
Valutazione:
Libro di vetta: no
Cartografia: CARTA NAZIONALE DELLA SVIZZERA N. 1334 – Porlezza 1:25000
Autore: Piero Vardinelli Profilo di Piero Vardinelli - Altre salite dell'autore
Data della salita: 12/05/2013
Data pubblicazione: 13/05/2013
N° di visualizzazioni: 2379

Introduzione:

È uno stupendo castello di rocce calcaree, il secondo per altezza della Valsolda, dopo la Cima di Fiorina più alta di soli 5 metri. Come figura topografica Il Torrione è però decisamente superiore. Si trova sulla dorsale che dalla spalla E della Cima di Fiorina si stacca verso S ed è quindi interamente in territorio italiano. Presenta due cime ben distinte, la Cima W che è la più elevata (q. 1805 m) e la Cima E più bassa di alcuni metri (q. 1800 m circa), separate da una profonda spaccatura. Nonostante l’aspetto severo e precipite, le due sommità si possono raggiungere abbastanza facilmente. La Cima W è la più impegnativa, bisogna superare una breve paretina di II, mentre la Cima E presenta passaggi di I. Eventualmente portare un cordino per i meno esperti.
Bellissimo il panorama, in particolare dalla Cima W, tra l’altro si vedono 4 laghi, quello Maggiore, di Lugano, del Piano e di Como.


Accesso:

Da Menaggio sul Lago di Como si segue la strada per Porlezza sul Lago di Lugano. Poco prima di giungere a Piano Porlezza si prende la deviazione per la Val Cavargna e si sale fino al bivio che precede il paese di Cavargna. Qui si svolta a sinistra, per la Val Rezzo e giunti a Bùggiolo, località Dasio, si parcheggia. La stradina che sale al Passo di San Lucio è vietata al transito dei veicoli non autorizzati.
Bùggiolo può essere raggiunto anche con questi due itinerari stradali:
1°) Menaggio - bivio per la Val Cavargna in località Piano Porlezza - Carlazzo – Corrido - Bùggiolo.
2°) Lugano – Porlezza – Corrido - Bùggiolo.


Descrizione della salita:

Dal parcheggio si prende la stradina con cartelli indicatori per Rifugio Garzirola e Rifugio San Lucio, che sale in direzione NW. In parte con il fondo cementato, in parte sterrata e con alcuni tornanti, la stradina attraversa un bosco di faggi e poi lungo i prati prosegue per il Passo di San Lucio (q. 1542 m). Alcune centinaia di metri prima del passo, quando la stradina compie l’ultimo tornante a destra, la si abbandona e si prende, proprio sul tornante, la pista che si stacca sulla sinistra e che prosegue verso SW (indicazioni per Cima di Fiorina). Dopo circa 500 m si arriva in prossimità del Colle (q. 1505 m), alla base della cresta NE del Monte Cucco (q. 1624 m). Qui si abbandona la pista che scende al vicino Alpe Colmine e si segue la larga traccia, quasi pianeggiante, che aggira ad E, a mezza costa, la sommità del Monte Cucco e il Colmo di San Bernardo, fino a raggiungere la Bocchetta di San Bernardo (q. 1586 m). Da questo valico si segue il sentiero, ora segnalato, che risale un costone ricoperto di pini mughi e si arriva al Passo di Fiorina (q. 1688 m). Si prosegue poi lungo il facile crinale, sempre su sentiero segnalato, fino alla spalla E della Cima di Fiorina. Una visita a questa vetta è d’obbligo, dista 2 minuti di cammino. Ridiscesi alla spalla E, si imbocca il sentiero, verso S, che si mantiene sulla cresta che collega la Cima di Fiorina al Torrione di Valsolda. Alcuni saliscendi portano alla (q. 1809 m), dove inizia una breve discesa. Il sentiero aggira sul versante E alcuni spuntoni rocciosi e si approssima alla parete verticale della Cima W del Torrione. Da qui si possono raggiungere entrambe le cime.
CIMA W
Quando il sentiero tocca lo zoccolo della parete, a destra si potrà notare un canaletto con sopra un grosso masso incastrato di traverso. Si risale il canaletto e proprio sotto il masso si arrampica la breve paretina sulla destra (II), che è il punto più impegnativo dell’intera ascesa. La traccia traversa poi a sinistra, risale un pendio di rocce ed erba e conduce sulla larga vetta.
CIMA E
Si va a raggiungere l’intaglio tra le due cime, anche qui c’è un masso incastrato che si supera agevolmente sulla destra. Si oltrepassa il colletto e si scende per pochi metri sul versante opposto. A sinistra c’è una specie di canale con facili rocce che porta sull’ultimo tratto del pendio S. Si risale questo pendio di erba e bassi gradini rocciosi e si arriva in vetta.


Discesa:

Come per la salita.


Note:

Al Passo di San Lucio (raggiungibile in 15 minuti dal tornante dove si è abbandonata la stradina principale), oltre alla chiesa del XIV secolo dedicata a San Lucio che merita di essere visitata, in territorio italiano c’è il Rifugio San Lucio, aperto d’estate e nei fine settimana, mentre in territorio svizzero, trenta metri oltre il confine, c’è la Capanna San Lucio di proprietà di un’associazione privata. Da questo valico, per proseguire verso il Torrione di Valsolda, si segue il sentiero verso SSW che si mantiene lungo la dorsale erbosa di confine, fino a raggiungere, in circa 15 minuti di cammino, il Colle (q. 1505 m), dove ci si ricollega con l’itinerario di salita.


© VieNormali.it

Via Normale Torrione di Valsolda - Il canaletto e la paretina sotto il masso incastrato di traverso Via Normale Torrione di Valsolda - In primo piano la Cima E, dalla Cima W Via Normale Torrione di Valsolda - La cima W, salendo alla Cima E
Il canaletto e la paretina sotto il masso incastrato di traverso In primo piano la Cima E, dalla Cima W La cima W, salendo alla Cima E

N° voti: 1 - Voto medio: Voto 4 stelle

Dai il tuo voto a questa relazione:

1 stella  2 stelle  3 stelle
                                    
4 stelle  5 stelle
                                
Bandierina
4 scalatori sono stati su questa cima

E tu l'hai salita?
  

Segnala la cima Segnala questa cima ad un amico...

Mappa su Google:




Libri suggeriti sulle Prealpi:


Prealpi Lombarde Centrali  Prealpi Lombarde Occidentali  Prealpi Bresciane  Ferrate in Lombardia e Svizzera   Nel giardino di pietra  Corni di Canzo e Moregallo  Scialpinismo tra Lombardia e Grigioni  Ghiaccio delle Orobie
Ultime 10 scalate Ultime 20 scalate...
Elenco scalate Elenco delle scalate...

Guide escursionistiche Guide escursionistiche consigliate:
           >> Ghiaccio Orobico - Michele Cisana
           >> Arrampicate sportive e moderne fra Lecco e Como - Eugenio Pesci
           >> Alpi Orobie Over 2000 - Vol. 1 - Alessio Pezzotta
           >> Alpi Orobie Over 2000 - Vol. 2
           >> Alpi Orobie Over 2000 - Vol. 3
           >> Prealpi Lombarde Centrali

Revisione: relazione rivista e corretta il 13/05/2013 dalla redazione di VieNormali.it

  


Condividi su:  Share    




OFFERTE ATTREZZATURA E ACCESSORI OUTDOOR

Libri di montagna

Newsletter

Per ricevere la newsletter periodica del sito inserisci qui il tuo indirizzo e-mail:



Precedenti newsletter >>
Primo Piano

Alta Valsesia

Alta Valsesia

Carta Valsesia

Carta Valsesia

Carta Val Formazza

Carta Val Formazza

Scialpinismo in Dolomiti

Scialpinismo in Dolomiti

Scialpinismo nelle Alpi Giulie Occidentali

Scialpinismo nelle Alpi Giulie

Appennino di neve e di ghiaccio

Appennino di neve e di ghiaccio

Scialpinismo a Cortina d'Ampezzo

Scialpinismo a Cortina d'Ampezzo

Ghiaccio Salato

Ghiaccio Salato


Giardini di Cristallo


Scialpinismo in Tirolo


Ciaspolate

Neve libera

Neve libera

Ghiaccio d'Appennino

Ghiaccio d'Appennino

Ghiaccio svizzero

Ghiaccio svizzero

Family Experience in Friuli Venezia Giulia

Alpe Adria Trail

Family Experience in Friuli Venezia Giulia

Family Experience in Friuli Venezia Giulia

Walking Experience in Friuli Venezia Giulia

Walking Experience in Friuli Venezia Giulia


VieNormali consiglia

Dolomiti.it - Portale sulle Dolomiti

Libri di montagna Idea Montagna Editoria e Alpinismo

Libri di montagna Versante Sud

Libri di montagna Iter Edizioni



Save the Children Italia Onlus Climb for life T-shirt Climbers against cancer